Rec20C: Bologna-Inter 2-1

Video-editoriale del 27.4.22
La follia di #Radu in Bologna-Inter, imprevedibile e agghiacciante, vale lo Scudetto.  Ora sarà corsa ad alibi e concause ma stavolta la responsabilità è solo individuale con inevitabili ripercussioni sul gruppo.
Ne parlo qui:

https://youtu.be/Nmc5HG7jW5k

44 Commenti su Rec20C: Bologna-Inter 2-1

  1. Incommentabile.
    Confido che Fiorentina a Atalanta (in lotta per l’Europa) mettano lo stesso impegno del Bologna (che non ha più nulla da chiedere al campionato) stasera.
    Così come non hanno più nulla da chiedere Verona e Sassuolo, solitamente ossi duri, che incontreranno il Milan nei rimanenti due turni.
    Se il Milan vincerà sarà solo grazie alla stoltezza dell’Inter, che (Bologna a parte) le ha regalato entrambi i derby, vincendo quello più inutile (se perdono in finale, è valso zero). Peccato.

  2. Pasquale Somenzi // 28 aprile 2022 a 01:28 // Rispondi

    Sembra proprio che gli anni che finiscono con la cifra 2 siano indigesti all’Inter, non a caso l’unico trofeo vinto è la coppa Italia del 1982. La Supercoppa vinta a gennaio, sarà forse un caso, ma è relativa alla stagione 2020/21.
    Come non ricordare il 1922, unico anno in cui l’Inter chiuse all’ultimo posto in campionato. Come non ricordare il campionato perso nel 2002 all’ultima giornata e una cosa che accomuna il campionato 2001/02 con questo 2021/22 sono le sconfitte in trasferta, infatti in quel campionato l’Inter perse solo 2 volte in trasferta, una ce la ricordiamo per forza, ossia Lazio-Inter 4-2 e l’altra sconfitta fu Bologna-Inter 2-1.
    Chissà se adesso i vittimisti cosmici dell’altra sponda milanese, avranno da lamentarsi su chi affrontano Inter e Milan domenica
    prossima, visti i risultati di oggi.
    Pasquale.

    • Sei il re delle statistiche, Pasquale, ma di tutto quel che hai scritto fino ad ora la tua ultima frase – anche se con le statistiche non c’entra – è la più azzeccata! 😉
      Non è ancora detto tutto, ma se dopo il derby pareva che per un’Inter col morale a mille la strada fosse spianata, non si poteva certo pensare che il Milan segnasse il 2-1 a Roma in abbondante recupero, e che Radu facesse (dopo ha riso? Chiedo per un amico) una roba simile. Il morale ora è invertito, e vai a sapere…

  3. Non serve il miglior attaccante, il miglior allenatore,il miglior DS,… di fronte a tutto questo.
    Non vorrei essere.. in quello spogliatoio,..quel portiere,..quel tifoso. Voglio pensare che se la sia venduta, perchè fa meno male, perchè così ha un senso.Anche se nella vita le cose accadono a volte senza una ragione evidente…Che in verità c’è sempre. Domani..oggi, è un altro giorno.

  4. Delusione enorme.
    Buona parte della panchina nerazzurra non è adatta x questa squadra.
    Non è un cado che Radu non giocasse mai e in coppa Italia con l’Empoli aveva già fatto capire le insicurezze.
    Errore enorme del portiere e pessimo approccio di alcuni ns giocatori. C’è stata troppa frenesia e da una squadra campione in carica ci si aspetta altro.
    Cque le sorprese potrebbero non essere finite: quindi vinciamo le prox 4 gare e vediamo cosa farà il grande AC Milan

  5. Buongiorno sig Rossi
    Lei dice un errore mai visto quello di Radu
    Beh sbaglia lo ha fatto domenica scorsa Buffon
    Stefano

    • Si, ma svegliati per una volta: Buffon non giocava per lo Scudetto e ha una carriera che Radu non avrà mai.
      GLR

  6. Mi aspettavo una partita difficile ma non un risultato così e in quel modo. Purtroppo la papera di Radu non ci voleva proprio. Voglio aspettare ancora prima di pensare di aver perso lo scudetto , per ora la delusione è tanta.

  7. Niente alibi, niente scuse : chi è causa del suo mal … PS : La prossima sarà con l’Udinese, che ha umiliato la Fiorentina, che a sua volta incontrerà il Milan. Sembra già tutto scritto, ma nel Calcio la parola “fine” è quella dopo l’ultima giornata.

  8. Sciolti come neve al sole. In ogni caso l’aritmetica non ci ha ancora condannato, per cui abbiamo comunque il dovere di crederci.
    Tanta amarezza. E per trasformare l’amarezza in dolore ho guardato il post partita di Liverpool-Villarreal, dove a commentare c’erano Milito e soprattutto Julio Cesar.
    Claudio – Parma

  9. Radu, che vuole essere bravo come Buffon, ha pensato bene di imitarlo ma nel modo sbagliato! Per fortuna è solo un gioco! Amala!

  10. Ancora nulla è perduto, basta che la squadra non molli mentalmente con 4 vittorie si può ancora fare.
    Una considerazione il piagnisteo milanista ha già dato un frutto Medel in campo, basterà a far contento mister Pioli?

  11. ciao GLR, errore di Radu è grave ma ci puo’ stare, altrettanto grave è non aver chiuso la partita nel primo tempo e permettere un gol come quello concesso ad Arnautovic. Concordo con te che questa squadra deve andare almeno sul 2-0 se no vede le streghe! Prima di ieri sera avevo piu’ paura della trasferta di Udine (squadra molti fisica e di corsa) che di quella di Bologna.
    Rimango fiducioso, ho visto che a Udine ci sarai e avrai modo di sentire e vedere se la squadra ci crede ancora! Forza Inter

  12. Alessandro // 28 aprile 2022 a 08:08 // Rispondi

    Non è finita qui. Restiamo uniti! Abbiamo i mezzi e gli uomini per venire a capo delle partite che ancora ci aspettano. Il destino è nelle nostre mani eccome! Il Milan perderà punti, perché è rinfrancato dalla vittoria di Roma e dal nostro tonfo di ieri, ma è fragile, ha palesato la sua fragilità in più occasioni. Sta a noi, possiamo ancora comandare! Coraggio. Ne riparleremo alla fine.

  13. Ovvio che Radu è responsabile del gol, però questa squadra è troppo debole mentalmente: dopo il pareggio non ha più giocato come prima, la manovra non era più fluida, tanta confusione in attacco, tanti cross preda dei difensori ed 1 sola palla gol vera di correa. ho avuto l’impressione che mai avremmo segnato e la partita sarebbe finita in parità. eppure stavamo bene psicologicamente, dovrebbero capire che non puoi sempre mantenere la porta inviolata, prendere 1 gol non giustifica sciogliersi.

  14. ciao GLR, la follia di Radu é simile a quella di Meret che ha condannato il Napoli a Empoli, quindi é probabile che questo stile di gioco di partire dal basso sia troppo rischioso coi portieri di riserva. Per quanto riguarda lo scudetto, il gollonzo di Tonali e la papera di Radu hanno deciso l’esito finale. Alla fine vince la squadra piú regolare, noi non lo siamo stati.

  15. Incredibile come stiamo regalando questo scudetto, il 5.2.22 al minuto 70 del derby avevamo praticamente chiuso il campionato 21-22. Ieri dopo 3 minuti eravamo di nuovo primi in classifica, peró due contrattempi, gli infortuni di Bastoni e Handanovic ci castigano in maniera immeritata. Il Bologna tira 3 volte a porta e fa 2 gol, 2 tiri sono di Arnautovic che si innalza sempre su Di Marco, non c’era nessuno piú alto di lui in difesa? Il secondo gol una follia di Radu,probabilmente il nuovo Gresko

  16. Ciao Gianluca, Inter colpita e affondata (in modi sempre diversi e mai banali): ieri perfino dal fuoco amico! Non condivido pero’ il tuo editoriale: Radu colpevole della sconfitta di Bologna non certo della perdita del campionato.Altri sono i titolari a cui imputarne la colpa: Martinez a secco e inguardabile x 3 mesi, De Vrij e Bastoni autori di un campionato mediocre, Handanovic spesso poco reattivo, centrocampisti sopravvalutati, Inzaghi troppo conservativo e senza aver mai scelto il rigorista

    • Libero di pensarla come vuole, ma è un classico: in questo Paese di cialtroni anche quando ci sono chiare responsabilità individuali di un singolo così evidenti si ha sempre l’abitudine ad andare a cercare le concause: gol sbagliati, cali di tensione, squadra che non chiude le partite, tutte cose di cui parliamo da mesi e che sappiamo a memoria.
      Io so che al minuto 81′, quello della follia di Radu, c’era un quarto d’ora da giocare e vada a vedere in quante partite si fa gol nell’ultimo quarto d’ora…all’Inter è appena capitato con lo Spezia, ma in Italia è sempre così: uno spara, ma che colpa di chi vede le armi, uno va a 200 orari in autostrada ma è colpa di chi costruisce le macchine potenti, uno delinque ma è colpa dell’infanzia difficile, tanto per fare esempi molto pù seri del pallone.
      Quindi un portiere si manda la palla in porta da solo, ma è colpa di chi gliel’ha data su rimessa laterale o di quello che ha sbagliato il gol prima o di quello che sta in panchina e non gioca. No, purtroppo, la responsabilità è sua e solo sua, ma voi continuate a trovare alibi, scuse, giustificazioni, altri colpevoli assurdi.
      Lo Scudetto è andato, servito su un piatto d’argento al Milan.
      Cazzo c’entra adesso il rigorista o Handanovic poco reattivo o Bastoni: parole in libertà…Se uno non ci arriva a capire che comunque senza la follia di Radu saremmo in ben altra situazone, è un problema suo.
      Dedicato ai cialtroni della nostra tifoseria che per mesi mi hanno insultato perché spiegavo l’importanza di Handanovic e perché Radu, con Conte e Inzaghi non giocava mai.
      GLR

  17. il povero Radu è responsabile della sconfitta di ieri (anche se il nostro centrale che si dimentica dell’unico giocatore avversario da marcare su un cross innocuo non mi è proprio piaciuto) ma non certo della classifica deficitaria frutto di troppi punti persi malamente, tipo i 4 regalati al Milan nei due derby. una squadra con gli attributi adesso sta in silenzio e vince le prossime 4, prima di fare casomai i complimenti ai vincitori. testa bassa e forza Inter!!! ciao GL

    • Anche se di qua, anche se di là. Al minuto 80′ avevi un quarto d’ora per vincerla e credo che l’avremmo vinta o mal che vada sarebbe rimasta 1-1 con qualche speranza ancora.
      Tutti a cercare altre scuse, concause di cui abbiamo parlato per mesi e che conosciamo a memoria…va beh, fiumi di parole sprecate.
      GLR

  18. Antonio Rossi // 28 aprile 2022 a 09:07 // Rispondi

    Gianluca, questa volta non ti seguo. La papera di Radu è la ciliegina su una torta artista bene, ma che poi si è avariata. Dopo il nostro goal siamo diventati spettacolari, ma presuntuosi e a volte leziosi e dopo il pareggio abbiamo perso le trame di gioco e siamo diventati nervosi. Peccato anche perché con il pareggio avremmo comunque tenuto in pressione il Milan che ora può permettersi anche un pareggio

    • Figurati quanto mi interessa se uno mi segue o non mi segue. Ognuno la racconti come vuole, io la spiego con fatti incontestabili.
      In questo Paese di cialtroni anche quando ci sono chiare responsabilità individuali di un singolo così evidenti si ha sempre l’abitudine ad andare a cercare le concause: gol sbagliati, cali di tensione, squadra che non chiude le partite, tutte cose di cui parliamo da mesi e che sappiamo a memoria.
      Io so che al minuto 81′, quello della follia di Radu, c’era un quarto d’ora da giocare e vada a vedere in quante partite si fa gol nell’ultimo quarto d’ora…all’Inter è appena capitato con lo Spezia, ma in Italia è sempre così: uno spara, ma che colpa di chi vede le armi, uno va a 200 orari in autostrada ma è colpa di chi costruisce le macchine potenti, uno delinque ma è colpa dell’infanzia difficile, tanto per fare esempi molto pù seri del pallone.
      Quindi un portiere si manda la palla in porta da solo, ma è colpa di chi gliel’ha data su rimessa laterale o di quello che ha sbagliato il gol prima o di quello che sta in panchina e non gioca. No, purtroppo, la responsabilità è sua e solo sua, ma voi continuate a trovare alibi, scuse, giustificazioni, altri colpevoli assurdi.
      Lo Scudetto è andato, servito su un piatto d’argento al Milan.
      Dedicato ai cialtroni della nostra tifoseria che per mesi mi hanno insultato perché spiegavo l’importanza di Handanovic e perché Radu, con Conte e Inzaghi non giocava mai.
      GLR

  19. Marco Ferrara // 28 aprile 2022 a 09:28 // Rispondi

    Quanto conta la testa, eh?! In altre circostanze a parità di gare giocate, a -2 dalla vetta e con quattro giornate da disputare, avremmo visto un campionato ancora aperto, e invece dopo la sciagurata partita di ieri, lo diamo (giustamente) per chiuso o quasi. Il Milan dopo ogni sconfitta ha sempre reagito subito, l’Inter seppur più forte, no. Adesso, con questi chiari di luna, chissà quanto dovremo aspettare per la seconda stella…

  20. In realtà con 12 punti disponibili, calendario alla mano, ora le percentuali di successo finale sono diventate pari, proprio x quei 3 punti di margine: le partite rossonere sono molto più complicate.
    In secondo luogo, la caccia a Radu è pretestuosa: ha tolto un punto con una corbelleria, ma UN punto.

    • Se uno non capisce le ripercussioni psicologiche che questa cosa avrà su una parte in positivo e sull’altra in negativo è un problema suo.
      Corbelleria? Va beh, chiamamola così aver regalato lo Scudetto più importante ai cugini per un episodio che ha un responsabile preciso. Ho spiegato perché in altre risposte agli utenti.
      Dedicato ai cialtroni anti-Handanovic!
      GLR

    • Sono complicate se le avversarie non si scansano. Loro auspicavano che il Bologna come con loro non lo facesse con l’Inter, e non l’ha fatto.
      Andava bene anceh un pari nonostate tutto, ma (e concordo in pieno con GLR) la sciocchezza di Radu ha reso lo scudetto complicatissimo – seppure ancora possibile – perché occorre vincerle TUTTE e sperare in DUE pareggi del Milan, non più uno. E che le avversarie facciano come il Bologna.
      Allora il Milan ne vince una se va bene. Altrimenti, tutte…

  21. Vincere questo scudetto sarebbe (stato) nimportantissimo considerato le condizioni di partenza. Con zhang non c’è luce in fondo al tunnel e chissà quando e chi potrà prendere la ns Inter. Io nutro la speranza che il cambio di proprietà dei dirimpettai magari stimoli qualche “antagonista” a prenderci, hai visto mai. Però animo dai,i tifosi veri sostengono sempre la squadra pur consci dei suoi limiti.
    Forza Inter

  22. Non condivido la tua disamina e addossare la colpa al solo Radu che si è macchiato di un errore gravissimo, ma che non è costata la vitale vittoria perché all’81imo erano sull’ 1-1. L’errore principale secondo me è stato l’approccio della squadra che si è messa a gestire la gara dopo 10 minuti come se ne mancassero altrettanti alla fine e si vincesse 2-0, dopo che per tutta la stagione è parso lampante l’idiosincrasia con la gestione dell’1-0. Tralascio i cambi perché ormai era confusione totale

    • Libero di pensarla come vuole, ma è un classico: in questo Paese di cialtroni anche quando ci sono chiare responsabilità individuali di un singolo così evidenti si ha sempre l’abitudine ad andare a cercare le concause: gol sbagliati, cali di tensione, squadra che non chiude le partite, tutte cose di cui parliamo da mesi e che sappiamo a memoria.
      Io so che al minuto 81′, quello della follia di Radu, c’era un quarto d’ora da giocare e vada a vedere in quante partite si fa gol nell’ultimo quarto d’ora…all’Inter è appena capitato con lo Spezia, ma in Italia è sempre così: uno spara, ma che colpa di chi vede le armi, uno va a 200 orari in autostrada ma è colpa di chi costruisce le macchine potenti, uno delinque ma è colpa dell’infanzia difficile, tanto per fare esempi molto pù seri del pallone.
      Quindi un portiere si manda la palla in porta da solo, ma è colpa di chi gliel’ha data su rimessa laterale o di quello che ha sbagliato il gol prima o di quello che sta in panchina e non gioca. No, purtroppo, la responsabilità è sua e solo sua, ma voi continuate a trovare alibi, scuse, giustificazioni, altri colpevoli assurdi.
      Lo Scudetto è andato, servito su un piatto d’argento al Milan.
      Dedicato ai cialtroni della nostra tifoseria che per mesi mi hanno insultato perché spiegavo l’importanza di Handanovic e perché Radu, con Conte e Inzaghi non giocava mai.
      GLR

  23. Alessandro // 28 aprile 2022 a 10:01 // Rispondi

    Ciao GLR,
    giusto, chi sbaglia si prenda la responsabilità.
    Mancavano ancora 10 minuti e forse più per vincerla, ovvio che dopo il “fattaccio” a livello mentale è saltato tutto.
    La partita avrebbe dovuto essere chiusa nel primo tempo, le occasioni ci sono state; male il secondo tempo, mi è sembrato di vedere attacchi alla rinfusa.
    Piccola nota: Correa la smetta di fare l’indossatore di divise calcistiche e Barella la smetta con i suoi isterismi.
    Ora teniamo alta la tensione a Udine.
    Un saluto.

  24. sconfitta tragicomica giunta dopo una partita a tratti dominata sulla falsariga delle precedenti, secondo il mio modestissimo parere radu, dopo le dichiarazioni del suo agente non era neanche da prendere in considerazione, cordaz ha all’attivo, tra a e b un numero di partite che radu se le sogna.

  25. Ciao GLR, aggiungerei solo che se è vero che dall’81° c’era ancora quasi un quarto d’ora per poterla vincere ( al netto della cazzata di Radu ), è anche vero che una squadra forte, pur colpita dal punto di vista psicologico, deve reagire sul campo e con il tempo rimasto la rimette comunque in piedi . Magari non la vinci ma un pari al 92° lo riesci ad ottenere ….. Pensare che Viola e Dea ( entrambe in disarmo ) possano fermare in Milan mi sembra utopistico ma nel calcio nulla è scontato …..

  26. A volte gli scudetti si vincono o si perdono all’ultima giornata e anche noi lo sappiamo bene. Se sei tu a perdere è perché un altro ci ha creduto fino in fondo. Ogni volta che perdiamo o pareggiamo è una tragedia e questo non è possibile. Colpa di Radu? Si certo ma mancano quattro partite e possiamo vincerle. Lo farà anche il Milan? A denti stretti complimenti al Milan! Ma solo fra quattro partite… e senza scuse!

  27. Incredibile come in passato si sia crocifisso Handanovic anche per errori veniali e come oggi, da parte di molti, si cerchi di giustificare la scriteriata cagata di Radu, avvenuta non in una partita dopolavoristica, ma in quella forse più importante del campionato e che all’80% traghetta lo scudetto dall’altra parte del Naviglio.
    Claudio – Parma

    • Non me ne parlare…la gente è fuori… non si può nemmeno dire che ha fatto un errore che non si fa neppure all’oratorio, perché bisogna per forza prendersela con tutti gli altri…quando arrivi a giocarti lo Scudetto all’80° e fai una cosa del genere, alla fine l’hai perso tu. Tutti buonisti: sono il primo a provare vicinanza umana a Radu ma parliamo di pallone, guadagna un milione l’anno e non posso dire che abbiamo perso lo Scudetto a causa sua? Pazzesco.
      Ah già, devo dire, forse l’abbiamo perso, perché ai bimbi non gli puoi spiegare da un colpo come questo l’intero gruppo non si ripiglia, anche se il Milan non le vince tutte.
      GLR

  28. Roberto Carlo Giuseppe // 28 aprile 2022 a 12:37 // Rispondi

    Ho visto Sarti, ho visto Gresko, ora Radu ma in questo caso abbiamo ancora 4 partite. Mi illudo a pensare che la pressione ce l’avranno anche quelli dell’altra sponda milanese? Questo campionato ci ha detto che la pressione di essere davanti porta a sbagliare e se vuoi questa è la differenza tra le italiane e quelle inglesi.
    Ho ancora fiducia nella nostra Inter per cui avanti a vincerle tutte.
    Amala…

  29. In primis io non ti ho dato del cialtrone perchè abbiamo due visioni differenti, ho solo espresso un mio punto di vista facendo una disamina complessiva della partita, nella quale l’episodio che ha decretato la fine è stato l’errore di Radu, indiscutibile, ma se fossimo stati sul 3-1 sarebbe stato ininfluente. C’erano ancora 15 minuti, ma questo non era sintomatico di vittoria sicura, quindi la tua rimane come la mia una supposizione personale, ma opinabile.

    • Io do del cialtrone a chi fa le pulci da anni ad Handanovic per errori mai gravi come quello di Radu che oggi assolve nel cercare alibi correità e cose che sapevamo e che nel momento topico non c’entravano nulla… se ti sei sentito chiamato in causa direttamente mi spiace.
      GLR

  30. Seconda stella gettata alle ortiche a meno di altri colpi di scena non so quanto verosimili. La certezza di Gosens “Vinceremo Lo Scudetto, ne sono assolutamente convinto” si è scontrata con l’incapacità di gestire un risultato che ci stava arridendo. Sprecato il jolly in maniera che più crudele non si può spero soltanto che la squadra non si faccia prendere dallo sconforto e lotti fino alla fine per chiudere una stagione che può regalarci ancora la soddisfazione della vittoria della Coppa Italia

    • Gosens, come me, non può prevedere che un fulmine incenerisca il portiere… perché questo è capitato… e la corsa al buonismo, quando a Handanovic, si faceva pagare tutto è avvilente…questo è il Paese in cui anche davanti ad una responsabilità chiara ed evidente si cercano alibi e complici. Con questo abbraccio Radu, che c’entra: continuerà a giocare a calcio altrove, ma è a bilancio per oltre 4 milioni, guadagna un milione di euro e non si può neppure dire che ha fatto volare via uno Scudetto? Perché bisogna prendersela per forza con tutti gli altri? Ma che mondo è? Ha sbagliato una cosa che non si basluia nemmeno all’oratorio. piuttosto prendila con le mani che mal che vada è punizione a due per loro
      GLR

  31. Ciao GLR. Sono d’accordo con te sulla responsabilita’. Radu non puo’ piu’ giocare nell’Inter. Sicuramente non in questa stagione. MoralmenteLo e’ una mazzata e lo scudetto e’ andato a meno di inaspettati colpi di fortuna. Ma la fortuna occorre meritarsela. Un saluto.

  32. aggiungiamo anche che ieri e nell’altra partita che ha giocato con l’empoli in coppa italia aveva un atteggiamento scazzato e svogliato, in molto di tutto questo e’stato fomentato dalle dichiarazioni dell’agente, tale oscar damiani, ex milan e juve,che ha perso un occasione per stare zitto visto la figura di menta che hanno fatto. giusto sottolineare l’ingaggio, in un mondo di professionisti causare, in quel modo, un eventuale perdita di un campionato, e’ un danno devastante

  33. Radu colpevole al 1000%, ma questa tua certezza che un gol l’avremo fatto mi lascia perplesso, nel 2° tempo il portiere non ha fatto nemmeno una parata impegnativa, nonostante la nostra pressione.Sono d’accordo con te , se questa squadra non capitalizza subito la superiorità con almeno due gol di vantaggio va in difficoltà e questo è un limite. Domenica il Milan perde in casa con la Viola e noi vinciamo a Udine

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili