Il 2020 non è più un anno di sport

Videoeditoriale del 17 marzo 2020

3 Commenti su Il 2020 non è più un anno di sport

  1. Grazie GL sono d’accordo totalmente e aggiungerei ma chi se ne frega del campionato e delle coppe oggi le priorità sono altre. Oggi riscopriamo la famiglia, la casa il tempo a disposizione. Possiamo fare tante cose con un ritmo rilassato e magari scoprire quanto sia “bella” la vita senza lo stress del lavoro, dell accompagnare i figli ognidove… quando tutto questo finirà riusciremo ancora farci ingabbiare dalla vita di prima o guarderemo il mondo con altri occhi? Amala…

  2. Caro Gianluca
    Sono anni che ti seguo e più passa il tempo, più capisco che la penso come te su moltissimi argomenti.
    Io non comprendo ancora come tanta gente continui a pensare al calcio come tematica importante del momento, sembra che sia vitale avere un vincitore in Italia o Europa.
    Occorre che questo periodo finisca del tutto, che ci voglia più o meno tempo è solo un dettaglio.
    Ne approfitto, quando tutto sarà finito sei ufficialmente invitato a Bergamo per una cena!!
    A presto!!
    Giacomo

  3. Caro GLR,
    Ti ho sempre seguito con piacere per la tua obiettività calcistica, e ti ringrazio per quella umana che metti in questi contributi, che in questi giorni rappresentano davvero (specie per chi vive solo) un momento di compagnia. Inutile fingere o sperare, giusto chiamar le cose col loro nome, solo così possiamo agire o reagire con coscienza. Mi chiedo come sarà il post e da ingenuo immagino credere che ciò che stiamo vivendo ci insegni un riconoscimento dei valori da cui ripartire.

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili