Il Giorno – Bar dello Sport 179

Pubblicato su Il Giorno, sabato 6 luglio 2019

Icardi, il ‘disco’ dell’estate
Non poteva che essere Icardi il tormentone dell’estate. Al Bar delle Sport però, forse anche a causa del caldo africano, nessuno sembra particolarmente ispirato sul tema, anche perché la solfa è sempre la stessa: lei, pardon lui, ma il lapsus è naturale quando c’è di mezzo Wanda Nara, non vuole lasciare l’Inter, che invece preferirebbe toglierseli di torno al più presto, spedendoli preferibilmente all’estero.  Ma, oltre alla solita ipotesi Juve, ora pare riaffacciarsi anche il Napoli tra le destinazioni e l’idraulico partenopeo Gennaro, storicamente scottato dalla vicenda Higuain, ancora non sa bene cosa pensare. Anche il carrozziere juventino Ignazio resta combattuto tra il valore dell’Icardi calciatore e tutto il ‘gossip’, come lo chiama lui, che gli gira attorno, mentre l’assicuratore interista Walter, ‘proprietario del cartellino di Icardi’ ha solo fretta di chiudere la vicenda, ma tifa comunque per il Napoli come acquirente di Maurito perché tra Conte e Marotta, a suo dire, quest’anno con la Juve si è già fatto troppo.
Lontani anni luce perché entrambi avviliti dai rispettivi mercati, il tassista milanista Gianni e l’impiegato delle poste romanista Tiberio si consolano a suon di bicchierini, visto che qui ogni scusa è buona per tracannare in compagnia. Il Gianni oltretutto, ferito oltremodo anche dalla mancata partecipazione all’Europa League, sta perfino pensando di tornare al vecchio amore del biliardo nelle serate europee, proprio per tenersi lontano dal calcio in TV.  Col caldo malefico c’è di buono che anche al Bar dello Sport, diversamente dal solito, di questi tempi si tende a risparmiare il fiato e la cosa viene salutata con grande soddisfazione dall’anziano pensionato Ambrogio: “Stavolta voglio congratularmi con voi – se ne esce col solito tatto – perché meno parlate più sembrate persone normali! Sia benedetta la canicola!”

 

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili