Il Giorno – Bar dello Sport 267

Pubblicato su Il Giorno, domenica 7 novembre 2021

Il Derby di Milano oscura tutto il resto
Al Bar dello Sport ci sono partite che catturano l’attenzione di tutti e anche chi non è direttamente coinvolto si butta a pesce nella tenzone dialettica sul big-match del momento: in questo caso Milan-Inter.
Il carrozziere juventino Ignazio al proposito ha le idee chiarissime: “Le milanesi ambiscono da sempre a prendere il posto della Juve nella storia del calcio italiano – spara nel mucchio –  e ogni morte di Papa una della due vince qualcosina, ma la missione è già fallita in partenza!”
L’idraulico partenopeo Gennaro punta al primato solitario in classifica: “Milan e Inter, fatevi un bel pareggino e toglietevi di torno – ordina – questo sarà un campionato azzurro-Napoli!”
Concorda sulla divisione della posta – e non poteva essere altrimenti vista la sua professione – anche l’impiegato delle poste romanista Tiberio, a cui l’effetto Mourinho sembra già passato: “Noi si corre per il quarto posto – sospira – e più vicine restano le milanesi, meglio è!” 
I diretti interessati però non ci stanno: “Ma quale pareggio? – esplode il tassista milanista Gianni – dobbiamo scaraventare l’Inter a dieci punti di distacco e stavolta ce la facciamo!”
L’assicuratore interista Walter ostenta serenità: “Il Milan è la fotocopia dell’anno scorso – sghignazza – vi lasciamo illudere ancora per qualche settimana, poi mettiamo la freccia e come l’anno scorso dovrete prendere il binocolo per leggerci la targa!”
Ma l’incartapecorito pensionato Ambrogio, memoria storica del Bar dello Sport, che non si perde un Derby dagli anni ’40. la sa lunga: “Un tempo per parte – spiega – in una frazione la spunterà il Milan e nell’altra l’Inter, ma devo ancora studiare chi prima e chi dopo!”
Così son buoni tutti di fare i pronostici, ma nessuno ha il coraggio di dirglielo.

 

 

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili