Tra Chalobah e Fair Play

Video-editoriale del 24.8.2022
In queste ore Chalobah sta diventando più di una speranza  grazie al solito Chelsea, mentre per le italiane riecco la barzelletta Fairplay, visto che aspetto ancora l’esclusione del Manchester City dall’Europa.
Ne parlo qui:

https://youtu.be/4WhjLwVHNzo

5 Commenti su Tra Chalobah e Fair Play

  1. Buongiorno Gianluca, fino a che non sarà imposto un tetto agli ingaggi dei singoli giocatori e delle singole squadre ritengo non ci sarà alcuna possibilità di assicurare un reale equilibrio nella competizione. Quindi le proprietà più ricche continueranno a spendere di più sostenendo che è il mercato ad imporlo. E Ceferin colpirà i più poveri chiudendo entrambi gli occhi sui più ricchi. Come ogni buon degenere burocrate che si rispetti.

  2. Ma di Chalobah, al di là che è giovane, cosa puoi dirci? Al di là che, anche se dovesse arrivare Acerbi, non mi straccerei le vesti e non comprendo tutto questo astio nei suoi confronti. Sul fair play finanziario stendiamo un velo pietoso, ma ci sarà poco da fare e, insieme al famoso +60 da raggiungere entro giugno 2023, credo che il prossimo anno sarà di lacrime e sangue: speriamo almeno addolcito da qualche trofeo.

  3. Ho il massimo rispetto per Acerbi come persona in primis, ricordiamoci il dramma che ha vissuto e grazie a Dio superato e come calciatore, ma forse sarebbe meglio che non venisse da noi: immaginiamo le reazioni bestiali degli idioti al suo primo eventuale errore. Mi dispiacerebbe assai.
    Capitolo FFP; la UEFA come la FIFA sono due federazioni altamente politicizzate dove i voti di scambio e i favori verso i club “amici” sono una prassi comune, per cui nessuna meraviglia per il loro comportamento.

  4. Man City, PSG, etc… guai!
    L’FPF c’è per le italiane, che – evidentemente – stanno particolarmente antipatiche ai caporioni. Ce ne faremo una ragione ma non vincendo (se non coppette), purtroppo… perché ancor prima di leggere te (che sei il più convinto in merito), appena Zanetti alzò la Coppa pensai che per vedere un’altra italiana alzare la Champions avremmo dovuto aspettare lustri.
    E’ roba per ricchi, e noi non lo siamo più.
    Last but not least: com’è Chalobah?!? Maturo o Acerbo? 😉

  5. Antonio Rossi // 24 agosto 2022 a 15:43 // Rispondi

    Gianluca, personalmente preferirei Acerbi per il ruolo di centrale di riserva, in quanto conosce il nostro campionato, il ruolo, avendo gia’ giocato per Inzaghi, la difesa a tre ed ha molta piu’ esperienza internazionale di Chalobah, che comunque da quello che si legge, arriverebbe in prestito secco.
    Un caro saluto, Antonio

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili