Addio Pasquale e grazie di tutto!

 

22PasqualeSomenziEpitaffio4giu2

Quando il 18 aprile dell’anno di grazia 2004, la data sono andato a ritrovarla nel primo editoriale di quasi vent’anni fa, lanciai questo sito, dopo almeno 3 anni di gestazione, lo feci più che altro per raccogliere foto, ricordi ed esperienze dei miei viaggi, la mia prima, unica e insuperabile passione, in oltre 70 Paesi del Mondo.
Voleva essere una sorta di archivio per ricordarmi dov’ero stato e cosa avevo fatto al di fuori dell’Italia.
In parallelo, ovviamente, ho dovuto quasi subito aprirlo al mio lavoro, quello di giornalista, un po’ delle news e moltissimo nel calcio e al seguito dell’Inter.  Inevitabile e giusto che fosse così.
All’epoca non c’erano ancora i social e da questo punto di vista si stava pure meglio. Ma subito cominciarono a scrivermi tifosi e appassionati, non solo interisti e alcuni aficionados mi scrivono qui ancora oggi più che sui social.
Tra di loro c’era Pasquale Somenzi, un talento unico nei numeri, che con le sue statistiche curiose e originali rendeva spesso molto più interessanti i miei articoli sulle varie partite dell’Inter o sui diversi argomenti calcistici. Nel corso degli anni, Pasquale è diventato un punto di riferimento anche per tanti altri utenti del mio sito. Anche quando gli articoli hanno lasciato spazio ai video, perché oggi, nell’epoca dei webmaster e di YouTube, si usa così. Capisco che il video sia più immediato e fruibile della scrittura e in fondo io nasco come giornalista TV. Io però non ho mai conosciuto Pasquale di persona. Mai. Ma ogni volta correvo a leggere, tra i tantissimi commenti, alcuni spesso inutili, fatui e cretini, le sue osservazioni, corredate di incredibili statistiche a quel che scrivevo. Andando indietro nei miei editoriali le statistiche di Pasquale Somenzi le trovate ovunque.
Io che qui come sui social ho il blocco facile, non ho mai e dico MAI cestinato alcun scritto di Pasquale.
Va beh, adesso lo devo proprio scrivere: Pasquale ci ha lasciato, non c’è più!
L’ho appena saputo da chi lo conosceva di persona e ne aveva sicuramente fatto un punto di riferimento. In questi anni, anzi in questi decenni, non c’è mia stata l’occasione di conoscere Pasquale di persona. Me lo immagino molto riservato, perché non mi ha mai chiesto di vederci, di conoscerci, nemmeno di sentirci almeno al telefono, perché io lo conoscevo solo attraverso i suoi scritti. E mi sono sempre detto: “Chissà dove vive Pasquale, che tipo è, perché non mi ha mai mandato nemmeno una sua foto. Prima o poi devo conoscerlo di persona!”.
“E devo ringraziarlo, per tutte le sue osservazioni, le sue sacrosante correzioni” – mi ripetevo perché Pasquale aveva una memoria di ferro, molto più di me, anche sulle partite che in oltre 35 anni di professione io avevo commentato dal vivo e che lui aveva visto magari in Tv o appreso attraverso i tabellini dei colleghi. A volte mi scriveva off topic, cancellando qualche mio lapsus: “Gian Luca, ma tu in quella partita hai esultato urlando questo o quell’altro e non ti ricordi che aveva segnato questo e non quell’altro?”.
Già perché io magari manco mi ricordavo chi avesse fatto gol!”
Sono affranto per questa perdita e pentito di non averlo conosciuto di persona. Di non aver insistito per conoscerlo di persona, violando la sua estrema riservatezza, perché lui non me l’ha mai chiesto. E non so che dire … a  lui, alla sua famiglia e ai suoi amici, se non … grazie Pasquale!
Perché sono certo che tu lassù stia già mettendo giù qualche statistica delle tue. Ne sono certo.
E un ringraziamento speciale va anche ai suoi amici che mi hanno dato la terribile notizia e mi hanno fatto avere questa immagine, perché altrimenti non avrei saputo nulla e mi sarei chiesto perché si fosse stufato di elaborare statistiche. Pazzesco, solo un paio di settimane fa gliene avevo chiesta una sui punti totalizzati da Inter e Milan e col numero di giornate davanti in ogni campionato negli ultimi 10 anni e in pochi minuti me l’aveva mandata. Precisa come solo lui, enciclopedico come nessun altro, sapeva essere.
So che molti saranno atterriti come me nel sapere che non lo leggeremo più, ma so già che ne tirerò fuori ancora parecchie di statistiche ‘made in Somenzi’
R.I.P. Amico Mio!
22PasqualeSomenziEpitaffio4giu2

20 Commenti su Addio Pasquale e grazie di tutto!

  1. Sono molto dispiaciuto.
    Leggo e vedo spesso i tuoi articoli e video, i commenti di Pasquale erano un riferimento x tutti sempre precisi e al di fuori di ogni immaginazione specie x le statistiche.
    Ringrazio la vita x averlo “conosciuto” grazie ai tuoi articoli.
    Un saluto da Seul (S. Corea)

  2. Anch’io ho spesso coltivato il desiderio di sapere qualcosa di più di questo riservato “mago delle statistiche”, piccola grande celebrità fra i frequentatori del sito. Ancora di più adesso, che lo scopro essere stato dedito alla musica, a un genere che ha innegabilmente accompagnato la mia adolescenza. Se qualcuno potesse ora aiutarmi a rimediare suggerendomi dove trovare qualcosa di suo, così da “conoscerlo” un po’ tardivamente e ricordarlo con affetto, ne sarò grato. Riposi in pace.

  3. Alessandro // 6 giugno 2022 a 07:25 // Rispondi

    R.I.P. Pasquale

  4. Che notizia triste! Ieri ero alla stramala ed è vero che c’era un clima bello, gioioso , un senso di appartenenza forte. Ecco Pasquale faceva parte di quel senso di appartenenza. Aspettavo le sue statistiche e lo sentivo uno di noi con il suo particolare amore per i numeri e la memoria prodigiosa.
    Aveva uno sguardo buono e penso lo fosse veramente. Si può essere tristi per la morte di qualcuno che non si conosce di persona,e oggi sono triste perché il mago dei numeri nerozzurri non c’è più.

  5. Interista per Sempre // 6 giugno 2022 a 09:35 // Rispondi

    Mi associo alle parole di cordoglio espresse da Gianluca per la scomparsa del nostro Mago delle Statistiche, Pasquale Somenzi, che ci rivelava sempre inediti e stimolanti dettagli e confronti su squadre, partite, allenatori, giocatori
    Addio amico nerazzurro – RIP

  6. Giovanna Achilli // 6 giugno 2022 a 10:07 // Rispondi

    Pasquale era un grande ! molto riservato un po’ un orso che correggeva ogni piccola sbavatura ma sapeva essere anche molto ironico.
    Il primo giugno mi ha mandato una vignetta su Dybala gli risposi e lui con molta ironia controbatte al mio scritto con un’altra vignetta appropriata.
    Ci mancherai caro immenso Pasquale
    Ciao
    Giovanna

  7. Non ho parole. Gian Luca. Sono le notizie che non vorresti mai leggere.
    Da amante delle statistiche – ma non arrivo nemmeno ad un centesimo della sua immensa conoscenza – apprezzavo tantissimo le sue ma soprattutto (e ne dai conferma in quello che scrivi) la sua riservatezza. Mancherà davvero tanto la sua presenza, costante ma discreta… e anche a me avrebbe fatto piacere conoscerlo di persona.
    Porgo le mie più sincere condoglianze alla famiglia.
    Riposa in pace, Pasquale.

  8. Orca l’oca…questa è stata la mia reazione leggendo la notizia, incredulo.
    Mi spiace. Condoglianze alla famiglia.

  9. A volte le notizie ci scivolano addosso, bombardati come siamo dal mondo dell’informazione. Questa notizia, tristissima, ci colpisce, colpisce tutti noi che leggevamo con piacere le sue statistiche, curiose, sagaci, profonde e che denotavano straordinaria intelligenza oltre che amore per la nostra Inter. Ora mi piace immaginare Pasquale compilare tabelle, statistiche e riflessioni sui misteri dell’Universo, volando con la sua mente eccelsa al cospetto dell’Infinito.
    Claudio – Parma

  10. Jack Berga // 6 giugno 2022 a 12:53 // Rispondi

    … ma che brutta notizia…
    Ciao Pasquale, grazie per le mille chicche che ci hai regalato in questi anni.
    Grazie, grazie, grazie. Ciao…

  11. Caro Gian Luca, per me Pasquale ha sempre rappresentato competenza, educazione e grandissima passione per l’Inter. È stato l’unico utente per il quale, tramite un messaggio riservato, ti ho chiesto di non ridurre il numero di caratteri disponibili per i commenti, perché era davvero piacevole leggere il suo punto di vista. Da utente di vecchia data, sono certo che, pur non avendo mai avuto la fortuna di conoscerlo di persona, Pasquale e la sua sottile ironia mi mancheranno tantissimo. Ciao amico!

  12. Ciao GL. Anche io, come molti che scrivono sul tuo sito, sono rimasto stupito e incredulo nel leggere e apprendere questa Triste Notizia.
    Ci mancheranno le sue statistiche e i suoi articoli sempre puntigliosi e puntuali.
    Sincere Condoglianze alla Sua Famiglia e a chi lo conosceva.
    R.I.P.

  13. Alessandro // 6 giugno 2022 a 15:43 // Rispondi

    Ammirazione: questo il sentimento che gli dovevo ogni volta che leggevo il suo commento, puntuale, ai tuoi editoriali. Ci si arricchiva perché il pretesto dell’editoriale lo portava a rileggere la storia in modo inequivocabile.
    Mancherà. Manca già. RIP.

  14. le sue statistiche erano diventate un appuntamento fisso.
    condonglianze alla famiglia.

  15. Che triste notizia R.I.P.

  16. Ciao Pasquale. Sei stato un punto di riferimento per tanti anni. Mi mancherai.

  17. Pur da ‘avversario’ sono profondamente rattristato.
    Forse perché è difficile essere davvero avversari dell’intelligenza e dell’arguzia, fondate su numeri, che riassumono oggettivamente i fenomeni, al di là delle contingenti e soggettive percezioni, condizionate dal tifo di ciascuno.
    Pasquale, ci mancherai.
    R.I.P.

  18. Grazie GLR, ti ringrazio per quello che hai scritto, perché grazie alle tue parole abbiamo conosciuto meglio un interista doc che ci ha accompagnato fin qui e ora ci manca anche senza averlo mai incontrato. Riposa in pace Pasquale.

  19. Si dice che chi scrive 10 parole dove ne basterebbero 9 sia capace di qualsiasi delitto.
    Pasquale Somenzi scriveva le parole che servivano. Niente di più.
    Numeri.
    Voglio portare con me la sua pulizia. La sua capacità di togliersi di mezzo nella comunicazione.
    Grazie. Buon viaggio.

  20. Manrico Dimesso // 11 giugno 2022 a 14:34 // Rispondi

    Buongiorno,
    leggo solo ora della scomparsa improvvisa di Pasquale Somenzi, e sono addolorato e basito. Ogni volta che leggevo un suo post, mi domandavo chi potesse mai essere così preciso e puntuale nel tirar fuori dei numeri così straordinari.
    Evidentemente, solo una persona straordinaria poteva essere in grado di farlo. Condoglianze sentite alla famiglia, e un pensiero di gratitudine per Pasquale, che sono certo sia ora nel mondo che da sempre gli è appartenuto. La perfezione. Ciao, fratello.

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili