L’Inter è ancora in crisi

La gestione prima ancora del risultato della gara a Ferrara con la Spal è stata pessima e la crisi dell’Inter prosegue. Avevo sperato che il buon finale con la Roma fosse un segnale di ripresa, ma oggi posso confermare il timore che avevo già espresso circa le si scelte suicide di Di Francesco. Eppure in una giornataccia, con Paloschi che ha punito la solita disattenzione difensiva al 90’, l’Inter ha persino guadagnato un punto sulle due romane, battute a sorpresa da Milan e Sampdoria. Sarebbe bastato un filo di attenzione in più a Ferrara e oggi l’Inter sarebbe terza con la Lazio e addirittura con una dote di 5 punti di vantaggio sulla Roma, 6 con lo scontro diretto a favore. Ma la realtà è diversa e l’Inter deve tornare a vincere, cosa che non accade da quasi 2 mesi. Difficile per alcuni convincersi una volta per tutte che questa non è una grande squadra e che quindi il suo rendimento non può essere costante per 9 mesi, ma tutto è diventato troppo prevedibile e complicato, anche perché gli uomini per cambiare davvero passo ancora non ci sono. Il problema è fisico, ma credo soprattutto mentale e certamente tocca a Luciano Spalletti risolverlo con la sua esperienza. Possibilmente in fretta, dato che il calendario ora lo consente. Con l’anno nuovo il problema non sono le sconfitte, visto che l’Inter in campionato ha perso solo due volte e tra l’altro pure di seguito, ma la “pareggite” con tre 1-1 consecutivi, malattia conosciuta da queste parti. Vediamo di guarire in fretta. sveglia.

59 Commenti su L’Inter è ancora in crisi

  1. Una grande squadra non prende i gol di Simeone e Paloschi all’ultimo minuto. Un grande giocatore (Khedira) segna, non fa come Vecino ieri. Almeno il debito con la fortuna l’abbiamo colmato (è passato di moda contare i pali).
    Mi chiedo se il carattere sia causa o conseguenza dei successi: l’Inter di oggi dice che è causa. La Juve involuta delle finali di CL dice che è conseguenza. E in fondo Zanetti era già Zanetti nel 2004?
    Non c’è in giro un nuovo Cambiasso a parametro 0 da qualche parte?

    • Si qui sotto all’Esselunga in offerta. L’Inter non è una grande squadra? Oibò, non me n’ero accorto!
      GLR

  2. Ma è un delitto si lesa maestà giocare in un altro modo che non sia il 4-2-3-1? Vista la forma pessima di Candreva e Perisic, magari con 4 centrocampisti (Borja basso,Vecino centrodestra,Rafinha centrosinistra che spero sia in grado di giocare sennò cosa l’abbiamo preso a fare,Brozo dietro alle punte) e 2 punte di ruolo? Ormai tutti hanno capito come giochiamo,applicano le contromisure e ci mettono in difficoltà. Già temo che con Crotone-Bologna-Genoa vedremo la stessa partita di Ferrara…

    • Le perdiamo tutte fino a fine campionato. Tanto vale non guardarle neanche. Strano, perché al di là della crisi che proprio non nego, ci dev’essere un errore: ne abbiamo perse 20 non due, mah…
      GLR

      • Caro GLR,io volevo solamente dire che magari, visto l’attuale stato di forma di qualcuno, si potrebbe giocare in modo diverso,tutto qua e volevo un tuo parere al riguardo. Non mi sembrava di aver meritato una risposta così ‘tagliente’…però come dici spesso il sito è tuo e giustamente lo gestisci come credi…

        • Ma no, scusami…è solo che quando si vinceva bisognava vincere lo scudetto, adesso leggo stronzate da tredicesimo posto in classifica.
          Ne cestino il tra il 70% e l’80% tra l’altro…
          GLR

  3. E il solito film degli ultimi 6 anni.
    Societa’ e direttori sportivi incapaci e allenatore e giocatori mediocri.
    A me interessa il distacco da chi vince lo scudetto e da chi ci va vicino, non se arrivi terzo, quarto, quinto o sesto perche’ gli altri fanno peggio.
    L’anno prossimo se arrivi terzo o quarto confermi Spalletti e vai in Champions a farti prendere a sberloni da tutti e in campionato secondo me peggiori vista la difficolta’ a reggere una partita a settimana quest’anno.

    • Bene, Tutti mediocri. Che altro aggiungere? Tanto vale tornare a seguire l’Inter quando giocherà per lo scudetto. Non credo a breve nei prossimi anni.
      GLR

  4. Davide Capuano // 29 gennaio 2018 a 15:53 // Rispondi

    Buon pomeriggio Dott. Rossi, volevo iniziare congratulandomi per la sua obiettività e competenza. Siamo in un periodo poco felice, ma siamo li in piena lotta Champion’s ,obbiettivo dichiarato della società. Sono d’accordo con lei sul fatto che il tifoso medio interista non abbia equilibrio, tant’è che già in molti vorrebbero la testa di Spalletti, assurdo. Il mio desiderio sarebbe quello di arrivare quarti davanti al Milan, quinto dietro di un punto, perciò zero ambascia e invertire la rotta. W l’Inter

    • La ringrazio. Quelli che chiedono la testa di Spalletti non sono poi molti… sono solo i pochi che hanno tempo da perdere. Il 90% dei tifosi è dotato di intelligenza media e non penserebbe mai una cosa del genere. Poniamo pure che il resto sia un 10% che io nemmeno considero, ma ovviamente fanno notizia e si notano. È normale che lo stupido sia sempre più notato della persona normale nella civiltà dell’apparire. Per il resto non cambio idea e credo che noi arriveremo quarti, mentre il Milan al massimo, ma proprio al massimo, lo vedo al sesto posto finale.
      GLR

      • Davide Capuano // 1 febbraio 2018 a 14:38 // Rispondi

        Buongiorno GLR,la ringrazio per la gentile risposta. In merito al mercato sono deluso nelle dovute proporzioni. Sapevamo di essere in subordine ad altri interessi del nostro patron, per cui invito la tifoseria ad essere matura, la cosa più importante è centrare il 4 posto, contestare una persona che si trova a trilioni di Km non ha senso, anzi potrebbe rappresentare un alibi per i nostri calciatori. Se non dovessimo arrivare 4 sarebbe lecito chiedere delle delucidazioni sulle reali intenzioni societarie

  5. Da ritrovare, in fretta, entusiasmo e voglia di fare. Sarebbe forse il momento che i vertici della societa’ si facciano sentire, richiamando i nostri alle proprie responsabilità’. Al contrario di Buffon alla Juve, il richiamo del capitano Icardi dopo Firenze non ha fatto scattare la scintilla. Anzi.

  6. Dalle crisi si esce con la volontà e la convinzione di uscirne. Spalletti sa sicuramente come si fa, anche se credo sia consapevole di dover scalare una montagna a mani nude, dovendo lottare contro la stupidità di Perisic, l’indolenza di Brozovic, la lentezza di Valero, l’inutilità di Eder, etc, il tutto mescolato a un vergognoso menefreghismo collettivo che fa dell’Inter una non-squadra. Pastore? Benissimo, ma se non cambiamo testa restiamo mediocri.
    Claudio – Parma

  7. Ciao GLR, a tuo parere ci sono analogie con la situazione vissuta due stagioni fa con Mancini? Da telespettatore saltuario e distratto mi pare di rivivere la stessa situazione, ma non so se le analogie sono più tecniche o ambientali. Vorrei una tua opinione. Grazie
    Luca

    • Direi di no, ma giornalisticamente lo si dice perché fa notizia e i confronti fanno sempre discutere. In realtà ogni stagione fa storia a sé: diversi allenatori e giocatori e perfino la società, visto che due anni fa Suning non c’era.
      GLR

  8. La serie di pareggi rimanda all’Inter di Ranieri, anche se rispetto a quella, la difesa malgrado tutto sembra più compatta. Lo scorso anno ci spiegarono che mancando gli stimoli il gruppo mollò ma Il tracollo post Chievo con la miglior partita degli ultimi 3/4 anni non si spiega. Forse la preparazione? Siamo l’unica squadra che per portare max 3 giocatori in area (pochi) impiega 5 minuti, lenti e prevedibili “rischiamo” di segnare buttandola in caciara, o abbandonando la corsia destra come ieri

  9. La crisi che tutti paventavano è arrivata, secondo me ancora più grave ed ingiustificabile dello scorso anno, perché mentre allora si poteva “giustificare” il calo con l’impossibilità di raggiungere il 4° posto dopo il pareggio di Torino, qui invece siamo al 4° posto in linea con gli obiettivi prefissati e poco tempo fa eravamo addirittura primi non perdendo fuori casa con le prime della classe. certo questi cali di gennaio rimangono inspiegabili considerando che cambiano allenatori e giocatori

    • Si, una cosa sola: il tifoso medio dell’Inter paventa crisi ad ogni domenica da 30 anni per come lo conosco io. Prima o poi capitano nella vita di ognuno e non solo nel calcio.
      GLR

      • sono d’accordo, ma qui non c’è bisogno di essere Nostradamus, in quanto negli ultimi 4-5 anni le crisi si ripetono ad orologeria, per cui la società potrebbe anche fare qualcosa per prevenirle, visto che almeno loro “dovrebbero” conoscere i motivi delle crisi di gennaio.

  10. Ciao GL, che non fossimo una grande squadra era abbastanza chiaro, ma mi sembra di rivedere l’ultima stagione con Mancini (magari sperando finisca proprio allo stesso modo visto che arrivammo 4°).
    Un girone d’andata ottimo con l’apice toccato, se non sbaglio, con un 4a1 a Udine e poi il crollo.
    Ok, abbiamo guadagnato comunque un punto sulle romane così non penso andremo tanto lontano.
    Riesci a trovare una spiegazione a questo sistematico crollo che a questo punto é più mentale che fisico?

    • È una squadra che ha perso solo due partite come la Juve ma livello di personalità e singoli nemmeno lontanamente a livello della Juve. Il suo valore rispetta quello dell’attuale classifica, quindi per me non c’è nessuna sorpresa. Ha fatto più del previsto prima, sta facendo male ora.
      GLR

  11. Marco Ferrara // 29 gennaio 2018 a 17:55 // Rispondi

    Film visto e rivisto. Hanno deciso di far durare anche questa stagione solo tre mesi? D’altronde la squadra è la stessa arrivata settima lo scorso anno, “rinforzata” con i mediani dell’ottava (Fiorentina), e Skriniar (unico acquisto davvero indovinato da Suning). Qualcuno avverta i nostri eroi, che l’obiettivo è chiudere il campionato al quarto posto (la Roma ha forse, ancora più problemi), non scalare l’Everest….

  12. Che dire, è stata una domenica a nostro favore, un punto guadagnato sulle romane…… però come si fa a trotterellare per 90 minuti e gli altri che arrivano sempre primi sulle seconde palle, e noi sempre secondi sulle prime, seconde e terze palle, come di fa a sbagliare passaggi facili o perché l’ appoggi troppo piano o perché tiri troppo forte, ma la tecnica di base l’ hanno dimenticata? Continuiamo a sperare, anche se ci vuole tanta ma tanta fede !

  13. per te gianluca chi è l’uomo forte in società? Quello che dopo una brutta prestazione va nello spogliatoio a farsi sentire, quello che “comanda” sul serio?
    Cristiano

    • Teoricamente Sabatini. Teoricamente, perché nessuno ha il bene di vedere Zhang Jindong, che non pare minimamente interessato a venire in Italia
      GLR

  14. Speriamo veramente di cambiare passo perché stiamo diventando la Fatebenefratelli della serie A. Questa Inter è decisamente giù di corda e come se non bastasse calciatori modesti o bomber arrugginiti quando vedono il nerazzurro si trasformano in fuoriclasse. Anche senza meritare ieri sarebbe bastato solo un filo di attenzione in più per portare in porto una vittoria preziosa che non solo avrebbe fatto morale ma anche tanta classifica. Impensabile concedere un goal del genere ad una punta modesta.

  15. Caro Gian Luca,
    come al solito la sveglia suonerà solo quando tutti gli obbiettivi saranno svaniti e allora torneranno a giocare e vincere.

  16. Questa squadra e’lo specchio di una societa’ approssimativa popolata da gente che resta perennemente nell’ombra e consente a questi pseudo-professionisti di calcare i campi come farebbero le vacche al pascolo. Mai nessuno che prende posizione e mette questi giocatori davanti a certe responsabilita’, tranne il povero Spalletti che immagino sia il meno silente o il poco opportuno Ausilio con certe dichiarazioni dello scorso anno. Zhang padre inesistente, il figlio lasciamo perdere…altri ??

    • Quest’anno se non altro c’è Sabatini che ha un po’ di esperienza in certe situazioni e quindi, teoricamente, dovrebbe andar meglio dell’anno scorso
      GLR

  17. Io però non sono d’accordo GLR, mi dispiace ma bisogna avere rispetto di noi tifosi, noi che in casa battiamo record su record di presenze, noi che il giovedì a calcetto con gli amici diamo l’anima per vincere una partita che non vale nulla, noi che al derby di coppa non abbiamo avuto “argomenti” per controbattere alla sconfitta perché superiori sulla carta ma nettamente inferiori nel carattere e nella voglia di vincere, la pazienza è terminata cari miei: fuori gli attributi, senza se e senza ma!

    • Rispetto? 44 punti in 22 giornate non sono sinonimo di mancanza di rispetto. Le ultime giornate sono più segno di mancanza di tranquillità, oltre che di certe doti della cui mancanza comunque qualche cronista, molto modestamente, sapeva
      GLR

  18. Ho paura che lo sciamano nostro perda in certerezze. Guai! Oggi Candreva non c è, perché non lasciare Cancelo a destra? E inserire un centrocampista in più o una mezza punta… quando attacchi stai a 3 dietro e forse con un uomo in più tra centrocampo e attacco c è qualche appoggio in più, qualche triangolo. Oppure riusciremo a sbagliare più passaggi? Di una cosa sono certo interisti oggi dobbiamo sostenere Spalletti, via lui si sprofonda nel buio. Amala…

  19. Il problema è risaputo; se non segna Icardi sono dolori. Io però non me la sento di dargli addosso e ho sempre sostenuto che da solo non può portare il peso di tutto l’attacco per l’intera stagione. Così non me la sento di dare addosso agli esterni o ai cc se non hanno il gol nel dna. La cosa che mi lascia perplesso è che la squadra è strutturata così da almeno 3 anni; mi pare che nessuno abbia mai provato a inserire una qualsiasi variante (tattica) per sopperire a questa carenza offensiva. Amala

    • Diciamo pure che le varianti tattiche importanti costano parecchio, vedi Nainggolan e non possiamo, anzi non vogliamo, permettercele
      GLR

      • Il tuo “non vogliamo” è preoccupante… va bene il fpf, va bene il “blocco imposto”(?), ma rimane un grande dubbio, quali sono le reali intenzioni di questa proprietà? Leggo che x Pastore non c’è l’ok di Suning, fatico molto a comprendere, certo è facile parlare, tanto i soldi li mettono loro, però mi sembra che un’opportunità così non capiti tutti i giorni. Ho timore che il bravo Spalletti possa finire la stagione e andarsene.

  20. Tutti parlano di centrocampo. Ma dei 3 “tenori” davanti niente da dire? Icardi dopo lo scempio di partita a Ferrara invece di stare zitto e defilato gioca con i “social”. Perisic pare essere diventato la fotocopia del suo compagno di merende Brozovic: indolente e scazzato. Si è pentito di non essere andato allo United? Candreva il 90% dei cross che fa finiscono nei piedi dei difensori avversari. Poi stiamo a parlare che la Beneamata è in crisi. Un po’ di panca a turno no è?

  21. Il tuo “non vogliamo” è preoccupante… va bene il fpf, va bene il “blocco imposto”(?), ma rimane un grande dubbio, quali sono le reali intenzioni di questa proprietà? Leggo che x Pastore non c’è l’ok di Suning, fatico molto a comprendere, certo è facile parlare, tanto i soldi li mettono loro, però mi sembra che un’opportunità così non capiti tutti i giorni. Ho timore che il bravo Spalletti possa finire la stagione e andarsene.

    • Preoccupante cosa? Mica è una novità. Lo scrivo da mesi. Basta confrontare i bilanci dei due club e uno lo capisce da solo, senza credere alle balle filo-societarie che gli propinano. Delle due l’una: o non vuoi spendere o se all’ultimo arrivano certi giocatori con certe formule non c’è il Fair Play Finanziario nei modi in cui vi è stato raccontano. Per la verità, saremmo già al limite con Rafinha in caso di riscatto
      GLR

      • Ciao GLR, se ho ben interpretato sembrerebbe che Zhang abbia acquistato l’Inter solo come cassa di risonanza, un po’ come se in formula 1 si prendesse la williams, casa un tempo prestigiosa che da lustro ma che non vincerà mai un mondiale…ho interpretato bene? Spero di sbagliarmi, altrimenti siamo veramente messi male…

  22. Parliamo sempre che Suning non vuole investire. Ma come si fa se i soldi che ha messo sul mercato più di 150ml non sono andati bene (quasi tutti i giocatori mandati in prestito per cercare di svalutarli il meno possibile). E’ logico che andrà cosi fin tanto che non si combinerà qualche acquisto ok. Faremmo tutti cosi se i soldi fossero nostri. Fiducia e forza Inter
    Giuseppe

    • E chi dice nulla? Lo dico da anni che ognuno fa quel che gli pare e che lo Jangsu, per il quale è stato speso ben di più, è più importante dell’Inter. E anche lì, non avendo ancora vinto nulla, non mi sembra siano stati spesi alla grande! basta saperlo. Io lo so e lo scrivo da un bel pezzo, ad onta delle balle su Governo Cinese e Fair Play Finanziario, siete voi che fante finta di non capire.
      GLR

  23. Non sono preoccupato per i seguenti motivi: finalmente c’è una società solida e vicina. finalmente abbiamo dirigenti che a fine partita a Ferrara ci hanno messo la faccia e hanno strigliato è riportato all’ordine i giocatori, sottolineando che è inammissibile vedere prestazioni simili……..

  24. sono sempre stato tra i primi a criticare i giocatori mediocri della ns rosa pensando che fossero loro la causa dei ns pessimi risultati.
    però ora penso sia il momento di chiedersi se i vari Perisic, Candreva, Valero e compagnia bella siano giocatori, non tanto da Inter, ma da semplice 4 posto.
    sono ormai 2 mesi che abbiamo bisogno di loro e dormono.

  25. Claudioeffedeejay // 30 gennaio 2018 a 19:11 // Rispondi

    Nel girone di ritorno, dalla terza categoria alla serie a, si fa più difficile x tutti, da sempre. La media gol degli attaccanti cala drasticamente e ogni punto sembra contare il doppio. Chi è molto più forte degli altri continua a correre, gli altri annaspano. Per di più l’Inter continua con uno schema offensivo che l’anno scorso ha visto Icardi all’asciutto per 7 mesi in trasferta. Forse sarebbe il caso di provare qualcos’altro, negli schemi e negli uomini.

  26. ROBERTO SCIBETTA // 1 febbraio 2018 a 09:29 // Rispondi

    Parlerò di mercato.
    Come tutti, sono molto deluso (primo eufemismo)
    Innanzi tutto, per il risultato: l’obiettivo dichiarato era rinforzare una rosa definita “poco profonda” (secondo eufemismo). Abbiamo preso l’agognato difensore centrale. OK. Non cambia la squadra, ma era utile. Abbiamo dato via il Samurai: dispiace, ma non ci stracciamo le vesti. Abbiamo dato via JM, e anche qui i vestiti restano al loro posto. Abbiamo preso Rafina: epokè. No news per l’attacco: e se Icardi ha il raffreddore ..

  27. Basta una parola di Moratti e ci si capisce subito su tutto.
    Con questi non si capisce nulla.
    Non credo che il problema siano solo i cinesi che non spendono (hanno speso fin troppo), il problema è che quanto speso non viene adeguatamente valorizzato.
    Ma Zanetti in tutto ciò che ruolo ha?
    Secondo me serve un team manager “interista” che faccia da tramite in maniera forte tra società e squadra e infonda nella squadra i veri valori interisti, soprattutto nei momenti di difficoltà.
    Uno stile Oriali.

    • Vedo che ancora non si riesce a capire: se qui nessuno ha vero potere decisionale se non Zhang Jindong che sta a Nanchino, qui può esserci anche Dio, ma alla fine decide il padrone lontano anni luce.
      GLR

  28. È domenica 3 dicembre 2017. All’ora di pranzo il Milan, con Gattuso all’esordio in panchina, va a sbattere a Benevento (2-2). L’Inter invece, asfaltando il Chievo a San Siro 5-0, vola in testa in classifica (39 punti), in solitaria. Insomma, i ragazzi di Spalletti sembrano davvero lanciati verso un campionato da big e gli sfottò ai cugini rossoneri fermi a 21 punti.
    39-21=18 quindi il Milan ha recuperato 18 punti!
    Francesco

    • Suggerisco a Francesco di terminare almeno le scuole dell’obbligo e si sostenere finalmente l’esame di quinta elementare perché se uno aveva 39 punti e l’altro 21 con 18 punti di distacco e oggi uno ne ha 44 e l’altro 34 e i punti di distacco sono 10 i punti recuperati sono 8 non 18, altrimenti le due squadre avrebbero gli stessi punti!
      Buon esame!
      GLR

  29. MASSIMO GIUSSANI // 1 febbraio 2018 a 12:35 // Rispondi

    Siamo in crisi… e qui non ci piove, ma io volevo parlare delle soluzioni (vedi mercato) Non ho ancora capito se Zhang è un “braccino” che si mimettizza col fair play finanziario oppure, come dici tu siamo in secondo piano nella classifica delle sue priorità…. ma non c’è nessuno che gli spiega che nel calcio non esiste chi ne è uscito in “attivo” persino Berlusconi ha perso ingenti capitali. Ciao Gian Luca

    • La seconda che hai detto, mi pare ovvio. Passami una battuta: secondo me si vedono nei salotti cinesi tra miliardari e uno dice: io ho comprato l”Hilton, l’altro io ho comprato la Ford e l’altro ancora: io ho comprato l’Inter, sono solo esempi a casa, ma fa fico tra cinesi avere proprietà nel mondo e poi ognuno investe seriamente soprattutto in quello che ha a casa sua
      GLR

      • scusa Gianluca ma io la penso diversamente per questi motivi: l’anno scorso hanno speso tanto (80 M per J.M. e Barbosa); a luglio sembravano volessero spaccare il mondo: 25 M Skriniar 20 Vecino, addirittura si parlava di 60 M per 2 ragazzini del Genoa, poi tutto si è fermato improvvisamente..ci deve essere stato un motivo o no? sembrerebbe più un blocco improvviso dall’alto che non una dimostrazione di scarsa voglia di investire..almeno vedendo i fatti mi sembra così. amala.

        • Ah, si si, si parlava…si parla sempre…si parlava anche di Nainggolan e Vidal. Peccato che ci abbia creduto anche Spalletti che si è pure esposto. Il motivo? Uno solo? Sono ben due! Il Governo Cinese e il FPF: ve lo ricordano tutti i giorni…ma per piacere…
          GLR

  30. Beh, Biglia da molto tempo, e a me piaceva, proprio non direi…Sistema la Tv!
    GLR

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili