Ridateci le nostre maglie!

Allarme, ci hanno rubato le maglie! Da qualche tempo nel calcio sono arrivati pure gli stilisti stravolgendo usi e costumi, fino ai sacri colori sociali della maglia, che per tradizione dovrebbe rimanere immutabile nei secoli. Invece, con la scusa del miliardo di euro incassato nell’ultima stagione in Europa dal cosiddetto merchandising delle maglie, una sezione dedicata allo Sport su Zalando, con Spagna e Inghilterra regine incontrastate, in Italia, ci si è accodati al volo e, come sempre, si esagerato. Così, dopo aver visto la Juventus in un rosa-shocking, con la scusa di un richiamo storico addirittura al XIX secolo, ma c’è rosa e rosa, ecco che l’Inter, dopo aver varato un anno fa un’incomprensibile maglia rossa, colore da sempre dominante nei rivali cittadini del Milan, quest’anno indossa una casacca in cui le tradizionali strisce azzurre sono diventate blu-notte, al punto che per distinguerle da quelle nere serve un binocolo. Per contro il tradizionale rosso di casa Milan cambia ogni estate e quello originale, tra strisce che misteriosamente si restringono o si allargano, è ormai roba da collezionisti. Per non parlare della nuova seconda maglia, che più l’oro ricorda l’ombretto di certi cosmetici. Il Napoli poi ha addirittura lanciato una maglia mimetica: a vederli tutti insieme così combinati, sembrano una pattuglia di soft air a spasso per i boschi! E il tradizionale giallo-rosso della Roma oggi pare diventato il mirtillo-arancio di certi gelati. Per carità, sarà la moda, sarà che dal punto di vista cromatico il caratteristico bianco della cosiddetta maglia-away, comune a tutte le squadre, forse non eccita più, ma se proprio si vuole essere originali, si lavori su colletti, risvolti e polsini, senza snaturare i colori sociali, che per i tifosi sono come la bandiera per i patrioti. Insomma, cari stilisti, ridateci le vecchie maglie e tornate a show-room e passerelle.

38 Commenti su Ridateci le nostre maglie!

  1. Mi aspettavo questo editoriale da parte tua. Mi chiedevo: “Possibile che a GLR queste maglie piacciano?” e ti confesso che sarei rimasto un po’ deluso se non avessi visto qualche riga in merito.
    Spero che gli stilisti in questione raccolgano il tuo invito finale: rivogliamo i colori “del giorno e della notte”, non “della notte e della notte fonda”. Quelli potevano andare bene lo scorso anno… 😉
    Ciao, Roberto

  2. Ciao…io invece le trovo delle belle novità…Le società si stanno impegnando nel merchandising e le cheerleaders di De Laurentis le vorrei anche per noi interisti…aggiungiamo il lancio di tanga sponsorizzato con numero di telefonino della signorine :)
    Anche alla Juve stanno studiando la nuova maglia..le righe bianche e nere diventeranno orizzonali come per i carcerati!

  3. L’unica maglia “alternativa” che mi piaceva era quella a strisce orizzontali con cui abbiamo vinto l’UEFA.

  4. Anche secondo me questo stravolgimento delle maglie è inaccettabile: quella rossa dello scorso anno, ad esempio, potrà anche essere esteticamente piacevole, ma NON è la maglia dell’Inter. Su questo non c’è dubbio.
    Il punto è che questi “geni” del marketing guardano esclusivamente al ritorno economico, quindi immagino che quelle maglie senza senso abbiano venduto molto bene: basterebbe che i tifosi evitassero di comprarle e dopo un paio di stagioni di flop tornerebbero i nostri colori….

  5. Alessandro // 29 agosto 2013 a 08:03 // Rispondi

    Dissento. La nuova maglia dell’Inter mi piace parecchio. De gustibus, eh 😉

    • Ma io ne faccio una questione di colori sociali: almeno per la prima maglia l’azzurro dovrebbe essere quello ‘Inter’.
      GLR

  6. ArchAndrea // 29 agosto 2013 a 08:19 // Rispondi

    Caro GLR, potresti proporre un concorso online per la maglia del prossimo anno? Pensa che proprio in questi giorni ho tirato fuori dal cassetto la maglia della coppa Uefa 1997 che conservavo ancora senza nome sulla schiena! Poi mi sono deciso ed ho aggiunto ZAMORANO e il numero 9 della finale contro la Lazio, gran bei ricordi!

  7. egregio, vedendo la partita ho pensato la stessa cosa, le maglie sembrano nere e le striscie blu si vedono solo durante i primi piani dei calciatori. ma si può? Non vorrei una maglia così nemmeno se me la regalassero.
    saluti

  8. Concordo con la bruttezza delle maglie. L’oscar comunque va a quella post triplete, con i colori che si sovrapponevano con conseguente mal di testa. Una considerazione: va bene non fare come i cugini di campagna che si rendono ridicoli con le autocelebrazioni però, dopo il triplete, mi sarei aspettato almeno una patch commemorativa. I bauscia siamo noi o cosa…?

  9. Per 18 milioni annui di contratto Nike, la facciano anche con i fiorellini (nerazzurri ovvio).

  10. Effettivamente sui colori sociali le società dovrebbero farsi garantire il rispetto della tradizione. Fino a qualche anno fa, la maglia “eccentrica” poteva essere la terza, ora è spesso la seconda. Io, come seconda maglia, proporrei una riproposizione di maglie “storiche”. Ad es. l’Inter come seconda maglia potrebbe benissimo avere quella rosso crociata già riproposta per il centenario e penso che venderebbe quasi quanto la prima maglia.

  11. D’accordo sulla maglia rossa. Le peggiori sono state quelle della stagione 2010/2011. Quella nerazzurra squamata e la bianca col serpente..che roba brutta..sarebbe bello tornare ad avere sia squadra che maglie come quelle del triplete. Forza inter

  12. Massimo Inter // 29 agosto 2013 a 11:00 // Rispondi

    Purtroppo il business,il marketing e la fame di denaro calpestano senza nessun ritegno la morale, la storia e i ‘marchi’ di una società. Però ammetto che queste maglie di quest’anno dell’Inter non mi dispiacciono. Ho visto veri obbrobri come la maglia rossa o le strisce nerazzurre ‘sfumate’ e ‘zigrinate’ un paio di stagioni fa. Inguardabili!

  13. Come sempre mi trovo d’accordo con te. Già non mi convinceva del tutto la seconda maglia del centenario e avevo faticato a digerire le strisce a zig-zag del 2010-11 e la seconda maglia rossa dello scorso anno. Ora speravo che, dopo le larghissime bande sempre della stagione passata, almeno sulla prima maglia ci si ravvedesse. Invece no. Mah…

  14. Roberto Scibetta // 29 agosto 2013 a 14:52 // Rispondi

    Caro Gianluca, scusami la franchezza, ma leggendo il tuo editoriale mi è venuto in mente uno di quei tavolini dei bar di periferia dove alle 11.00 trovi seduti tre o quattro pensionati, quelli che come alternativa al bar hanno giusto la possibilità di osservare gli operai che fanno i lavori sulle strade…Mi sembrava quasi he uno dei tuoi “compagni di tavolino al bar” ti dicesse: “caro Gianluca, quando c’era Lui i treni arrivavano in orario”. E l’altro “non c’è più la mezza stagione”.
    R

  15. Caro Gl hai perfettamente ragione,almeno i colori lasciamoli
    inalterati che a me quello di quest’anno non piace un granché,troppo scuro .ciao.

  16. Silvio da Torino // 29 agosto 2013 a 18:39 // Rispondi

    Vado controcorrente. A me la maglia 2013-2014 piace molto, la trovo aggressiva ed apprezzo molto il colletto alla coreana. Sul sito della nostra Inter c’è scritto come avrebbero dovuto essere i colori sociali ed a me sembra che questo blu associato al nero ricordi molto bene la notte. l’importante sarà metterci sopra al più presto qualche coccarda o qualche scudetto colorato per rendere la maglia più brillante. Su questo credo che siamo d’accordo tutti. A presto a tutti e sempre Forza Inter.

  17. Ogni anno gli sponsor tecnici disegnano le maglie in modo da farle quanto piu’ differenti possibili dall’anno precedente, e in generale dalle altre, in modo da far si che la gente non compri la maglia dell’anno precedente scontata (perchè uguale) e non precludersi la possibilità di venderla anche a chi ne ha già una. Purtroppo per far questo spesso non solo modificano loghi, polsini, colletti e lettering dei numeri ma vanno anche a lavorare sulle tonalità dei colori.

  18. mario colonia // 29 agosto 2013 a 20:08 // Rispondi

    in linea di massima la penso come te.
    ma di fronte a 200 mil in 10 anni mi inchino alla ragion di stato.

  19. Claudioeffedeejay // 29 agosto 2013 a 20:52 // Rispondi

    La prima maglia effettivamente non ha nulla a che spartire con la storia dell’Inter. Vogliamo poi parlare delle biglietterie negli incontri casalinghi con Cittadella e Genoa? E il mercato? Nulla, compresa la classifica degli ultimi anni, ha più niente a che fare con la storia del Biscione. Che abbiano studiato una maglia non nerazzurra per non infangare i nostri colori? Sarà che sono ancora incazzato da domenica: ho portato i miei figli allo stadio, 1 ora di coda e ho speso 2 piotte

  20. Credo che dipenda poi da quante ne acquisteranno i tifosi e/o ne venderanno di ufficiali: se l’Inter va bene e Icardi ingrana, sarà boom e avranno avuto ragione. Se facciamo come giusto ieri, sarà flop e ne inventeranno di nuove.

  21. Concordo in pieno, trovo la nuova maglia dell’Inter davvero orribile….qualcuno spieghi a ‘sti stilisti che l’azzurro è una cosa e il blu un’altra. Se ci chiamano ‘nerazzurri’ ci sarà un motivo

  22. ranger smith // 30 agosto 2013 a 12:39 // Rispondi

    assurdo cambiare stile e tonalita’ ogni anno. quel che piu’ mi stupisce e’ che anche il barcellona che ha una forte tradizione si e’ adeguato a queste oscenita’, non il real pero’ che non cambia neanche calze e pantoloni per le cosidette esigenze arbitrali e televisive, sono gli altri che devono adattare la divisa alla loro

  23. Paolo Sabiu // 30 agosto 2013 a 18:06 // Rispondi

    Lasciami aggiungere che, a parer mio, sono stilisti che non sanno fare il loro mestiere: lo capisce anche un bambino che, in campo di moda, nero e blu appaiati s’intonano malissimo, mentre il nero e l’azzurro più acceso ‘staccano’ meglio e anche da lontano si apprezzano di più. Le primissime maglie della Beneamata, quelle ‘preistoriche’, infatti, erano nero e azzurro celeste (ho dato un’occhiata a Wikipedia). Per questo secondo me le più belle della storia nerazzurra sono le Umbro 1991-’95…

    • Concordo con te quelle maglie Dell Inter di bagnoli erano stupende compresa quella da trasferta con banda nerazzurra diagonale!

    • Ma per quello non è proprio così: blu e nero insieme, intesi come abito e camicia, a mio giudizio sono molto eleganti..certamente più che rosso e nero, buono per le sagre di campagna (che tra l’altro mi piacciono un sacco), a patto di andarci con i colori giusti!
      GLR

  24. Anche se non vado nei cantieri a dare ” disposizioni” agli operai, sono un pensionato non così andato da non accettare con piacere e interesse le novità, ma la maglia della nostra squadra sembra nera! ormai siamo irreparabilmente nelle mani degli stilisti. Se la ragione dei continui cambiamenti è l’esigenza di vendere, si può anche modificare un po’ il disegno ma i colori DEBBONO essere quelli storici e riconoscibili -mi aspetto pernacchie da qualche stilista- pazienza me ne farò una ragione

    • Infatti: si può anche sbizzarrirsi da buoni stilisti, senza toccare troppo la prima maglia e, magari, senza richiamara nella seconda i colori dei rivali…
      GLR

  25. Almeno la prima maglia sarebbe da curare particolarmente per non tralasciare la tradizione! Ciao buon lavoro

  26. Mark dal Canada // 1 settembre 2013 a 01:55 // Rispondi

    Abito non fa frate, ci vuole una squadra ben messa, con giocatori all’altezza, a me la maglia me ne frega poco, vorrei 11guerrieri

  27. la maglia di quest’anno e’semplicemente assurda, amavo molto la maglia nell’anno del triplete che rispecchiava fedelmente i ns colori.

  28. Giovanni Zago // 1 settembre 2013 a 09:07 // Rispondi

    Per me, l’ultima maglia bella che hanno fatto dell’inter è quella della stagione 2010/2011 (benitez-leonardo)

  29. Concordo con GLR, per me l’azzurro non è il blu.
    Pensate che, sarò uno dei pochi, vorrei i pantaloncini azzurri (magari per la seconda casacca).

  30. Ma qualcuno si ricorda la maglia gialla o quella arancione di fine anni 90 inizi 2000? Che oscenità… Comunque spero non ne facciano più una rossa, anche perché l’anno scorso molto spesso si doveva ricorrere alla maglia da trasferta della stagione prima (2011-2012) con le bande nerazzurre diagonali (ad esempio contro Atalanta, Toro, Catania,…).

  31. ho quasi mezzo secolo e di maglie dell’inter ne ho viste tante; non mi sembra una novità però il cambio cromatico delle divise: quando ero piccolino (tempo dei Mazzola e Facchetti) avevo la mia maglietta che ricordo nero blu, dove il blu era scurissimo; non dimentichiamoci negli anni ’80 la maglietta azzurra con quattro striscette nere e i calzoncini azzurri, con seconda divisa color giallo risotto. Negli anni 90 la divisa della “Fiorucci” aveva le strisce di un azzurro + chiaro…

  32. … per non parlare della maglia a strisce verde chiaro-verde scuro degli anni 90 (allenatore Bianchi).
    per quanto riguarda la maglia rossa, ricordo da bambino (anni 70) una divisa identica (maglia e calzoncini rossi con bordi n.a.) usata in un’amichevole estiva presso San Pellegrino (all’epoca sede del ritiro)

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili