22C: Inter-Pescara 3-0

MARCATORI D’Ambrosio al 23′, Joao Mario al 43′ p.t.; Eder al 28′ s.t.
INTER (4-2-3-1) Handanovic; D’Ambrosio (Santon dal 40′ s.t.), Miranda, Medel, Nagatomo; Gagliardini, Brozovic; Candreva (Gabigol dal 31′ s.t.), Joao Mario, Perisic (Eder dal 26′ s.t.), Icardi (Carrizo, Andreolli, Murillo, Ranocchia, Banega, Kondogbia, Palacio, Biabiany, Pinamonti). All. Pioli
PESCARA (4-2-3-1) Bizzarri; Zampano, Coda, Stendardo (Crescenzi dal 9′ s.t.), Biraghi; Benali, Bruno; Kastanos (Cubas dal 37′ s.t.), Memushaj, Verre; Bahebeck (Cerri dal 30′ s.t.) (Fiorillo, Delli Carri, Milicevic, Muric, Maloku, Gyomber, Pepe, Mitrita). All. Oddo.
ARBITRO Calvarese di Teramo
NOTE Ammonti Biraghi. Spettatori totali 38.968. Tiri in porta 7-3. Tiri fuori 6-3. Angoli 11-3. In fuorigioco 0-3. Recuperi: p.t. 1′; s.t. 3′

L’Inter di Pioli col Pescara vince 3-0 e suona la settima. Settima vittoria consecutiva, in campionato, la nona considerando l’Europa League con lo Sparta Praga e il Bologna in Coppa Italia, domato ai supplementari. E nel finale col Pescara è toccato anche a Gabigol, idolo del pubblico di San Siro, che per poco non ha fatto il poker. In 7 giornate Pioli ha fatto la metà dei 42 punti dell’Inter in classifica. Ora dobbiamo essere realisti, anche se ammetto di aver sbagliato quasi tutti i miei pronostici per questo turno di campionato: avevo pronosticato che avrebbero vinto tutte le squadre di testa ed invece hanno vinto solo Juve e Inter. Del tutto imprevisti, perlomeno da me da me, i capitomboli di Roma, Lazio e Milan e il pareggio casalingo del Napoli col Palermo. Bisogna però essere realisti. Non credo che ci saranno tante sorprese ad ogni turno di campionato ed è giusto pensare che l’Inter prima o poi un passo falso lo farà. Personalmente metto in conto di perdere già domenica sera allo J-Stadium, perché la storia ci dice che dopo l’Inter di Stramaccioni cinque anni fa, i bianconeri in campionato hanno perso solo due gare piuttosto inutili con Sampdoria e Udinese. La Juventus potrà anche perdere punti lontano da Torino come ha fatto, ma in casa è decisamente un’altra musica. Noi dobbiamo fare la nostra corsa su Roma e Napoli ed essere realisti. Do solo un dato per i sognatori incalliti: chi sogna ad occhi parti di solito non conta e allora è bene che sappia che se anche per assurdo l’Inter vincesse tutte e 16 le gare che restano di qui al 28 maggio arriverebbe a 90 punti. La Juve ne farà comunque di più. Stiamo già facendo qualcosa di incredibile per come eravamo partiti. Con questo è ovvio che dopo l’ultima giornata è doveroso ambire ad entrare nelle prime tre puntando ad un cedimento del Napoli o della Roma. Con tutto questo ci stiamo dimenticando che già martedì sera c’è una gara importantissima a San Siro con la Lazio per la Coppa Italia. Ci tengo moltissimo e vi dico senza mezzi termini che se devo scegliere una sola vittoria, scelgo la Lazio e non la Juve.

Highlights
13’ Da corner, testa di Miranda, a lato

21′ Sbaglia Handanovic su Kastanos, Verre insacca in fuorigioco
22’ Joao Mario 25 metri, Bizzarri devia
23′ Traversone di Brozovic per D’Ambrosio che al volo infila Bizzarri 1-0
34′ Da corner stacca Gagliardini, palla a lato
36′ Joao Mario spreca a tu per tu con Bizzarri
37′ Tiro di Borzovic, Bizzarri se la cava a fatica
43′ Icardi per Perisic che centra per Joao Mario goleador 2-0
59′ Bahebeck chiuso alla grande da Handanovic, tap-in di Verre deviato
73′ Eder apre e chiude in rete il contropiede con Brozovic e Icardi che è in fuorigioco 3-0
80′ Sinistro di Gabigol respinto da Bizzarri

 

44 Commenti su 22C: Inter-Pescara 3-0

  1. Pasquale Somenzi // 28 gennaio 2017 a 23:21 // Rispondi

    Inter a segno in casa in campionato per la 20a partita consecutiva,
    dopo lo 0-1 col Sassuolo del 10 gennaio 2016. Una sequenza tale
    non si verificava dai 2 campionati in cui l’allenatore era Mourinho
    quando l’Inter segnò ininterrottamente da Inter-Udinese 1-0 del
    9 novembre 2008 fino a Inter-Cagliari 3-0 del 7 febbraio 2010 per
    una striscia complessiva di 27 partite.
    Sono diventate 9 le partite consecutive in casa (considerando tutte
    le competizioni) con almeno 2 gol segnati e ciò non succedeva dalla
    prima parte della stagione 2007/2008 quando l’Inter infilò una serie
    di 14 partite di fila in casa segnando sempre almeno 2 reti.
    E’ stata la settima vittoria consecutiva in campionato e ciò non accadeva
    dal 2012.
    E’ stata la nona vittoria consecutiva considerando tutte le competizioni
    e ciò non accadeva sempre dal 2012.
    E’ stata la settima vittoria consecutiva in casa in serie A e ciò non
    accadeva dal 2011.
    E’ stata la decima vittoria consecutiva in casa considerando tutte le
    competizioni e ciò non accadeva dal 2007.
    Pasquale.

  2. GLR… Spiegami il motivo per il quale Gabigol debba essere osannato dal pubblico senza aver fatto ancora assolutamente nulla.
    Neppure a me dispiace, e spero rimanga. Ma accoglierlo ogni volta come fosse Ronaldo redivivo… boh?!? Dovesse segnare, un giorno, che succederà? Viene giù lo stadio? 😀
    Comunque per fare “filotto” di vittorie ne servono otto. A Torino sarà dura ma questa Inter è in salute, si trovano, segnano… non darei per scontato un “1”. Io giocherei la tripla… 😉
    Ciao, R.

    • Chi va allo stadio sa che c’è anche un pelo di presa in giro…è simpatico a tutti, ma finché non farà un gol pazzesco verrà considerato più un portafortuna che un calciatore vero
      GLR

  3. Inter unita e vincente. Ora tocca l’ottima Lazio. Proseguire, fino in fondo, il cammino in coppa Italia, sarebbe molto importante.

  4. Con De Boer 11 giornate 14 punti, con Pioli/Vecchi 11 giornate 28 punti: il doppio!! Che gran peccato che non abbiano subito ascoltato Ausilio prendendo Pioli ad Agosto, ora sì che ci divertiremmo!!
    Con la Juventus temo il pressing nei confronti dei nostri difensori ma se vogliamo dimostrare di essere veramente maturi almeno un pareggio bisogna ottenerlo!Quello che per esempio sarebbe stato perfetto per la nostra classifica anche a Napoli.
    Prima c’è la Coppa Italia che è sempre un bel trofeo!!

  5. Ottima partita, ma come dice Pioli, non abbiamo ancora conquistato nulla. Sono sempre più dell’idea che questo signore di Parma, sia quello che ci voleva all’Inter. Uno che sa dare delle risposte intelligenti alle interviste, un allenatore che si fa rispettare ed ai quali i propri giocatori guardano con simpatia e che sopratutto ha fatto gruppo. Cosa che mi sembra non ci fosse ne con Mancini, ne con De Boer. E se si vincesse a Torino, allora potremmo ancora sperare nel 3° posto.

  6. Nei giorni durante i quali si commemora l’Olocausto vorrei portare all’attenzione dei supporters della nostra squadra la figura di Arpad Weisz, ebreo ungherese, prima giocatore e poi allenatore della Beneamata che con la sua guida vinse anche uno scudetto. Morì in campo di concentramento, travolto dalla barbarie umana. In una sera lieta per l’ennesima vittoria della Beneamata, mi pare giusto ricordarlo.

    • Ponente nerazzurro // 30 gennaio 2017 a 16:30 // Rispondi

      Giusta osservazione. Vorrei ricordare anche Istvan Toth, allenatore dell’Inter nella stagione 1931-1932, che tornato in Ungheria creò con Geza Keretsz (altro allenatore ungherese reduce dal calcio italiano) un’organizzazione che salvò numerosi ebrei e perseguitati politici.
      Fu fucilato dai nazisti il 6 Febbraio 1945.

  7. la partita con la Lazio è più importante di quella a Torino (anche se vincere lì dà gusto ad una stagione). Ottimo JM, finalmente una condizione fisica che ci consente di correre dal primo all’ultimo minuto. Pubblici applausi a D’Ambrosio. Sempre criticato (anche da me) ci sta mettendo anima e cuore. Bravo davvero.

  8. Antonio Romeo // 29 gennaio 2017 a 09:46 // Rispondi

    Oddo, all. Pescara dichiara: “All’andata l’Inter aveva 11 buonissimi giocatori, ora sono anche messi bene in campo”. Io ci aggiungerei che soprattutto hanno “voglia”.
    Grande rammarico perché con lo stesso atteggiamento da inizio stagione saremmo stati secondi assoluti in classifica.
    La differenza sta nei punti buttati al vento nelle gare in casa, decisamente alla nostra portata.
    Saluti

  9. La professionalità di Ausilio, la competenza e l’umiltà di Stefano Pioli, hanno raddrizzato una stagione cominciata malissimo. Con il gioco e un pizzico di fortuna a maggio ne vedremo delle belle. Giovanni Fiorido Forza Inter

  10. Dopo tutte queste vittorie, domenica finalmente sapremo a che punto siamo veramente. Se usciremo imbattuti dallo Stadium, forse potremo credere che la strada sia veramente quella giusta. Sistemata la Società, l’allenatore e la mentalità e voglia dei calciatori, credo che con qualche acquisto di prima fascia in estate, potremo tranquillamente dire la nostra.
    Suning dichiara che entro il 2020 vuole essere fra le prime 100 aziende al mondo, incredibile .

  11. vista la partita contro il Pescara, se mettono la stessa aggressività contro la Lazio e soprattutto contro la Juve, si può sperare in due risultati utili. Joao Mario imprescindibile, oltre a Gagliardini of course, martedì Banega e domenica Joao. Dai che ghe sem !!!

  12. Complimenti a Pioli per il grande lavoro che sta facendo e per aver fatto ritrovare di nuovo l’entusiasmo di essere e di giocare da squadra. Con questa vittoria intanto abbiamo messo ancora un po’ di “fieno in cascina” visto che stanno arrivando partite importanti e decisamente impegnative ma penso che con questi incontri si possa vedere quanto l’Inter sia pronta per lottare per 3 posto.

  13. Fabio Primo // 29 gennaio 2017 a 11:56 // Rispondi

    Partita controllata, tranne i primi 20 minuti del secondo tempo ove la squadra si è deconcentrata rischiando di far rientrare in partita il Pescara. Unico veramente inguardabile è stato Nagatomo, un giocatore ormai svuotato e diventato troppo fragile e distratto. Già martedì e domenica iniziano esami molto più probanti, e vedremo se la squadra ha veramente fatto il salto di qualità

  14. si mettiamo la sconfitta a torino in conto, perche’ 8 volte su 10 ne usciamo male, purtroppo la statistica ci condanna.

  15. Buona amministrazione della gara. Ora la Lazio che vorrebbe riscatto perciò sarà durissima.Niente distrazioni e sottovalutazione della coppa Italia!

  16. Bene…ora sotto con la Lazio…vincere in coppa Italia è importantissimo!abbiamo la fortuna di giocarla in casa e arrivare a Torino da semifinalista sarebbe veramente una buona cosa…comunque tornando al Pescara diciamo che abbiamo vinto in scioltezza..come è giusto che sia per l’inter a s.siro…

  17. Ora viene il bello…e il difficile. Comunque non era scontato fare questa lunga fila di vittorie. Merito senza dubbio di mister Pioli che da ridato entusiasmo ad un ambiente depresso.

  18. Turno di campionato a noi favorevole, con risultati (tra sabato e domenica pomeriggio) difficilmente pronosticabili . Ora calma e massima concentrazione per passare il turno di Coppa e per andare a fare risultato a casa dei bianconeri.
    Claudio – Parma

  19. Ciao a tutti, abbiamo recuperato punti agli avversari diretti delle prime caselle della classifica. La banda Pioli è sempre più concreta nonostante gli errori di Joao Mario che, come nei film hollywoodiani, alla fine si è riscattato. Grande impegno di tutti con icardi assist-Man e gol usciti non dai soliti noti, segnali importanti per le prossime due partite importantissime anche se a questo punto sono tutte fondamentali. Forza inter

  20. Sette vittorie come le sette fatiche di Ercole..ora c’è l’ottava la più difficile ma non impossibile…zona Champions raggiunta o quasi.Ricordo la serie di vittorie con Ranieri e Strafalcioni ma sappiamo come finita.Gianluca secondo te sarà la volta buona..

  21. Lo dico in anticipo, se dovessimo anche perdere a a Torino, e potrebbe anche non succedere, non cominciamo a dire che é colpa di Pioli. Il mister va tenuto in ogni caso, anche se alla fine dovessimo arrivare “solo” quarti. Per il resto avanti così, uniti e compatti, umili ma cazzuti fino alla fine. Amala

  22. E insomma, c’è stato un periodo che queste partite ‘scontate’ venivano pareggiate o perse. Quindi, vittoria scontata fino ad un certo punto, visto che è un’Inter che ha intrapreso un sentiero sicuro ma ancora, in parte, convalescente. La buona notizia è che davanti, a parte la Juve che gioca un campionato a sé, le altre hanno incespicato, tutte. Dai e ridai, se vinci sempre prima o poi la classifica si muove. Adesso viene il bello: la Lazio la si spazza via facile, ma contro la Juve…dura.

  23. Ciao Gianluca, è sicuramente sbagliato fare proclami, però è lecito (in caso di risultato utile domenica a Torino), mettere nel mirino il secondo posto, oltretutto avendo i due scontri diretti in casa.
    Non credi?

    • Beh, se batti anche la Juve a casa sua, certamente si, ma non credo che succederà. Già non perdere sarebbe ottimo. Non lo dico io, lo dice la storia. In casa della Juve ha vinto solo l’Inter di Stramaccioni anni fa e poi Sampdoria e Udinese in due gare inutili
      GLR

  24. Gianluca, tralasciando la partita di coppa italia vs la Lazio, pensi che l’ Inter possa realmente andare a Torino a far la festa alla Juventus? insomma credi che a livello di rosa e di valore espresso in campo la differenza tra Juve e Inter si sia ulteriormente ridotta, se non quasi annullata, oppure pensi che la juve sia ancora molto più forte e l’ unica speranza per la Beneamata di fare i 3 punti sia quella di incontrare una Juve sottotono?

    • Sinceramente no. Ma nell’ultimo turno di Campionato ho sbagliato quasi tutti i pronostici
      GLR

      • La Juve, al momento, sta su un altro pianeta. Attacca portando in aera i 5 tenori più Khedira, e non ti permette comunque di fare il contropiede. Poi oh…..uno ci spera.

  25. Il segreto di Pioli sta nel netto miglioramento di centrocampo ed attacco. Nella sua gestione sono migliorati sensibilmente Brozovic, Candreva, Perisic, Joao Mario e Eder, con l’eccellente innesto di Gagliardini. Unica nota stonata Banega, che forse deve un po’ ritrovarsi. Malino ancora in difesa, con Ansaldi in netta involuzione e prestazioni altalenanti di Miranda, Murillo e D’Ambrosio, a quanto pare si resiste grazie al centrocampo. In difesa, ottimo il rientro di Medel, bene Handanovic.

  26. Anche la mia attenzione è rivolta esclusivamente alla gara di Coppa Italia,poi si penserà a quella di domenica e sinceramente pure io metto in conto un possibile passo falso e mi chiedo se torneranno puntuali quelle cornacchie che da qualche giornata si sono zittite, quelli del “voglio Simeone,voglio Messi,voglio Federer,voglio Bolt ecc.”.Io so solo che oggi cominciamo ad avere una SQUADRA che può giocarsela con le altre rivali più o meno alla pari!

  27. In barba a coloro che si erano già fasciati la testa prima di rompersela, il turno si è mostrato favorevolissimo.
    L’obiettivo coppa italia rimane primario per dare un senso ad una stagione iniziata male ma che adesso sta andando bene.
    E’ verissimo che contro i gobbi sarà ostica ma :
    siamo stati i primi a sverginare lo Juventus Stadium, sempre in barba a quelli che “là non si puo’ vincere”.
    Sempre lì siamo anche riusciti a pareggiare.
    L’importante è reggere il loro inizio, sempre arrembante.

  28. Penso che sia molto difficile ottenere un risultato positivo domenica, per i motivi elencati da te. Tuttavia, alla luce dei risultati del weekend, anche in caso di nostra sconfitta e di vittoria di Roma e Napoli il gap resterebbe tutto sommato invariato (-8 e -6). Dal punto di vista tattico mi auguro che allegri riproponga lo stesso modulo delle ultime uscite. Il nostro 4-2-3-1 è più rodato rispetto al loro. Quindi qualche difficoltà la potremmo creare. Concordi GLR? O domenica vado al cinema?

  29. Curioso come giornali e tv dicano che l’Inter ha avuto partite facili. Perche’, gli altri con chi giocano, con Manchester, Chelsea, Barca e Real ? non capisco. E non sarei nemmeno cosi’ pessimista in vista di Torino, la squadra c’e’, e’ motivata e per 9/11 e’ fatta di ottimi giocatori, per di piu’ piuttosto in forma. Le statistiche sono fatte per essere smentite :)

    • Sono fatti per essere smentiti anche gli arbitri. :-)
      Sarò banale, ma in 55 anni ne ho viste troppe. Con Stramaccioni l’Inter sbancò Torino. Dalla domenica successiva cominciarono (oltre ad una marea di infortuni) tante angherie arbitrali che ricordiamo ancora bene.
      Se domenica la Juventus vince il campionato è finito, se vince l’Inter si riapre. Stiamo a vedere.
      “Dopo” sarà tutto più chiaro ma poi magari sarà una bella partita, combattuta e leale. Lo spero, e firmerei per un pari…

  30. Ai pronostici sbagliati devi aggiungere anche quello in cui dicevi che mai avremmo superato il Milan.

    • Se l’ho detto, l’ho detto per pure sfottò televisivo…più seriamente ho detto e scritto che dopo essere arrivati davanti per tre anni di fila e con lo sfacelo che avevamo combinato con Mancini e de Boer poteva anche starci per una volta di arrivare dietro, che comunque sono una squadra umile e coraggiosa, o almeno lo sono stati fino ad ora. E’fantastico quando ognuno capisce quel che gli pare…
      GLR

  31. mario colonia // 30 gennaio 2017 a 14:23 // Rispondi

    non mi iludo ma se ripenso al tragico autunno mi rallegro di oggi.

  32. Questa settimana possiamo dire di aver ufficialmente sorpassato il Milan, cosa sempre piacevole!

  33. sono rimasto stupito da Pioli ma anche da Gagliardini. Giochiamo da squadra con ancora qualche amnesia, sbagliamo ancora qualche appoggio, abbiamo ancora nagatomo in rosa, ma non si puo’ esser perfetti dopo 3 mesi… Possiamo sperare su un calo del napoli solo se proseguisse in champion’s, altrimenti e’ dura, dobbiamo vincerne tante! Detto questo stiamo mettendo solide basi per il futuro e vincendo la coppa italia possiamo riabituarci alle vittorie…

  34. anche io preferisco andare avanti in coppa Italia…poi comunque perdere con la juve ci sta..
    son contento del lavoro di pioli..

  35. Il tuo editoriale è come sempre realistico e razionale. Però bisogna sognare, è necessario sognare, altrimenti che viviamo a fare? Intanto ieri, giornata memorabile perché ho indovinato tutti i pronostici, 1 del Milan e 1 della Samp (rigiocati anche in live sullo 0-1 a quote 6 e 10, incassando cospicue vincite) con il solo rammarico di aver giocato x2 della Juve anzichè 1x del Napoli (Ballardini pareggia sempre la prima). A proposito, domenica finisce X. 11 Vittorie obiettivo minimo…

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili