Il Giorno – Bar dello Sport 127

Pubblicato su Il Giorno, sabato 9 giugno 2018

Il Mondiale in poltrona
Stavolta il clima al Bar dello Sport è davvero funereo. Il count-down verso il Mondiale di Russia 2018 è cominciato e i nostri incorreggibili ubriaconi, senza una Nazionale per cui tifare, sono terribilmente angosciati. Dopo 60 anni l’Italia è rimasta a casa ed è un dramma collettivo, perché anche qui il Mondiale è l’unico evento per cui sentono tutti un po’ più italiani, al di là delle puntuali baruffe sulle squadre di club. Dal tassista milanista Gianni arriva un terrificante aneddoto: “Ieri ho portato un cliente oltre confine, a Lugano – racconta – e nelle vetrine dei centri commerciali c’erano tutte le maglie delle squadre del mondo, tranne quella azzurra. Lì per lì mi è venuto da piangere!”
L’impiegato romanista Tiberio non è da meno: “Ad ogni Mondiale io approfittavo delle offerte per comprarmi un TV nuovo di zecca – ricorda – stavolta tanto vale tenermi quello che ho!”
Ma le geremiadi non finiscono qui. Il carrozziere juventino Ignazio torna col pensiero alle partecipatissime grigliate in giardino con famiglia, parenti e amici ad ogni partita della Nazionale ai Mondiali: “Quest’anno mica accendo il barbecue per Marocco-Iran! – commenta stizzito.
L’idraulico napoletano Gennaro è un tipo che ha la lacrima facile già di suo e a nulla serve la pacca sulla spalla dell’assicuratore interista Walter: “Teniamo duro – prova a infondere coraggio – e pensiamo tutti al prossimo campionato!”
Chiude come al solito l’anzianissimo pensionato Ambrogio, che non fa sconti a nessuno: “Io voglio proprio vedere se ci qualificheremo almeno per l’Europeo – guarda avanti – visto che abbiamo una Nazionale scalcinata quasi come questo locale!”
Dal barman Pinuccio arriva però un’occhiataccia come a dire “ma perché non ve ne andate a bere altrove una volta per tutte?”

2 Commenti su Il Giorno – Bar dello Sport 127

  1. Tra un anno potremo tifare per le donne, almeno loro ai mondiali ci saranno!

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili