8C: Lazio-Inter 3-1

Video-editoriale del 16.10.2021
Con la prima sconfitta in campionato tornano i pessimisti ed è normale. Ma di questi tempi un anno fa si stava peggio in classifica, quindi niente drammi ma con la Lazio l’Inter ha perso pure la testa. Non accada più. 
Ne parlo qui: 

https://youtu.be/TQeXeSBrIFchttps://youtu.be/TQeXeSBrIFc

24 Commenti su 8C: Lazio-Inter 3-1

  1. Pasquale Somenzi // 17 ottobre 2021 a 02:08 // Rispondi

    L’Inter ha questa strana tendenza in campionato: vince fuori casa solo se alla fine del primo tempo sta perdendo.
    E’ arrivata una sconfitta in trasferta alla ottava giornata, cosa che non succedeva dal 1980. Infatti da allora l’Inter aveva perso all’ottava giornata solo una volta, e guarda caso era un 16 ottobre: era il 2016 e venne sconfitta in casa 1-2 dal Cagliari. I reduci da quella partita sono 3, ossia Handanovic, Perisic e Barella che giocava nel Cagliari, gol nientemeno che di Joao Mario.
    Possiamo registrare un record positivo, infatti l’Inter mai aveva segnato in campionato per 27 giornate consecutive.
    La sconfitta esterna per 1-3 mancava dal 14 maggio 2016 con il Sassuolo. Martedì prossimo la partita con la Sheriff. Supponiamo che arrivi quella che nessuno osa immaginare, ossia una sconfitta, che oltre alla delusione probabilmente farebbe nascere paragoni con la sconfitta interna con l ‘Hapoel B. Sheva, altra squadra “sconosciuta” come lo Sheriff, era il 2016 e nella partita seguente l’Inter vinse 2-1 con la Juventus, guarda caso, la prossima partita.
    Quando capita un trittico di partite CONSECUTIVE in trasferta, purtroppo l’Inter una la perde sempre (Shakhtar-Sassuolo-Lazio), il precedente trittico era stato a gennaio (Sampdoria-Roma-Fiorentina) con sconfitta a Genova, in precedenza un trittico a novembre 2019 (Brescia-Bologna-Borussia) con sconfitta in Germania, a marzo 2019 (Fiorentina-Cagliari-Eintracht) con sconfitta in Sardegna, a fine 2018 (Tottenham-Roma-Juventus) con 2 sconfitte, ad aprile 2018 (Milan-Torino-Atalanta) con sconfitta a Torino e la striscia non finisce qui ma continua per altri 4 trittici fino al 2010, quindi questa sconfitta con la Lazio ha confermato questa tendenza.
    Pasquale.

  2. Fabio Primo // 17 ottobre 2021 a 07:01 // Rispondi

    Sì , la cosa più preoccupante è il crollo nervoso del secondo tempo. Scordiamoci invece i filotti di vittorie del campionato scorso. Lautaro fa l’errore più grave nella dinamica del secondo gol laziale , volendo concludere lui quando aveva più soluzioni di passaggio molto favorevoli

  3. Continuiamo a prendere troppi gol! Una volta colpa di uno, una volta dell’altro, una volta il var… il risultato non cambia. E continuano a vedere una squadra dove si cerca di giocare di fino, mentre sono giocatori che hanno vinto uno scudetto lottando con la bava alla bocca.

  4. Salvate il soldato Bastoni. Lo vedo più insicuro, a prescindere dal l’episodio del ridicolo rigore fischiato contro. Penso che ci serva una vittoria in Champions e con una big del campionato per riacquistare fiducia. Male i cambi, molto male Correa, ieri mi aspettavo il fuoco da parte sua , invece il nulla.bene Perisic e Gaglia. Fino a quando è stato in campo Miljnkovic non si è visto, dopo ha fatto quello che voleva, Barella lo ha subito fisicamente dalla sua parte quando si è spostato a sx

  5. non sono assolutamente pessimista, prima o poi qualche partita inevitabilmente si perde, però non mi è proprio piaciuto il crollo mentale dopo il gol. una squadra “forte” di testa mette la palla al centro e va a pareggiare, o almeno ci prova. invece abbiamo perso completamente la bussola fino a prendere il terzo gol in maniera comica. speriamo che sia stato un caso, altrimenti di questo ci sarebbe da preoccuparsi davvero….ciao GL

  6. Ieri ho sentito tutti gli opinionisti e l’allenatore della Lazio dire che è giusto proseguire l’azione con un avversario a terra, peccato che gli stessi quando Di Canio si fermò con la palla sulla linea di porta e un avversario a terra dicevano di prendere ad esempio Di Canio e il campionato inglese per il fair play.
    Che coerenza!!

  7. Ciao Gianluca.
    Gestione corretta. È ora di finirla! A cosa mi riferisco? Alla sceneggiatura che mettono in atto tutti i giocatori appena vengono toccati! Così si perde la corretta valutazione ed ognuno interpreta a suo modo e vantaggio. AMO L’INTER MA IERI CI SIA DA LEZIONE! AMALA

  8. dimarco esagera nello stare a terra, lautaro tira una ciofeca invece di servire due compagni liberi sulla destra e innesca il contropiede, sulla palla non messa fuori ,lo dice anche il gladiatore, ma perche’ non l’hanno fatto, risposta, tu lo avresti fatto, io lo avrei fatto…l’alibi sono le nazionali, comunque grande delusione.

  9. un primo tempo ordinato e quasi perfetto. Scrivo quasi perché bisognerebbe essere + incisivi in attacco così da ammazzare le partite e invece o si soffre oppure come ieri si perde per la prima volta. Speriamo che possa servire da lezione per essere + cinici.
    Una squadra forte faceva di tutto x ribaltarla o almeno x pareggiarla dopo l’episodio antipatico il quale non deve essere preso come scusa per la sconfitta. La difesa prende troppi gol: c’è sempre uno dei 3 a turno che rimane in affanno

  10. Brutta sconfitta dopo un’oretta di gioco piú che accettabile e contro una Lazio ben messa in campo.
    Ci sono giocatori che sono molto lontani dal rendimento dell’anno scorso, vedi Bastoni, abbiamo un centrocampo eccelente in Barella e Brozovic, ma male accompagnato dal terzo giocatore in quel ruolo, con menzione speciale Calhanoglu che sembra sempre di piú un pacco regalo che ci é stato rimesso dai nostri cugini. Speriamo di rifarci contro lo Scheriff, ma sará difficile.
    In ogni caso: amala!

  11. Beh naturale che le sconfitte abbattano i tifosi come le vittorie li esaltano. Inzaghi secondo me deve accorciare la squadra arretrando il baricentro a maggior ragione di quanto fece Conte dato che sicuramente ci siamo indeboliti. Bisogna dargli il tempo di trovare la quadra che magari può arrivare se Correa entra in forma e col Toro possono giocare in ripartenza; Dzeko non può fare il lavoro di Lukaku. Con questi giocatori per me possiamo centrare la qualificazione Champions. Non credo di più.

  12. Pietro Spennacchio // 17 ottobre 2021 a 10:56 // Rispondi

    La sensazione costante è quella di una squadra che fisicamente non ha più di 45-60 min nelle gambe, e questo con avversari di livello non è sufficiente. Conte, ovviamente anche grazie a interpreti migliori, riusciva a mascherare alcuni limiti atletici strutturali con una compattezza che sembra si stia perdendo. Presto per fasciarsi la testa, ma l’usura globale del gruppo sta venendo fuori in modo evidente

  13. Roberto Carlo Giuseppe // 17 ottobre 2021 a 11:31 // Rispondi

    Irrati si è comportato benissimo nella rissa durante e finale poteva castigarci vedi Dumfries, Lautaro e un Handanovich poco capitano.
    1t molto buono ma non abbiamo chiuso la partita e al rientro non ci riusciva più il gioco sui terzini, mettici cambi non cambi e poi una buona dose di jella nel senso del rigore corretto ma assurdo e della bella sportività laziale.
    Rivincere lo scudetto è sempre un’impresa. Quello che mi aspetto è lottare fino in fondo magari sei lì e… venti?!
    Amala…

  14. ciao GLR, dire che il milan è favorito per lo scudetto, non mi sembra un’eresia, anzi mi sembra logico, visto che le sue 2 maggiori rivali si sono indebolite. Ieri non mi è piaciuto l’atteggiamento dopo lo 0-1, sembriamo specchiarci troppo e fin quando le partite non le chiudi, possono capitare gli episodi sfavorevoli come ieri che ribaltano tutto.

    • Solita memoria cortissima…l’anno scorso il Milan è stato favorito per lo Scudetto fino a metà febbraio…ora siamo a metà ottobre e io non credo che lo vincerà. Poi se lo vincerà complimenti!
      GLR

  15. Continuo a vedere le soste come il fumo negli occhi. All’Inter risultano sempre indigeste (per via dell’alto numero di sudamericani); l’eccezione è stata la volta scorsa… ieri, tutto regolare. Ora vedano di arrestare lo Sheriff e non di essere arrestati, per non dover dire addio con largo anticipo anche alla CL.
    E se non arriverà la seconda stella vorrei lo scudetto al Napoli di Spalletti, uno che ha sempre raccolto meno di quanto meritasse.
    Ma è solo ottobre, suvvia: è presto, per tutto…

  16. Un po’ di sfiducia comincia a serpeggiare tra i tifosi, perché altre squadre non conoscono incertezze e noi sì ma come si fa a non ricordare quante stagioni scorse proprio noi abbiamo convinto fino a Dicembre per poi sparire alle prime difficoltà con l’anno nuovo?
    Per me quello che serve davvero è una consistente sequenza di partite con zero gol al passivo, in attesa che diversi giocatori tornino ad essere quelli veri, perché Correa, Calhanoglu ed altri prima o poi torneranno ad esserlo

    • I tifosi non giocano, grazie a Dio e cambiano idea ogni partita…di questi tempi l’anno scorso era il florilegio dei #ConteOut: anche se alcuni si offendono non li ho mai ascoltati. E’ da quest’estate che so scrivo e dico che siamo ridimensionati rispetto all’anno scorso, lo capisce un bimbo di 6 anni, ma non certi tifosi sull’onda dei 3-1 a Firenze e 6-1 al Bologna. Ridimensionati fino al punto di non poter vincere lo Scudetto? All’ottava giornata, mi pare prematuro dirlo…
      GLR

  17. La prima sconfitta brucia e c’è disappunto, ma non ne farei un dramma. Più preoccupanti sono le “performance” di fine gara, un tantino isteriche … Si doveva fermare il gioco? … Si poteva ed avrebbero potuto farlo solo i nostri. Non l’hanno fatto : amen … parce sepulto. Il cammino è ancora lungo e già martedi, tra 2 giorni, servono segnali positivi. Incrociamo le dita. PS: divagazione “Costi – Benefici” : che segno mettiamo su … Sensi, Correa, Vidal Sanchez, Kolarov, Çalhanoğlu?

    • Per come ragiono io non si può fare un minestrone tra chi è chi da due anni e chi è appena arrivato. Nessun addetto ai lavori metterebbe mai sullo stesso piano chi all’Inter è al terzo anno, come Sanchez e chi è al secondo mese come Correa
      GLR

  18. D’Accordo con Inzaghi non preoccupa l’atteggiamento dell’Inter anche a me preoccupa il risultato. Va detto, senza attaccarsi a scuse, che la Lazio non ha giocato contro l’Inter, ma contro i brandelli di Inter date le numerose defezioni e ciò nonostante l’Inter ha avuto in mano la partita. Cosa preoccupa? Il fatto che là davanti vanno come treni anche se il campionato è ancora lungo. Il Milan ha ribaltato una partita più che compromessa, i partenopei non perdono un colpo e sono in ottima forma.

  19. Concordo sul fatto di essersi imborghesiti (tanti ultimi passaggi sbagliati per liberare l’uomo davanti alla porta) e sul fatto che con Conte e Oriali non sarebbe successo tutto quello che è accaduto, forse neanche con Inzaghi ma è successo nella partita per lui sbagliata, non voleva forse attaccare i laziali dopo l’accoglienza ricevuta.
    Molto bene Skriniar, meno direi De Vrij e Bastoni, che forse è tra quelli che risente di piu’ dell’assenza di Conte.

  20. Sampdoria, Atalanta e Lazio mi hanno riportato indietro di qualche anno, vorrei ma non posso … fino al minuto 70 eravamo soli in campo, è bastato il gol del pareggio per metterci ko. Manca ancora tanto e i punti in palio sono tanti, però credo che le prossime 4 partite (Juve, Empoli, Udinese e Milan) sulla carta 2 facili e 2 difficili, ci diranno molto del ns campionato. Resto molto fiducioso, occorre fare 12 punti. P.s.: Correa spesso evanescente come alla Lazio.

  21. Ciao Gianluca secondo me manca il killer che chiude le gare là davanti insieme a Dzeko. Uno alla Inzaghi..Pippo x intenderci. Non si concretizza appieno il volume di gioco creato. Mi sarebbe piaciuto che Dimarco fosse più intraprendente sui cambio campo: stoppi, dribbling e tiri. Invece sempre al cross, ma per nessuno. Bastoni maluccio quest’anno.
    Per ultimo, se la Lazio non si ferma con uomo a terra…dai, trancio il portatore da dietro anche a costo del giallo (3a categoria docet)!!!!

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili