Il Giorno – Bar dello Sport 185

Pubblicato su Il Giorno, sabato 17 agosto 2019

Campionato: è scattato il countdown
Nel countdown verso il Campionato al Bar dello Sport in questi giorni c’è la presenza fissa del 17enne studente pluriripetente Kevin Accetturo, nipote milanista del carrozziere juventino Ignazio al quale i genitori lo hanno affidato anche quest’estate. Nuovamente bocciato, l’imberbe butterato salta sempre le vacanze per punizione ma gode di grande credibilità al Bar dello Sport, perché sapendo a memoria ogni risultato di Inter, Milan, Juventus, Napoli e Roma dagli anni ’80 ad oggi, marcatori compresi, l’Ignazio ad ogni vigilia di campionato se lo porta dietro perché gode come un riccio nel sentirlo illustrare ai rivali la straripante forza della Juve rispetto alle altre. Stavolta però il perditempo in erba è in seria difficoltà sul pronostico finale: “Veramente quest’anno credo che la Juve non vincerà lo scudetto – balbetta – perché ha cambiato registro tecnico e ci sono almeno due squadre che potrebbero precederla in classifica!” Ovviamente, l’assicuratore interista Walter e l’idraulico napoletano Gennaro incassano con soddisfazione il dotto pronostico, mentre l’Ignazio lo guarda in cagnesco promettendogli nuovi scappellotti.
E anche gli altri prendono la palla al balzo: “Se anche il Kevin che sul calcio è più documentato di tutti noi e sa perfino usare il computer la pensa così – azzarda il tassista milanista Gianni – mi sa che stavolta la Juve resta davvero a bocca asciutta!” E mentre l’impiegato delle poste romanista Tiberio preme per sequestrare il Kevin per una serie di domande tecniche sulla nuova Roma, l’anzianissimo pensionato Ambrogio se ne esce con la solita predica: “Caro Kevin, se avessi imparato a scuola la metà di quel che sai sul calcio – fa la morale – non saresti da troppi anni ancora alle Medie perdendo tempo con quell’ignorante di tuo zio Ignazio e questi altri nullafacenti, ma avresti già una laurea in Ingegneria!”

 

 

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili