Il Giorno – Bar dello Sport 110

Pubblicato su Il Giorno, sabato 17 febbraio 2018

Torna l’Europa e la Juve trema
Tornano le Coppe Europee e le partite una via l’altra, come i bicchierini che si scolano i nostri perdigiorno al Bar dello Sport. Ma l’Europa non è per tutti, puntualizza subito il carrozziere juventino Ignazio, già sulla difensiva dopo il deludente pareggio interno dei bianconeri col Tottenham in Champions: “Almeno chi gioca solo la domenica abbia il buon gusto di tacere – commenta invelenito – l’Inter è noiosa come un pranzo dai suoceri: una volta a settimana basta e avanza!”
In realtà l’Ignazio temeva il ritorno della Champions League e l’assicuratore interista Walter ha già cominciato a lavorarlo ai fianchi: “Appena giochi in Europa smetti di fare lo splendido – attacca – oltreconfine, il vero valore della Juve esce sempre: a casa subito stavolta, altro che #fino alla finale come recita il vostro motto!”
Chi ha addirittura scelto di rinunciare subito all’Europa in nome del duello-scudetto è il Napoli dell’idraulico Gennaro, che addirittura festeggia la netta sconfitta col Lipsia come un’autentica manna dal cielo.
Il tassista milanista Gianni la butta però sul senso dello sport: “Ogni competizione andrebbe invece onorata – precisa – e io sono orgoglioso che il mio Milan si stia comunque impegnando per vincere l’Europa League!”
A ridimensionarlo senza pietà provvede però l’impiegato della poste romanista Tiberio: “Ma l’Europa League sarà mica una cosa seria – ridacchia – vi partecipano solo le squadrette, come la Lazio, che tra l’altro rischia pure di tornare a casa subito!”
A suonare l’allarme arriva però l’anzianissimo pensionato Ambrogio, memoria storica del Bar dello Sport, con una lapidaria sentenza sull’ormai conclamato abbassamento di qualità del calcio nostrano: “Certo che se la quinta squadra d’Inghilterra vale la migliore italiana, forse è meglio che ce ne stiamo tutti a casa nostra!”

 

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili