Il Giorno – Bar dello Sport 122

Pubblicato su Il Giorno, mercoledì 9 maggio 2018

La fame dei pigliatutto
Dopo che la Vecchia Signora si è assicurata il suo settimo scudetto consecutivo, il carrozziere juventino Ignazio è pronto a sferrare un altro colpo ai rivali, seppur non letale come sarebbe stata la Champions League.
Già, perché al Bar dello Sport ormai si ci è abituati alla Juventus pigliatutto in Italia, con la classica doppietta Campionato e Coppa Italia.
“L’importante è che la Juve continui ad essere ‘piglianiente’ in Europa” – puntualizza l’idraulico napoletano Gennaro, ancora scottato dallo Scudetto perso dal Napoli ancor prima del fotofinish.
“Fermi tutti – urla battagliero il tassista milanista Gianni – perché sulla Juve pigliatutto in Italia stavolta non è detta l’ultima parola! Prima devono fare i conti col mio Milan che in una finale li ha già battuti e nemmeno tanto tempo fa!”
“Magari il Milan riuscisse nell’impresa di riportare un po’ di equità a questa stagione – sospira l’impiegato delle poste Tiberio, che dopo essersi virtualmente assicurato il terzo posto finale in campionato, ora spera ardentemente che l’Inter tagli fuori la Lazio dall’Europa che conta.
“Se lasciamo al Milan il ruolo del vendicatore dai torti che tutti quanti abbiamo subito dalla Juve, stiamo freschi – commenta velenoso  l’assicuratore interista Walter – Dove volete che vadano i cugini di campagna? Inoltre, bisognerebbe cambiare il regolamento del calcio prevedendo la sconfitta per entrambe le squadre!”
La chiusura al cianuro tocca come di consueto all’anzianissimo pensionato Ambrogio, memoria storica del Bar dello Sport: “Per la Juve la Coppa Italia rispetto alla Champions è come avere un appuntamento con Julia Roberts e invece ti si presenta la mia portinaia Carmela, che è talmente brutta che ogni volta che la vedo mi passa il singhiozzo!”

 

1 Commento su Il Giorno – Bar dello Sport 122

  1. Il Walter evidentemente ricorda bene il pensiero del grande Peppino Prisco. …e se provassimo con un mega Buondì sull’Olimpico? :-)

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili