14C: Inter-Spal 2-1

Serie A, 14agiornata, 1.12.19

33 Commenti su 14C: Inter-Spal 2-1

  1. Rispetto al 29 novembre 2009 continuiamo ad avere 2 punti in più in Campionato mentre in Champions viaggiamo con un punto in più.
    Bisognerà fare molta attenzione alla Roma non vorrei ci costasse due punti come allora! Comunque per rallentare “la Vecchia” faccio molto conto sugli amici laziali che con un Immobile super mi paiono in un buon periodo di forma.
    Il sogno dunque continua anche dopo la Spal! Parlarne quasi mai, Gian Luca, pensarci sempre!
    Viva l’Inter

  2. Pasquale Somenzi // 1 dicembre 2019 a 19:16 // Rispondi

    Inter a segno in tutte le prime 19 partite ufficiali della stagione, cosa che le era riuscita solo nel 1913/14, quando la stagione iniziò il 12 ottobre con Como-Inter 1-5, prima giornata del girone eliminatorio lombardo-piemontese e segnò ininterrottamente appunto per 19 partite fino al 15 marzo 1914, Inter Vicenza 4-1, prima giornata del girone di semifinale.
    Inoltre sono complessivamente 22 le partite ufficiali in cui l’Inter va a segno e ciò non accadeva dalla stagione 2006/07 ovvero nella striscia in cui stabilì l’attuale record di 17 vittorie consecutive in serie A. Allora la serie si interruppe alla 23a partita con il pareggio per 0-0 in coppa Italia con la Sampdoria.
    Per trovare la Juventus che perde il primato solitario bisogna tornare a fine novembre 2003 quando Juventus-Inter finì 1-3 e la coppia Milan-Roma effettuò il sorpasso.
    Per la precisione la Juventus ha subito 2 sorpassi nel campionato 2011/12 ma determinati dal fatto che le partite contro Napoli e Bologna vennero rinviate e perse il primo posto solo perché non scese in campo.
    12 vittorie nelle prime 14 di campionato l’Inter le aveva ottenute quando la serie A non esisteva ancora, un secolo fa, nel 1919/20 quando partì con 12 vittorie e 2 pareggi.
    Lukaku + Sensi, anche se oggi non hanno segnato, con 13 rerti in campionato, hanno segnato tanto quanto tutto il Milan.
    Pasquale.

  3. “Piedi per terra”, certo… però se MEZZA Inter è davanti ad una Juventus che ha DUE squadre ma ha recuperato troppe gare per il rotto della cuffia (e con l’impunito difensore pallavolista = altri punti in più), immàginati un’Inter “sana” con Sanchez, Sensi e due innesti di spessore (non oso sperare Vidal o Ibra) a gennaio.
    Mi fa quasi più paura la Lazio, che sabato spero “mazzoli a dovere” una Juve con più punti di quanti non ne meriti.
    Da ultimo: al Barça parlano troppo di Lautaro. Sciò! 😀

  4. Altra vittoria non scontata, dopo le fatiche di coppa. Il gruppo ci crede, anche se il cammino e’ lungo e difficile.

  5. La classifica non guardiamola ma 12 punti sulla quinta sono da punto esclamativo!!! Sensazioni strane: anche questa volta non avvertivo pericolo, mi sembrava tutto filasse per il suo verso: mi sto abituando troppo bene?!
    Un appunto il gol preso, per come è stato preso con l’avversario che entra in area un paio di finte e si trova, non contrastato, a tirare in porta. Questo è almeno il 3/4 gol preso in questo modo (Sassuolo, Dortmund, Juve, Spal) andando a memoria. C’è qualcosa da rivedere. Amala

  6. squadra matura, incredibilmente. oggi temevo il solito, vecchio, braccino ed invece…niente paura !a parte una fisiologica stanchezza nella seconda parte del secondo tempo. bene cosi’ ! chissa’ mai…..

  7. Paolo Sabiu // 1 dicembre 2019 a 20:31 // Rispondi

    Nella giornata che non ti aspetti arriva il sorpasso: ottimo. Primo tempo a senso unico, mentre nella ripresa forse la squadra ha smaltito le tossine di Coppa e di conseguenza ha arretrato il baricentro. Comunque, dato il numero di occasioni, poteva finire tranquillamente 4 o 5-2.
    Ora il periodo tosto. Speriamo che stavolta cambi del tutto il trend delle annate in cui ci si ritrovava a inizio dicembre là sopra ma poi arrivava il crollo. Però con questo tecnico e l’ad alle sue spalle ho fiducia.

  8. Partita difficile specie dopo il gol della Spal. C’è anche da dire che il campo era pesante, avevamo nelle gambe la trasferta di Champions e ci sta anche riconoscere che ci sono gli avversari. A proposito di avversari: in Italia, a parte forse il Brescia, non ci sono squadre materasso e quindi bisogna giocarle tutte con grande grinta e intensità. Lautaro è FORTISSIMO ma è giusto riconoscere che è giovane e può crescere sia a passare di + la palla e sia a dribblare nel 1 contro 1. Forza INTER

  9. Fine 1° tempo, gongolavo : questi – grazie al condottiero Conte – la partita la fanno ed i tre punti li portano a casa. E finalmente per noi tifosi niente sconforto, rassegnazione ed acidità di stomaco. Poi c’è stato il 2° tempo : momenti di panico, rabbia per non saperla chiudere e qualche imprecazione; non tutti gli uomini in campo sono “d’eccellenza” (di tecnica e d’impegno). Però alla fine punti e classifica (ad oggi) meritati. Capisco sempre più i messaggi del Mister alla Società. Speremm!

  10. Diego Raimondi // 1 dicembre 2019 a 21:11 // Rispondi

    Primiiii !!! Considerando le traversie recenti mi sembra quasi un miracolo. La-Lu in grande spolvero con bella intesa nelle giocate. Lauti non si tiene più, piede, testa, ci speravo ma sta superando tutte le più rosee aspettative. Da blindare assolutamente. Purtroppo si avvicina il ”muro di Gennaio”, speriamo di abbatterlo con l’ ”effetto Conte” possibilmente anche recuperando almeno qualcuno dei feriti. Teniamo duro e aspettiamo qualche agognato rinforzo ! Classifica incredibile ! Amala

  11. Ciao GLR. Incredibile, lo Scansuolo non si è spostato!!!! Io nei gobbi non vedo scricchiolii, quest’anno c’è un competitors serio. Il Napoli, storia insegna, è come la Roma. Eterni secondi. Noi siamo un cosa diversa. Una considerazione: vedo Conte, ho anche stimato Spalletti eh, e mi domando chi dice che l’allenatore non conta… Dopo Mou questo è il top che ho visto

    • E’ sempre una questione di lana caprina. L’allenatore conta nella misura in cui gli dai giocatori seri: dire che conta il 20% non vuol dire che conti poco, visto che se lo traduciamo in punti su 90 punti il 20% sono 18 punti in classifica!
      GLR

  12. Che bello vedere un Inter così. Dopo la bella partita in coppa una bella prestazione in campionato. Quei 2 la davanti si trovano a meraviglia altro che icardi…. Non so se dureremo fino alla fine contro le 2 Piemonte calcio ma quest anno terzi… Mai. AMALA

  13. Stiamo facendo bene, ma ricordo che rispetto alla Juve non abbiamo ancora giocato contro due delle squadre più forti: Atalanta e Napoli.
    Anche se, a differenza loro, abbiamo già superato l’ostacolo Lazio!
    Comunque sia è sempre bello assaporare aria fresca dalla vetta!

    • Il Napoli mi pare che non lo si possa ormai considerare tra le squadre più forti, anzi… se i viaggi intercontinentali dei nostri non produrranno “danni”, il Napoli farà la fine di tutte quelle alle quali l’Inter ha fatto visita salvo Barça e Dortmund, ma con un distinguo…
      I catalani se la son vista brutta, ma brutta davvero per un’ora buona. E l’hanno ammesso loro stessi. Ma parliamo del Barcellona, per cui alla fine perdere ci sta. Ai tedeschi è stato fatto un regalo di Natale anticipato!

  14. Guido dalla Croazia // 1 dicembre 2019 a 22:48 // Rispondi

    Darò un dispiacere agli/alle inconsolabili vedovi/vedove del signor Nara, ma Lautaro quest’anno è un fenomeno proprio perchè manca il suo connazionale. Anzitutto gioca quasi sempre (e non i soliti dieci minuti finali) e poi non ha un palo a pestargli i piedi in area (Lukaku è mobilissimo).
    Quindi Monsieur Icardi può riempire la sua bacheca di campionati francesi e se gli va bene anche di Coppe di Francia (che soddisfazione con il PSG!) ma non vincerà più di questo. Contento lui, contenti tutti.

  15. Mi sono travestito da Somenzi e ho verificato la cronistoria degli infortuni di Sensi. Nei 3 anni di Sassuolo ha saltato per infortuni muscolari 25 partite su 114 (22 %). Sinora nell’Inter ne ha saltate 10 su 19 (inclusa la Champions) e non sembra ancora finita (26,1%), In pratica da 4 anni salta più di una partita su 4 per guai muscolari. Secondo te vale la pena spendere soldi per riscattarlo, o piuttosto sarebbe meglio andare a cercare un centrocampista più affidabile?

  16. Molto bene. Conta sicuramente poco essere davanti ai primi di Dicembre, ma intanto ci siamo. Godiamoci il presente.
    Claudio – Parma

  17. …sogno o sono desto?
    Bellissimo momento, bravi tutti, Lautaro super, Lukaku un totem.
    Vediamo di andare avanti cosi, o anche meglio.
    Sono molto preoccupato per Sensi, che non rientra più.
    Possibile che quando ne abbiamo uno davvero sopra la media, questo si debba rompere per tre mesi?
    MRC

  18. E pensare che se Icardi non si fosse volontariamente levato dal campo Martinez l’anno scorso avrebbe giocato in attacco meno di Ranocchia…in quanto a capacità di fare danni gli allenatori contano eccome!

  19. Fabio Primo // 2 dicembre 2019 a 11:36 // Rispondi

    Il calendario da qui a fine girone d’andata è durissimo. Fino alla pausa solo il Genoa in casa alla portata. Poi alla ripresa a gennaio abbiamo Napoli e Atalanta, due note bestie nere per l’Inter. E a centrocampo siamo messi veramente male

  20. Purtroppo siamo cortissimi di rosa in queste settimane. Adesso abbiamo 5 giorni prima della prossima. un lusso che credo non ci capiti da settembre. La Roma e la Lazio appaiono molto attrezzate. In particolare, secondo me la Roma ha una ricchezza di rosa in avanti che noi ci sogniamo, e sta recuperando tutti gli infortunati. Sarà durissima, specie perché temo non sia facile non pensare al Barça

  21. Caro e immenso GLR, domanda provocatoria: e se il vero obiettivo del nostro mister fosse la coppa dalle grandi orecchie?
    Viva l’Inter sempre e comunque!

  22. Ciao GL. Da ieri pomeriggio (ore 17) i nostri polmoni per almeno 5 giorni respirano aria pulita, bella fresca e pura essendo primi. Ora però questo non significa che dobbiamo adagiarci sugli allori, ma continuare cosi’ fino a che arrivera’ la sosta (se possibile sempre da capoclassifica) per poi aggiungere dei pezzetti per completare il puzzle con il mercato di gennaio. Sperando che arrivino belle notizie oltre che dal campo anche dall’ infermeria.
    Sempre Forza Inter.

  23. Col senno di poi, mi corre l’obbligo di tornare su una critica di tanti contro Spalletti. L’ho criticato anch’io, ma non per aver voluto Nainggolan: lui lo conosceva ed a me piaceva. Poi nell’Inter è stato un flop, un’amara delusione (tralascio per colpa di chi). Oggi nel Cagliari il belga è tornato quello che conosceva Spalletti e l’Inter – ragionamento semplicemente “teorico” il mio – con questo Nainggolan avrebbe qualche problema in meno in centrocampo. Caspiterina!

    • Sottolineo però che per un tipetto piuttosto indisciplinato nei orari in cui andare a dormire un conto è giocare una partita alla settimana un conto tre gare alla settimana. Che poi sia un giocatore di livello superiore nessuno lo ha mai messo in discussione: se è per questo nemmeno Conte, ma si è arreso ancora prima di cominciarci a lavorare ed è facile capire perché…con Conte devi durare 8 mesi, non 2.
      GLR

      • Domanda – credo – sensata, visto il rendimento mostruoso che Nainggolan sta dimostrando in rossoblu e che tutto sommato ha fatto intravedere anche all’Inter (senza dimenticare che se siamo in Champions lo dobbiamo a lui e non a chi con quel rigore sbagliato ha seriamente richiato di tenerci fuori: dei tre “reprobi”, ritieni possibile che almeno il belga faccia ritorno alla base (gli altri due spero rimangano dove sono)? Farebbe comodo assai…
        Ciao, R.

        • Parli con un estimatore di Nainggolan ma molto onestamente devo risponderti di no e per due ragioni: la prima è che Conte guarda prima di tutto all’extracampo di ognuno e purtroppo quello del Ninja lo conosciamo bene. Poi un conto è giocare una partita a settimana a cagliari, un conto è giocane tre a Milano. Tu dirai: “Vabbè, ma lo si può utilizzare solo per una partita a settimana”. No, perché con Conte devi essere pronto anche quando dormi e Nainggolan dorme sempre troppo poco.
          GLR

          • Tu dirai: “Vabbè, ma lo si può utilizzare solo per una partita a settimana”. No, in questo ti do ragione: DEVI essere pronto sempre.
            Ma, leggendo qua e là, alcune sue dichiarazioni lasciano capire che sarebbe disposto a cambiare. Bisogna tenere presente anche il serissimo problema della salute della moglie. Non penso avrebbe tante distrazioni…
            Non so perchè, ma sento che se lo riprendessero converrebbe ad entrambe le parti. Gli altri due (che non si possono vedere) rimangano pure dove sono…

  24. Sto godendo come un Mammuth avvoltolato a Kate Moss in un scintillante privè di Covent Garden ma gli infortuni ormai sono fuori scala: al prossimo che si “scassa”, Conte sarà costretto a scendere in campo personalmente. Sappiamo che quelli là hanno perso la vetta in solitaria in due occasioni negli ultimi 20 anni: nel 2003 non riuscirono poi a vincere, nel 2012 invece purtroppo iniziarono l’impero, nel 2015-16 erano 12i ad 11 punti dalla vetta dopo Sassuolo, poi furono 25 vittorie in 26 partite e ciao

  25. Ciao GLR. Vista l’ecatombe di centrocampisti, leggo oggi su vari media di soluzioni fantasiose come Lukaku trequartista o Candreva interno. Ma sono solo io che farei giocare Skriniar a centrocampo? Ci gioca già in nazionale, i piedi sono abbastanza educati (vedi lancio millimetrico a Lukaku a Praga in occasione del 4′ gol poi annullato) sicuramente sarebbe un bel frangiflutti davanti alla difesa. Ok, non è Sensi e Barella però, vista l’emergenza, secondo te per 2/3 partite non si potrebbe fare?

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili