Il Giorno – Bar dello Sport 13

Pubblicato giovedì 11 febbraio 2016

Juve-Napoli e…gli arbitri
Da giorni al Bar dello Sport si sta giocando il match-scudetto Juventus-Napoli con il carrozziere juventino Ignazio da una parte e l’idraulico napoletano Gennaro dall’altra. Spettatori ormai rassegnati al duello al vertice l’assicuratore interista Walter e il tassista milanista Gianni. Il Walter è entrato da tempo nel tipico loop del peggior tifoso interista e vorrebbe cacciarli tutti: presidente, allenatore e giocatori. L’ultima sua vittima è Brozovic: “Ma a questo – si domanda – oltre che la patente, gli hanno pure ritirato il tesserino da calciatore? ” Più morbido, anche se parimenti deluso dai suoi, il tassista milanista Gianni: “Tra poco è primavera – sospira – e noi milanisti siamo ancora qui ad aspettare Balotelli!” L’idraulico napoletano Gennaro riporta però la platea sul piatto forte del weekend: “Basta parlare di calcio minore – protesta – anche se so già che il mio Napoli a Torino ci lascerà le penne. Chiunque, al testa a testa con la Juve, alla fine deve fare i conti col loro 12° uomo: l’arbitro! Lo dice la storia!” Ovviamente tutti annuiscono ricordando i troppi scudetti persi proprio sul filo di lana con la Juventus, tranne il carrozziere Ignazio che si scola d’un fiato l’ennesima sambuca: “Sempre le stesse storielle da deboli – ammonisce sprezzante – brindo a voi e alla vostra impotenza! E se vinco la partita con un rigore inventato o un gol in fuorigioco godo come una nutria!”
E mentre incassa da più parti insulti irripetibili, il saggio pensionato Ambrogio chiosa a modo suo: “Ma povero Ignazio – commenta – la natura su di lui si è già accanita abbastanza, lasciategli almeno la Juventus!”
Tutti ridono sguaiatamente. Anche l’Ignazio. Non certo perché abbia capito la battuta, ma per educazione.

1 Commento su Il Giorno – Bar dello Sport 13

  1. Bella come sempre, poi questa per me e’ vera vita da bar vissuta in prima persona non so quante volte!

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili