Il Giorno – Bar dello Sport 235

Pubblicato su Il Giorno, sabato 5 dicembre 2020

Milan sempre in fuga e il pareggio-biscotto che colpirà l’Inter
Sempre appollaiati sulle sedie dalle prime luci dell’alba lungo il marciapiede del Bar dello Sport, nel rispetto delle regole sul distanziamento, i nostri eroi continuano a litigare ogni santo giorno che Dio manda in Terra sui temi calcistici della settimana.
Il barman Pinuccio è ormai rassegnato al suo triste destino: un interminabile andirivieni per servire bianchini a raffica ai suoi storici clienti. E dopo le partite infrasettimanali di Champions e di Europa League, ognuno si sforza di vedere per la propria squadra il bicchiere mezzo pieno, anche se qui, fuor di metafora, lo vorrebbero tutti sempre pieno. Il tassista milanista Gianni, dopo aver passato un brutto quarto d’ora col Celtic in Europa League, è sempre dell’idea che la fuga del suo Milan in campionato possa durare almeno fino a Natale e magari anche oltre: “Provate a prenderci” – ripete di continuo. L’idraulico napoletano Gennaro e l’impiegato delle poste romanista Tiberio sono invece ormai consapevoli degli alti e bassi delle loro squadre, mentre il vero duello rusticano è sempre quello tra il carrozziere juventino Ignazio e l’assicuratore interista Walter che, con il loro innato senso di superiorità, restano convinti che alla lunga il discorso sullo Scudetto riguarderà solo Juventus e Inter. L’interista appare finalmente rasserenato dopo le ultime vittorie in campionato e in Champions, anche se lo juventino lo minaccia: “L’eliminazione dell’Inter dall’Europa è solo rimandata di una settimana – lo provoca – perché il pareggio-biscotto tra Real e Borussia è già scritto! Tranquillo che anche quest’anno torni a casa per primo!” Ma l’anzianissimo pensionato Ambrogio, memoria storica del Bar dello Sport, raccomanda la massima cautela sui pronostici: “Qui continuate tutti a predire il futuro dai fondi dei bicchieri – sghignazza – ma da quanto bevete, ormai non vedete più manco la bottiglia!”  

 

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili