37C: Genoa-Inter 3-2

GENOA-INTER 3-2 (2-2)
MARCATORI Icardi (I) al 19’, Pavoletti (G) al 24’, Palacio (I) al 30’, Lestienne (G) al 42’ p.t.; Kucka al 44’ s.t.
GENOA (3-4-3) Perin; Roncaglia, Burdisso, De Maio; Rincon, Bertolacci, Kucka, Edenilson (dal 48’ s.t. Tambè); Iago Falque (dal 38’ s.t. Izzo), Pavoletti, Lestienne (dal 32’ s.t. Laxalt). (Lamanna, Sommariva, Perotti, Lestienne, Soprano, Panico, Mandragora). All. Gasperini
INTER (4-3-1-2) Handanovic; D’Ambrosio (dal 42’ s.t. Puscas), Ranocchia, Juan Jesus, Nagatomo; Brozovic (dal 31’ s.t. Shaqiri), Medel, Kovacic; Hernanes; Icardi, Palacio (dal 32’ st. Bonazzoli). (Carrizo, Campagnaro, Andreolli, Kuzmanovic, Obi, Santon, Felipe, Gnoukouri, Donkor). All. Mancini
ARBITRO Tagliavento di Terni
NOTE ammoniti Kucka per comportamento non regolamentare, De Maio, Roncaglia per gioco scorretto; Hernanes, Juan Jesus, D’Ambrosio per gioco scorretto, Brozovic per comportamento non regolamentare

Game over. Le ultime due sconfitte hanno definitivamente sbarrato all’Inter la strada per l’Europa. Ci sta, dài, non ce lo siamo proprio meritato, perché se non si riesce a vincere neppure quando ci si trova per due volte in vantaggio, mentre si è fuoriclasse nel rimettere in partita gli avversari, è giusto così. Si, lo so, c’è stato il solito Tagliavento come taglia-Inter, ma a me pare che riusciamo sempre nell’impresa di non garantirci neppure il diritto di lamentarci. Il calcio che gioca l’Inter di Mancini è divertente e nemmeno complicato: noi si prova sempre e comunque a fare la partita e spesso arriviamo ad un pelo dal vincerla, ma poi mancano drammaticamente gli interpreti per custodire quello che si è creato. Fatevi due conti, limitatamente a Marassi. Reparto offensivo: due gol, altri due annullati di cui uno probabilmente regolare, un palo e una traversa che hanno dato il record stagionale di 20 legni colpiti insieme al Palermo, oltre a qualche spreco e agli ottimi interventi di Perin. Reparto difensivo: tre gol subiti con responsabilità di ogni tipo, almeno tre parate decisive di Handanovic oltre alla cappella da oratorio indotta da Ranocchia, perché alla Scuola-Calcio se il portiere esce chiamando la palla il difensore deve togliersi dai coglioni; poi errori individuali a raffica tra cui addirittura un perfetto assist di Juan Jesus a Lestienne, unitamente alla solita galleria di insicurezze. Nella ripresa c’è un’immagine che fa riflettere: capitan Ranocchia, solo e nemmeno particolarmente pressato, ha valutato di regalare un corner per il terrore che qualcuno gli piombasse alle spalle. Quest’anno quasi a ogni vigilia ha twittato annunci di imminenti trionfi, sul campo purtroppo è stato quasi sempre smentito, spesso per colpa sua. Molti volevano un Capitano italiano, chissà se hanno capito che non basta la nazionalità a portare il grado. In ogni caso quello andato in scena a Marassi è è stato l’ennesimo harakiri, quello definitivo, al termine di una gara folle, anzi, molto inglese. Il 3-2 finale per il Genoa, dopo i gol di Icardi, Pavoletti, Palacio, Lestienne e Kucka, avrebbe sancito la meritata Europa per i rossoblù, che però non hanno la licenza Uefa.
Alla fine ha quindi goduto Gasperini, uno che vive male dai tempi in cui è stato cacciato dall’Inter. Vi risparmio lo score per decenza, ma andatevi a vedere quella rosa rispetto a quella odierna. Per Gasperini che a 58 anni ha vissuto solo qualche mese di carriera in una grande, battere l’Inter, che ha commesso l’errore di prenderlo benché fosse la quinta scelta, è diventato il massimo della vita, il nirvana. Per noi, soprattutto quando torneremo noi, resterà sempre uno dei tanti. Scoperto da Moggi, Gasperini è arrivato al massimo della sua carriera ad allenare Palermo e Genoa: questa l’altezza massima della sua asticella, ma qui ci sa fare davvero: lo dico seriamente, è bravissimo! Affermare però a fine-partita che l’Inter ha rischiato di rovinargli la carriera mi ha fatto pensare. Che sia davvero colpa dell’Inter, se Bayern, Real Madrid o nessun’altra grande italiana lo hanno mai più ingaggiato? Eppure dovrebbe ringraziare Dio di poter infilare nel suo curriculum qualche mese di Inter, magari evitando le idee di Zanetti centrale difensivo o Sneijder allargato fin fuori da San Siro. Insomma, Gasperson, a Milano nerazzurra siamo stati proprio cattivi a non capirti, ma che ci vuoi fare? Pensa che Giampiero Ventura, altro bravissimo tecnico, non può nemmeno dire di essere passato per caso in una grande. E pure a me, nel mio mestiere, è capitato di sentirmi Dio confrontandomi con altri, ma se chi di dovere non se ne è accorto, me ne sono fatto una ragione. Dammi retta, caro vecchio Gasperson, metabolizza una volta per tutte quei pochi mesi di Inter e vivrai meglio! Sinceramente hai sbagliato a dire che ti abbiamo valutato un incapace. In questo modo abbiamo piuttosto valutato chi all’epoca ti chiamò.
Per quanto ci riguarda invece, spazio ai soliti rimpianti: non si doveva cambiare allenatore in corsa e non si dovevano perdere tutti questi punti: eppure sarebbe bastato vincere a Genova per trovare l’Europa. E, al di là di Tagliavento, dobbiamo ammettere che ce lo siamo meritato, visto che tutto quello che si è costruito là davanti è stato, come sempre, vanificato dietro. Mancini ha sopravvalutato le sue doti taumaturgiche e ha ipervalutato la squadra: questa è la sua colpa più grave. Se la dietro gioca sempre la banda del buco è perché evidentemente gli altri danno ancora meno garanzie. Bisogna avere un’altra diesa ed è inutile inventarsi ora esperti di mercato correndo dietro ad ogni nome messo in giro dal procuratore di turno. Ci sarà tempo fino ad agosto per inventare la nuova Inter. Intanto Mazzarri avrà sicuramente trovato un club meglio del nostro, visto che ha fatto meglio di Mancini nel giochino della media-punti che tanto piace a chi guarda il dito e mai la luna. Eppure con Mancini un’idea di gioco c’è, ma mancano gli interpreti per metterla in pratica, soprattutto nella fase di non possesso palla. La vera scommessa del Mancio ora sarà trovarli per farei in modo che questo sia stato davvero l’ultimo anno zero.

Highlights
5′ Tiro di Lestienne , Handanovic respinge
8′ Kovacic per Brozovic che di testa spedisce a lato
9′ Miracolo di Handanovic su colpo di testa ravvicinato di Lestienne su assist Juan Jesus (!)
14′ Palacio per Medel, Perin devia in angolo
19′ 0-1 Da Hernanes a Icardi che supera Edenilson e Perin
21′ Kucka da 25 metri, Handanovic vola
24′ 1-1 Medel a vuoto, Pavoletti si gira e trova l’angolo
30′ 1-2 Hernanes per Icardi che libera Palacio per il gol
33′ Pavoletti gira al volo sulla traversa
38′ da Hernanes a Icardi che segna in fuorigioco
39’ Da Palacio a Icardi che segna. Annullato per fuorigioco
41′ 2-2 Pasticcio tra Ranocchia e Handanovic , Lestienne segna a porta vuota
69′ Bertolacci da 30 metri, Handanovic vola
71′ Corner di Lestienne, Burdisso di testa a lato
75′ Palo di Hernanes e traversa di Brozovic sul rimpallo
77′ Juan Jesus dorme, Laxalt sfiora il gol
81′ Tiro di Hernanes, ci arriva Perin
82′ Da Shaqiri crossa a Icardi che di testa sfiora il palo
89′ 3-2 Kucka di testa capitalizza una punizione
95′ Contatto in area Icardi-Burdisso, per Tagliavento tutto regolare

 

 

123 Commenti su 37C: Genoa-Inter 3-2

  1. Di positivo c’è una cosa secondo me. È troppo evidente cosa non va. Intervenire li e non siamo messi così male per il campionato prossimo. Non andare nemmeno in EL non è bello certo, perché ti consente di ridurre la rosa e prenderne meno ma migliori. Il prossimo anno sarà decisivo anche per Thohir. La gente è stufa.

  2. Quello che fa l’attacco, la difesa smonta, altro che Penelope. Poi, Tagliavento e i suoi assistenti,
    quando vedono le nostre maglie perdono dai 6 agli 8 decimi di vista . Pali e qualche errore sottomisura e, come spesso accaduto quest’anno, sconfitta nel finale. In ogni caso vi sono in squadra molti giocatori mediocri, inutile farne elenco, li conosciamo tutti. La difesa nel suo insieme è disperante e quando scendono gli avversari si rischia, ogni volta, di prendere gol
    Non meritiamo l’Europa.

  3. Pasquale Somenzi // 23 maggio 2015 a 23:58 // Rispondi

    Numeri quasi agghiaccianti ci segnalano che per il sesto anno consecutivo l’Inter
    in campionato vince meno partite rispetto al campionato precedente. Infatti
    aveva cominciato nel 2009/10 vincendo 24 partite mentre l’anno prima eran 25
    poi nel 2010/11 furono 23, poi nel 2011/12 furono 17, quindi nel 2012/13 furono 16
    e nel 2013/14 furono 15 mentre quest’anno anche battendo l’Empoli si salirebbe
    a 14. In pratica negli ultimi 2 campionati un abbonato della Juventus, seguendo
    solo le partite in casa, ha visto la sua squadra vincere più volte di un tifoso
    interista che abbia seguito l’Inter in tutte le partite sia in casa che fuori.
    Per vincere uno scudetto, a parte non perdere 11 partite, occorre fare 6 punti
    contro almeno 5, 6 o 7 squadre e l’Inter ha vinto sia all’andata che al ritorno
    solo contro una, l’Atalanta.
    Genoa-Inter era finita 3-2 solo una volta, il 22 ottobre 1911 e dal 1958 ad ieri
    solo una volta l’Inter aveva preso 3 gol a Marassi, nel 1991.
    Pasquale.

    • Pasquale Somenzi // 25 maggio 2015 a 12:36 // Rispondi

      Vista la circostanza val la pena (credo) ribadire un fatto storico, specialmente per i tifosi avversari. L’Amburgo, che come l’Inter non è mai stato in serie B, sia l’anno scorso che quest’anno disputa degli spareggi per restare nella massima serie. E questo semplicemente perchè previsto dal regolamento stabilito all’inizio del campionato, infatti l’Amburgo non viene salvato di diritto o ripescato così come nel 1922 non è stata salvata o ripescata l’Inter che anche se arrivata ultima fece semplicemente quanto previsto, proprio come l’Amburgo quest’anno. Questa è storia.

  4. Gol annullati, e vabbè… ma è anche vero che questi, se non si tirano mazzate sui cosiddetti, non son contenti! Quando si vedono scempi come in occasione del 2-2 DEVI perdere, anche se avresti meritato di vincere.
    Handanovic è chiaramente con la testa da un’altra parte: chiudiamo l’equivoco… saluti e buona fortuna. Ranocchia è troppo insicuro: credo che per dargli una scossa non basterebbe neppure se tornasse Galvani (all’Inter nel 1989)… 😉
    Per il resto, è un anno così… e così sia. :-(

  5. Marco Ferrara // 24 maggio 2015 a 00:32 // Rispondi

    Se la fortuna aiuta gli audaci (Juve), la mala sorte si accanisce con i mediocri (Inter), e forse è giusto così. Reputo la non qualificazione in Europa League l’ultimo dei mali (conta solo se la vinci e condiziona la stagione), temo piuttosto l’abitudine alla sconfitta. Confido in Mancini, ma la società deve finalmente dimostrare con i fatti.

  6. Claudioeffedeejay // 24 maggio 2015 a 01:40 // Rispondi

    Si può commentare una squadra che non abbia un centravanti in panchina e Ranocchia come capitano? Abbiamo il quarto monte ingaggi del campionato e spendiamo in stipendi il triplo del Toro di Ventura che in due stagioni (78 partite, mica poche) ha fatto pressoché i punti dell’Inter. Come fa il nostro D.S. ad essere ancora al suo posto?
    Ma poi, dopo quasi un anno, si può sapere chi abbia fatto capitano Ranocchia, dopo che Mazzarri aveva chiuso la stagione giocando con Rolando, JJ e Samuel?

    • In molti, facilmente condizionabili dalla prima cagata che uno dice, volevano il Capitano italiano. Eccoli serviti. Io vi avevo avvisato fin dal primo minuto: la nazionalità non fa il grado. E dopo Jonathan e Alvarez, continuerò a dire che Juan Jesus e Ranocchia, oltre a qualcun altro, non sono da Inter, a meno che non mi dimostrino il contrario.
      GLR

  7. La nostra difesa è impresentabile. Senza se nè ma. Ranocchia su tutti. Peccato non averlo dato alla Juventus, anche se, ça va sans dire,là probabilmente avrebbe ben mascherato i suoi gravi limiti. Insomma, più programmazione legata a ricostruire dalle basi la squadra. Difesa in primis. E detto tra noi: se Icardi e Handa resteranno sarà un piccolo miracolo!

  8. Ora basta, basta basta! Quei due (+1) li dietro non si possono (e non si devono) più vedere con giocare con la maglia dell’Inter! Tutto quanto di buono viene fatto dalla cintola in su viene letteralmente polverizzato da prestazioni dilettantistiche di ranocchia e jesus! Se poi ci si mettono anche coloro che dovrebbero fare da filtro (i mediani) elargendo regali agli avversari (ripartenze) da principianti, eh beh, allora cari miei non possiamo pretendere di lottare per alcun obiettivo

  9. E’ giusto così. Ora guardiamo alla prossima stagione

  10. Giusto così. Punto!

  11. Ennesima dimostrazione che i supereroi, per vincere in Italia, non servono. Anche il Genoa ci ha dato un’altra lezione di “cuore e carattere”.
    A detta di molti non partecipare all’EL è conveniente, beh diciamo che prendersela comoda e ripartire dalla serie C, con qualche vittoria in più che fa morale, è meglio?
    Il Barça con Messi parte con una rete di vantaggio, l’Inter con Ranocchia & J.J., beh mi sembra superfluo continuare.

  12. Non vorrei dire una stupidaggine, ma si è speso quest’anno almeno quanto la Juventus sul mercato con le follie di gennaio e i risultati sono questi…Mazzarri era quel che era, ma almeno aveva il buon senso di arroccarsi per non prenderle e alla fine aveva ragione lui…però sai con Mancini è tutta un’altra musica…

  13. E’ finalmente arrivato il momento di fare delle scelte, senza se e senza ma. L’esperimento dell’Inter giovane non ha funzionato, servono giocatori pronti e di esperienza. Ben vengano i vari Toure’ e/o Motta.

  14. Handanovic se ne va a ragione, si tiene Hernanes, Icardi e Palacio, diamo un altro anno a Shaq e Brozovic appena arrivati, gli altri in campo ieri devono andarsene.
    Mancini rimettere Ranocchia e JJ al centro forse ha bevuto. Perchè non Felipe od Andreolli a questo punto al posto di uno dei due? Settimana prossima ultimo atto della tragedia e poi speriamo nella Società .

  15. Alessandro // 24 maggio 2015 a 08:25 // Rispondi

    Quest’anno sono andato allo stadio a vedere il Taranto che gioca in serie D. Credetemi,i giocatori hanno una tecnica proporzionata alla categoria, ma errori di posizione, di scelta di tempo, tecnici, così DISGUSTOSI da vedere per chi assiste non ce ne sono mai stati. Ecco questo è il problema……..non avrei mai pensato di vedere i colori della maglia x cui tifo DISGUSTARMI per colpa di alcuni elementi, che ahimè giurano pure fedeltà! !!

  16. Christian1983 // 24 maggio 2015 a 08:34 // Rispondi

    Partita indegna come al solito condizionata non da Tagliaventus ma dalla presenza di Juan Jesus e Ranocchia… Speriamo che vengano sostituiti il prima possibile con 2 difensori veri con le palle. Ciao! Christian

  17. Ennesima (penultima?) delusione: l’amarezza è tanta che supera anche le recriminazioni su pali e rigori non dati. Se però poi commetti certi errori dietro… Io cmq non mollo, anche adesso guardo al futuro fiducioso: ripartiamo da quello che di buono c’è e vediamo cosa arriva dal mercato,non dovremo sbagliare nulla, che siano campioni affermati o giovani di qualità: fame e attaccamento alla maglia. Ricordiamo che gli acquisti di gennaio non hanno purtroppo dato quanto sperato. FORZA INTER SEMPRE

  18. Meglio così credimi,i preliminari di EL avrebbero rovinato la preparazione. Piuttosto se Mancini non capisce che Ranocchia e JJ non sono da serie A saranno dolori. Max

  19. pietro mattaini // 24 maggio 2015 a 09:10 // Rispondi

    Ma come si fa a non capire che abbiamo una coppia di difensori RANOCCHIA JESUS che farebbero panchina in serie B
    è chiaro che tutti i nostri sforzi con un immenso Icardi sono vani se ogni partita regaliamo 1 / 2 gol
    Comunque sempre Forza INTER
    Pietro

  20. Meno male che domenica é l’ultima.

  21. Sul 2 a 2 ho pensato che una partita come quella di ieri sera la Juve l’avrebbe sicuramente vinta e noi potevamo anche perderla per il semplice divario caratteriale tra noi e i gobbi. Non è una questione (solo) tecnica. L’Inter attuale è meno della somma dei suoi giocatori. Ci serve come il pane l’innesto di qualche leader che possa trascinare la squadra, qualcuno che a perdere non ci sta proprio. Meno tweet e più cartellini gialli!

  22. Una gara che è la sintesi dell’attuale squadra: un gioco anche discreto, ma troppi gol sbagliati di un nulla, clamorosi errori difensivi che non vedo neppure nel campionato di serie D dove gioca la squadra della mia cittadina…Difesa da sistemare come priorità, poi tutto il resto. Ormai Mancini ha capito chi può essere ancora utile e chi invece non merita la riconferma il prossimo anno, se la società riesce ad assecondarlo con un bel mercato, potremo tornare a lottare per il terzo posto.

  23. AndreaIbiza // 24 maggio 2015 a 09:46 // Rispondi

    Non è sicuramente tutto da buttare, ma è difficile trovare cosa salvare. Squadra fragile strutturalmente e psicologicamente, totalmente priva di personalità e attributi. Si iniziano a vedere sprazzi di calcio, ma il risultato di una squadra compiuta è lontano anni luce; anche perché gli interpreti sono nel complesso mediocri. Ranocchia e Jesus sono giocatori che non possono trovare posto neppure nell’ultima in classifica di questa (scarsa) serie A; gli esterni di difesa sono discreti rincalzi. Il centrocampo è buono ma manca di personalità e vanno risolti tanti equivoci: primo fra tutti Kovacic. Adesso ha dimostrato solo di poter fare la mezzala in un centrocampo a 3. Quello che sarà tra 5 anni, quando acquisirà esperienza e maturità, lo vedremo solo allora. A noi interessa il presente. L’attacco è Icardi e un Palacio di 33 anni. Tanta roba, ma non sufficiente per traguardi ambiziosi.

  24. hai ragione game over per una stagione deludente e giustamente conclusa con l’esclusione dalle coppe, ma il mio terrore è che la società cerca centrocampisti e attaccanti, ma non difensori. Se sono vere le voci di un addio di Handa dove vogliamo andare con una difesa del genere? Il Genoa (non il Barcellona) ha fatto 3 gol e poteva farne altrettanti sempre su errori individuali dei difensori.

  25. come si dice dalle mie parti non c’e’ più trippa per i gatti. Sfortunati sempre ma pure troppo scandalosi nel centrocampo e in difesa. L’anticalcio rappresentato da medel, ranocchia, jesus, nagatomo e mi fermo.
    Vi ricordo a tutti che mai in 38 partite di campionato l’inter aveva raccolto solo 6 punti tra la partita di andata e quella di ritorno, è capitato solo con l’atalanta. tutti muti e a casa.

  26. portiamo pazienza, ragazzi. è quasi finita….
    FORZA INTER

  27. Roberto Scibetta // 24 maggio 2015 a 10:22 // Rispondi

    Ma Ranocchia deve per forza rinnovare?
    Dopo mesi di tweet inutili e dannosi, il capitano (?!) ha rilasciato un’intervista in cui ha detto la sacrosanta verità: “mi dovrete sopportare ancora a lungo”.
    Se resta, questa è una delle peggiori notizie della settimana.
    Se fai 2 goal regolari, due semi-regolari (non in evidente fuorigioco), prendi due legni e fai fare un gran figura a Perin, poi regali goal come quelli che solo la premiata ditta Rospo+JJ sanno dare… Meglio quasi non giocarla!

  28. Stagione finita.
    – TUTTI gli obiettivi FALLITI
    – TUTTI gli acquisti SBAGLIATI
    Il presidente, menegramo, identifichi quelli che ritiene i colpevoli, che siano dirigenti o giocatori o presunti tali, e li CACCI.
    E i tifosi tirino fuori gli attributi e disertino stadio e ritiro di questa barzelletta di società.

  29. paolo luca // 24 maggio 2015 a 11:04 // Rispondi

    FINALMENTE E’ FINITA LA VIA CRUCIS!!!!!!!!

  30. un gol come il pareggio del genoa è di una bellezza assoluta.
    l’emblema del nulla che siamo, un nulla tanto assoluto da andare ammirato.
    un nulla artistico

  31. Giusto così ma la difesa è veramente imbarazzante…

  32. ciao Gianluca. hai perfettamente ragione. è stata solo una lunga agonia. quello che hai sempre detto si è avverato. hanno fatto quello che potevano perchè questi sono. io non sono mai stato un estimatore di Mancini ma devo dire che ci ha creduto forse troppo. peccato. ho 57 anni e 50 che vedo l’Inter ma una squadra così scarsa non me la ricordo. vabbè io mi sono trasferito in Spagna sulla Costa Blanca. grazie ancora del tuo lavoro giornalistico. buona estate.

  33. Gara che riassume fedelmente questa stagione disgraziata.Vantaggio iniziale illusorio seguito dall’immancabile topica difensiva…pali e traverse a ricordarci che la fortuna non alloggia dalle nostre parti e beffa finale….solita trama di un film già visto: non ci resta che piangere

  34. Ma siamo sicuri di avere una classe dirigente capace, cominciando dal nostro presidente,
    e finendo al nostro allenatore?.
    Mi sembra che al inter si viva in un altro mondo.
    Per non comprare sempre delle pippe bisogna non essere una pippa anche da dirigente.

  35. Guarin capitano // 24 maggio 2015 a 12:10 // Rispondi

    Ho paura che l’anno prossimo si ricomincerà con la solita solfa..si farà propaganda dicendo che juan rende meglio a sinistra e che murillo aiuterà ranocchia a crescere…poi che guarin ha bisogno di continuità come kovacic e che palacio è indispensabile come sempre…poi ci saranno i soliti elogi ai zukanovic di turno per due partite buone e tra una vittoria è una sconfitta..si ci accontenterà di un quinto posto

  36. ma allora è proprio vero. c’è da stritolarli…una caterva di partite perse perchè fanno casino alcuni difensori ed alcuni centrocampisti e segniamo anche 3 goal a partita..

  37. Raramente mi soffermo su un giocatore…ma non si puo’ davvero piu’ vedere Ranocchia in campo; tu dirai che chi c’e’ dietro di lui (Andreolli) e’ anche peggio…io credo che peggio di Frog sinceramente non ricordo. Anche M e A Paganin erano meglio…

  38. Al di là di tutti i discorsi, ieri non meritavamo di perdere, anzi pure il pareggio ci stava stretto

  39. Stefano B. // 24 maggio 2015 a 13:54 // Rispondi

    Purtroppo mai come questa stagione la campagna rafforzamento (eufemismo) è stata un fallimento; tutti i nuovi acquisti non hanno reso come si sperava. In più alcuni elementi che l’anno scorso sono stati determinanti, per vari motivi non hanno replicato il loro rendimento.
    Ecco in parte spiegato il regresso rispetto alla pur deludente passata stagione.
    Adesso prepariamoci a un futuro più roseo sperando che le minacce di Ranocchia: “Mi dovrete sopportare ancora a lungo” non vadano a buon fine…

  40. non sempre o quasi mai nel calcio c’è giustizia secondo me, però quest’anno meritiamo la posizione che abbiamo in classifica; ho sperato nella qualificazione in E.L. sino alla fine perché l’Inter deve essere in Europa sempre e comunque, ma abbiamo sempre fallito le partite che contano, l’ultima ieri sera. Ora speriamo in un progetto serio, fatto con gente da Inter, non so quanti e quali giocatori tenere e mandar via, vorrei solo una squadra meno imbarazzante e che lotti.

  41. Game over per tutti! allenatore in confusione totale e giocatori impresentabili.
    tutto da rifare! speriamo che il presidente tiri fuori soldi altrimenti per il sesto anno
    giocheremo per il decimo posto! certo che passare dal triplete a questo livello è
    una pena indescrivibile!!!

  42. Luca Milano // 24 maggio 2015 a 15:16 // Rispondi

    Siamo molto scarsi, confusi e infelici… e in piccola parte anche sfortunati (contate tutti i pali presi in stagione). Però, io non capisco molto tutti questi gol annullati o rigori non dati (vedi partite precedenti), se è casuale accipicchia…che sfiga!

    • Va anche detto che se l’arbitro con la juve fosse stato attento, saremmo certamente passati sul 2 a 0 ma altrettanto certamente avremmo finito in 9 o peggio. E con il genoa la cosa avrebbe avuto il suo peso.

  43. Nulla di nuovo, il valore di Handa non cambia, resta il migliorpara rigori al mondo (non che importi molto dato che nelle coppe dover servierebbe non lo schiereremmo comunque), Ranocchia e Kovacic due personalità leggermente sottomesse, Medel un giocatore da categoria e Shaqiri uno che non sa scegliere le scarpe….7 scivolate in 15 minuti è roba da primato.

  44. Finito come meritavamo di finire: fuori dall’Europa. Ora sotto col mercato per cercare di risollevarci. Decida Thohir che ruolo vuole che l’Inter giochi in futuro. E prenda gente, anche in societa’ che ci ridia l’orgoglio di essere interisti: qui si rimpiange ancora Mou.

  45. Game over….era ora! E che parta finalmente la rifondazione, perchè è ormai chiaro che con certi soggetti non si va oltre un piazzamento in Europa League (se disputano una grande stagione!)

  46. Saluti a tutti,
    solo una domanda mi pongo ma, come si è potuto smantellare il 70% delle squadre italiane, abbiamo visto la pochezza in coppa, e far sì che a mio avviso anche i prossimi 2-3 campionati siano senza storia?
    Che l’Inter potesse tornare ad essere “pazza” ce lo potevamo aspettare ma, che tutta la serie A finisse a fare da comprimaria alla, seppur brava, juventus, proprio non me lo aspettavo.

    • Luca Milano // 25 maggio 2015 a 08:52 // Rispondi

      La Juve è più forte in Italia a seguito di un vantaggio economico che durerà almeno 10 anni, resta però da capire come è stato costruito il tutto e a che prezzo – non solo economico. La finale di CL è una cosa che mi ricorda le finali di Sacchi, di Lippi e di Prandelli: 50% merito e 50% fortuna di tabellone nell’incontrare squadre medie o big in fase calante. L’Inter fece il Triplete piallando in 10 il Barca, ma noi eravamo avvantaggiati dal giocare pure in 9 – in campionato…

  47. In verità il gioco è finito il 22/5/2010, che tristezza!
    Saluti da Racale.

  48. Difesa da rifare per intero, ieri sera sembrava una partita di calcetto di metà settimana, ogni azione era potenzialmente da goal..con questi non vai da nessuna parte, l’unico che deve rimanere verrà ceduto, ad altri invece rinnovano il contratto. .

  49. Che dire, ho visto solo i riflessi filmati (i play-off di Cantù ieri avevano la precedenza)…. meno male che è finita! Abbiamo un attacco che segna, un centrocampo anonimo ed una difesa che non difende…mi fido della tranquillità del Mancio&Soci, ma qui servirebbe un mercato d’altri tempi, ed ho i miei dubbi che ci sarà. Amala.

  50. E’ il momento di fare un bilancio della stagione: è stato un DISASTRO! Mi aspettavo una stagione almeno DIGNITOSA, invece NIENTE: siamo tornati indietro di 2 anni, sotto ogni punto di vista. Non me la prendo con Mancini, anche se non è riuscito a tirare fuori il meglio dalla squadra, (si rifarà l’anno prossimo!), né con i giocatori che hanno dei limiti e lo si sapeva, ma con la scelta INSENSATA di Thohir di chiudere il PROGETTO Mazzarri su pressione di Moratti: ciò ha ROVINATO tutta la stagione!

  51. In teoria (molto in teoria), non è ancora game over per quanto riguarda la EL. Ma servirebbe la sconfitta della Sampdoria nell’ultima giornata, insieme a una vittoria della Beneamata e a una conferma della decisione riguardo alla licenza UEFA del Genoa.
    Riguardo al futuro, credo che RM l’anno prossimo potrà costruire una squadra più vicina al suo credo calcistico, sia pure con budget ridotto, per andare in Europa. Forse l’anno successivo si potrà sperare in qualcosa di più… Calma e gesso!

  52. Silvio da Torino // 24 maggio 2015 a 21:03 // Rispondi

    Se a pochi minuti dalla fine lasci libero Kucka di colpire indisturbato di testa a breve distanza da Handanovic (alle sue spalle c’era De Maio anche lui libero), dopo aver sbagliato un mucchio di goal e aver fatto pazzie in difesa, si merita di non andare in EL. L’annata della nostra Inter e’ stata tutta cosi’. Cose buone in avanti, centrocampo a fasi alterne a seconda degli interpreti, ma difesa purtroppo ridicola sempre e quindi tanti punti buttati dove tutti sappiamo. Europa addio e così’ sia

  53. Thohir facci un regalo, silura Ranocchia e ritira la sua maglia, per dimenticare! Poi fate capitano l’unico giocatore con un minimo di appeal e di personalità, cioè Icardi. Handa facci un favore pure tu, trovati una squadra degna di te, vinci la Champions e vai con Dio. A differenza del capitano tu sei forte, ma hai la testa altrove e il feeling con la squadra e i tifosi non è mai sbocciato.

  54. Con una difesa da 3 in pagella, si poteva sperare qualcosa di meglio?
    Da licenziamento in tronco.
    Se fossero comuni mortali.
    Bye.

  55. la cosa piu’ importante e’ la base della societa’ a cui mancano figure sportive o politico-istituzionali in cui ci si possa identificare oltre che i giocatori la gente che guarda le partite oltre agli acquisti di due o tre giocatori forti.

  56. Alessandro // 25 maggio 2015 a 08:19 // Rispondi

    La disamina è molto semplice. Alcuni giocatori sono da media classifica. Non sono propriamente delle pippe, non sono da vertice per tante ragioni: carisma, senso della posizione, intuizione, lettura dell’azione. Se è vero che per certi la bocciatura non dev’essere affrettata perché giovani o freschi di arrivo, per altri appare chiaro come la categoria non sia idonea al loro status. E non venitemi a dire si vince e perde in 11. Cazzata. Gli avanti con due reti e due pali il loro lo hanno fatto.

  57. Giusto così, per quanto fatto vedere nell’arco dell’anno: Inter sempre dietro a Genoa e Sampdoria, lasciando stare la Fiorentina, dunque non merita l’Europa. Volevo chiedere quante reali possibilità ci sono di non rivedere più questa difesa per intero la prossima stagione? Anche sabato, per l’ennesima volta ciò che si è creato davanti è stato rovinato dietro. Possibile che non si rendano conto che le squadre vanno costruite a partire dalla difesa? Che Ranocchia, JJ, Vidic etc sono improponibili?

  58. Il primo (vero) anno di presidenza Thohir è stato un flop,ma fu lo stesso x Moratti nel ’95-’96. Allora, si vendette Roberto Carlos (sostituito da Pistone). Vediamo se 20anni dopo saluteremo Icardi, uno che non avrebbe problemi nel trovare un club + ambizioso e magari già in Champions. Si parla di rivoluzione e di cessioni x far cassa. Ma qualcuno si chiede da dove e da chi si riparte? Mancheranno i soldi delle Coppe Europee e se vogliamo i cosiddetti campioni, addio al tetto ingaggi e all’FPF. Non è poco.

  59. Non per difendere Rano.& co. ma le fondamenta di una squadra, partono dalla difesa; nel nostro caso, non avendo fenomeni, allora devi rimediare diversamente magari preoccupandoti di darle adeguata copertura. Per questo speravo che RM, appena arrivato, bloccasse almeno 2 centrocampisti a protezione della difesa. Non credo che le cose sarebbero andate peggio di come sono andate. Oltre agli errori individuali, evidenti, c’è un problema di fase difensiva che coinvolge tutta la squadra

    • Questa è filosofia, ma se hai i difensori scarsi e propensi agli errori individuali, c’è poco da far filosofia.
      GLR

  60. alberto eduardo // 25 maggio 2015 a 09:59 // Rispondi

    non capisco perche “salvare” Mancini. Permaloso con Osvaldo. JJ gioca sempre persino tercino sinistro? Santon per non gioca? Ranocchia e mai Andreolli. Carrizo portiere di coppa…

    • Perché nella vita qualche certezza bisogna averla. Cambiare allenatore ancora sarebbe stupido. E si sono viste anche cose positive nel gioco. Quanto a far giocare quelli, dagliene altri, poi vedi se giocano quelli
      GLR

      • alberto eduardo // 25 maggio 2015 a 10:59 // Rispondi

        non vorrei cambiare Mancio, però un po di critica…forse aiuta a farlo riflettere…
        ti saluto dal Singapore, dove abito…mi alzo alle 3 del matino per vedere la bienamata…sono Italoargentino…

        • A me pare che Mancini sia criticato e giustamente. Leggi quello che si scrive. Se poi criticare vuol dir sempre e solo cacciare, perché si vuole il sangue, mi pare sbagliato. Complimenti per la fedeltà, tra l’altro non meritata dall’Inter attuale.
          GLR

  61. Hanno fatto di tutto e in tutti i momenti cruciali per non andare nemmeno alle qualificazioni di EL e sono pienamente riusciti nell’intento. E pensare che fino a ieri gli avversari hanno fatto di tutto per boicottare i loro piani

  62. I risultati dell’Inter? Un disastro annunciato dopo il cambio in corsa ed il ritorno eccellente di Mr. Mancini. Ora calma e sangue freddo per l’anno prossimo. All’Inter, si vince solo al terzo anno (Herrera, Bersellini, Trapattoni, Mancini).

    • Si, e per la serie ‘ i luoghi comuni’, non esistono più le mezze stagioni…
      GLR

      • Sono I numeri a parlare. Tutti i ritorni eccellenti (Herrera, Sacchi, Capello, Trapattoni, Mancini) sono stati fallimentari. I luoghi comuni sono per quelli che, cambiando l’allenatore, pensano ancora di avere risolto i problemi.

        • Lippi è tornato alla Juve e ha rivinto. Mourinho e Mancini non hanno vinto al terzo anno, così come Conte e tanti altri. Luoghi comuni, insomma. Non c’è una regola nel calcio. Poi cambiare sempre allenatore, soprattutto in corsa, statisticamente non fa certo bene e questo lo sappiamo
          GLR

          • Mancini, numeri alla mano, all’Inter ha vinto lo scudetto al terzo anno. Quando inizio’ ad allenarla, tre anni prima, era una squadra piccola, piccola. Come quella attuale che deve essere costruita da zero. La programmazione paga. La Juve e’ maestra in questo. L’Inter no. Lippi, cacciato pure lui dall’Inter, ha rivinto in una grande Juve, l’unico ritorno di successo, come Mourinho in una grande Inter.

  63. Jack Berga // 25 maggio 2015 a 12:04 // Rispondi

    Io direi che, oggi, potremmo dimenticare per qualche ora le amarezze donateci dai nostri amati colori e dedicare le nostre forze e la nostra memoria alla commemorazione dell’anniversario di una delle serate calcistiche più belle della nostra vita di interisti… 10 anni fa, nella finale di Champions contro il Liverpool, infatti, l’A.C. Milan incappava in una delle più clamorose figuracce della storia del calcio. E quando ci penso, mi viene sempre da ridere. Meglio, solo il Triplete. Forse… J.B

    • Invece di far gli spiritosi :), bisognerebbe ringraziare seriamente il Milan per aver battuto il Torino. Se al momento non cominciamo la prossima Coppa Italia dai 256i di finale è grazie a loro!
      GLR

  64. contentocosì // 25 maggio 2015 a 12:08 // Rispondi

    Io non credo che tra Bonucci Chiellini Ogbonna Barzagli ed i nostri 4 centrali ci sia tutta sta differenza. Probabilmente con un altro tipo di allenatore tipo Simeone, Mihailovic o Conte avremmo qualche carrettata di punti in più, ma io continuo a fidarmi del Mancio, in prospettiva, uno che sa valutare i giocatori anche prima che esplodano, J Cesar Maicon Maxuell (e voleva anche Hamsik dal brescia) che sa lanciare i giovani quando meritano e sa far giocare bene le squadre anche meglio di Mou.

    • E beh, quindi occorre cambiare allenatore. Un altro sicuramente raddrizzerebbe i piedi di Juan Jesus e darebbe personalità e velocità a Ranocchia. Mah, certo che è bello spararle a caso
      GLR

      • io continuo a fidarmi del Mancio, in prospettiva, uno che sa valutare i giocatori anche prima che esplodano, J Cesar Maicon Maxuell (e voleva anche Hamsik dal brescia) che sa lanciare i giovani quando meritano e sa far giocare bene le squadre anche meglio di Mou.

      • Sono d’accordo su Gasperini, tra l’altro qualche settimana fa ho letto una sua intervista dove pero’ ha detto anche una cosa giusta sull’Inter: e’ una societa’ di persone incompetenti. Mi spiace molto dirlo ma purtroppo almeno in questo ha ragione lui.

        • ma questo si sa da tempo, eppure, malgrado questo con quelle stesse persone si è vinto parecchio. Incompetenti lo furono anche quando scelsero lui. Questo però non lo ha detto
          GLR

          • Guarda caso ieri sera erano in Tv Gasperini e Viviano, insieme all’Inter nel 2011 e hanno detto entrambi che l’errore principale della societa’ fu restare legata al passato e non volere cambiare alcuni giocatori .
            Gasperini ha detto che voleva Vidal, Nainggolan , Palacio e la conferma di Eto’o , ma ha anche ammesso di non essere stato abbastanza bravo .

            • Senza che ce lo dicesse Gasperini lo sapevamo già. Tutte le società che hanno vinto la Champions, anche il Milan prima, non riescono poi a vendere i propri eroi, ben sapendo che magari hanno toccato il top, figurati poi nel caso del Triplete. Eto’o andò all’Anzhi Makhachkala a guadagnare 20 milioni e 500.000 euro quasi in unica soluzione, mentre Palacio era già stato preso, prima che ce lo dicesse Gasperini, nel quadro dell’operazione Ranocchia. Incredibile come il primo che parla a vanvera trovi subito seguito. Che volesse Vidal io proprio non lo ricordo, eppure lo avevo intervistato spesso ma quel nome non lo aveva mai fatto.
              GLR

              • No figurati se credo a tutto cio’ che dice Gasperini, solo che mi sembrava interessante e anche se non mi e’ simpatico, da tifoso mi spiace che abbia fallito nella nostra Inter, cosi’ come tanti altri allenatori.

    • Alessandro // 25 maggio 2015 a 13:52 // Rispondi

      Se pensiamo che al Bari tra Bonucci e Ranocchia quello forte ed affidabile era considerato il secondo, se pensiamo a quanto faceva ridere Chiellini e ricordiamo che Barzagli, caduto in disgrazia, fu preso per un pugno di noccioline (ricordo gli amici gobbi: erano furiosi) ed ora la ritroviamo come una delle difese più forti al mondo (sì: al mondo) c’è da dire che, vivaddio, la lungimiranza è una dote con tante componenti: pazienza, saggezza, culo (eh, sì), tempistica, fattori esterni.

  65. Un applauso (non sto scherzando) per le tue ultime 16 righe, GLR. C’è soltanto un “non” di troppo: SI DOVEVA cambiare allenatore. Nessun rimpianto.
    Poi, come hai scritto tu, nemmeno Mancini può far diventare JJ e Ranocchia quel che non sono. Quindi, oltre all’allenatore, ora è necessario cambiare anche qualcosa d’altro.
    Un’ultima domanda: ma c’è una ragione specifica per la quale a noi con Tagliavento debba andare SEMPRE (o quasi) tutto storto?

    Ciao, R.

    • Ho scritto ‘Non’ perché c’è chi è convinto che con Mazzarri si sarebbe arrivati in Europa. Manca la controprova, ma la media-punti ci dice questo, anche se quando si è cambiato si era comunque noni. Tagliavento non ci ama, si sa, ma una certa Inter era più forte di questo. Questa ovviamente no.
      GLR

  66. Ma dai! Di cosa vi state lamentando? Voi non siete mai stati in B. Cosa volete di più?

    • Esatto, anche se la cosa ti provoca l’orticaria. Vedo che qualcuno ti deve aver letto ad alta voce l’Albo d’Oro. Ci lamentiamo dei nostri scarsoni attuali, non di altro. A proposito tu sei della classe 1a B o 2aB, insomma Milan o Juve?
      GLR

      • Io sono di quella classe che tra poco meno di due settimane vincerà la Champions. E se non succede ho comunque
        31 scudetti (record di 102 punti) e 10 coppe italia in bacheca.

        • Bravo!!! Tolti gli insulti da portuale (così mi dicono i miei) e gli strafalcioni in italiano (che ho corretto io), tutta roba tipica dell’analfabeta calcistico, devo riconoscerti una certa onestà, non comune nel mondo bianconero. Per questo la tua mail ha superato le forche caudine (leggiti un libro o fatti spiegare cos’erano da uno che che è arrivato almeno alla quinta elementare) della censura. Caro amico, hai detto bene: 31 scudetti e 10 coppe Italia in bacheca. Quindi ancora bravo: rimandato in italiano, ma promosso in diritto! Non è da tutti saper leggere correttamente l’Albo d’Oro, soprattutto nel mondo bianconero, in cui non a caso uno dei personaggi più rappresentativi resta il mitologico Tirzan di Diego Abatantuono in Eccezziunale Veramente!
          GLR

      • Quel “qualcuno ti deve aver letto ad alta voce l’Albo d’Oro” tocca superbe vette di ironia….E – dalle suddette vette – il successivo “fatti spiegare cos’erano da uno che che è arrivato almeno alla quinta elementare” prende il volo col deltaplano! 😉

  67. Senza raddrizzare tanti piedi potevano o no, restare fuori? Alternare i due comici con Vidic Andreolli o Felipe no?
    E Santon ha litigato anche Lui?
    Ps: ogni tanto metti dentro anche me! Mi banni sempre!
    Ah! Dimenticavo …sono un parà della Folgore.
    Ri – Ciao da Forlì … !

    • Massimo rispetto, ma se scrivi cazzate…Santon, a quanto risulta, per 6 mesi in Inghilterra non ha giocato e qui dopo 15 partite di fila è clinicamente morto. Sono i pericoli di quando prendi uno a metà stagione, cambiando totalmente preparazione. Vidic l’ultima partita non ha preso Matri manco in motorino. Andreolli e Felipe sono evidentemente meno affidabili di Ranocchia e Jesus: lo so, pare strano anche a me, ma non credo che Mancini scelga apposta i peggiori.
      GLR

  68. secondo te Gian Luca, torna veramente Stankovic come uomo spogliatoio?

    • Se trovano l’accordo (sui soldini) potrebbe anche essere, ma purtroppo non gioca
      GLR

      • beh, della squadra del triplete eccetto Zanetti e il Drago, sono ancora tutti in campo, visto i ns attuali giocatori, nonostante siano passati ben 5 anni, li riprenderei tutti, sono convinto che arriveremo facile tra i primi 3.

        • Bisogna che vi mettiate d’accordo però: prima il problema era di averli tenuti troppo a lungo, ora bisognerebbe riprenderli? Dài su, parliamo di cose serie
          GLR

  69. GLR, secondo te Roncaglia e Burdisso sono davvero meglio di Ranocchia e JJ ?

    • Ahimé, non l’avrei mai detto, ma ora comincio a pensarlo. Sai cosa? Magari non sono più forti, ma certamente meno distratti!
      GLR

      • Ahi GLR se ci mettiamo a rimpiangere il Burdi siamo messi male… :-)
        Io pure non ero d’accordo sul cambio di allenatore a metà stagione, ma solo perché normalmente non risolve il problema. Queste sono cose da Cesena o Atalanta
        Poi concordo che WM non doveva allenare ancora l’Inter, che RM dà ampissime garanzie x il futuro grazie alla sua conoscenza calcistica, che quantomeno si vede giocare a calcio e che in difesa potrei giocare anch’io a 50 anni….
        Robi da mat.. :-)

  70. Io penso che sarà un mercato con giocatori ancora di prospettiva con poche certezze qualitativamente parlando. Abbiamo una serie di problemi: fair play finanziario, non giochiamo le coppe e questo non crea appeal, non giocando le coppe la rosa non dev’essere folta, quelli (tanti) scarsi che abbiamo dove li piazziamo. Se l’anno prossimo faremo bene (piazzamento champions) allora l’anno dopo potrebbe essere quello buono per attirare anche i giocatori affermati

  71. Caro Gian Luca basterebbe leggere il palmares dei giocatori in rosa e si spiegherebbero molte cose.Ho fiducia in Mancini e nel suo appeal verso determinati campioni ed il suo fiuto sui nuovi prospetti,per ricostruire un’Inter che sappia portare a casa i tre punti una volta andata in vantaggio.

  72. mario colonia // 25 maggio 2015 a 20:07 // Rispondi

    inutile prendersela con ranocchia. se gli fanno il contratto ce lo dobbiamo tenere (finiti i tempi in cui buttava gente nel wc e si compravano di nuovi) certo che se poi si manda naga a zonzo e gli si danno più metri da coprire fa ancora peggio. terzo gol: ma di testa chi salta? tutti tappi tranne ranocchia jj e icardi.

  73. Ho già rinnovato la tessera per il prossimo anno ma, se come sembra, il Mancio lascerà l’Inter perché la dirigenza non acquista i giocatori consoni al suo modo di giocare penso che mollerò anch’io. Tante belle parole ma di giocatori di spessore acquistati non ne vedo l’ombra. Ritengo il Mancio l’unico in grado di tirarci fuori dalle sabbie mobili dove ci siamo impantanati. Se non lo soddisfano allora vuol dire che questa dirigenza non ha alcuna intenzione di riportare l’Inter in alto.

  74. Massimo Inter // 26 maggio 2015 a 09:09 // Rispondi

    Se guardo indietro di due anni,ho visto per un anno e mezzo una brutta Inter e negli mesi con RM,molto meno brutta.I numeri non sono dalla nostra ma il modo di vedere il calcio del Mancio sta radicando.Per puntare in alto ci vuole tempo,che noi dovremmo imparare ad accettare.Ad ogni modo, quest’anno ricominceremo con un WM in meno e RM in più che farà mercato più efficace e avrà un’estate intera a disposizione,due fattori fondamentali.
    Quest’anno è andata,pazienza.Ma sono fiducioso.

  75. La situazione attuale dell’Inter è figlia del Triplete: si è fatto il passo troppo lungo.

    • Mi fanno un po’ sorridere questi ‘editoriali’ filosofici a distanza di cinque anni. Qui c’è bisogno di cose concrete, inutile ormai rivangare il passato. Sarà anche così, ma io mi tengo il Triplete. Lavorando bene, si tornerà a vincere.
      GLR

  76. Mancini quest’anno ha floppato su tutto. Ha sopravvalutato la squadra a novembre, ha sbagliato gli innesti di gennaio e ha fallito tutti gli obiettivi possibili, perfino quello di andare in EL. Ora con tutti gli alibi che i suoi estimatori gli possono dare, è chiaro che il prossimo anno non avrà scuse, altrimenti non è poi quel grande allenatore che dicono

  77. ho letto un articolo sul corriere della sera riguardante Thohir e le sue holding e sono molto preoccupato. Tu che sei sicuramente più colto e preparato di me mi spieghi un po’ la situazione?
    Ciao e grazie

    • In queste vicende non è questione di essere colti o preparati. Bisognerebbe poter avere informazioni che è chiaramente difficile avere e la ricostruzione del Corsera procede attraverso indiscrezioni. Quello che si capisce al momento è che è difficile capire dove stiano i soldi di Thohir, non che non li abbia. Penso che comunque a certi livelli non esista un solo imprenditore, italiani compresi, che non abbia a che fare con certi paradisi fiscali come le Isole Cayman. Che Thohir non sia un mecenate pronto a spendere centinaia di milioni di euro per l’Inter lo si sapeva. Non è un tifoso, ma un imprenditore che come tale fa un investimento nella speranza di guadagnarci.
      GLR

      • contentocosì // 28 maggio 2015 a 15:05 // Rispondi

        In attesa che ET investa Ranocchia, non capro espiatorio (è tanto bravo….) ma icona di una squadra con deficit di carattere concentrazione ed un pizzico di intelligenza tattica, speriamo che si riesca a sbolognare qualche mezza pippa magari in cina o emirati per reinvestire su gente come Banega e Biglia 2 dei migliori centrocampisti dell’annata che solo 2-3 anni fa te li “regalavano” a 5/8 milioni. Buon lavoro Ausilio

  78. Jack Berga // 27 maggio 2015 a 12:59 // Rispondi

    Ciao GL, divago. Leggo or ora che, per l’inaugurazione della fermata San Siro della MM, sono stati chiamati Ranocchia e Juan Jesus. Sarà un modo per farci capire che passa chiunque, tipo ingresso libero, e che anche se, per caso, dovessero vederti e inseguirti, non ci sono problemi perchè o sbattono uno contro l’altro, o uno inciampa e l’altro scivola o sono lì a twittare che la fermata è inespugnabile e non si accorgono di niente? Poi, chiederemo le statistiche al grande Pasquale Somenzi. J.B.

  79. mi sembra di aver capito che il contratto di Fassone scade nel 2016 come quello del Trattore al quale va fatto un contratto a vita per Dedizione. Sono contento del fatto che sia stato assente per Inter Night. Che sia un segno che non lo vedremo piu’all’F.C.Internazionale?

    • Lui non si occupa di questioni tecniche e non essendo molto popolare presso il tifo interista non si è fatto vedere. Non credo però che questo significhi nulla di particolare
      GLR

  80. Vorrei farti una domanda sulla notizie contrastanti di questi giorni: Zamparini ha dichiarato che l’Inter aveva pareggiato l’offerta Juve per Dybala, i giornali continuano a parlare dell’interesse per Tourè, quindi tra cartellini e ingaggi lordi un impegno intorno ai 100-120 mln nei prossimi 4 anni per due soli giocatori, ma anche dei bilanci Inter da fallimento, dove sta la verità?

  81. non chiamarla dietrologia, ma è possibile che dopo quello che abbiamo vissuto prima di vincere tutto non ci abbia insegnato nulla su come gestire questa benedetta società. Ad oggi ci dobbiamo ancora sentir dire che la Juve ed altre società gestiscono in modo esemplare e noi ancora in confusione sia societaria che tecnica. Spero che sia solo un modo di lavorare lontano dai riflettori e che effettivamente i dirigenti e Mancini sappiano come muoversi.

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili