26C: Inter-Sampdoria 3-1

MARCATORI: D’Ambrosio (I) al 23′ p.t.; Miranda (I) al 12′, Icardi (I) al 28′, Quagliarella (S) al 47′ s.t.
INTER (4-4-2): Handanovic; D’Ambrosio, Miranda, Murillo, Nagatomo; Biabiany (dal 34′ s.t. Gnoukouri), Felipe Melo, Brozovic (dal 43′ s.t. Jovetic), Perisic; Eder (dal 18′ s.t. Ljajic), Icardi. (Carrizo, Berni, Juan Jesus, Palacio, Santon, Zonta, Popa, Manaj). All. Mancini
SAMPDORIA (3-4-2-1): Viviano; Cassani, Ranocchia, Silvestre; Ivan (dal 23′ s.t. Muriel), Soriano, Fernando, Dodo; Alvarez (dal 40′ s.t. Christodoulopoulos), Correa (dal 34′ s.t. Krsticic); Quagliarella. (Puggioni, Brignoli, Moisander, Barreto, Rodriguez, Palombo, De Silvestri, Skriniar, Cassano). All. Montella
ARBITRO: Massa di Imperia.
NOTE: ammoniti Ranocchia (S), Dodò (S), Brozovic (I), Miranda (I) per gioco scorretto, Nagatomo (I) per c.n.r.

Che Mourinho in tribuna sia servito lo ricava dal tabellino dei marcatori: nel 3-1 alla Sampdoria dopo D’Ambrosio, al suo primo gol in nerazzurro, sono andati a segno Miranda e Icardi, i due stando ai rumours di mercato lo Special One  porterebbe volentieri al Manchester United. Insomma, un autentico ‘aMOUleto’ per una squadra, quella di Mancini, che non ha certo risolto i problemi per un successo contro un avversario a sua volta in crisi nera. E che l’Inter fosse tesa come una corda di violino lo si è capito subito. Non a caso la partita l’ha iniziata meglio la Sampdoria, attiva con una conclusione di Quagliarella deviata di piede in corner da Handanovic. E sugli sviluppi successivi l’ex Ranocchia ha provato subito il gol in elevazione. Come per lui, così per tutti gli ex interisti in campo con la Sampdoria, Silvestre, Dodò e Alvarez nessun rimpianto, mi pare di poter dire. Alla fine quello che più applaudito è stato Cassano, nei minuti in cui si è scaldato senza entrare. Di applausi non ne ha presi Ronaldo, che dopo aver fatto godere gli interisti più estremisti sul classico tema bcalciopolistico, è stato beccato, e avrebbe dovuto metterlo in conto, perché il suo comportamento a fine carriera non è stato certo carino in relazione a quello che ha ricevuto dall’Inter rispetto a quello che ha dato. E non ha dimenticato la Curva Nord, in particolare con lo striscione ‘Le vecchie glorie non cambiano maglia, quelli si chiamano uomini di merda’. Ronaldo resta uno dei più grandi fuoriclasse che abbiano mai calciato il prato di San Siro nerazzurro, ma proprio per questo ha deluso il suo ritorno da quasi pensionato proprio dall’altra parte del Naviglio.
Del tutto opposta e addirittura più commovente del previsto l’accoglienza per José Mourinho, l’eroe più rilucente di sempre dell’orgoglio interista e non solo per il mitologico Triplete. A lui la Curva Nord ha dedicato l’intero intervallo con uno striscione indimenticabile: ‘Per ogni giorno, ogni istante, ogni attimo…per sempre grazie Josè’. E sarà un caso, ma Mourinho è rimasto allo stadio fino al 3-0 di Icardi prima di correre a prendere l’ultimo aereo per Londra. Al 3-1 di Quagliarella era già andato via. L’anziano Ambrogio, pensionato interista che ha ormai archiviato da troppo tempo gli anni giovanili di catechismo, mi ha addirittura pregato di twittare appena ha visto in Tv Mourinho e Ronaldo vicini la sua sentenza: ‘era qualche anno che non vedevo Gesù e Giuda così vicini’. Ovviamente l’ho fatto, così alla fine ci andrò io in Purgatorio, anche se spero che lassù non abbiano twitter.
Dopo il vantaggio su angolo di D’Ambrosio, assistito da Murillo, la Sampdoria ha legittimamente protestato per un tocco di mano in aerea interista dello stesso D’Ambrosio, mentre gli interisti dal canto loro hanno messo finalmente in pratica il comandamento che avevo percepito ad Appiano alla vigilia e cioè ‘siccome non siete capaci di protestare in campo con intelligenza,da ora in avanti evitate!’. E infatti su un fuorigioco inesistente di Perisic che avrebbe presumibilmente portato al raddoppio anticipato non è volata una mosca.
La Curva Nord in ogni caso sta dimostrando in questo periodo molta più lucidità di tanti altri e lo striscione ‘Invece che silenzio stampa, giorni di riposo e polemiche sugli arbitri…società, mister e giocatori…prendetevi le vostre responsabilità e tirate fuori le palle!!!’ fotografa esattamente il momento.
Ancora una volta ho visto nell’Inter poca facilità di corsa e di manovra, malgrado il ritiro, ma almeno sembra tornata la concentrazione.
In avvio di ripresa, Dodò ha sfiorato il gol dell’ex su una punizione di Fernando, sulla quale anche Ranocchia è arrivato in leggero ritardo.
Di lì a poco l’Inter ha raddoppiato scacciando i brutti pensieri: dal corner di Perisic stavolta è stato Melo a far da torre per Miranda con la palla di quasi un metro oltre la linea prima dell’intervento di Viviano.
Da lì il match è proseguito su una gestione più serena con qualche tentativo di Quagliarella fino al tipico errore di Ranocchia, che ha permesso a Icardi di involarsi solitario per il 3-0 e il suo 11° gol in campionato. Mourinho, dopo aver preso nota, ha lasciato lo stadio per l’aeroporto.
Da antologia nel recupero il meritato gol blucerchiato da parte del grande Quagliarella, uno che ci sarebbe stato bene nel parco attaccanti nerazzurro.
Sorvolo sulla voglia con cui sono entrati Jovetic e soprattutto Ljajic nel finale: quest’ultimo si è addirittura spostato col corpo su un cross di Cassani. Per scacciare definitivamente una crisi come quella che ha coinvolto l’Inter ci sarebbe bisogno prima di tutto di professionalità, non di capricci.

Highlights
11′ Ivan dal fondo, Quagliarella spara sul primo palo, Handanovic c’è
12′ Da corner, testa di Ranocchia sopra la traversa
23′ 1-0 Angolo di Brozovic, spizza Murillo, D’Ambrosio al volo in gol
51′ Punizione di Fernando, testa di Dodò, Ranocchia in ritardo di un soffio
57’2-0 Corner di Brozovic torre di Melo per Miranda che insacca di testa
73′ 3-0 Ranocchia sbaglia, Icardi si invola e di sinistro batte Viviano
89′ Muriel impegna Handanovic sul primo palo
92′ 3-1 Da Muriel a Quagliarella a segno con un gran diagonale


81 Commenti su 26C: Inter-Sampdoria 3-1

  1. Pasquale Somenzi // 20 febbraio 2016 a 23:49 // Rispondi

    Si ferma quindi a 48 il numero di giornate consecutive senza marcatori italiani.
    Rimane il “record” del campionato 2007/2008 quando si dovette aspettare la giornata 32 per vedere il primo gol italiano mentre ricordo che il minimo di reti italiane in un singolo campionato è di sole 2 reti realizzato nel 2005/2006 (Materazzi alla 7a e 28a) e nel 2013/2014 (Ranocchia alla 11a e Andreolli 38a). Per la quarta volta consecutiva Inter-Sampdoria vede un gol intorno al
    novantesimo minuto infatti: l’ultimo precedente era del 29 ottobre 2014 e l’Inter vinse 1-0 con rigore di Icardi
    al minuto 90. Il penultimo precedente fu 1-1 datato 1 dicembre 2013 con pareggio del doriano Renan al minuto 89. Il terzultimo precedente ha visto l’inter vincere 3-2, era il 31 ottobre 2014 e l’ultimo gol fu segnato da Eder al minuto 94.
    Vittoria numero 14 in campionato, eguagliato il numero di vittorie dello scorso campionato: ricordo che erano 6 anni consecutivi che l’Inter otteneva sempre meno vittorie dell’anno precedente.
    Domenica prossima in occasione di Juventus-Inter avremo una sfida tra il campo e la cabala, ovvero il campo dice Juventus mentre i numeri dicono Inter, vedremo chi avrà ragione.
    Pasquale.

  2. Silvio da Torino // 21 febbraio 2016 a 00:03 // Rispondi

    Un bel brodo per mandar giù le ultime delusioni. Questa volta tre tiri e tre goal al contrario della gara con il Sassuolo. Partita però difficile da giudicare perchè la Samp mi sembra proprio poca cosa anche se nei primi venti minuti qualche buona occasione l’ha creata. Domani Fiorentina e Milan dovrebbero avere gare difficili. Noi dobbiamo restare vicini al terzo posto e giocarcela fino alla fine. Una furtiva lacrima sul ciglio è spuntata quando ho visto il grande Mou. Che Inter abbiamo avuto!

  3. Strano… non abbiamo “resuscitato” anche la Sampdoria, Ranocchia ha fatto le stesse cose che faceva qui, manca un rigore solare (non ha nemmeno espulso due doriani, però) contro e – incredibili dictu – abbiamo pure vinto!
    Concordo in pieno, specie sulla preoccupazione. Icardi è forte, ma è solo; per segnare deve fare tutto da sè. Domenica firmerei per uno 0-0…
    Giusta l’osservazione su Ronaldo. Perchè è venuto? Mah…

  4. Eder? “E’ entrato in una squadra già collaudata” risponde Mancini. Collaudata? Ma se non sappiamo ancora chi gioca e quale è il modulo rispondo io.BPurtroppo ho visto una squadra impaurita e senza gioco e già contro la juve ripiomberemo nelle nostre paure. Non sarà il de profundis, ma quasi.BNon vedo margini di crescita a meno di un miracolo. La Samp ha giocato meglio, più da squadra, noi purtroppo non lo siamo ancora dopo un anno e mezzo. Vittoria che lascia un pò tristi

  5. Passettino in avanti da confermare con un risultato positivo a Torino.

  6. Partita bruttina. Ma vittoria che da morale.
    Leggo che fra l’Inter del primo Mancini e questa c’é un abisso. Ma va?
    Rileggetevi le formazioni e riguardatevi le rose.

  7. Marco Ferrara // 21 febbraio 2016 a 01:28 // Rispondi

    Il classico brodino, accontentiamoci. Da qualche settimana finalmente battono gli angoli decentemente e i risultati si vedono. Secondo alcuni, Mourinho era allo stadio anche per visionare Miranda ed Icardi entrambi in rete; porta bene, fargli un contratto a tempo determinato come ‘dirigente accompagnatore’, proprio no? Spero la Juve arrivi scarica all’incontro di domenica prossima, e comunque potrebbe non bastare…

  8. U brodin de gajna.

  9. L’Inter ha fatto poco per vincere: ma quel poco è stato sfruttato bene ed è bastato. Mourinho: difficile staccare il cordone ombelicale da lui. Solo Mancini può riuscirci, inanellando successi. Ronaldo: uno schiaffo (la fuga del 2002) lo si dimentica. Due (l’approdo al Milan) viene già più difficile. I tifosi interisti hanno pazienza, ma NON dimenticano.

  10. Condivido in toto il tuo abbozzo di commento. Siamo messi male,sempre alla mercé della squadra di turno. Se il gol della Samp fosse arrivato all’inizio del 2° tempo come sarebbe finita? Si ha sempre la sensazione del “vorrei ma non posso”, dell’andare per strappi e lampi di giocate. Non penso alla prossima contro i gobbi!! Staremo a vedere e speriamo nella Dea Eupalla. Ultimo pensiero per il nostro Mou…….lacrime lacrime e ancora lacrime!!! Amala.

    • Coi ‘se’ e i ‘ma’…Se allora Perisic che si invola a rete non viene fermato per un fuorigioco inesistente…
      La squadra ha problemi e si vede
      GLR

  11. Prendiamoci il risultato, il resto non convince. Squadra sempre impaurita e sconclusionata, come la formazione messa in campo dall’allenatore. I primi 25 minuti facevano presagire al peggio anche ieri sera. Giusta e condivisibile la diversa accoglienza del pubblico ai due ex Mourinho e Ronaldo

  12. Sono contento per la vittoria anche se l’Inter è ancora malata, non penso che riusciremo ad arrivare terzi, mi sembra che la Roma sia + attrezzata di noi, però dobbiamo andare avanti soprattutto migliorare il centrocampo, occorre che Brozovic torni ad essere quello dell’inizio campionato e anche Ljajic deve dare di più come altri. Io penso che a Torino contro la Juventus vinceremo! Poi abbiamo 2 partite in casa da vincere e poi andiamo a Roma e quella sarà la partita decisiva, io ci credo. Danilo

  13. A Ronaldo io non imputo come colpa il passaggio al Real: era un professionista nel fiore della carriera e alle merengues è difficile dire di no (come successo a mourinho del resto). E poi parliamoci chiaro, al netto della cupola, certi acquisti dell’Inter erano davvero da tso. Giustifico però i fischi di ieri sera. I 6 mesi al Milan non hanno davvero senso all’interno di una carriera e ancora oggi sono una macchia indelebile. Peccato, bastava un minimo di intelligenza e lungimiranza ai tempi.

  14. Ronaldo va dove vuole andare e ha risposto con stile ad una curva di beceri. Triste vedere che venga trattato così il giocatore più forte degli ultimi (almeno) trent’anni di Inter. Accusarlo di avere giocato nel Milan a fine carriera… Roba da chiodi. Anzi: roba da pseudo tifosi! Un ragazzo che diede due volte le gambe giocando per noi (sì certo ben pagato embè?) e che DA SOLO (ricordate la squadra attorno a lui?) stava facendoci vincere lo scudetto dei veleni e quello del 5 maggio.

    • Questione di punti di vista e ognuno è legittimo sul tema. Se è per quello qualcuno l’ha fischiato anche quando giocava per l’Inter e mi diede più fastidio lì.
      GLR

    • Ragazzi, ma ce lo ricordiamo come è andato via? Mentre noi stavamo ancora piangendo per lo scudetto svanito all’ultima giornata (anche per colpa sua), quello è andato a frignare dal presidente, lamentandosi dell’allenatore dietro le sue spalle e puntando i piedi come un 2enne per farsi cedere al Real Madrid. Tutto ciò dopo avere giocato una stagione e preso i soldi per cinque. Ma minimo che lo fischiamo!

      • A me però sembra che il Real Madrid, per il suo prestigio, alla fine potesse anche essere perdonato ma non il ritorno da quasi pensionato al Milan.
        GLR

        • E non dimentichiamoci che dopo il gol nel derby (poi comunque perso) era il più contento di tutti!
          Io sto con i fischiatori. E con Cristiano… non basta averci regalato immagini indelebili. Tu puoi scrivere per un anno (perchè alla fin fine quello è stato il vero Ronaldo. Il resto a sprazzi) il più bel poema al mondo su 40 fogli di carta (le partite). Ma per distruggerlo basta un gesto: buttarlo nel camino. E puoi farlo o non farlo.
          Lui l’ha fatto.
          Buona giornata, R.

        • Per un tifoso NESSUNA SQUADRA è più prestigiosa della sua. Chi rifiuta l’Inter esce per sempre dal mio cuore; se poi costui oltre che traditore si dimostra pure ingrato e codardo la contestazione è matematica. Per quanto mi riguarda il trasferimento al Milan, il gol nel derby e l’esultanza provocatoria (che pure non dimentico) non hanno aggiunto una briciola di disprezzo a quello che già provavo.

  15. Ero a San Siro e ho potuto apprezzare dal vivo la pochezza del gioco di entrambe le squadre. Tanto per dirne una, non si è vista una parata degna di tale nome. Due gol su calcio da fermo e uno su ranocchiata, l’unico su azione è stato quello della Samp, di nuovo dopo il 90′. Non c’è da meravigliarsi, centrocampo statico, moltissime imprecisioni, tanti lanci lunghi dalla difesa, ancora cross senza destinatario. Abbiamo vinto contro una squadra mediocre ma le prospettive future sono scoraggianti!

  16. Ho visto Icardi servito pochissimo e male, piuttosto spazientito, anche se per buona parte è colpa sua perché è costantemente in attesa, non va quasi mai incontro al pallone. Mi ha stupito il giovane Ivan della Samp, così come Gnoukouri ha fatto il suo in mezzo. Un regista di centrocampo è assolutamente indispensabile, possibile che non ne esista uno decente, nemmeno prelevandolo dalla primavera? Possiamo fare blocco in fase difensiva (col 4-4-2 siamo più efficaci) ma davanti non ci sono idee…

  17. Buon risultato soprattutto per il morale visto ciò che ci aspetta domenica prossima… Non si è mai contenti…ma anche ieri sera gioco poco…tiri in porta zero…si fatti tre goal ma due su palle inattive…sempre goal ci mancherebbe ma preferirei vedere anche qualche azione conclusa con un tiro in porta…comunque forza Inter sempre

  18. Non parlo della partita ma dell’incredibile azione destabilizzante messa in atto da Moratti che nonostante abbia solo il 30% di quote continua a far danni. Mettendo da parte l’emozione per il ritorno di Mourinho mi puoi spiegare il significato di questa visita su invito ufficiale? Queste cose fanno male e si rischia di sputtanare definitivamente la stagione delegittimando Mancini e questo è stato il marchio di fabbrica dell’intera gestione Moratti. O Mou l’anno prossimo sarà all’Inter?

    • Ma davvero credi a tutte le minchiate che leggi? Quando Moratti e Mourinho hanno trovato un giorno per vedersi dopo Natale, nessuno sapeva che l’Inter sarebbe rotolata in classifica fino a questo punto e all’epoca manco si sapeva a che ora sarebbe giocata questa partita. 4 milioni all’anno e Mancini si deve sentire delegittimato? Ma da chi? Dai risultati e un po’ da voi casomai fin da quando era primo in classifica e poi ci ha messo indubbiamente del suo. Mourinho all’Inter non ci tornerà mai e fa bene.
      GLR

  19. Ogni tanto il ritiro serve, non tanto a risolvere tutti i problemi, perché quelli l’Inter li ha ancora ma forse a concentrarsi un po’ di più sulla partita e agli errori commessi. Mi dispiace per Jovetic l’ho sempre considerato un buon giocatore e pensavo facesse la differenza invece lo vedo sempre più ai margini della squadra. Rivedere Mou a S Siro, non ci sono parole…Spero torni ancora a vedere l’Inter, ma solo da spettatore.

  20. Forse il modulo 4-4-2 è un po’ più equilibrato per l’Inter. Però mi chiedo e ti chiedo, ma cosa è successo a Ljajic che entra con una sufficienza da far spavento. Poi anche Eder che con la Samp segnava qui neanche tira in porta, ma è sempre colpa degli schemi dell’allenatore o della mancanza di regista? Anche Perisic era devastante in Germania mentre qui vivacchia. Vedo Mancio molto teso, mai così si era visto, come mai? Mi sembra che nell’Inter ogni giocatore si normalizzi..perché?

    • A tutte le tue domande c’è una sola risposta che non attiene al modulo: bisogna essere professionisti e professionali, tutti. Ultimamente ce lo si è un po’ dimenticato. Tutti.
      GLR

  21. Se siamo sulla strada giusta lo capiremo domenica prossima contro la Juve: l’avversario di questa sera era veramente messo male. Nel frattempo teniamoci stretti questa vittoria certamente non esaltante che comunque riaccende le speranze per il terzo posto. Biabiany il migliore dei nostri. Al netto dell’erroraccio di Ranocchia, Icardi ha dimostrato con uno scatto portentoso che se lanciato faccia alla porta è praticamente immarcabile: ci vorrebbe qualcuno in grado di lanciarlo.

  22. Vittoria importante, certo, ma che nessuno si illuda xché ormai è chiaro che in questa squadra non remano più tutti dalla stessa parte… Giocatori indisponenti, fanno finta di “crederci” ma in realtà non gliene frega più nulla. E grande delusione Mancini…Non si sa bene cosa gli sia capitato, ma anche lui non ha più lo spirito giusto. Staremo a vedere, ma non aspettiamoci resurrezioni… Saluti a tutti !

  23. Sarebbe possibile chiedere alla Federcalcio che le partite dell’inter si concludano al 87esimo recupero compreso? Avremmo 6/8 punti in più!

  24. Volevo un commento su Brozovic, cosa ne pensa? Considerando il fatto che uno dei pochi centrocampisti con i piedi abbastanza buoni, avrà sbagliato n passaggi.
    Io sono sempre convinto che con i soldi spesi per Eder si doveva prendere un regista

    • Brozovic da qualche tempo sbaglia molto e porta troppo palla. Sul centrocampista, ma non è un regista, si era scelto Soriano, poi a quanto mi dicono fonti molto credibili, il gol nel finale col Carpi ha indotto Mancini a prendere prima Eder, guardando quanto è misera rispetto alle altre grandi la colonna dei gol segnati. Speriamo che questa scelta di pancia alla lunga paghi.
      GLR

  25. Guido Villa da Samobor (Croazia) // 21 febbraio 2016 a 12:47 // Rispondi

    Il primo e terzo gol (in parte anche il secondo) mi hanno fatto tornare in mente tanti gol subiti dall’Inter in passato. Propongo quindi una modifica al regolamento: che Ranocchia sia prestato di volta in volta all’avversario di turno dell’Inter in campionato. In questo modo potremmo puntare allo scudetto fin da quest’anno. :)

  26. mourinho all’inter non ci tornera’ mai??? Ti saresti aspettato di rivedere Roger Waters risuonare con i Pink Floyd?

    • Si. E persino di rivedere Riccardo Fogli coi Pooh, guarda cosa ti dico. Questi hanno bisogno di soldi, Mourinho al momento non mi pare se è vero che potrebbe superare tra ingaggio e obiettivi raggiunti addirittura i 12 milioni di euro. E se anche avesse bisogno di contanti, ne prende certamente più altrove che all’Inter. Poi tra dieci anni può valere tutto.
      GLR

  27. Sono un ottimista inguaribile, e perciò dato che la prossima settimana ci sarà Juve-Inter volevo ricordarti la sfida del 20 novembre 2003. Nessuno avrebbe scommesso sulla nostra vittoria. In settimana avevamo perso per 5-1 con l’Arsenal in casa. Una doppietta di Cruz e una serata indimenticabile. Che sia così anche il 28 febbraio? Io ci credo..

  28. Leggo ( e quindi non credo..) che Mou era a San Siro per visionare Icardi e Miranda…certo c’era bisogno di vedere una partita per capire il valore di entrambi… Va beh 100 cucuzze e prendeteveli…

  29. Vittoria importante, e mi interessa poco che sia arrivata contro una disastrata Samp: era fondamentale vincere e lo abbiamo fatto.
    Ora mi piacerebbe vedere un comportamento un po’ più maturo da parte di chi va in campo (titolari e riserve). Speriamo che in tal senso li aiuti il fatto di sapere che abbiamo la Juve dietro l’angolo da affrontare.
    Claudio – Parma

  30. L’Icardi di ieri, ancora con ampi margini di miglioramento, finalmente ha aumentato il proprio raggio d’azione e il goal se lo è ottimamente costruito.
    LjajIc non mi è proprio piaciuto, mentre su Jovetic vado contro corrente affermando che mi è sembrato abbastanza voglioso e carico. Mi sbilancio pure aggiungendo che a torino potrebbe pure essere titolare al fianco di icardi (Eder ieri sera è stato molto richiamato e non è nemmeno in grande condizione).

  31. matteo rivoli // 21 febbraio 2016 a 18:40 // Rispondi

    Due considerazioni, uno abbiamo preso l’ennesimo gol al minuto 92, e due finalmente ho visto Ranocchia e Dodò farsi in quattro per la maglia nerazzurra ciao e per sempre amala

  32. Ancora una volta abbiamo preso gol nel recupero….

  33. La cosa più bella della serata è stato il ringraziamento della nord per Mou…e per Ronaldo!
    Finalmente è arrivata la vittoria, anche se credo che il terzo posto non sia più affare nostro…roma e fiorentina sono più attrezzate.
    Spero vivamente di essere smentito…

  34. Mancini nelle interviste del dopo-partita sembrava cosciente che la squadra avesse giocato di merda, come a dire che questo è e questo bisogna farsi andar bene, con un po’ di rassegnazione. Succhiamoci a labbra strette questo brodino, ma facciamoci pure due risate pensando che ieri sera i tifosi dell’Inter hanno avuto un buon motivo per applaudire Ranocchia dopo tanti anni.

  35. Notavo una cosa: Juve inter e Milan, quando hanno avuto difficoltà, si sono messe.con il 4-4-2 (anche la Juve con quella falsa superiorità numerica sulla destra barzagli-cuadrado). Sono d’accordo sul fatto che i moduli contano fino ad un certo punto, però sembra che se non è la panacea di tutti i mali, quasi. Una domanda: mi confermi che jovetic ha espressamente chiesto di essere impiegato da punta e non alla ljajic?

    • Ogni modulo può essere meglio di altri anche a partita in corsO: Mancini ha sempre avuto la sua forza nel cambiarli in corsa, anche se oggi questa sembra una debolezza. Il 4-4-2 si può giocare con esterni che coprono o non coprono quando la palla ce l’hanno gli altri. Dipende.
      Quanto a Jovetic, si è messo in testa di fare il ‘falso 9′ o di stare comunque più vicino alla porta. Lo ha ammesso anche Mancini. Ma mi ha deluso più che altro per il carattere finora. Doveva essere un valore aggiunto e invece è un problema, oggi.
      GLR

  36. A Mourinho un grazie x tutta la vita, quello che ci ha fatto vedere Ronaldo non l’ho più visto fare da nessuno, il resto non mi interessa. Per il terzo posto sarà durissima ma bisogna crederci e non mollare a cominciare da domenica con la Juve. Ripeto le coppe e gli scontri diretti delle avversarie potrebbero essere ns alleati, dovremo essere bravi a cogliere l’attimo. Il 442 è al momento la disposizione che più ci protegge e rende le cose un po’ più semplici, certo senza voglia si rimane al palo

  37. Sonia Baracca // 22 febbraio 2016 a 10:07 // Rispondi

    Io mi sono addirittura complimentata con Jovetic perché mi sembrava fosse entrato in campo con grinta e voglia..Che cosa non ho visto?!

    • Il vero JoJo è un’altra cosa…
      GLR

      • Sonia Baracca // 23 febbraio 2016 a 09:42 // Rispondi

        quello senz’altro e quando mi racconteranno che se ne è andato per colpa di Mancini mi arrabbierò perché per me non è tutta colpa sua stavolta, anzi, ha creduto in lui molto più di quel che sembra secondo me ma pensavo ti riferissi a cose specifiche della partita perché me lo aspettavo, per quei 5 minuti, molto più scoglionato anche solo nell’entrare in campo, quindi da romantica sognatrice continuo a sperare che dimostri il suo valore, torni quello vero in tempi brevi..

  38. Se ci davano il rigore contro avremmo visto le streghe…altro che. Contro i gobbi ci vorrà ben altro. Comunque, secondo me, modulo e uomini da confermare (a parte Naga). Che nostalgia Mou.

  39. Paolo Assandri // 22 febbraio 2016 a 11:02 // Rispondi

    Se l’Inter vuole arrivare terza deve battere due tra Roma, Juve e Napoli e a oggi pare un’impresa davvero per “pazzi”. Però non penso che sempre la revisione dei conti, le cessioni per puntare su giocatori di minor “valore”, siano un male. Oggi tutti vedono che manca l’uomo d’ordine a centrocampo, peccato che nessuno sappia fare un nome di un giocatore forte e comprabile in quel ruolo. Borja Valero è forse il miglior centrocampista arrivato negli ultimi due anni e lo hanno pagato niente.

  40. MOU sarà venuto a vedere se Mancini gli sta ben preparando la squadra per vincere? Certo tra un po il Mancio esploderà ancor di più…penso che un minimo di riunione/cena con i vertici l’abbia fatta…un parere gli sia stato chiesto…e se avesse detto nella situazione attuale e con gli uomini a disposizione …non vi resta che metter una punta 5 centrocampisti e 4 difensori…

  41. Ronaldo ha vinto da solo lo scudetto 1997/98.
    nel 2002 Cuper non lo fece entrare contro l’Atalanta per far entrare Kallon credo o Ventola buttando via 3 punti in casa. Un allenatore bravo dopo che Ronaldo salvò l’Inter contro il Brescia avrebbe capito l’errore, ma Cuper invece si è ripetuto anche contro il Chievo sostituendolo, dopodiché il Chievo si riversò nell’area dell’Inter e pareggiò. I tifosi dovrebbero applaudirlo Ronaldo, aveva consigliato bene Moratti su Cuper che fece danni ancora

  42. leonardo calzoni // 22 febbraio 2016 a 12:45 // Rispondi

    il malato con la febbre a 40 e migliorato leggermente e la febbre è scesa a 39, ma diciamo che vincere fa sempre bene ma ancora il decorso è molto lungo. Ci sarebbe una medicina santa vincere domenica contro i gobbi, allora si incominceremmo a dare un minimo di senso a questo tribolato campionato, x quanto riguarda il futuro via il supervalutato da 4 milioni l’anno e dentro un Donadoni o un Difrancesco gente fresca con la fame giusta e le palle x fare bene

  43. Massimo Inter // 22 febbraio 2016 a 15:14 // Rispondi

    Contro la Samp in crisi, l’Inter ha fatto il proprio dovere che ci si deve aspettare, ovvero vincere. Guai a pensare di essere guariti perchè di errori ce ne stati diversi. Penso da sempre che i piedi buoni in squadra ci siano: è necessario continuare a lavorare sulla concentrazione e sullo spirito combattivo, ovviamente con chi ci crede nella squadra. Se ci fosse chi rema contro, RM farebbe bene a sbatterlo in tribuna.

  44. Hai ragione, ci vuole sopratutto professionalità a cominciare dall’allenatore che deve mettere da parte il nervosismo.

  45. Inter in vendita, semplice boutade di giornalisti in malafede e noi i soliti creduloni o c’è qualcosa di vero?
    Grazie ciao Gian Luca

    • Tutto è in vendita oggi se qualcuno porta soldi nuovi, insisponibili fino a qualche anno fa. E la cosa non mi dispiace.
      GLR

      • Boh….premesso non credo ai catastrofismi e ai catastrofisti che, caso strano tutti insieme, ci danno già per falliti, io non riesco a capirci molto..da una parte tra un po’ dobbiamo chiudere la baracca, dall’altra ci dicono che andiamo meglio e i conti sono buoni..ci fai tu un po’ di chiarezza almeno “masticabile” per noi profani?

        • E’ presto detto. I conti non sono ordine e passeranno decenni prima che le squadre italiane, Inter compresa, abbiano fatturati da top club. Ma nessuno fallirà e nella peggiore delle ipotesi il debito verrà ristrutturato, ossia ridistribuito negli anni.
          GLR

  46. solitamente quando si fa la programmazione di un investimento…lo si fa a 3/5 anni e nel momento iniziale in cui si intraprende si hanno delle garanzie di ritorno con buoni livelli confidenza. Nel corso dello sviluppo del business si verificano scostamenti da quanto previsto e si apportano di conseguenza delle varianti migliorative. In questo caso una serie di fattori: non qualificazione CL, maggiori uscite per costi, Moratti resta?, contraz. diritti TV e introiti vendite..per cui nuove fonti

    • L’investimento è sempre stato sui cinque anni. Nessuno, a livello economico perlomeno, ha mai parlato di tre anni: questo primo traguardo era a livello sportivo, ma non è che non arrivano i risultati sperati, uno scappa. Ciò non toglie che se si trova da rivendere meglio, chiunque possa cambiare i suoi piani. Thohir continua a ripeterlo, ma tanto non si vuol capire.
      GLR

  47. Scusa Gianluca, la cosa non ti dispiace perché credi che dietro a tutto questo ci possa essere il ritorno di Moratti (anche se non più da presidente)? Magari fosse vero, in ogni caso chi compra dovrebbe avere un bel mucchio di soldi……

    • No, tutt’altro. Non mi dispiace perché penso che il brand Inter paradossalmente ci abbia guadagnato dall’arrivo di Thohir, nel senso che in Asia e In America è più presente di cinque anni fa, al di là dei successi, semplicemente perché Thohir opera anche in quei continenti. Moratti per almeno dieci anni non credo abbia intenzione di tornare all’Inter. Più avanti, ma a quale punto parliamo di suo figlio, non so
      GLR

  48. Oddio!?! l’inter è in vendita.
    Come faremo adesso??? Proprio nella settimana di Juve-Inter.
    Gazzetta=Rcs=Agnelli

  49. Sbagliato contestare Ronaldo, chi ha avuto modo di vederlo giocare dal vivo nella stagione 97/98 (quel Ronaldo non si è mai più rivisto) ha goduto parecchio, le squadre avversarie se la facevano sotto, si muovevano in 4 per marcarlo, e spesso non bastava, davvero potevi solo sparare per fermarlo. Un grandissimo campione, gestito male dall’Inter. Farlo allenare da Cuper poi è stato demenziale, in un periodo di scelte inconcepibili: 2002 cessione di Ronaldo al Real e scambio Coco/Seedorf (!!!).

    • Certo, ma se alcuni, pochi devo dire, non arrivano a capire che Ronaldo non è stato contestato per questo ma per un inutile ritorno al Milan da quasi pensionato, c’è poco da fare…Proverò a scriverlo in cinese.
      GLR

  50. A vedere ieri il Barcellona in CL con la maglia dell’Inter!? mi chiedo chi possano essere quei geni del marketing che hanno scelto il giallo per la terza maglia. Detto che per me il bianco è mancanza di fantasia, xchè non utilizzare come seconda quella indossata dagli azulgrana che di azulgrana non aveva niente appunto: un completo azzurro anziché giallo (colore assurdo e sfigato), con le sfumature nere, guarda caso i colori del cielo e della notte. Vuoi vedere che la Nike ha scambiato le maglie?

    • Ogni anno la terza maglia cambia e quella gialla sta dando buoni risultati. L’anno scorso era azzurra. Mi piacciono gli esperti di marketing improvvisati. Forse che dietro ci sia uno studio? Li sai almeno i risultati di vendita della terza maglia? Ovviamente no.
      Magari fatti un giro su questo sito in home page in basso a destra cliccando sulla sezione La storia delle maglie dell’Inter by Francesco Ippolito.
      Poi se non piace a te, non è detto che non piaccia ad altri. Il bianco si fa perché è praticamente da ‘consuetudine’ per tutte le squadre
      GLR

  51. PROGRAMMARE! Parola sconosciuta in mondo Inter! anno corso quasi e.League! questo anno e.League con 4’posto! anno prossimo 3’posto c.League con stesso tecnico che magari riflette meglio sui giocatori da pigliare specie dal lato caratteriale!!!

  52. è sicuro, è scritto sui giornali:
    – Thohir è un poveraccio e deve vendere
    – il bilancio dell’Inter è il peggiore d’Europa
    – il gioco della squadra è l’unica cosa peggiore del bilancio
    – Mancini è gay e ha problemi con gli alimenti alla moglie
    – Jovetic ha cazzottato Melo
    – Icardi è stato lasciato da Wanda
    – Kondo è un bidone

  53. Inter in vendita? Ok, il problema è: cosa comporta dirlo ora? proviamo a fare delle ipotesi: società allo sbando? Calciatori distratti (con Juventus inter alle porte, non proprio una partitella…) ecc. Non si riesce a ripianare il debito, ma l’inter non è una roulette, non puoi puntare tutto sul nero e sperare che esca, ma non si doveva ripianare tutto in 5 anni? Si parlava di stadio di proprietà, ecc…Avevo sperato in una nuova società, seria, mi sono forse sbagliato? Sono un po’ incazzato!

    • Chi ha detto che l’Inter è in vendita^ Thohir continua a ripetere dal primo giorno che si vuol cercare di coinvolgere altri soggetti. Tu sai che l’Arsenal ha una proprietà russo-iraniana-americana? Ovviamente non lo sai. Che poi si riesca a farlo in Italia, senza stadi di proprietà, con tifoserie violente ad ogni livello e un popolo buono solo a lamentarsi (tutti e per tutte le squadre) degli arbitraggi facendo ridere il mondo intero è altro discorso.
      E il bello è che poi scrivi tu stesso in cinque anni? Sono passati cinque anni dal closing datato 15 novembre 2013? Siamo forse alla vigilia del 2019? Oibò non me se sono accorto. Quindi per incazzarti forse dovresti aspettare almeno quel tempo ma, per carità, vedi tu…Il tifoso italiano vuole tutto e subito e infatti non ha nulla.
      GLR

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili