L’esercitazione Nato Eagle Joker 14

Dopo una settimana di approntamento al Ce.Si.Va (Centro Simulazione e Validazione) presso la  Caserma Giorgi di Civitavecchia dal 29 settembre, ho avuto la fortuna di prendere parte all’Esercitazione NATO Eagle Joker 14 (EJ14) in Puglia dal 4 al 18 ottobre, tra la Caserma Nacci di Lecce e l’area addestrativa di Torre Veneri (LE).
Come Ufficiale Riservista specializzato in Informazione e Comunicazione è stata forse l’esperienza più bella e più gratificante.
L’esercitazione EJ14, programmata da tempo, rientrava nel programma di trasformazione annunciato dalla NATO durante il summit di Lisbona dell’ottobre del 2010, che di qui alla primavera del 2015 ha lo scopo di accertare la capacità di NRDC-ITA, con sede a Solbiate Olona (VA), di gestire autonomamente forze navali ed aeree in operazione, di interagire con soggetti non militari presenti in aree di crisi e di sviluppare un’efficace Cyber Defence dalle minacce informatiche. Al momento solo 3 dei 9 Comandi di Corpo d’Armata di Reazione Rapida presenti in Europa sono stati scelti per verificare la possibilità di un ‘upgrade’ evolutivo da livello operativo a livello tattico, ossia dalla capacità di condurre una battaglia a quella di guidare una campagna bellica: quello inglese, quello spagnolo e quello italiano appunto.
Tutto il comando di NRDC-ITA è stato quindi dispiegato a Torre Veneri, il poligono militare in provincia di Lecce e il JLSG, ovvero il Joint Logistic Support Group, è stato concentrato nell’area militare dell’Aeroporto di Brindisi, mentre a Poggio Renatico, in provincia di Ferrara, il Joint Force Air Component Command (JFACC) ha interagito conducendo parallelamente l’Esercitazione Virtual Flag 2014, che unita alla EJ14 ha dato luogo alla Joint Eagle.
L’Excon (Exercise Control) è stato infine basato nella Caserma Nacci di Lecce.
Così Torre Veneri e Lecce per quasi un mese hanno raccolto quasi 300 mezzi, 200 container, 2 vettori navali, quattro aerei e oltre 1.600 uomini delle 15 nazioni che compongono NRDC-ITA, al comando del Generale di Corpo d’Armata Giorgio Battisti.
L’Esercitazione EJ14 si è sviluppata su un collaudato scenario appositamente costruito per questo genere di attività, denominato Skolkan, ambientato in territorio baltico con Paesi reali e di fantasia, qualcosa che a quanto si dice non sia gradito al Presidente Russo Putin, che dal canto suo la scorsa primavera aveva ordinato un’esercitazione con attacco aereo notturno ad ampio raggio sulla città di Stoccolma.
Scopo dell’esercitazione EJ14, non a caso, è stato quello di saggiare la capacità di risposta NATO a una minaccia contro uno Stato membro dell’Alleanza Atlantica, una ‘art. 5 exercise’, modello su cui la NATO sta decisamente insistendo negli ultimi tempi. L’intervento esercitativo è mirato a liberare l’isola di Hiumaa, appartenente all’Estonia, Paese dell’Alleanza, invasa dalla Bothnia, nemico di fantasia.
L’esercitazione si è svolta ‘in bianco’, cioè senza sparare alcun colpo, ma con una pressione molto realistica a livello psicologico, imponendo al Comando continue relazioni con enti e organizzazioni non solo militari, come le Nazioni Unite, l’Unione Europea, le Organizzazioni Non Governative e, soprattutto i Media, soggetti sempre e comunque molto attivi in aree di crisi. E qui sono entrato in gioco io, con altri colleghi riservisti di TV, Radio e carta stampata, per dare corpo alla cosiddetta White Cell Media, dove si produceva informazione a contenuto militare a getto continuo, rigorosamente in inglese, la lingua ufficiale dell’Esercitazione. Non dimenticherò mai i quotidiani telegiornali in inglese in ‘rappresentanza’ delle TV estoni, in compagnia della collega Sonia Mancini de La7: un’esperienza unica anche dal punto di vista professionale.
Questa fase di validazione è stata la prova generale in ambito nazionale prima del ‘via libera’ a livello internazionale, che vedrà coinvolto NRDC-ITA a partire dal prossimo 20 aprile 2015 a Stavanger, in Norvegia, presso il Joint Warfare Centre (JWC) nell’Esercitazione Trident Jaguar 15.
Se tutto andrà bene NRDC-ITA potrà essere impiegato come Joint Task Force (JTF) dal 1° luglio 2015 al 30 giugno 2016.
In questa Photogallery ecco quindi alcuni momenti indimenticabili di EJ14.
Cliccate sull’icona per scorrere le foto, cliccate sulla foto estesa per tornare alle icone.

 

1 Commento su L’esercitazione Nato Eagle Joker 14

  1. In bocca al lupo e buon lavoro. Complimenti per la tua scelta, ti fa onore!
    …. E se avrai occasione di parlare con i tuoi colleghi in ambito NATO, magari nei momenti di relax, sarà interessante conoscere le opinioni e i punti di vista sui campionati stranieri, soprattutto quelli meno conosciuti….

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili