Il Giorno – Bar dello Sport 101

Pubblicato su Il Giorno, domenica 17 dicembre 2017

Gigio Donnarumma agita ancora il Milan
Non c’è pace per i milanisti di questi tempi. Nemmeno il tempo di godersi il sonante 3-0 in Coppa Italia sul Verona che il tassista Gianni è di nuovo alle prese con il caso Donnarumma: “Questo bamboccio viziato mi ha davvero stufato” – insorge il tapino – ci ha tirati scemi per mesi prima di firmare alle sue condizioni, ora basta! O rompe con quello squalo di Raiola o se ne vadano tutti e due dal mio Milan una volta per tutte!”
“Dovevate metterlo all’asta quest’estate – commenta l’impiegato delle poste romanista Tiberio – e invece gli avete pure ingaggiato il fratello come terzo portiere ad un milione di stipendio l’anno! Pensa solo ai soldi, è più fedele il portiere del mio condominio!”
Il più sorpreso sembra l’idraulico partenopeo Gennaro: “Eppure Gigio viene dalle mie parti – riflette a voce alta – e noi napoletani siamo gente di cuore. Io proprio non capisco….”
“Ma quale cuore? – interviene in tackle duro l’assicuratore interista Walter – non avete ancora capito che questa manfrina è stata orchestrata dalla Juve di quel tipaccio là? E mentre lo dice, punta deciso il dito contro il suo eterno rivale, il carrozziere juventino Ignazio, che ovviamente respinge sdegnato l’accusa: “Ma cosa c’entra la Juve – urla paonazzo di rabbia – qui per ogni cosa si tira in ballo la Juve con l’ennesimo processo-farsa! Appena vi capita un calciatore sopra alla media non riuscite a tenervelo nemmeno per un campionato!”
Il pensionato Ambrogio, memoria storica del Bar dello Sport, prova allora a riportare la calma con uno dei suoi cavalli di battaglia: “La verità è che purtroppo non ci sono più i giovani di una volta – chiosa – oggi non c’è più rispetto per niente e per nessuno!”

 

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili