Il Giorno – Bar dello Sport 167

Pubblicato su Il Giorno, sabato 13 aprile 2019

Come sempre resterà la Juve
La mazzata presa dal Napoli in Europa League con l’Arsenal ha gettato nello sconforto il Bar dello Sport che confidava proprio nella squadra dell’idraulico partenopeo Gennaro per rivedere un’italiana tornare a vincere in Europa. Ovviamente il povero Gennaro piange come una fontana, vanamente consolato dagli altri che vivono sempre più nel terrore che quest’anno l’odiata Juventus del carrozziere Ignazio possa davvero vincere l’agognata Champions League.
Già, perché il pareggio di Amsterdam con l’Ajax non lascia nessuna illusione ai gufi sulla possibilità che la Vecchia Signora possa fallire la qualificazione alle semifinali. Sul tema, l’assicuratore interista Walter cerca però di tranquillizzare il branco: “State calmi, ragazzi – predica ottimismo – anche se con l’Ajax ormai sono passati, noi gufi possiamo contare ancora sulla semifinale. E, nella peggiore delle ipotesi, c’è la finale che da tradizione quelli perdono sempre!”
Il tassista milanista Gianni però non condivide: “Stavolta è diverso – ammonisce – La Juve ha Cristiano Ronaldo, il più forte del mondo e questo fa la differenza!”
Terrorizzato al pensiero della Juve Campione d’Europa è anche l’impiegato delle poste romanista Tiberio: “Se questi vincono la Champions per noi è finita davvero – si rattrista – era l’unica cosa per cui si poteva sfotterli!”
“Ma no – replica l’assicuratore interista Walter – gli manca sempre il Triplete!
Abbiate fede!”
In disparte, con un terrificante ghigno satanico, il temutissimo carrozziere juventino Ignazio si permette pure di fare della bassa ironia: “Mi sono addormentato sul 2-0 per l’Arsenal – sghignazza – ma è finita così?” Il bieco interrogativo cade ovviamente nel vuoto, mentre come al solito l’avvizzito pensionato Ambrogio, uomo che non ha mai brillato per il tatto, se ne esce con una delle sue: “Com’era il proverbio? – domanda – Vedi il Napoli e poi muori!”

 

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili