Champions al Real ‘old style’

Video-editoriale del 28.5.2022
A Parigi un Real Madrid mai così esperto e spietato, dopo un percorso durissimo, supera di misura il Liverpool e vince la sua 14ª Champions League.
Ne parlo qui:

https://youtu.be/5CmqRk-kHDM

8 Commenti su Champions al Real ‘old style’

  1. Mi consola il fatto che avrebbe meritato il Liverpool, dal quale l’Inter è stata eliminata con onore. Inzaghi ha buttato un campionato che era quasi in tasca fino al 70′ del derby di febbraio ma è “uomo da coppe”.
    Con lui l’Inter non farà mai figuracce, non l’ha fatta nemmeno con chi ha mostrato di meritare una Coppa che alla fine è andata a chi ha giocato meno bene; ma il portiere è pagato (e tanto) per parare, e questo ha fatto Courtois… E – come sempre – ha ragione chi alza la Coppa. 😉

  2. Italian job: preso a pallate per tutta la partita, un tiro un gol. Mitico Carletto!

  3. Pasquale Somenzi // 29 maggio 2022 a 12:09 // Rispondi

    Questo dovrebbe far riflettere chi commenta e non è abituato a riflettere, ossia che se perdi in casa 1-2 con lo Sheriff e se perdi in casa 0-4 col Barcellona, puoi vincere sia campionato che coppa egualmente, anzichè esaltarsi dietro una tastiera pensando di essere il Gaucci o lo Zamparini del passato o il Cellino del presente.
    Pasquale.

    • Ecco cosa mi aveva scritto Somenzi alla vigilia.

      Nelle ultime 6 edizioni della Champions League ha vinto sempre una squadra partita da un girone diverso:
      2021 Chelsea dal girone E, 2020 Bayern dal B, 2019 Liverpool dal C, 2018 Real Madrid dal H, 2017 Real Madrid dal F, 2016 Real Madrid dal girone A. Mancano a questo punto i gironi D e G, quindi vincerà il Real Madrid partito dal girone D.
      Se ciò si avvera nella prossima edizione bisogna assolutamente finire nel girone G, l’ultimo che manca all’appello
      .

      Insomma, Somenzi con le sue particolari statistiche ha fatto centro insomma.
      GLR

      • Questa non appartengono nemmeno più alle “statistiche”: sono finezze da gourmet. :-)
        Non finisce MAI di sorprendere… complimenti vivissimi a Pasquale.

  4. Vero che chi vince ha (quasi) sempre ragione.
    Ma danno fastidio certi giudizi di chi dall’alto della sua nomea dispensa perle di saggezza a seconda delle sue personali simpatie.
    Come avrebbe commentato la vittoria del Real se al posto del suo pupillo ci fosse stato un Mourinho “qualsiasi”?
    Già ma da uno che taccia l’Inter di Inzaghi di giocare un calcio antico si può aspettare che faccia passare un catenaccio stile anni 60 come un capolavoro di tattica, sconfessando il suo credo calcistico.

    • Se è per questo il signor Sacchi si eccita ancora ricordando come miglior partita giocata Milan-Medellin, quella dei 36 fuorigioco, di una noia mortale.
      Lui che dice che conta su di tutto il collettivo, che ha smesso per lo stress, non perchè non aveva più a disposizione i Baresi, i Maldini, i Rijkaard o quei Gullit e van Basten che voleva epurare non reputandoli più all’altezza; quello che faceva giocare Signori terzino ai Mondiali del 1994.
      Pazienza, och e bus de cul il suo lemma. Filosofo!

  5. Avevo il timore potesse finire così . Il Real aveva eliminato Parigi e MCity per il suicidio collettivo delle stesse, oltre a una enorme dose di culo ( se riguardate il salvataggio di Mendy, il peggiore in campo ieri sera, su Grealish vengono i brividi …. ) . A mio pare il Liverpool ha pagato dazio sulla tenuta fisica dopo una stagione logorante….. logorante solo per loro, visto che la Liga ha quattro/cinque squadre degne di questo nome . Come dici tu l’importante è inpinguare l’albo d’oro .

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili