Il Giorno – Bar dello Sport 47

Pubblicato su Il Giorno, giovedì 1 dicembre 2016

Amatriciana per il derby
Bar dello Sport in versione amatriciana in questi giorni causa derby di Roma e con un protagonista inedito, l’impiegato delle Poste romanista Tiberio, che da sempre vive solo per questa partita. Per lui la Serie A è fatta di due tornei: il campionato vero e proprio e quello a distanza con la Lazio. E, se proprio deve scegliere, il buon Tiberio sceglie sempre di arrivare davanti alla Lazio. Da giorni è in fibrillazione per la toccata e fuga a vedersi dal vivo il derby capitolino, insieme agli amici di sempre, ‘er focaccia’ e ‘er chiacchiera’, noto nella Capitale per aver a suo dire inventato la scritta adesiva ‘Hai sonato? E mò canta!” visibile sul retro di molti autoveicoli incolonnati ogni giorno sul Grande Raccordo Anulare.
Ma al di là di questa parentesi romanocentrica tutti gli altri sono addosso al carrozziere juventino Ignazio che, dopo la sorprendente sconfitta della Juventus a Genova, ha perso un po’ della sua spocchia: “Tre fischioni alla Juve sono sempre un bel vedere per tutti -provoca il tassista milanista Gianni – stai a vedere che ‘sto benedetto closing glielo facciamo al ciclo della Juve!”
Reagisce come una belva ferita l’Ignazio, menando fendenti verbali a chiunque gli capiti a tiro, primo tra tutti il suo rivale storico, l’assicuratore interista Walter, a sua volta pronto ad affrontare il sempre più depresso idraulico partenopeo Gennaro.
Ma l’Ignazio li sistema entrambi col veleno: “Napoli-Inter è già lo scontro tra le delusioni della stagione – attacca – e l’Inter deve pure ringraziare gli arbitri!”
Ma prima che l’interista Walter risponda a tono, ci pensa l’anziano pensionato Ambrogio a rimettere tutti in riga: “Lo juventino che accusa l’interista di arbitraggi favorevoli – sentenzia – è come il bue che dà del cornuto all’asino!”
E dopo questa, ognuno con la sua rabbia torna al suo bicchierino.

 

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili