Il Giorno – Bar dello Sport 125

Pubblicato su Il Giorno, venerdì 25 maggio 2018

Ognuno ha vinto il suo scudetto
Non c’è nulla di male a farsi un bicchierino ogni tanto, ma la regola di bere con moderazione è purtroppo sempre disattesa al Bar dello Sport, dove i nostri inguaribili perditempo le sparano sempre più grosse.
La stagione è finita e quindi è tempo di bilanci. Ognuno qui sostiene di aver vinto il suo scudetto. Il primo è l’assicuratore interista Walter, fresco di qualificazione in extremis in Champions League: “La zona Champions per l’Inter è solo il primo di una lunga serie di traguardi – preannuncia – Mai avuto dubbi sul ritorno dell’Inter nel calcio che conta!”
In realtà, come si sa, il Walter fino a una settimana fa era pronto a prendere a calci tutti i suoi. L’impiegato delle poste romanista sostiene che la sua semifinale di Champions League vale ben più di uno scudetto, mentre l’idraulico napoletano Gennaro parla addirittura di scudetto morale vinto dal Napoli, da lui stesso definita ‘la squadra più onesta della Serie A’.
E allora perfino il tassista milanista Gianni si avventura nel mondo della fantasia, arrivando a parlare di Coppa Italia come trofeo rossonero, togliendo la Juve! La sua posizione però in questi giorni si è complicata perché dall’Uefa rimbalzano voci di una possibile esclusione del Milan dall’Europa League tanto faticosamente raggiunta. Ride di gusto e in faccia a tutti il carrozziere juventino Ignazio, che stavolta si prende la sua rivincita: “Poi sarei io quello che s’inventa gli scudetti – bofonchia – la verità è che anche quest’anno tutti voi mitomani siete rimasti a mani vuote davanti alla mia Juventus!” E per una volta l’anzianissimo pensionato Ambrogio, memoria storica del Bar dello Sport, non può che dar ragione all’Ignazio scolpendo la sua solita sentenza: “Di scudetto ce n’è uno, tutti gli altri son nessuno!”

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili