Il Giorno – Bar dello Sport 29

Pubblicato su Il Giorno, mercoledì 1 giugno 2016

La Juve va agli Europei
Stavolta a rompere la monotonia del Bar dello Sport è l’anziano pensionato Ambrogio, quello che di solito parla per ultimo spegnendo con le sue taglienti sentenze le discussioni più accese: “Anche questa Coppa dei Campioni, come la chiamo ancora io – attacca – ha confermato che alla fine vincono sempre quelli coi soldi!”
Annuiscono un po’ tutti quelli che tra Real e Atletico si erano istintivamente schierati coi più deboli, ma il carrozziere juventino Ignazio, come al solito, va oltre: “A quei fantasmi del Real Madrid è andata bene – spiega – perché se in finale trovavano la Juve, mica la spuntavano, altro che storie!”
Gli altri insorgono, a cominciare dal tassista milanista Gianni: “ Ma falla finita – tuona – lo sai qual è la differenza tra il Real e la tua Juve? Che per loro l’undicesima è la Champions League, per voi è la Coppa Italia! Appena passate il confine, tornate ad essere nessuno, ieri come oggi!”
“Ma che dici? – ribatte l’Ignazio furente – Adesso la Juve va agli Europei e, se vinciamo, la Coppa la danno a noi! Voi milanesi in Nazionale uno a testa ne avete: il Milan c’ha De Sciglio, che tra sta pure per venire da noi e l‘Inter Eder che manco è italiano!”
Sul tema, in agguato come un crotalo, c’è l’assicuratore interista Walter: “Proprio una bella
Nazionale – ironizza – voglio proprio vedere quanta strada facciamo con tutti quei gobbi in squadra!”
Eccitato come ai tempi dello scudetto di Maradona c’è invece l’idraulico napoletano Gennaro, detto Ciccio: “Macché Nazionale – irrompe entusiasta – avete sentito che Ibrahimovic viene al Napoli? Ve l’immaginate un attacco con Ibra e Higuain? Me lo sento, stiamo per tornare ai tempi di Cantanapoli!”
Tutti vorrebbero mettere in guardia il folcloristico partenopeo dalla solita panzana di mercato, ma in fondo gli vogliono bene e così lo lasciano sognare ad occhi aperti.

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili