11C: Udinese-Inter 0-3

MARCATORI: Palacio al 25′, Ranocchia al 29′ p.t., Alvarez al 46′ s.t.
UDINESE (3-5-1-1): Brkic; Naldo, Danilo, Domizzi; Widmer, Badu, Allan, Pereyra (Fernandes 11′ s.t.), Gabriel Silva; Muriel (N.Lopez 25′ s.t.); Di Natale (Ranegie 12′ s.t.). (Kelava, Benussi, Hertaux, Bubnjic, Mlinar, Lazzari, Jadson, Merkel, Zielinski). All. Guidolin.
INTER (3-5-1-1): Handanovic; Ranocchia (Andreolli 35′ s.t.), Samuel (Rolando 37′ p.t.), Juan Jesus; Jonathan (A.Pereira 23′ s.t.), Taider, Cambiasso, R.Alvarez, Nagatomo; Guarin; Palacio. (Carrizo, Castellazzi, Zanetti, Kovacic, Mudingayi, Kuzmanovic, Wallace). All. Mazzarri.
ARBITRO: Massa.
NOTE. Ammoniti Ranocchia (I), A.Pereira (I), Juan Jesus (I)

Campaccio maledetto quello del Friuli per i nerazzurri che di solito ci cadevano a piombo. Stavolta invece, malgrado la pioggia, l’Inter ci ha passeggiato. E alla grande. Come da grande è stato il risultato e la ripartenza in classifica, dopo che nell’ultimo mese abbondante, la squadra di Mazzarri aveva segnato il passo, riuscendo a battere solo il Verona. Per chi crede a budinate del genere, si è cominciato sotto l’ottimo auspicio del 3 novembre, il giorno in cui un anno fa, l’Inter espugnò lo Juventus Stadium in una grande serata, violando l’imbattibilità bianconera dopo 49 partite. Stavolta gli altri bianconeri, quelli dell’Udinese, hanno approcciato la gara malissimo, anche per merito dell’Inter, partita subito a cannone. Oltre a vincere in trasferta, i nostri sono tornati anche a non prendere gol, cosa che non capitava dal 7-0 al Sassuolo del 22 settembre scorso. Ma mi è piaciuta soprattutto l’autorevolezza con cui hanno affrontato questa partita. A chi continua a bofonchiare sulla necessità di giocare con più punte, anche quando queste non sono disponibili per squalifiche o infortuni,  giova ricordare che abbiamo il miglior attacco della Serie A
La difesa a tre con Samuel perno centrale ha subito tranquillizzato Ranocchia mentre Alvarez e Taider a centrocampo hanno protetto meglio le scorrerie di Guarin dietro a Palacio.
L’Inter è stato subito pericolosa con un guizzo di Palacio murato da Naldo e con Cambiasso dalla distanza.
Prima della mezz’ora e nel giro di quattro minuti sono stati il solito Palacio su punizione di Taider e Ranocchia con un gran destro a risolvere la pratica.
Da lì l’Inter qualche brivido lo ha provato, soprattutto dopo che Samuel ha dovuto lasciare per infortunio, rilevato da Rolandocon conseguente spostamento di Ranocchia al centro.
A inizio ripresa l’Udinese ha giocato la carta dell’orgoglio con Di Natale ma Handanovic si è superato: è stato l’unico vero acuto dell’ex capocanoniere costretto a lasciare il posto a Ranegie per infortunio. L’Inter allora ha sfiorato per due volte il 3-0 grazie a Guarin con uno spunto stampatosi sul palo e con una traversone per Palacio, messo fuori causa per un soffio dall’uscita di Brkic. In pieno recupero però Alvarez, messo davanti alla porta da una sgroppata di Palacio, ha calato il tris.
Peccato per gli infortuni di Samuel, Jonathan e Ranocchia e per lo stupido giallo guadagnato dal diffidato Juan Jesus, che di fatto mettono in emergenza la difesa in vista del Livorno, ma se non altro, a sei mesi dalla rottura del tendine d’Achille, Zanetti è tornato in panchina.
Prima di Verona e fino alla prossima sosta, avevo previsto 10 punti in 4 partite. Se si batte il Livorno a San Siro sabato prossimo siamo in tabella. Se poi nello scontro diretto tra Juve e Napoli dovessimo guadagnare qualcosa su una delle due o su entrambe, saremmo a tre-quattro punti dal terzo posto. A metà novembre sinceramente non mi aspettavo di più.
Infine, pensando ai cugini di campagna, come li chiamo con affetto, mi associo al refrain che da questa mattina – così mi scrivete – campeggia su Milan Channel: “Su la testa” – recita il cosiddetto sottopancia. Altro che su la testa! Ancora più su, perché per vederci in classifica adesso ci vuole la scala dei pompieri! E dài, con tutte le pernacchie che, giustamente, ci avete dedicato l’anno scorso, now it’s our turn, come dicono i miei amici inglesi! Coraggio, vi abbiamo fermato l’Udinese…Al resto penserà Balotelli, sempre che riesca a restare in piedi!

57 Commenti su 11C: Udinese-Inter 0-3

  1. Pasquale Somenzi // 3 novembre 2013 a 19:52 // Rispondi

    Con 27 reti segnate l’Inter ha già fatto meglio della stagione 1974/75 chiusa con sole 26 reti fatte. Senza andare troppo lontano però nel campionato 2009/10 dopo 11 giornate di reti ne aveva segnate 28. L’ultima vittoria ad Udine con 3 gol di scarto risaliva al 14/09/1980 con Pasinato, Bini, Muraro ed Altobelli che firmarono lo 0-4.
    Da segnalare i 18 gol segnati nelle prime 6 trasferte (con marcature sempre in numero dispari) e questo non si verificava da 93 anni, ossia stagione 1920/21 quando nelle prime 6 trasferte l’Inter ottenne l’inarrivabile risultato di 24 gol segnati. Ecco il dettaglio:
    31 ottobre 1920 Ausonia Gorla – Inter 0-9
    14 novembre 1920 Casteggio-Inter 3-4
    5 dicembre 1920 GC Legnanesi – Inter 2-3
    12 dicembre 1920 Saronno-Inter 0-4
    9 gennaio 1921 Legnano – Inter 1-1
    16 gennaio 1921 Trevigliese – Inter 1-3
    pasquale.

    • claudio milan // 4 novembre 2013 a 17:50 // Rispondi

      Un campionato con Trevigliese, Gorla, Casteggio??? Al confronto la Mitropa vale una Champions!!! Devo dirlo al Geometra…
      Scherzi a parte, complimenti. Ma non dateci per morti… 😉

      • Pasquale Somenzi // 6 novembre 2013 a 13:34 // Rispondi

        Tra la trasferta di Saronno e quella di Legnano l’Inter ha affrontato il Milan, non in
        amichevole, ma sempre in campionato e, scherzi permettendo, il Saronno si chiamava
        Saronno anche quando incontrava il Milan e non cambiava nome in Real Saronno

        • Gentilissimo Pasquale, sapevamo delle sue impareggiabili doti di statistico ma, almeno per quanto riguarda me, ignoravo la sua sapiente ironia.
          Un idolo.
          J.B.

  2. Fabio Primo // 3 novembre 2013 a 20:22 // Rispondi

    Forse la gara più autorevole delle 11, anche se l’udinese non è più quella degli anni scorsi.
    Sui singoli valgono i commenti di sempre, pregi e difetti non sono cambiati con questa partita.
    Peccato che la lotta è ormai per un quarto posto, i primi tre penso siano già assegnati, in che ordine non si sa

  3. i mei complimenti, visto che tu avevi previsto 7 punti tra Verona Atalanta e Udinese. bella partita al Friuli, e resto sempre piu’ colpito da Alvarez. credo che quest’anno nel nostro centrocampo debba sempre giocare Taider perche’ aiuta Cambiasso quando la palla ce l’hanno gli altri. Kovacic lo vedrei al posto di Guarin. io lo chiamo testabassa Guarin, e cosi dico tutto…

    • Paolo Assandri // 4 novembre 2013 a 11:00 // Rispondi

      Mazzarri lo fa giocare sempre, non sarà scemo… Qualche volta si addormenta ma anche ieri è stato decisivo, è un calciatore che in fase difensiva non è il massimo (ma è meglio di Kovacic che non sa cosa voglia dire difendere) e in fase offessiva fa giocate pesanti (un gol e due pali quest’anno, diversi assist… i numeri non si discutono) Kovacic diventerà fortissimo ma al momento pascola per il campo, guardiamo le partite…

      • Quoto in toto e aggiungo una cosa: lui al posto di guarin chi schiererebbe? Olsen? Mudingay? Kuzmanovic? Ok che vale tutto ma le partite davvero bisognerebbe guardarle prima di giudicare, poi che guarin nel 2009 avrebbe visto il campo con il binocolo siamo tutti d’accordo, ma lo stesso discorso vale per tutti gli effettivi, palacio incluso.

  4. mario colonia // 3 novembre 2013 a 20:35 // Rispondi

    22 punti,media 2 a partita,meno 5 dai 27 dell altranno,da li in poi
    27 punti in 27 partite,media 1 a partita con 19 punti totali del girone di ritorno.
    media inglese piu 1 che se si mantenesse vorrebbe dire 80 punti circa.
    per una volta faccio concorrenza a Pasquale.
    bravi jonni,rolando e ottimi rano,il solito rodrigo e mister cervello cuchu.
    giocatore totale ricki che spero continui cosi.
    grande parata di handa,l unica,su sanguinosa palla persa per mollezza
    e sufficienza,indovinate da chi?

  5. Andrea Ibiza // 3 novembre 2013 a 20:40 // Rispondi

    4 punti in 2 trasferte per noi storicamente ostiche, non sono per niente male. Dopo Bergamo, non credevo che i ragazzi potessero offrire una prestazione convincente come quella del Friuli. Merito anche del mister che ha riposizionato in modo più coerente un paio di pedine sullo scacchiere, dando più equilibrio a tutta la squadra. Se Kovacic non è ancora in condizione di giocare da mezz’ala è inutile schierarlo in un ruolo non suo. Speriamo che l’infermeria non trattenga a lungo gli ultimi pazienti, anche perché l’ennesima leggerezza del solito noto, priva giocoforza la difesa di un abile arruolato per il Livorno. Visti ora i prossimi impegni, sulla carta, non proprio impossibili, sarebbe opportuno dare continuità al buon gioco nonché ai risultati, per mettere fieno in cascina e magari un po’ di pepe alle lepri là davanti, di cui 2 si vedranno opposte proprio nel prossimo turno…

  6. Mazzarri sta facendo benissimo, non ci sono dubbi, ma mi chiedo: se è riuscito a dare un’identità a questa squadra ed a resuscitare 2 zombie come Jonathan ed Alvarez, perchè non riesce a far giocare bene gli unici 2 che l’anno scorso hanno fatto meglio degli altri e sono dotati di indubbia qualità? parlo naturalmente di Guarin e Kovacic…misteri del calcio.

  7. Prendendo per punti guadagnati i pareggi di Bergamo e quello in casa con la Juve, e come meritata la sconfitta con la Roma, alla nostra classifica mancano certamente i punti di Cagliari/Trieste e di Torino. Peccato, ma considerato come abbiamo finito l’anno scorso la partita di oggi e più in generale questi primi 3 mesi hanno del miracoloso. Il 4* posto a mio parere è l’obbiettivo più logico e sensato.
    Ps. Alvarez e Palacio sono di un’altra categoria, mi cospargo ad ogni partita il capo di cenere

  8. Roberto Scibetta // 3 novembre 2013 a 21:26 // Rispondi

    Era un po’ che non guardavo una partita intera: ho visto un Taider ordinato ed efficace, un Alvarez meno brillante di altre volte, ma più attento a coprire e sempre (in questa stagione) con una gran classe e un Palacio SONTUOSO.
    Note dolenti: la dea bendata che ha pescato a piene mani tra i nostri difensori, e Pereira. Definirlo dannoso mi sembra un complimento. Forza inter

  9. Prosegue quanto di buono fatto sino ad ora da WM. Oggi sugli scudi Handa, Alvarez e Cambiasso,ma bene tutti quanti.Credo nel terzo posto perché l’inter ha dimostrato continuità nel gioco in tutte le partite. Ho già espresso le mie riserve sulla Roma e ritengo che, come anche il Napoli, abbia un punteggio superiore al valore della squadra.Il nostro problema potrebbe essere l’attacco, a Palacio non gli deve venire neanche un raffreddore sino a Natale poi a gennaio Thohir staccherà il primo assegno

  10. Hai detto giusto: passeggiato! Non capitava da tempo una gestione di gara così, da grande squadra. Scusa se mi ripeto ma Palacio oggi giocherebbe in qualsiasi squadra nel mondo.
    W Inter

  11. Ecco, GLR… Riguardo alle budinate, lo scorso anno dopo l’exploit del 3 novembre in casa di una squadra bianconera ci fu il crollo a picco. Speriamo che quest’anno… 😉
    Ora si dirà che per l’Inter a Udine era normale vincere. Io invece credevo che ci avrebbe lasciato le penne come al solito. Quindi se una squadra in piena emergenza (ora pure in difesa), con solo 2 campioni (Handa e Palacio) e il resto mancia, è dov’è dopo aver perso scioccamente 6 punti… figuriamoci con un mercato decente!

  12. Sono preoccupato per l’infortunio a Jonathan: e’ grave (la mia preoccupazione intendo)? Ad ogni modo, bella Inter, che come direbbe mio papà “la gà sempre in man ul balìn”. E quest’anno succede spesso, perciò complimenti a Mazzarri. Udinese deludente, ma vuol dire che stanno costruendo, e l’anno prossimo saranno ancora la rivelazione.

  13. Mauro Cozzi // 3 novembre 2013 a 22:54 // Rispondi

    Sinceramente con questa rosa non mi aspettavo di essere dove siamo. Sono squadra, hanno qualche limite, cambi non di primissimo livello, ma sarà dura batterci per chiunque quest’anno. Credo si stia facendo un gran lavoro di costruzione che sarà la base per i prossimi anni. Con di fatto un solo attaccante di ruolo sano, Palacio di intelligenza tattica superiore, siamo il miglior attacco della serie A. C’è chi ne ha sette e annaspa. Se prendiamo sicurezza dietro ci divertiamo..

  14. Buona Inter. Grandissimo Cambiasso , Palacio non finisce mai di stupire, onestamente non pensavo fosse così bravo, in questi anni è stato forse sottovalutato ma è sicuramente il nostro top player. Che dire, Forza Inter.
    Ciao Antonio

  15. Mark dal Canada // 3 novembre 2013 a 23:06 // Rispondi

    Una buona partita, siamo sulla strada giusta, bisogna solo continuare,Mazzari sa come vincere
    Forza Inter
    We’ll be there at the end.
    Saluti dal lontano Canada

  16. Ottima vittoria – eccellente primo tempo, con solo qualche apprensione nella ripresa, ma
    Samir H. non ha corso rischi particolari- sempre ottimi Palacio, Cambiasso e Alvarez , veri
    punti di riferimento della squadra – Mazzarri sta lavorando bene e sembra che i giocatori
    ne abbiano assimilato certe sue indicazioni – il campionato è ancora lungo, e vediamo
    alla fine cosa succede, senza illusioni ma con fiducia, perchè intorno a noi, tolte due-tre
    squadre, non vedo team fenomenali.

  17. Grande prestazione oggi. Anche se nel secondo tempo si poteva far meglio e non arretrare cosi tanto. Sul Milan: sarebbe divertente se allegri dicesse “abbiamo perso perché Berlusconi ha sbagliato formazione”

  18. Visto che quando il Milan ottiene un buon risultato, barbara immediatamente dichiara “l’abbiamo ottenuto grazie a papà”

  19. Bene cosi! Siamo saldamente agganciati alla zona europea e questo deve essere il nostro
    traguardo.E sabato potremmo consolidare la posizione,grazie poi a un calandario che fino
    alla partita con il Napoli si può definire abbordabile.A gennaio urgono rinforzi, e come dico
    da tempo almeno tre; difesa,centrocampo,attacco.Auguri a Icardi,sperando che l’intervento
    lo restituisca integro alla causa nerazzurra. Forza ragazzi!!!
    Saluti Gianni

  20. Buona partita, giocata con la voglia di vincere e portare a casa i tre punti,per essere ancora li in alto alla classifica. Sono ancora in emergenza difesa Samuel si infortuna ogni 3×2 e’ difficile contare ancora su di lui , al rientro del capitano io non affretterei le cose, vedi Milito.

  21. Forse è ancora presto per dare giudizi, però devo riconoscere che Cambiasso mi sta sorprendendo, sembra essere ritornato quello dei tempi migliori, per non parlare poi di Jonathan, a mio avviso uno dei migliori esterni del campionato, mentre Alvarez si vedeva che i numeri e le qualità le aveva. Mazzarri è stato bravo a farlo diventare un centrocampista moderno.
    Simpaticissimo infine l’ultimo pezzo che hai scritto sui cugini di campagna e sul “tuffatore” Balotelli.

  22. L’Inter ha fatto sicuramente la miglior prestazione in trasferta di quest’anno, anche perchè incontrava un avversario tutt’altro che scarso (i marziani della Roma hanno vinto 1-0 facendo fatica), anche se qualche “dormita” del reparto arretrato non è mancata.
    Da sottolineare la prova immensa di Cambiasso, giocatore intelligentissimo che ha finalmente ritrovato uno stato di forma fisica adeguato e ora merita di giocare indipendentemente dal suo palmarés: Mazzarri è stato bravo anche in questo.

  23. Che bella sorpresa! Dopo gli ultimi balbettii non mi aspettavo una prestazione di tale spessore. Come dici giustamente tu, la squadra ha imposto il proprio gioco per tutti i 90 minuti. Resto del parere che manchi un leader difensivo da schierare come centrale : come osservi giustamente tu, Ranocchia ha giocato più sereno come esterno di destra. Samuel non si discute, ma età e acciacchi per quanto ancora ce lo conserveranno? Detto questo un bel applauso a tutti con nota di merito per il Cuchu.

  24. Bella Inter sia per compattezza dei reparti sia per approccio alla gara. A proposito di tabelle, prima del match a Napoli e il successivo derby ci sarebbero 4 partite, sulla carta, alla nostra portata per aumentare l’autostima. Credo che la mission richiesta fosse proprio quella di arrivare, a metà campionato, aggrappati come cagnacci alle posizioni di vertice. Poi, se ci saranno soldi e occasioni e visto che la cifra tecnica del campionato è mediocre, si potrebbe tentare un rush a fari spenti..

  25. E’ stata la migliore Inter della gestione Mazzarri.La partita non è mai scappata di mano,grande disciplina tattica soprattutto a centrocampo.Sono incantato dai miglioramenti di Alvarez.Certe giocate e certi movimenti sono il frutto di una maturità acquisita grazie anche al lavoro del mister.
    Aggiungo e concludo: Palacio è meglio di Tevez.
    Saluti da Franz

  26. Paolo Sabiu // 4 novembre 2013 a 09:28 // Rispondi

    Tanto per iniziare, un bentornato al Capitano!
    Per quanto riguarda la prestazione di ieri, nulla da obiettare; l’atteggiamento dei ragazzi mi è piaciuto, come pure il fatto che si sia visto un buon gioco di squadra. Insomma, i nostri in campo sapevano cosa fare. Ora si spera in un po’ di continuità.
    A proposito dei cugini: ieri percorrendo una strada di periferia (non del centro) di Milano a un certo punto sono inciampato. La causa della caduta? L’unico famoso “neurone” di Balotelli…

  27. Ottimo risultato che fa ben sperare e soprattutto tonifica lo spirito ! 27 gol con 11 differenti marcatori e nessun rigore a favore… Il lavoro paga sempre e Mazzarri ha dato ampia dimostrazione. Non esaltiamoci ma forse, forse la CL non è solo una chimera ma occorre crederci, lavorare e migliorare ogni domenica…. Sperem ! quanto a Balotelli, che posso dire? L’Uomo di Setúbal fece la profezia nel 2009 e puntualmente si è avverata, chi nasce tondo non muore quadrato, Mulinello Bianco compreso.

  28. peccato x i punti lasciati con cagliari e torino dove la vittoria è stata a un passo. Come sempre Mazzari da’ una identità e un’anima alla sua squadra. Godo per i problemi di Balotelli, mi sanguina il cuore vedere un ottimo Maicon con la maglia della Roma, ma al Colosso non riesco a volergli male!!! BENTORNATO ETERNO CAPITANO!!

  29. Massimo Inter // 4 novembre 2013 a 10:02 // Rispondi

    Vincere a Udine non è mai facile. Bravissima Inter! Avanti così! Complimenti per la chiusura del tuo editoriale…spassosissimo! Speriamo di fermargli il Livorno! ahahahah

  30. La miglior misura delle performance dell’Inter l’ha data ieri sera il match Torino-Roma: dove noi abbiamo rischiato seriamente di vincere in 10 contro 11, i giallorossi schiacciasassi hanno ‘solo’ pareggiato e quasi quasi meritavano di perdere… Bene così! Contro il Livorno sarà fondamentale vincere e sperare che Juve e Napoli pareggino…

  31. Paolo Assandri // 4 novembre 2013 a 10:56 // Rispondi

    L’allenatore conta, eccome. Alvarez, Jonathan, Ranocchia e Juan sono altri giocatori. Cambiasso è tornato uno dei migliori centrocampisti in Italia. Chi capisce di calcio l’ha sempre saputo, il mister è una garanzia. Ora inizia un calendario agevole, dobbiamo sperare che qualcuno davanti ceda e credo che la più papabile (semmai) possa essere la Roma. Ma a Gennaio se siamo in corsa devono crederci anche in società con due acquisti mirati. Non mi spiacerebbero Naingollan e Paulinho del Livorno.

    • Capisco l’entusiasmo, ma Ranocchia e Jesus ad ora sono stati pessimi e in ogni caso per valutare un giocatore e ritenerlo affidabile debba giocare almeno un campionato ad alto livello, pertanto su Jonathan aspetteri delle controprove. I complimenti vanno di sicuro su Alvarez e Nagatomo che sin da subito sono giocatori su cui fare affidamento e soprattutto i complimenti vanno al gioco e alla personalità della squadra che anche nelle sconfitte (3-0 con la Roma) non ha demeritato.

      • frog e JJ non si stanno dimostrando da Inter ma tra di loro differiscono nell’età, che è tutta dalla parte dell’acerbo Jesus, e sul prezzo di acquisto. Rivendere il ranocchia attuale sarebbe un disastro ferroviario per il bilancio, cosa che non si può dire per Juan.

        • Non proprio, visto che il costo di Ranocchia è già in ammortamento di bilancio da almeno tre esercizi
          GLR

          • Nicolò Muratore // 6 novembre 2013 a 16:13 // Rispondi

            Chi c’è sul mercato meglio di Ranocchia? E mi riferisco a età, stipendio, costo del cartellino, presenze internazionali e in una nazionale paragonabile a quella Italiana.
            Ricordatevi che Barzagli, Bonucci e Chiellini c’erano pure nelle gestioni Del Neri e Ferrara alla Juve.

      • Paolo Assandri // 6 novembre 2013 a 19:55 // Rispondi

        Beh, pessimo mi sembra un aggettivo pesante: la Juve ha preso più gol di noi, cosa sono, cadaveri, i loro difensori? Jonathan a me convince moltissimo (e anche alla fine dell’anno scorso non aveva fatto male), San Siro ha avuto un brutto impatto su di lui, ma ora perchè non dargli fiducia? Il problema è che bisogna sempre trovare qualcuno di più forte, come per Guarin, se no è facile criticare. Modric e Marcelo non vengono da noi…

  32. mamma Viviana // 4 novembre 2013 a 11:16 // Rispondi

    Grande Cambiasso io l’adoro e non ho mai smesso di farlo neanche quando lo davano tutti per bollito, la difesa è in emergenza ma con una settimana di tempo speriamo che qualcuno si rimetta in sesto. Campionato bello, quando meno te l’aspetti il toro blocca la lupa e si rilanciano le corse bene meglio così bacioni mamma Viviana

    • Non va per niente bene, continuiamo ad aiutare i cuginetti, poi dicono che non gli vogliamo bene, che ingrati !

  33. Stagione di alti e bassi, normali per una squadra in ricostruzione. Ottima vittoria su uno dei campi tradizionalmente ostici per la nostra Beneamata, ampia nel risultato, ma assolutamente non scontata ne banale nonostante l’oggettiva pochezza mostrata ieri dall’avversario. Correggiamo qualche distrazione di troppo in fase difensiva, recuperiamo qualche infortunato e cerchiamo di avere un po’ di continuità di risultati fino al filotto di scontri diretti finali. Infine, ottimi Taider e Cambiasso

  34. Mi unisco al coro di complimenti a Cambiasso, sopratutto ieri che era la terza partita in 7 giorni non ha per nulla rallentato, grande Stefano!!! Rimango comunque del parere che urge un sostituto di livello prima che scoppi veramente..

  35. Bianchi Davide // 4 novembre 2013 a 14:57 // Rispondi

    Grande prestazione ieri.. questa è un Inter tosta da battere per tutti!
    Alvarez in quel ruolo li’ è determinante.. abbina qualità a quantità! ora speriamo, come tu hai sottolineato, di vincere con il Livorno e accorciare sulla terza in classifica!
    Sei un grande comunque ti seguo sempre

  36. Confesso di essermi “innamorato’ (calcisticamente parlando…) di Alvarez che in queste prime partite non ne ha sbagliata nemmeno una, diventando spesso determinante nei gol. La sua continuità e concretezza era impensabile prevederlo, dopo anni da ‘tartaruga’.
    Un appunto ai media: ma il record europeo di vittorie in campionato, tanto strombazzato per la Roma, non è dell’Inter manciniana 2006/2007 con 17 vittorie consecutive? A ma forse quel campionato non contava…

    • Prima di tutto il record di Mancini è italiano e non europeo. E nel caso della Roma il record riguarda le vittorie iniziali. Cerca però di capire quello che leggi, senza pensare che ci sia sempre chissà quale disegno anti-interista in qualsiasi notizia. Basta leggere, magari rileggere e poi capisci
      GLR

  37. ho visto tutte le partite, e non ne ho vista una in cui non siamo stati squadra, compatti, tosti ed anche con buona qualita’. questo mi fa credere che se continueremo cosi, su 38 partite, senza coppe e magari con un paio di rinforzi, potremmo dire la nostra per il terzo posto. unico appunto, alla societa': 4 attaccanti, con Milito ai box, due giovanotti da costruire e il solo Palacio…sono da gestione improvvisata ed incompetente.

  38. Credo che arrivare nei primi 3 sia quasi impossibile,ma certamente si può dire che questa squadra non sfigura mai e spesso come ieri,impone il gioco e ha grande personalità. A gennaio non mi aspetto nessun colpo, spero che a giugno la squadra venga puntellata in difesa e sulle corsie esterne.Reputo il centrocampo molto valido e soprattutto con un ottimo tasso tecnico(resto convinto che Kovacic possa diventare il faro e il futuro di questa squadra) e sono sicuro che Icardi è attacante da 20 gol

  39. Silvio da Torino // 4 novembre 2013 a 17:07 // Rispondi

    Proporrei soltanto una bella multa per JJ che si è fatto ammonire da diffidato per aver ritardato un calcio di punizione al minuto 91 in vantaggio di tre goal. Ho notato un Guarin più attento e concentrato, ma veramente tutti hanno fatto ciò che Mazzarri chiede. Speriamo che gli infortuni siano di poco conto e che Palacio duri fino a fine campionato in queste condizioni. Milan: da gennaio in avanti rigori a gogo’, adesso la dura realtà.

  40. In realtà quello di Udine per noi è un campo favorevole. Nelle ultime dieci visite al Friuli abbiamo perso solo in due occasioni, e vinto, con questa, cinque. Strano perchè anche io come te pensavo ad una tradizione sfavorevole e invece…

  41. Preferisco volare basso. Credo che l’Inter giochi sempre allo stesso modo, il resto lo fa l’avversario, che quando se la gioca a viso aperto e concede spazi dietro, regolarmente viene punita, mentre se gioca come noi, con difesa abbottonata e ripartenze, ci fa fare non poca fatica (vedi Cagliari, Atalanta e Torino causa inferiorità numerica). Godiamoci vittoria e risultati col giusto entusiasmo, ma non spazziamo i problemi sotto al tappeto come l’anno scorso di questi tempi.

  42. Non sono sorpreso da questa netta vittoria che, tra le altre cose, è dovuta anche alle difficoltà dell’Udinese nel giocare 3 partite in una settimana.
    Non sono sorpreso perché questa Inter è una Squadra Vera e ogni vittoria che ha ottenuto non è mai stata casuale semmai sono stati un caso i tre pareggi, secondo me ingiustamente, troppo criticati: Cagliari, Torino e Bergamo.
    Per il 3° posto prevedo lotta a tre fra Inter-Roma e Fiorentina. Per il 6° Lazio-MIian e Udinese. Scudetto al Napoli !!

  43. sono felice di avere in panca WM, mi sento tranquillo, sicuro, che comunque vada i ragazzi in campo “sputeranno sangue” come si dice in gergo…me lo immagino negli spogliatoi mentre chiede concentrazione…è l’allenatore dell’Inter, adesso che è con noi facciamogli sentire il nostro affetto e la nostra stima…mi sembra proprio un bravo Cristo…e mi sembra che con gli allenatori che hanno il cognome che inizia in M, qualcosa in un recente passato, abbiamo vinto…Ciao!

  44. Ero in vacanza a roma e non ho potuto vedere la partita, ma l’ho sentita alla radio passeggiando lungo i fori imperiali. Uno spasso, il risultato, la radiocronaca e la capitale! Per completare il buon cammino intrapreso occorre vincere e bene con il livorno,dimostrando di essere diventati squadra, precisa e quadrata!
    Non si vincerà lo scudetto ma sicuramente daremo fastidio a una delle tre per il 3°p. occorre mantenere lo stesso passo fino a marzo vincendo in casa e anche qualche trasferta tosta

  45. È indubbio che a gennaio l’indopatron debba staccare almeno 4 assegni. Giocare incrociando le dita che a Palacio e Jonathan (pensa te) non capiti nulla è impensabile. Tutto bene, del mister conosciamo il valore, l’impronta si vede; la lasci , in positivo, pure la società fornendogli materiale umano all’altezza per continuare il campionato. Possiamo approfittare di alcuni rallentamenti del gruppo di testa.

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili