Il cretino dell’anno 2016

rid16TLdinamitarda29marQuesto SMS, opportunamente fotografato, è solo un piccolo esempio, perfino divertente come vuole essere questa rubrica, tra le migliaia che ci arrivano ogni santo giorno in TV. Mi spiace ma per quest’anno la giuria, dopo interminabili discussioni, ha deciso all’unanimità di alzare bandiera bianca. La decisione finale è che non è possibile decretare il cretino dell’anno 2016 per i troppi candidati che si sono presentati, soprattutto in forma anonima, quella da sempre preferita dai vigliacchi. Già perché una volta si ricevevano le lettere cartacee per posta e la selezione era facile, ma oggi, con l’affermarsi dei social, chi scrive più in forma tradizionale e, soprattutto, in italiano? La massa di umanoidi ignoranti da cui siamo circondati è voluminosa: tolto facebook, ormai definitivamente assurto a ultimo stadio della recessione animale, soprattutto come rifugio per le persone sole, anche twitter, instagram e altri social sono diventati il paradiso dei webeti, meraviglioso neologismo coniato da Enrico Mentana. Umberto Eco, persona di grande cultura che ci ha lasciato da poco disse che “I social media danno diritto di parola a legioni di imbecilli. Quelli che prima parlavano solo al bar dopo un bicchiere di vino, senza danneggiare la collettività e venivano subito messi a tacere, ora hanno lo stesso diritto di parola di un Premio Nobel!”
Essendo a mia volta piuttosto esposto come micro-personaggio pubblico su un tema da sempre litigioso come il pallone gli imbecilli di Eco li incontro ogni giorno. Difficile stilare una classifica, ma quelli che continuano a farmi rotolare dal ridere sono coloro che si atteggiano a persone di cultura, mentre probabilmente dopo il battesimo, l’unico esame che hanno passato nella vita è quello per la patente B. Un fulgido esempio su twitter è tale MB @teob1685 che un tempo, ma potrei sbagliare, si presentava con nome e cognome, magari pure di fantasia. Da mesi il nostro minus habens chiede insistentemente per chi secondo lui ha ostacolato il sospirato e imminente closing del Milan, ossia Galliani e i suoi accoliti, un nuovo Processo di Norimberga. Due tweet a caso dell’inutile bestiola di cui replichiamo la foto del suo profilo twitter? ORA DATECI LA TESTA DI GALLIANI E NESSUNO SI FARÀ MALE oppure NORIMBERGA È IMMINENTE e altre amenità del genere, tra cui cartelli autostradali sparati a ripetizione della bella città bavarese nella quale soggiornai tanti anni fa per quasi un mese per un corso di tedesco. A lui Norimberga, ammesso l’abbia mai vista, non evoca neppure la Schöner Brunnen o il caratteristico Museo del Giocattolo, ma l’odio tifoide! Ora, se c’è uno che non mi è mai stato simpatico nel calcio è proprio Adriano Galliani, ma ci deve pur essere un limite all’insulto continuo da parte di nullità e fancazzisti vari.
GH4XLSCsNella sua straordinaria ignoranza della storia il nostro ineffabile MB @teob1685 cita ossessivamente il Processo di Norimberga, quindi un processo storico e di conseguenza gli eventi ad esso collegati, rivolgendolo su cose di pallone (sic!) Avendo tra l’altro anche la fortuna come Ufficiale Riservista dell’Esercito di maneggiare piuttosto bene la materia e di collaborare proprio in questo periodo con alcuni storici di fama a convegni sulle due Guerre Mondiali, tra una conferenza e una ricerca, ho mostrato loro alcuni tweet del geniaccio in questione ricevendone lo stesso sguardo incuriosito con cui oggi noi si guarderebbe ad un troglodita con la clava in città. Purtroppo, per coloro ai quali la vita non ha dato nulla, è normale, spiegava poi un sociologo del web, crearsene una parallela sul web. Ma in questo mondo, in cui si dividono le persone a seconda del loro tifo per questa o quella squadra, il cretino oggi resta assolutamente trasversale. Potrei proseguire in un elenco interminabile di cretini interisti, milanisti, juventini, eccetera. Li accomuna l’insulto continuo per chi esprime opinioni diverse, soprattutto se ben più qualificate, oltre al desiderio di farsi pubblicità: in questo devo ammettere che io faccio loro pure un favore. Resta il fatto che stavolta la giuria di questo sito non se l’è proprio sentita di assegnare il Premio Cretino dell’Anno 2016 o se preferite lo ha assegnato ex aequo a tali e tanti, per cui resta davvero arduo sceglierne uno.
Con una battuta, potremmo dire che il cretino quest’anno si è rivelato talmente cretino da riuscire a non vincere nemmeno il Campionato Mondiale dei Cretini.
Appuntamento quindi al prossimo anno con la speranza di ritrovare colui che sia davvero incontestabilmente il più cretino di tutti!

23 Commenti su Il cretino dell’anno 2016

  1. Ahahahahaha umanoidi bellissimo!!!
    Ma in effetti di umanoidi si tratta.
    Proprio qualche giorno fa chiedevo lumi sulle selezioni.
    Diciamo che personalmente sono con le mani tese in avanti cantando oooooohhhhhh tipo entrata in campo del grande campione al rientro….pronto a esplodere alla nomina.
    Attendiamo con fiducia!!

  2. Un vero peccato,devo dire che la cosa mi divertiva parecchio! Ma,come scrivi tu,oggi come oggi è veramente difficile sceglierne uno fra tanti. Detesto i social, usati troppo spesso per insultare e offendere, sopratutto nel calcio,celate dietro sigle o nomi inventati. Tra i tuoi 1000 impegni potresti scrivere un libro e inserirli tutti 😉

  3. Complimenti. Non servono altre parole.

  4. Di solito leggo solo la parte di blog che riguarda le partite: avevo torto, divertentissimo questo pezzo con finale in crescendo. Frequento anche altri blog di natura totalmente diversa dal calcio ma devo dire che le cose non vanno meglio. Sono rari quelli “sani” però ritengo importante dare spazio un po’ a tutti è un modo per capire chi è il nostro vicino di casa ed aiuta a non meravigliarsi quando succedono determinate cose. Un saluto cordiale a tutti i fratelli neroazzurri

  5. Ma questo è un idiota inarrivabile. Ma la famiglia, ammesso ne abbia una, non l’ha ancora internato?
    Mic

  6. Esiste uno zoo dove si possa vederlo dal vivo questo animale raro?

  7. Ferruccio Contini // 27 febbraio 2017 a 13:33 // Rispondi

    A volte guardo quei documentari su canali scientifici e mi chiedo…Ma davvero l’uomo una volta era una bestia? Non una volta, in certi casi, anche oggi! eheheh

  8. Lino Vergara // 27 febbraio 2017 a 13:34 // Rispondi

    Posso dire da milanista che mi dissocio da tale umanoide, come lo chiami tu?
    Ebbene, mi dissocio

  9. Dovresti farti pagare per la pubblicità che dai a certi soggetti in cerca di notorietà! Ti faccio io da agente. Già lo faccio per altri.
    Io però questo lo voglio conoscere
    Andrea G.

  10. Col massimo rispetto per i tuoi editoriali sul calcio, questa insieme ai viaggi è da anni la mia rubrica preferita. Devi essere più ‘tuttologo’

  11. Carlo Rossonero Vero // 27 febbraio 2017 a 15:06 // Rispondi

    Dimmi la verità…MB, più che per la faccia da ebete, l’hai scelto per la maglia rossonera. Non vale…voglio anche un interista!

    • Giuro che non è così. La giuria è variegata nel tifo e se me lo hanno proposto per la pubblicazione. Io non riesco nemmeno a leggere tutta la posta che mi arriva sul sito. Il Premio però se leggi bene non è stato assegnato proprio per non fare torto ad altri, anche interisti. Ho solo riportato un paio di esempi: uno degli sms anonimi che quotidianamente ci arrivano in Tv e l’altro per categoria ‘social’, anzi ‘dissocial’!
      GLR

  12. Ma io più che per lui, sono preoccupato per la famiglia. Ma è in affidamento a qualche tutor?
    E

  13. come diciamo dalle mie parti a questo qua è più facile metterglielo nel c… che in testa!!!!!!!!

  14. Non riesco proprio a immaginare che non abbia vinto il Premio: la vostra Giuria non può aver trovato più imbecilli di questo in giro!

  15. divertentissimo ahahah
    sy

  16. Ma questo a 40 anni gira con la maglia tarocca del Milan? Un conto è allo stadio ma in città….ma daaaai

  17. Gentaglia su cui operare con il lanciafiamme. Come dici tu, anche io sono di quelli che in certi casi la toccano piano

  18. Alino vero diamante // 1 marzo 2017 a 02:54 // Rispondi

    Scusa ma sono andato a rivedermelo su twitter che ormai ho mollato perché è diventato un merdaio: questo nel giro di 24 ore con l’ennesimo rinvio del closing ha pure spazzato via Norimberga! Ah, che coglione! Ti ho sentito dire che si capisce come sia stato possibile che in Italia ci siano siano state cose terribili soprattutto per l’ignoranza del popolo bue:io penso al fascismo, ai politici corrotti fino al midollo e tutto il male possibile…per forza coi tanti gonzi che credono alle favole

    • No, non ci posso credere….ha raso al suolo Norimberga? Ma va, guarda che il soggetto è un ossessivo-compulsivo…ripete i tweet tipo ‘il mattino ha l’oro in bocca’ come Jack Nicholson in Shining. Da qualche parte ci sarà ancora, altrimenti è stato giusto non fargli nemmeno vincere il Premio. Il vero cretino dev’esserlo fino alla fine!
      GLR

  19. Più che ridere o tristezza mi fanno paura.
    Individui in queste condizioni sono pericolosi.

    • L’unica vera pura è di star male ridendo a crepapelle, fidati. Ho a che fare con loro tutti i giorni.
      GLR

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili