Il Giorno – Bar dello Sport 59

Pubblicato su Il Giorno venerdì 24 febbraio 2017

La Juve ride anche in Europa
“Brutti gufi, tutti qui ad aspettarmi al varco per l’Europa, ma vi è andata male anche stavolta – irrompe col passo di un caterpillar al Bar dello Sport il carrozziere juventino Ignazio – noi il Porto ce lo siamo già bevuto al primo giro. Ritentate e sarete più fortunati!” Non sta più nella pelle il contestatissimo perdigiorno bianconero che, dopo il 2-0 in Portogallo, si sente la qualificazione ai quarti di Champions League già in tasca. Ma tra i rivali che sembrano aver accusato il colpo, si distingue comunque l’assicuratore interista Walter: “Ma io mica ci contavo sul Porto, che resta una squadretta – filosofeggia – A voi è bello vedervi affondare in finale. C’è tempo per cominciare a sganasciarsi dalle risate!” E mentre, completamente avulso dal gruppo, il tassista milanista Gianni conta ormai i giorni che lo dividono dal sospirato closing programmando con carta e penna i futuri acquisti manco fosse coinvolto in prima persona, stavolta tocca proprio all’assicuratore interista Walter e all’impiegato delle poste romanista Tiberio sfidarsi nel duello che potrebbe valere un pezzo di Europa, con l’idraulico napoletano Gennaro che per Inter-Roma tifa ovviamente per un inoffensivo pareggio. Ma anche qui l’Ignazio si diverte a fare il guastafeste: “Altra partita tra gente che ci guarda sempre col binocolo – ironizza – perché noi abbiamo cose ben più importanti a cui pensare!” E, come non bastasse, l’ineffabile carrozziere leva al cielo più volte le sue manacce unte di patatine rancide appena ingoiate con l’ennesimo aperitivo fuori orario: “Sto facendo le prove per alzare la Champions – spiega – perché sento che questo è l’anno buono!” Per frenarne l’entusiasmo deve scendere in campo ancora una volta l’anzianissimo pensionato Ambrogio: “Ogni volta che uno di voi sentiva ch’era l’anno buono – rammenta – poi l’ho visto piangere! Mi sa che siete tutti più sordi di me che ho quasi il doppio dei vostri anni”

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili