Il Giorno – Bar dello Sport 238

Pubblicato su Il Giorno, sabato 9 gennaio 2021

Il sorpasso è l’argomento che piace a tutti

Al Bar dello Sport, la parola più gettonata del nuovo anno è ‘sorpasso’. La usano tutti, anche a vanvera, a cominciare dal tassista milanista Gianni che, malmenato a San Siro dalla Juventus, sente sempre il fiato sul collo, pestilenziale tra l’altro, dell’assicuratore interista Walter. I due paladini delle milanesi da settimane non parlano d’altro, col rossonero che scaramanticamente lo chiama ogni volta, ma intanto snocciola dati per cui sembra che il Milan, prima di cadere con Juve, fosse imbattuto dal 1954. Il nerazzurro invece stavolta il sorpasso l’ha fallito per colpa sua, visto che l’Inter, dopo 8 vittorie consecutive, si è inaspettatamente impantanata a Genova con la Sampdoria, indirizzandolo ovviamente di nuovo contro Conte: “Come si fa a mandare sul dischetto Sanchez dopo 8 rigori sbagliati su 12 – si imbestialisce – Questo, se va a sparare al luna park, anziché i palloncini, fa secca la cassiera!”
Ma l’impiegato delle poste romanista Tiberio, in attesa proprio proprio dell’Inter, ha buona memoria e gli ricorda che qualche mese fa, dopo un rigore sbagliato da Lautaro col Bologna che poi vinse a San Siro, il Walter diceva le stesse cose. E mentre l’idraulico napoletano Gennaro è di nuovo avvilito per i risultati sempre più altalenanti del suo Napoli, anche il carrozziere juventino Ignazio, dopo aver maramaldeggiato sul Milan a San Siro, parla di sorpasso, anzi di bi-sorpasso, su entrambe le milanesi: “Questione di settimane” – assicura con la solita boria, prima che l’anzianissimo pensionato Ambrogio, memoria storica del Bar dello Sport, metta tutti a posto con la proverbiale bonomia: “Solo voi potete perdere tempo tra voi con sorpassi e controsorpassi a gennaio – sbotta – Ricordatevi che i conti si fanno a maggio! Per tutti!”

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili