Il Giorno – Bar dello Sport 61

Pubblicato su Il Giorno, venerdì 10 marzo 2017

E’ venerdì? E allora vince il Milan
Stavolta al carrozziere juventino Ignazio l’hanno fatta grossa. E proprio alla vigilia di Juventus-Milan. Già perché il tassista milanista Gianni ha convocato l’eterno studente 19enne Kevin Accetturo che, oltre ad essere il nipote dell’Ignazio, ha per quest’ultimo pure la sventura di essere a sua volta milanista. Il Kevin è un formidabile esperto di statistiche calcistiche. Ed è proprio per il tempo sottratto agli studi per tale hobby che il giovanotto da tre anni ripete la stessa classe all’ITIS. L’Ignazio lo ha più volte redarguito a suon di schiaffoni affinché non mettesse più piede nel ‘suo’ bar, ma il Kevin stavolta se n’è fregato ed è arrivato con l’arma segreta: una statistica approfondita per cui il Milan, quando scende in campo di venerdì, vince sempre. Era un venerdì quando a Doha i rossoneri hanno conquistato la Supercoppa Italiana, proprio contro la Juve. E sempre di venerdì, nell’era Shevchenko, il Milan aveva già battuto la Juve e anche Inter in più di un derby, una volta pure per 6-0. L’Ignazio nulla sapeva di questa funesta cabala e avendo, tra i tanti difetti, pure quello di una superstizione da basso medioevo, si è già rovinato la giornata per colpa del nipote ‘statistico’.
Al terrorismo psicologico partecipa l’assicuratore interista Walter, mentre l’impiegato delle Poste romanista Tiberio e l’idraulico napoletano Gennaro, malgrado la fresca eliminazione col Real Madrid, sembrano più intenti a brindare alla concreta ipotesi di andarsene in Champions a braccetto a spese delle milanesi. E così, mentre il Kevin snocciola le sue inattaccabili statistiche presagendo al terrorizzato zio Ignazio uno stop per la Juve ancora più serio di quello di Udine, l’anziano Ambrogio, memoria storica del Bar Sport, rilancia: «Saranno pure dicerie – confida – ma io nei panni della Juve farei di tutto per rimandare la partita col Milan!»

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili