20C: Inter-Sassuolo 0-0

INTER (4-2-3-1): Handanovic; D’Ambrosio, de Vrij, Skriniar, Asamoah; Vecino (37′ st Borja Valero), Brozovic; Politano (36′ st Martinez), Joao Mario (15′ st Nainggolan), Perisic; Icardi. A disposizione: Padelli, Ranocchia, Gagliardini, Candreva, Dalbert, Miranda, Vrsaljko. Allenatore: Spalletti
SASSUOLO (4-1-4-1): Consigli; Lirola, Magnani, Peluso, Rogerio; Sensi (31′ st Magnanelli); Berardi, Duncan (28′ st Bourabia), Locatelli, Djuricic (17′ st Boga); Boateng. A disposizione: Babacar, Ferrari, Satalino, Pegolo, Brignola, Lemos, Adjapong, Dell’Orco, Matri. Allenatore: De Zerbi 
ARBITRO: Pairetto di Torino
NOTE: Ammoniti: Brozovic (C), Sensi, Rogerio, Peluso (S). Recupero: 2′ e 3′. Calci d’angolo: 11-0 per l’Inter.
Partita a porte chiuse con apertura del solo primo anello riservato a bambini e scuole.

48 Commenti su 20C: Inter-Sassuolo 0-0

  1. Caro GLR, siamo d’accordo che non può essere colpa di Spalletti se c’è gente che quando va in campo sbaglia passaggi a due metri, però; giusto per curiosità,che tanto fare peggio sembra difficile, il tecnico potrebbe farci provare l’ebbrezza di giocare con due punte dall’inizio? Solo in casa; contro le squadre di medio/bassa classifica eh.

  2. Pasquale Somenzi // 20 gennaio 2019 a 05:12 // Rispondi

    Era il 14 maggio 2017 quando Inter-Sassuolo finì 1-2 con doppietta di Iemmello. Da allora sono passate 69 partite ufficiali con oggi in cui
    nessun calciatore ha più segnato una doppietta contro l’Inter ed anche da allora Iemmello non ha mai più segnato una doppietta, senonché è tornato a segnare una doppietta oggi pomeriggio col Foggia proprio nello stesso giorno di un’altra Inter-Sassuolo.
    Oggi Handanovic ha raggiunto Toldo a quota 95 partite ufficiali a difesa della porta dell’Inter senza subire reti. Il prossimo da raggiungere è Julio Cesar a quota 121. Se però limitiamo il discorso al campionato Handanovic è a quota 86 partite e Julio Cesar invece a 95. In una statistica che ora cito Spalletti ha fatto leggermente meglio di Mourinho:
    L’Inter non subisce gol in casa in campionato da 7 partite e complessivamente da 667 minuti (+ recuperi) mentre l’ultima volta che fece una striscia simile in casa fu nel 2010, ma allora tra il gol preso da Maccarone in Inter-Siena 4-3 e quello di Tiribocchi in Inter-Atalanta 3-1 passarono 660 minuti (+ recuperi) quindi qualcuno in meno.
    Pasquale.

  3. Ciao Gianluca, la mia idea rimane sempre quella che cacciare qualcuno che è a metà dell’opera crea un danno unicamente a te che intrapreso un progetto. La mia consapevolezza di oggi è però che ci siamo abituati alla mediocrità, a non vincere con squadre molto inferiori e va comunque tutto bene perché il PROGETTO va avanti….spero di sbagliarmi

  4. Claudio Fusco // 20 gennaio 2019 a 06:30 // Rispondi

    Voglio essere provocatorio. Di Politano si dice che sia sempre uno dei migliori in campo. Per come la vedo io, invece, pur essendo un giocatore frizzante, a Icardi mancano proprio i tanto criticati cross di Candreva. Perché l’ex laziale era primatista in fatto di assist, mentre con Politano, Icardi è fermo a 6 gol su azione. Mancano proprio quei cross dietro la linea dei difensori che l’ex Sassuolo non fa mai, perché taglia col sinistro dentro il campo , e manco tira mai in porta.

  5. Purtroppo al tifoide mancano equilibrio e visione d’insieme; li riconosci subito, hanno in dote la miglior formazione ovviamente DOPO la partita, rimpiangono i giovani della primavera che puntualmente si perdono nelle serie minori, incolpano Icardi che ha….oooops.

  6. Lasciamo stare la storia della “bestia nera”. Abbiamo incontrato una squadra ben messa in campo, con idee precise e lineari di gioco. E…siamo andati in crisi. Speriamo sia solo un episodio a se stante. Alcune sostituzioni andavano fatte ben prima. Prt dirne una, quella di J.Mario, che tutti danno per rigenetato (sic!). Comunque amala sempre.

  7. Non so di chi è la colpa di questo strazio, vorrei solo che Wanda Nara chiudesse la bocca, ciao G.Luca da Flavio Bono Desenzano

  8. Dal 2015-16 son gli stessi che le pigliano dai sassuolesi e che dovevano affrontare con altro cipiglio, ma si vede che durante le Feste, si son appesantiti e che non reggono la pressione di “poter alzare un trofeo”. Spalletti resti pure, ma il 4 4 2 è meglio di far giocare J.Mario,tanto che cambia?

  9. Fabio Primo // 20 gennaio 2019 a 08:14 // Rispondi

    I due giocatori da te citati sono indubbiamente quelli che ieri hanno impressionato più negativamente. Ma tutta la squadra mi è sembrata ancora con la testa in vacanza. Peresic invece è scusabile perchè è svagato e fiacco da inizio stagione. E’ andata bene perchè il Sassuolo si è anche mangiato dei gol fatti.

  10. Quanti bei bimbi al Meazza : si saranno pure divertiti, ammirando il “sassuolo” in campo; per rivedere – senza arrabbiarsi – i “sassi”, meglio organizzare una gita fuori porta … a Matera!

  11. Abbiamo giocato male. Lenti macchinosi, il migliore è stato Handa. Ha questa squadra manca in toto il centrocampo. Ciao.

  12. francesco dal cilento // 20 gennaio 2019 a 09:27 // Rispondi

    GL purtroppo soffriamo maledettamente le squadre che giocano palla a terra. E il Sassuolo è una delle migliori. Se non riesci a vincere, almeno non la devi perdere. In questo siamo leggermente migliorati. Detto ciò stiamo giocando con la stessa squadra dell’anno scorso, eccezion fatta per poli asa e de vrji. E poi la colpa sarebbe di spalletti? Lo ribadiro’ fino alla noia. I giocatori fanno la differenza. Non gli allenatori. Spalletti sta rispettando ampiamente l’obiettivo datogli dalla societa

  13. Bè, io sono d’accordo con te. La strada è ancora lunga. Comunque, volendo, questo pareggio può essere visto come un miglioramento rispetto alla partita di andata. Sotto il profilo della classifica, naturalmente.

  14. Un’Inter deludente, centrocampo inesistente e migliore in campo Handanovic , anche ieri sera Perisic non ha giocato un gran partita ma le colpe se così vogliamo chiamarle sono sempre da attribuirle a tutta la squadra è ogni tanto anche al mister..il pareggio non mi è piaciuto.

  15. E fu così che la grande astinenza da campionato divenne la più classica delle delusioni leopardiane.
    Che dire, un passo avanti rispetto alle ultime con i neroverdi col coltello fra i denti quando vedono neroblu (di Milano, perché dai bergamaschi ne prendono 6 a domicilio). Mancava Keita che nell’ultimo periodo ci ha spesso tolto le castagne dal fuoco, c’è chi pensa al contratto, chi alla Premier, ma fondamentalmente siamo questi, quindi teniamoci stretto la buona classifica che per ora abbiamo

  16. Ponente nerazzurro // 20 gennaio 2019 a 11:12 // Rispondi

    Scusate, ma è lo stesso Sassuolo che si è fatto rifilare quattro gol in casa dai disperati del Milan? O è un semplice caso di omonimia?

    • Pasquale Somenzi // 20 gennaio 2019 a 16:01 // Rispondi

      Quando 2 campionati fa nelle ultime 18 giornate l’Atalanta perse solo una partita su 18 (Inter-Atalanta 7-1) pensi che nelle altre 17 partite Juve, Roma, Milan, Napoli che con l’Atalanta non hanno vinto facevano ironia se era la stessa squadra che aveva preso 7 gol dall’Inter? Sono risultati che capitano, son sempre capitati e sempre capiteranno.
      Pasquale.

  17. Per fortuna il Sassuolo lo incontriamo 2 volte l’anno (vedendo come ci va). Pensavo ci fosse maggior voglia o intensita’da parte di tanti giocatori che sono scesi in campo oltre a quelli che tu hai citato. Magari pensano ancora di essere in vacanza e nessuno gli ha avvisati che il campionato e’ incominciato. Sempre Forza Inter

  18. Altro passo falso, non grave come l’eliminazione dal girone Champions, ma ugualmente significativo. Penso che pesano alcune scelte non felici: 1) Non riscatto di Cancelo (si poteva trovare il modo di farlo); 2) Aver concluso l’operazione Nainggolan dal costo complessivo di 39,2 mln con il sacrificio del miglior giovane prospetto italiano. In entrambi i casi si evidenzia una grave mancanza di conoscenze tecniche. Finalmente la proprietà ha deciso di assumere una figura del calibro di Marotta.

  19. Certo se sbagliano passaggi a 2 metri e colpa di Spalletti , se non riescono a controllare una palla e colpa di Spalletti. Sento spesso che bisogna comprare i campioni, non mi sembra che ieri sera il Sassuolo giocasse con modric Zidane e Maradona. E pure hanno sbagliato pochi passaggi. La juve sbaglia 3-4 passaggi a partita, noi in 5 minuti. Il Sassuolo ci pressava come il Barcellona in 4-5 e non siamo mai riusciti a trovare una soluzione.

  20. non è colpa di Spalletti però sono convinto che lui a fine anno, a meno che non alzi un trofeo, pagherà per aver dato il nullaosta alla cessione di Zaniolo pur di avere il ninja. certo nessuno poteva prevedere l’esplosione del ragazzo a livelli così elevati e la pochezza del ninja questo anno, però la societò ha fatto una figuraccia e qualcuno dovrà pagare. personalmente lo terrei ancora 1 anno almeno.
    ma il Sassuolo con la Juve gioca mai così bene?…amala

    • Certo…è Spalletti che ha ceduto Zaniolo, non la Roma che ha chiesto proprio lui ad Ausilio per accettare pure Santon…Idee sempre chiare su come agisce una società…Capirà che sono ironico? Non credo…
      GLR

  21. Ringraziamo il Sassuolo per averci graziato e concesso un pareggio tanto per non deludere completamente le migliaia di bambini festanti sugli spalti di una platea che meriterebbe ben altro spettacolo da parte dei nostri prodi pedatori.
    Siamo alle solite: una volta assodato che l’obbiettivo massimo raggiungibile è il 3° posto gli eroi nerazzurri si limitano a fare il compitino, piuttosto male, tanto per sgranchirsi le articolazioni intorpidite dal freddo e noia. Alla faccia della professionalità.

  22. Prestazione imbarazzante. Riguardate l’ultima loro azione, è un concentrato di errori da matita blu: Perisic sbaglia il passaggio a centrocampo e fa partire il contropiede, Valero si fa uccellare come un ragazzino degli Esordienti, Locatelli e Berardi giocano indisturbati e la danno a sx dove non c’è nessuno a marcare, tiro, miracolo di Handa e ribattuta a colpo sicuro su cui si immola Skriniar, con 5 (cinque) loro giocatori nella ns area.
    E davanti, escluso Politano, è notte fonda.
    Claudio – PR

  23. Che dire: si Icardi cerca il cappuccio della penna del contratto e si l’altro mi sa che ha perso ancora… ma queste cose GL, ci possono essere, il nocchiero le sa e perDiana trovi il modo di uscirne. Su Spalletti ti chiedo una cosa, siamo sicuri che non abbia dei preconcetti nei confronti di qualche giocatore? Ieri sera un Gagliardini, un Candreva visto correre con bel passo. Perché ogni volta quei cambi e sempre togliendo Politano che vuol dire impoverire il gioco? Amala…

  24. A questo punto, e prima che il danno sia irreparabile, spero in una bella strigliata della società (Marotta in primis), a tutti quelli che sono scesi in campo, ricordando loro che sono pagati profumatamente per correre e non per sbagliare passaggi elementari, tranne ovviamente il grande Handanovic che ci ha tenuto a galla, tanto per cambiare.

  25. Ciao GLR se Nainggolan non ripagherà con prestazioni di alto livello da qui alla fine del campionato, chi ci rimetterà giustamente sarà Lucianone a cui sono grato di questi 2 anni insieme ma a cui non perdono la cocciutaggine di insistere su questo modulo pur avendo i giocatori per adottare o la difesa a 3 o giocare con 2 punte e un trequartista, oltre che aver voluto fortemente un campione il cui fisico gli sta chiedendo il conto per uno stile di vita non da atleta e non da professionista. AMALA

  26. Indolenti, imprecisi, inconcludenti. Quando incontriamo avversari sulla carta più deboli ma privi di timori reverenziali facciamo sempre la stessa figura barbina. A parte qualche eccezione la maggioranza dei nostri “beniamini” affronta queste gare con superficialità e poco impegno, palesando anche limiti tecnici e di personalità. Abbiamo bisogno di soggetti grintosi e che s’impegnino sempre, rispettando almeno chi li paga profumatamente se non vogliono farlo con noi semplici appassionati delusi.

  27. Per vincere ci vuole talento e determinazione. All’Inter, manca ancora quella fiamma che fa superare gli ostacoli e raggiungere la vittoria contro un buona squadra come il Sassuolo infarcito da giovani promesse.

  28. Icardi deconcentrato… a me sembri generoso. Io penso sia una “mollezza” voluta. il problema della non professionalità dei calciatori però mi pare di difficile soluzione. Per arginare il fenomeno che “armi” ha una società? specie con gente come Icardi che sa di essere forte? Parliamoci chiaro… se si mette Icardi (o chi per esso) in tribuna un mese questo non rinnova e a giugno saluta. a prescindere dai tifoidi poi lo devi rimpiazzare e non mi sembra facilissimo

  29. Non è detto che le responsabilità siano per forza di quello che dici sui giocatori è vero ma questo non assolve Spalletti da colpe evidenti e ripetute. La squadra non ha un’anima gli errori tecnici sono innumerevoli e la scelta di Nainggolan è stata sua contro ogni logica visto che il giocatore si conosceva bene nei suoi limiti di professionista vedi anche l’esclusione dal mondiale (qui colpa anche della società).
    Comunque il livello è questo siamo in linea con gli obiettivi ma dal prossimo anno

  30. facciamo una fatica pazzesca a costruire e a fare rete.
    Oramai credo che la nostra squadra sia strutturalmente mediocre, e questo dipenda in parte (70) da giocatori che sono tecnicamente e caratterialmente limitati e in parte da un allenatore (30) che non riesce a modificare questo stato di cose.
    Da figlio di contadini, realista e poco propenso ai voli pindarici, guarderei bene indietro, perché questa squadra ha una affidabilità molto limitata e anche 5-6 punti sulla quarta sono pochini…

  31. Vediamo il bicchiere mezzo pieno: abbiamo un punto in più del girone di andata. :)

  32. Ciao GLR, giusto non attaccare sempre e solo l’allenatore, ma non è un caso che nelle ultime 6 partite di campionato abbiamo fatto appena 4 gol,2 nelle ultime 4 di Champions, non ne facciamo più di uno dal match con la Roma; abbiamo un gioco ripetitivo che ormai tutti conoscono, basato solo sui cross, poi se abbiamo pure i nostri top players che non girano è normale far fatica ogni partita.

  33. Ok, non avremmo un grande centrocampo, però Lucianone è qui da ormai un anno e mezzo e il gioco in molte occasioni latita. Inoltre è cocciuto. Ripete sempre gli stessi errori: non prova mai a sparigliare le carte inserendo magari una seconda punta un po’ prima dell’80° e quando fa i cambi spesso sbaglia. Non cambia mai modulo insistendo col 433 che ormai conoscono tutti. Perisic se l’è sposato?! Non mi ritengo un mangia allenatori, mai io noto un sacco alti e bassi e spesso tanta confusione.

  34. Ma cosa pretendete? L’Inter é la stessa squadra dell’anno scorso. Arrivata 4 a 10 min dalla fine del campionato. Il mercato ad oggi é stato un fallimento. Tolti Politano (che deve imparare a gestirsi) De Vrij ed in parte Lautaro gli altri cosa hanno dato? L’acquisto top é un bradipo. Un ex atleta. Con il fisico e la testa appesantiti dagli stravizi. In queste condizioni siamo terzi. Tanta roba. Piuttosto Suning metta mano al portafoglio e faccia un mercato serio. Poi potremo discutere Spalletti.

  35. Le partite dopo la sosta sono sempre complicate e ormai il Sas sta diventando la nostra bestia nera. Prendiamoci sto punto e aspettiamo tempi migliori. Unico appunto al mister: evitare dichiarazioni di intento di alzare trofei dopo una prestazione così scadente. Io personalmente non le farei comunque, anche a seguito di buone prestazioni. Per me dire quelle cose ieri sera, dopo una partita del genere, mi sa un po’ di presa per il… Amala

  36. Prestazione mediocre, di giocatori mediocri, messi in campo da un allenatore mediocre, in una società (ancora) mediocre. Ogni tanto ne imbroccano una. Ma siamo questi e stiamo lì perché chi segue è peggio di noi.

  37. Casualmente come Spalletti ha dichiarato che sarebbe ora di alzare un trofeo, le signorine che vanno in campo hanno pensato bene di inserire la marcia indietro schiacciando sull’accelleratore. Per fortuna Handanovic e Skriniar hanno staccato il piede dal pedale regalando un punto preziosissimo: l’Inter è salva!!! Il Sassuolo veniva da tre partite nelle quali aveva incassato 11 gol (conto anche quello ingiustamente annullato al Torino).La prossima è in casa dei granata del “piangina” sperem…..

  38. Purtroppo ormai dal 2011 con qualunque allenatore facciamo una fatica mostruosa con le squadre cosiddette inferiori mentre abbiamo sempre sfornato prestazioni da sufficienti a buone ed in non isolati casi ottime contro squadre di pari o anche superiore livello. Il problema, ergo, NON è l’allenatore (Spalletti tra l’altro riesce a recuperare quasi chiunque, e la società lo vede eccome). Questo è il problema. Sono psicolabili. Dall’80’ col PSV sbagli 3 azioni da gol. C’entra Spalletti? Forza Inter

  39. Sono d’accordissimo con te sul fatto che se hai un grande ds, per quanto insista il tuo allenatore, Zaniolo non lo dai via. Comumque l’estate scorsa tutto era complicato dai paletti FairPlay e dalla…parsimonia di Nanchino che ha
    portato a conseguenze ben peggiori (mancato riscatto di un campionissimo lusitano…). Penso che Spalletti a qs punto dovrebbe avere l’elasticità mentale di provare a far giocare quei due argentini e cambiare qualcosa a centrocampo dato che radja mette il calcio al V posto

    • Non ho detto questo. Non hai capito nulla. Nelle cessioni con richiesta di contropartite tecniche in particolare l’allenatore non c’entra nulla. Le fa la Società.
      GLR

  40. Ciao Gianluca, tu frequenti appiano, ma qual e’ il problema? Nelle partite contro le squadre chiuse non giochiamo: nessuna accelerazione, tiro da fuori ne contropiede… Sento Spalletti che dice che devono sempre “ripulire la palla” cioè giocarla fino a che trovano spazio, ma questo non rallenta il gioco? O forse è una questione di personalità dei giocatori? O un’incapacità tecnica? Come risolvere? Col mercato? Col modulo? Facciamo più fatica con Sassuolo e Torino che con Napoli e Milan…

  41. Premesso che ad oggi spalletti sia il meglio che ci sia in giro(per il NS livello economico/societario)spero che a giugno sia il ninja a far le valigie…svogliato e con la testa in chissà cosa(in realtà lo sospetto). Su icardi è un concorso di colpa con la società.Se vuoi rinnovare fallo e basta.ormai tra la moglie e tutto ciò che si scrive e dice il ragazzo ha perso il filo conduttore.Sulla partita è solo la riprova che non siamo una grande, ad oggi, senso di appagamento per un 3 posto sicuro!?

  42. Io non addosso le colpe al mister. Al momento ci troviamo dove l’Inter deve stare: Tra le 4. Detto ciò mi piacerebbe più inventiva davanti cambiando magari assetto e interpreti per ovviare alla difficoltà realizzativa. Facile a dirsi mi dirai tu. Ma io sto dietro ad una scrivania, lui sta ad Appiano e con ben altro cedolino.

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili