Il Giorno – Bar dello Sport 76

Pubblicato su Il Giorno, sabato 24 giugno 2017

La Juve  perde i pezzi
Aggiornamento sullo juventino Ignazio a ormai tre settimane da Cardiff. L’ex borioso carrozziere calabrese sta recuperando a fatica l’uso della parola e le ultime notizie in casa bianconera, sull’onda lunga della pesante sconfitta in finale di Champions col Real Madrid, certo non lo aiutano. Tra il litigio svelato di Bonucci e Dybala e gli imprevisti addii di Dani Alves e Alex Sandro, la Juve pare perdere i pezzi. Anche l’Ignazio non si è ancora ripreso e di questi tempi sembra un gatto bastonato, come quel randagio che ogni tanto fa capolino qui appropinquandosi alle rancide patatine per gli aperitivi finché la Mariuccia, la moglie del barman Pinuccio, non lo caccia a colpi di scopa.
Intanto il tassista milanista Gianni è più che mai in guerra col ‘suo’ portierino Donnarumma: “Guai a lui se ci ripensa  – ammonisce – io quel traditore nel mio Milan non ce lo voglio più!”
Rincara la dose l’idraulico napoletano Gennaro: “Ora ‘sto fuoriclasse ha preso a far papere pure nella Nazionale Giovanile” – osserva, conquistandosi l’appoggio dell’impiegato delle Poste romanista Tiberio che, in nome di Totti, continua a vantarsi che solo alla Roma i calciatori hanno un cuore.
L’altro mammasantissima del Bar dello Sport, l’assicuratore interista Walter, non capisce invece cosa stiano combinando i suoi cinesi sul mercato: tante voci, ma nulla di concreto.
Il Walter, che ogni estate si lancia minaccioso sui rivali, stavolta ha davvero paura di scottarsi e così se ne sta stranamente quieto, finché non arriva a consolarlo l’anzianissimo pensionato Ambrogio con una delle sue massime d’annata: “Fa più rumore una foresta che cresce – sentenzia la memoria storica del Bar dello Sport – che un albero che cade!”
E a proposito di cadute, qui è un miracolo che i nostri ubriaconi siano ancora tutti in piedi, visto quel che si bevono!

 

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili