Il Giorno – Bar dello Sport 80

Pubblicato su Il Giorno, giovedì 20 luglio 2017

Ora è la Juve l’anti-Milan
Sul ring dialettico del Bar dello Sport i nostri fannulloni si sono affrontati a lungo alla ricerca dell’anti-Juve, visto il dominio dei bianconeri in Italia da sei anni a questa parte. A recitare tale ruolo ci hanno vanamente provato la Roma dell’impiegato delle Poste Tiberio e il Napoli dell’idraulico Gennaro. Ora però c’è una grossa novità: il nuovo Milan cinese spende e spande e il tassista milanista Gianni, superati gli imbarazzi iniziali, si è ritrovato improvvisamente bombardato da una imprevista raffica di acquisti impressionanti e, dopo aver addirittura soffiato Leonardo Bonucci alla Juve, ora fa lo smargiasso: “La ricreazione è finita – annuncia – stiamo per tornare ai tempi gloriosi del primo Berlusconi, altro che gli altri cinesi di Milano!”
Tirato in ballo sull’immobilismo nerazzurro di Suning sul mercato, l’assicuratore interista Walter non può che abbozzare uno scontato  “ride bene chi ride ultimo”, mentre sul clamoroso passaggio di Bonucci al Milan il carrozziere juventino Ignazio ha davvero un diavolo per capello e in un attimo ha già sminuito colui che ha sempre soprannominato ‘Bonimbauer’, in omaggio al mitologico Franz Beckembauer, in un Ranocchia qualsiasi, suscitando l’ilarità dell’intero Bar dello Sport.
Insomma, chi più chi meno, sono tutti terribilmente invidiosi di questo Milan pigliatutto e ora gli scaricano addosso il repertorio a suo tempo già sperimentato per l’Inter, profetizzando l’imminente arrivo di Equitalia a Casa Milan, con conseguente fallimento della società e precipitosa fuga dei nuovi nababbi cinesi.
Ma il tassista milanista Gianni aspettava da anni questo momento e ora si dà un sacco di arie, al punto che l’anziano pensionato Ambrogio, anziché calmare le acque, lancia l’ennesima provocazione: “Adesso è la Juve ad essere diventata l’anti-Milan” – sentenzia, suscitando la reazione sdegnata del carrozziere juventino Ignazio che per protesta abbandona il locale.

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili