Il Giorno – Bar dello Sport 95

Pubblicato su Il Giorno, sabato 4 novembre 2017

Dybala ora è Dybile!
Regina della settimana europea è la Roma che ha picchiato duro sul Chelsea di Antonio Conte, per la gioia dell’impiegato delle poste romanista Tiberio, ma anche del carrozziere juventino Ignazio che detesta Conte più di ogni altro per come è finita la sua storia con la Juve.
In Champions c’è anche chi si gratta le sue rogne, come l’idraulico napoletano Gennaro che non ne può più dei complimenti al gioco del suo Napoli e che dopo la sconfitta col Manchester City ora rischia seriamente l’eliminazione dalla Champions League: “Pure quello scurnacchiato di Peppe Guardiola a suon di complimenti ci ha rifilato quattro pere!” – sospira amareggiato!
Per quanto riguarda l’Europa League poi, il tassista milanista Gianni considera AEK Atene-Milan 0-0 la più brutta di sempre nella storia rossonera. Ovviamente esagera, ma ormai la sua pazienza è al limite e come tutti aspetta al più presto un non ben precisato dopo Montella.
Il più divertente resta comunque l’assicuratore interista Walter che adesso pontifica su Conte e Simeone in evidente difficoltà, anche se fino a due mesi fa pur di averli sulla panchina dell’Inter si sarebbe fatto tagliare un braccio.
A compattare però il Bar dello Sport è la questione Dybala: doveva essere il Messi della Juve e invece, oltre a non segnare mai in Europa, qui per le sue bizze ora lo chiamano ‘Dybile’.
E anche su Dybala la chiusura tocca come di consueto all’anzianissimo pensionato Ambrogio: “La colpa è vostra – tuona – che subito dopo due belle partite volevate dargli il Pallone d’Oro! Voi vivete solo di brandelli del calcio vero, perché mica avete visto l’Ungheria del 1956 e il Grande Torino!”
E allora scappano tutti nel terrore del ricorrente pistolotto storico con cui l’esteta Ambrogio è capace di risalire fino alle Guerre Puniche..

 

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili