36C: Genoa-Inter 0-3

Video-editoriale del 25 luglio 2020

11 Commenti su 36C: Genoa-Inter 0-3

  1. Pasquale Somenzi // 25 luglio 2020 a 21:22 // Rispondi

    Genoa-Inter è stato praticamente un derby tra le uniche 2 squadre che nel 2020 hanno battuto il Milan.
    Come avevo segnalato, alla giornata 36 l’Inter non pareggia mai e in questa stagione dopo il 17 del mese non ha ancora mai perso.
    Ancora a segno in trasferta, ora sono 22 delle prime 23 stagionali.
    23 reti per Lukaku in campionato: alla prima stagione in serie A con l’Inter han fatto meglio solo Nyers con 26 e Ronaldo con 25.
    Adesso mi aspetto 2 risultati: contro il Napoli fare per la prima volta la terza partita ufficiale consecutiva senza subire reti e poi con l’Atalanta il settimo risultato utile consecutivo fuori casa,
    dato che in questa stagione il massimo in trasferta senza perdere è stato di 6 partite ufficiali.
    Pasquale.

  2. Missione compiuta contro il Genoa. Ancora bene Godin e Sanchez. Secondo posto possibile, se il gruppo lo credesse davvero.

  3. Marco Ferrara // 26 luglio 2020 a 01:01 // Rispondi

    Sono proprio i gol sbagliati (alcuni in maniera grave) che fanno di Lukaku, come ti ho già scritto, un buon/ottimo attaccante, ma non (ancora) un top player. Li facesse, parleremmo di un “nove” al livello di Lewandowski, Suarez, Aguero, Benzema, ecc.
    La sua seconda rete al Genoa è bellissima, ma realizzata ad una squadra modesta, a risultato acquisito. Lo vorrei vedere decisivo anche nelle partite importanti, contro avversari forti. Ecco, l’Europa League potrebbe essere un buon inizio…

  4. Lukaku. Posso dirti che all’inizio, nel momento dell’acquisto, ci credevo poco, poi gli ho subito voluto bene al Porthos Nero, un gigante che mi ricorda quei colossi africani raccontati da Haley in Radici. Leale Umano e Super goleador. Peccato che gli stadi sono vuoti perché sono convinto che la gente gli avrebbe dimostrato grande affetto e perdonato anche un’autorete.
    Quest’anno ci mancano 6/7 gol di Lautaro Martinez con quelli forse… e sicuramente saremmo certamente secondi. Amala…

  5. Martinez. Ci mancano 6/7 gol e con quelli almeno saremmo certi del secondo posto. Lautaro non capisco se non è ancora un giocatore completo o mostra limiti come calciatore e come “uomo” – ha pur sempre 23 anni-.
    Sinceramente siamo a un bivio o lo vendi o gli affianchi un attaccante affermato che gli faccia da sprone lo pungoli, oppure non è un attaccante!?
    Amala…

  6. Bilancio: non sono certo le ultime partite a farmi cambiare opinione.
    Incedibili perché punti fissi Handanovich DeVraij Bastoni Barella Lukaku e ci sta Sanchez.
    Skriniar Vecino Sensi Eriksen Brozovich Martinez Esposito per un motivo o per l’altro non mi danno garanzie.
    In una rosa che si rispetti ci vogliono alternative di giocatori onesti che non rompono e sono un esempio professionale: Godin Ranocchia D’Ambrosio Biraghi Moses Candreva Valero Gagliardini Young.
    Ciao Amala…

  7. Imperativo, arrivare davanti all’Atalanta. E prepararsi per l’EL. Su Sanchez penso che siamo un po alle strette: sta giocando bene, si impegna e vuole evidentemente restare a Milano. Merita di essere titolare ed è fondamentale per questo finale di stagione. Certo che quell’ingaggio li è fuori logica, quei soldi li dai Lewandoski, a Martial….

  8. Ciao Gianluca,
    ti chiedo un parere su Eriksen: quando ha giocato lo ha fatto perlopiù da trequartista in una posizione del campo in cui spesso, con l’Inter che fa la partita, c’è un affollammento di uomini con il risultato che da dietro riceve pochi palloni perchè preferiscono passare con palloni in ampiezza sugli esterni.
    Conte si fida più di Brozo come play e più di Barella come mezzala e lui finisce a correre a vuoto, anche se ieri ha giocato una buona gara. Moses impreciso ma è rapido! Ciao

  9. grande esempio di professionalita’gli ex premier moses, young e sanchez, il 9 super, nel suo ruolo al mondo forse solo un paio al suo livello, lewandosky e suarez.

  10. Stefano B. // 26 luglio 2020 a 12:04 // Rispondi

    Malgrado le molte ca..volate fatte abbiamo, per ora, la miglior difesa e il secondo attaco, numeri che spesso sono indice di successo finale. Significa che abbiamo mal gestito i molti vantaggi: questo è stato il nostro più grande limite in questa stagione. Peccato perchè si poteva approfittare dei tanti passi falsi di chi ha ancora la rosa più forte.

  11. Diego Raimondi // 27 luglio 2020 a 19:52 // Rispondi

    Se l’obiettivo è il secondo posto, ormai ogni partita è una piccola finale. Il Genoa era la più abbordabile e non ha costituito un problema. Decisamente più difficili le altre. Piatek, oops volevo dire Lautaro si è perso nei suoi fantasmi. BigRom diventerà uno dei miei beni culturali quando segnerà un gol come il secondo alla Juve o al Barca.

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili