6C: Inter-Fiorentina 2-1

MARCATORI Milito (I) su rigore al 17’, Cassano (I) al 34’ e Romulo (F) al 40’ del p.t.
INTER (3-4-1-2) Handanovic; Ranocchia, Samuel, Juan Jesus; Zanetti, Gargano, Cambiasso (dal 37’ s.t. Mudingayi), Nagatomo; Coutinho (dal 26’ s.t. Alvarez); Cassano, Milito (dal 40’ s.t. Guarin) (Castellazzi, Belec, Silvestre, Obi, Pereira, Duncan, Jonathan, Bianchetti, Livaja). All. Stramaccioni .
FIORENTINA (3-5-2) Viviano; Roncaglia, Rodriguez, Tomovic; Cuadrado (dal 25’ s.t. Toni), Romulo, Pizarro, Borja Valero (dal 37’ s.t. Migliaccio), Pasqual; Ljajic (dal 1’ s.t. Fernandez), Jovetic (Neto, Lupatelli, Hegazy, Olivera, Savic, Cassani, Seferovic, Llama). All. Montella
ARBITRO Giannoccaro di Lecce
NOTE – espulso Rodriguez al 17’ del s.t. per doppia ammonizione. Ammoniti: Samuel, Ranocchia, Cambiasso e Guarin per gioco scorretto; Rodriguez per c.n.r. e gioco scorretto, Fernandez, Roncaglia e Jovetic per gioco scorretto. Recuperi: p.t. 1’, s.t. 4’

E al sesto tentativo, il tabù San Siro è stato finalmente sfatato. Il 2-1 sulla Fiorentina, per molti addetti ai lavori la squadra che nel rapporto uomini-gioco  sta facendo meglio significa tutto: morale, punti e terzo posto in classifica, che è poi il primo obiettivo stagionale, perché significherebbe il ritorno in Champions League dopo un solo anno di assenza.
Stramaccioni se n’è inventata una delle sue: Coutinho al posto di Sneijder con Pereira e Guarin in panchina a sorpresa. Ancora una volta tutti perplessi, io compreso, ma ci sarà un motivo se Stramaccioni allena l’Inter e io sto a parlare e a scrivere su di lui e non viceversa! Strama ha vinto, onore a Strama! Inutile ora i soliti tecnici da poltrona bofonchino ai quattro venti: l’Inter ha meritato il successo giocando a tratti la sua miglior partita stagionale. Il quasi fuoriclasse Jovetic, mai a segno contro l’Inter, non l’ha mai presa, Viviano ha parato molto più Handanovic e non a caso è stato il migliore dei viola. Interessante Sebastiano Vernazza sulla Gazzetta, per cui se il calcio fosse un cruciverba, Montella e la viola sono stati gli orizzontali, mentre l’Inter e Strama i verticali. E nel calcio la direzione vincente è proprio quest’ultima, sia pure in ripartenza, sia pure nel bulimico possesso palla avversario che per una volta non ha punito la retroguardia interista.
L’Inter ha dimostrato di disporre di uomini veloci e letali: il primo gol, finito in tabellino per il rigore concesso dall’arbitro Giannoccaro per un braccio di Rodriguez andato verso il pallone controcrossato da Zanetti, è in realtà nato da una rapidissima azione personale di Coutinnho, capace di saltare tre avversari, arrivare sul fondo e mettere in pallone in area viola.
E Milito, poco dopo ha avuto l’occasione di raddoppiare con un sombrero di classe mostruosa su Roncaglia, ma ha centrato in pieno la traversa. Pleonastico dire chi abbia innescato il Principe: il solito Cassano, come altre due volte con Milito a sparare su Viviano prima e a lato poi.
Dopo la mezz’ora Cassano ha però deciso di agire in prima persona: filtrante di Ranocchia, velo di Cambiasso, stavolta più che positivo anche per una volée iniziale che meritava il gol, e piatto di Fantantonio per il raddoppio.
Tutti bene da lì in avanti, soprattutto in fase difensiva: peccato solo che Nagatomo e Juan Jesus non si siano intesi in finale di tempo, quando hanno lasciato Romulo libero di incornare alle spalle di Handanovic. E’ stata l’unica vera sbavatura in una partita che nella ripresa è proseguita anche con la superiorità numerica nerazzurra in seguito all’espulsione del fiorentino Rodriguez per fallaccio su Nagatomo. Poco prima era andata di lusso a Samuel che ha rischiato a sua volta il rosso per un intervento fortunatamente meno appariscente.
Poco comprensibile l’ingresso di Alvarez nella ripresa: come al solito non ha coperto tanto, ma ha comunque servito a Milito un altro pallone d’oro, sparacchiato ancora su Viviano, che dopo aver preso 12 gol dalla sua ex-Inter, ha proprio chiuso la saracinesca.
I numeri sono comunque lì da vedere: è dall’anno del Triplete che non si stava così in alto all’avvio di campionato: di questi tempi nel 2009-10 si era terzi alle spalle di Sampdoria e Juventus, mentre l’anno scorso addirittura penultimi con la miseria di 4 punti mentre Ranieri aveva già rimpiazzato Gasperini.
Ora inutile dire dove possa spingersi quest’Inter con Cassano che non ha mai cominciato in tutta la sua carriera con 4 gol in 6 partite: in attesa di Palacio che, per come si stanno mettendo le cose dal punto di vista tattico, rischia di essere molto più importante di quanto si potesse pensare.
E non mi preoccupa neppure Sneijder che spero torni presto a disposizione, anche per dar fiato a chi sta tirando la carretta adesso: ora lo sport preferito di chi proprio non riesce mai a godersi niente nella vita è proprio sparare su Wesley che è sicuramente partito malino, ma verrà sicuramente rimpianto alla prima difficoltà e incensato al primo rientro in grande stile, perché così va il mondo dei tifosi che danno sentenze ogni 90 minuti. Grazie al cielo non quello dei tecnici e Stramaccioni sta comunque dimostrando di saper gestire un gruppo variegato e dalle potenzialità ancora inespresse. La partita di San Siro è stata spettacolare e chi non è d’accordo può sempre confrontarla con le altre: Inter e Fiorentina si sono fronteggiate a viso aperto, con uomini di qualità. I nostri alla fine hanno fatto la differenza, a cominciare da Cassano, sempre più capocannoniere e leader di quest’Inter: Fantantonio adesso si è messo pure a fare il capopopolo incitando il pubblico di casa. Sarà anche vero che non tiene ancora 90 minuti, ma con la Fiorentina la sua partita è stata tutta di qualità: per il gol, per i tre assist non capitalizzati da Milito e quand’era ormai spossato con l’intelligente capacità di tener palla cercando il fallo per far rifiatare i compagni. Ormai ci vuole il lumicino per ritrovare chi vorrebbe restituirlo al Milan con 7.5 milioni di euro per riprendersi Pazzini: tutti scomparsi, ma pronti a ripresentarsi più avanti. Ma viviamo nell’oggi e non nel domani e nei sette punti di vantaggio con cui l’Inter si accinge ad affrontare il il Milan c’è molto di Fantantonio. E a proposito di derby, nelle ultime ore, ho appreso dell’ennesimo capolavoro dialettico di Adriano Galliani. Per la serie ‘siamo tutti geometri’, il nostro ha di nuovo preso le sue personalissime misure in vista della stracittadina: secondo lui è il Milan ad essere davanti all’Inter di 17 punti, avendone dati 22 di distacco nella scorsa stagione a fronte dei 5 di ritardo quest’anno! Per una volta mi sono trasformato anch’io in geometra, annotando che negli ultimi cinque anni, lasciando perdere la stagione post-calciopoli, il Milan è arrivato dietro all’Inter con distacchi nell’ordine di 21, 10 e 12 punti, prima di tornare a rivedere la luce con Ibrahimovic, al quale sono poi riusciti anche nell’impresa di fargli registrare l’unico scudetto perso in Italia, a parte quelli revocati in Albo d’Oro. Comunque, sommando più campionati come all’asilo, l’Inter è ancora davanti al Milan di almeno una quindicina di punti. Già una volta, nel tentativo di emulare il Triplete dell’Inter realizzato in 17 giorni, il fantasioso Galliani aveva messo insieme più stagioni, praticamente da Nordahl ai giorni nostri. Insomma, quando c’è da scendere di livello tornando ai conticini delle elementari, sono bravino anch’io!
Galliani cerchi piuttosto di vincere il derby, perso l’anno scorso con una squadra straordinariamente più forte due volte su due!

52 Commenti su 6C: Inter-Fiorentina 2-1

  1. Sarò forse banale ma per me, per salire di livello, abbiamo solo bisogno di un centrocampista di qualità (e prima di cercarlo altrove a chissà quali cifre, un esperimento Sneijder lo tenterei) che accorci la squadra, dia ordine e quella profondità necessaria a Milito per poter giocare nel modo a lui più congeniale, ovvero fronte alla porta. E vista la penuria di denari che c’è in giro, piuttosto che sperperi inutili per un rincalzo di seconda o terza fascia punterei sul nostro giovane croato. Aggiungo infine che è comunque determinante mantenere i piedi per terra perché, ad oggi, siamo ancora in evidente fase di collaudo e qualche altra difficoltà la incontreremo di sicuro. Ma lo dirò fino alla nausea che dobbiamo avere pazienza, costanza e fiducia, perché nuovi successi non tardino ad arrivare.
    Un saluto.

  2. Marco dal Canada // 1 ottobre 2012 a 01:57 // Rispondi

    Finalmente una vittoria a san Siro.
    Hanno giocato abbastanza bene, potevamo fare 5 goal, comunque l’importante e stare con il gruppo di testa.
    Aspettando il Milan next Sunday
    Forza Inter

  3. pasquale somenzi // 1 ottobre 2012 a 02:10 // Rispondi

    Contro la Fiorentina sono arrivate a 10 le partite casalinghe consecutive con
    almeno un gol subito (7 di campionato e 3 di coppa)
    Difatti l’ultima partita interna con rete inviolata fu Inter-Atalanta 0-0 dello
    scorso 18 marzo.
    E se e’ la dodicesima vittoria in casa consecutiva contro la Fiorentina (11
    di campionato ed una di coppa Italia) l’ultimo precedente per 2-1 risale a
    quasi 30 anni fa, precisamente l’ undici dicembre 1983 con i gol di
    Passarella, Bagni e Serena.
    Pasquale.

  4. Juan a mio parere ha fatta un ottima prestazione. Che personalità a 19 anni. La più bella partita di Cambiasso dell’ultimo anno e mezzo. Con il centrocampo a 5 soffre meno e gioca meglio. Gargano quanta legna. E Cou mi piace proprio, secondo me ha i numeri !! Bene. C’e’ da lavorare ma queste partite danno dei segnali importanti. E per chiudere, Strama in sala stampa e’ indubbiamente il migliore. Un abbraccio nerazzurro

  5. già erano da stappare champagne i 7,5 milioni, se poi si aggiunge anche un cassano così il capolavoro è fatto!
    stramaccioni, handonovic, juan jesus, ranocchia, gargano, guarin, coutinho: credo che come spina dorsale per il futuro non siamo messi così male. poi è ovvio che siamo giovani, non si vincerà lo scudetto subito quest’anno ma diamine siamo li, terzi per il momento, e per lo meno a differenza dello scorso anno le idee, tecniche e societarie, ci sono e per giunta anche piuttosto chiare.
    forza inter!

  6. Godiamoci questa vittoria. Adesso non è il momento per esaltarci, ma per me ha piu’ significato questa partita di quella tra Milan e Cagliari (in piena crisi dopo la sconfitta con il Pescara); si sono viste molte cose positive ed una negativa il gol di Romulo, frutto forse di un malinteso tra Jesus e Nagatomo. sembriamo adesso piu’ equilibrati in campo anche se penso che Milito si sia riservato i gol sbagliati ieri sera per i cugini di campagna. Peccato per la partita con il Siena, ma senza recriminare, i dati dicono che siamo terzi che vediamo la coppia davanti, che il Milan è undicesimo, che la Roma è ancora nella mente di Zeman ma non in quella dei suoi giocatori. Il Napoli si fa mettere in difficolta’ da una Samp incompleta e la Juve credetemi non è di un altro mondo, e alla lunga paghera’ dazio. Aspettiamola alla prima sconfitta, perchè arrivera’ e Firenze ne è stato un segnale.
    Saluti Gianni

  7. Buona partita.Peccato x il 2°tempo hanno sprecato troppo visto anche la superiorità numerica e non ci volevano le “toppate” del principe. Cassano ancora una volta è stato fondamentale e Handanovic non mi sta facendo sentire la mancanza di julio.ciao.

  8. A parte tutto il resto ed i goals sbagliati….
    Ma che numero ha fatto Milito quando ha colpito la traversa??
    Queste sono le cose belle del calcio!!!

  9. Paolo Sabiu // 1 ottobre 2012 a 07:27 // Rispondi

    Ciao GLR,
    finalmente abbiamo battuto, più che la Fiorentina, la “sindrome di San Siro”!
    Bella partita; appurato che i nostri rendono di più con le squadre che non si chiudono a riccio, ma che fanno gioco (cavoli come stanno correndo i viola in quest’inizio di stagione!), gradirei in ogni caso soffrire un po’ di meno, magari migliorando la fase di possesso palla. Vedo, infatti, che tutte le volte che recuperiamo la sfera si riparte con una fretta pazzesca di concludere a rete, sicché il mantenimento della palla stessa finisce in fretta.
    Oltre al solito’ Highlander’ Zanetti, buone prove di Handanovic, Juan Jesus, Ranocchia, Samuel, Cassano, Milito, e, direi, anche Coutinho, di cui ho apprezzato lo spirito di sacrificio (l’ho visto spesso fare l’incontrista come Gargano, bravo anche quest’ultimo, tra l’altro).
    È importante star lì con le prime e il modo in cui rimanerci a me non interessa. Se a gennaio, però, saremo a 2 – 5 punti dalla vetta, saranno necessari un paio di acquisti (un esterno di destra e un’altra punta vera, tanto per non ripetermi) per coprire le lacune che la rosa dimostra ancora di avere; giusto per giocarcela alla pari coi ‘gobbetti , partenopei, ecc.
    Saluti nerazzurri!
    Paolo – Novara

  10. Ottima vittoria – comincia a migliorare un po’ anche il gioco – tante occasioni da rete, anche se, quando scendono gli avversari, c’è sempre il pericolo che ci facciano goal – Strama è bravo deve sistemare ancora fase difensiva e rilancio azione – ora troppi palloni buttati avanti a caso o preda degli avversari. Alcune notazioni:
    1- Milito – spazia troppo per il campo- è poco in area, e quando arriva manca di lucidità
    anche se il “sombrero” e tiro sulla traversa sono da antologia
    2-J.Jesus – il ragazzone è bravo e mi piace sempre di più
    3- Perchè…. Alvarez,.. perchè ? è più lento di me (sono del 1947) e non tiene un pallone….
    4-Cassano, eccellente – aumenta il consumo di Maalox presso i suoi noti detrattori
    5-Gargano, ha la statura e non… i piedi di Messi, ma corre e si batte su ogni pallone
    6- Mudingayi – ha giocato poco ma, credo, sia buona alternativa in mediana
    7- Coutinho – il “ricciolino” è ancora leggero nei contrasti, ma è veloce e ha piedi buoni
    Le considerazioni positive sono superiori alle negative e quindi..avanti così, ad maiora !
    Solito stentoreo Forza Inter – un vecchio interista

  11. faccino 82 // 1 ottobre 2012 a 08:39 // Rispondi

    Continua a piacermi molto Juan Jesus, Cambiasso purtroppo dura un tempo e poi ciliegina c’è Fantantonio che dipinge sempre in campo!!!
    ciao Luca

  12. Gran bella partita: dopo Ventura (vecchio volpone!) lo Strama uccella anche Montella, vincendo il derby degli allenatori emergenti preparando qualche piccolo trabocchetto e uccellando la squadra piu in forma del campionato. Bravo!
    Dispiace dirlo ma in questo momento l’infortunio del genietto è cosa buona e giusta, tanto, per accendere la lampadina, basta ed avanza un Cassano stratosferico, mentre il sostituto designato coutinho con un paio di rientri non lo fa rimpiangere per nulla.
    Si alleni bene in olanda perchè la differenza tra 3 e 0 punti oramai la fa la corsa e se vuole tornare non puo rimanere estraniato in fase di non possesso.

  13. Va detto che la Fiorentina ci ha aiutato, giocando molto aperta e prestando il fianco alle nostre ripartenze, e che c’è ancora da lavorare in difesa (Nagatomo si perde completamente l’uomo sull’azione del gol), però i ragazzi hanno fatto davvero un’ottima partita e meritato la vittoria. Speriamo si riconfermino su questi livelli anche nel derby!!

  14. Massimo Inter // 1 ottobre 2012 a 08:47 // Rispondi

    Inter rabbiosa , intensa e determinata.Onore alla Fiorentina per la bella partita ma le vere palle gol nitide le ha avute l’Inter.Altro che provincialismo o non gioco.Si parla così tanto male dell’Inter che, ad oggi, è seconda a 4 punti dalle prime due osannate da mesi.
    Questo gruppo, per la serie A, è competitivo e Strama lo sta modellando piano piano:lasciamolo lavorare.Ottimi Milito e Cassano, ma non cadiamo nel facile tranello che questa Inter non debba più contare su Wes:sarebbe imperdonabile perdere l’Olandese.
    Sentivo dire che la Fiorentina ci ha messo sotto in 10 contro 11:per forza, Strama ha voluto prontamente gareggiare ad armi pari e ha fatto entrare Alvarez :-)

  15. Senza esaltarci troppo, comunque con un Milito piu’ fortunato sarebbe stata goleada.
    L’assenza di Sneijder, Guarin e Pereira si è fatta sentire…in senso positivo.
    Troppo “complicato” il primo, troppo lento il secondo e troppo ingenuo il terzo.
    Con una squadra piu’ semplice e equilibrata (e piu’ in forma) qualcosa di buono si puo’ fare.
    Cassano, finchè dura di fisico e di testa è un valore aggiunto.
    Staremo a vedere cosa succederà.
    Buona giornata a tutti.

  16. Caro Gianluca, nella schizofrenia tipicamente interisti, i nostri tifosi una settimana fa avrebbero buttato a mare tutto lo staff dirigenziale e buona parte dei giocatori.
    Oggi, sette giorni dopo e sei punti di più in classifica, leggeremo che siamo in grado di vincere lo scudetto, l’Europa League e, perché no?, anche la coppa Italia, con una sorta di mini triplete; i dirigenti poi sono diventati geniali nell’aver scovato Juan Jesus e nell’aver scambiato Pazzini e settemilioniemezzodieuro con Cassano.
    La verità è che non eravamo delle schiappe una settimana fa, non siamo una corazzata oggi: siamo una squadra che ha un progetto e, secondo me, un futuro, se solo lasceremo lavorare in pace l’allenatore ed i giocatori.
    Ma so già che non sarà così, altrimenti non saremmo folli, come la nostra “pazza Inter”.
    Un abbraccio

  17. Paolo Assandri // 1 ottobre 2012 a 09:56 // Rispondi

    Finalmente oltre alla prestazione anche la fortuna. Contro il Siena se fosse finita 3 a 1 per noi non c’era nulla da dire. Vorrei far notare una cosa di cui ieri non ho sentito parlare: il ritmo. Dopo una serie di partite sconcertanti dal punto di vista agonistico finalmente si è corso. Ho rivisto il Gargano di Napoli e un Nagatomo sempre più leader. Checchè i giornali gli diano 5 in pagella ieri ha fatto una partita incredibile. Inspiegabile come si incensi De Sciglio solo perchè è italiano e giovane, mentre Nagatomo che è un vero uomo squadra (ormai insostituibile) è il primo pirla giapponese, capitato lì per caso. Ottimo Cou, ottimo Cambiasso e soprattutto Jesus per il quale tre indizi fanno una prova: è veramente forte. In ogni caso il migliore in campo resta Galliani: grazie per i due fenomeni Cassano e Conguaglio.
    Ciao a tutti!

  18. Oggi, quelli che domenica dicevano che l’Inter quest’anno avrebbe lottato per salvarsi, diranno che vinceremo lo scudo.
    Da noi è così.
    Più realisticamente, credo che sia stata una bella prova contro un avversario in grande forma.
    Ottimo Juan.

  19. il miglior primo tempo di questo inizio di stagione. Se Milito avesse avuto la stessa precisione davanti alla porta che ha avuto in 4 partite Fantantonio (ogni tiro in porta un gol), la partita sarebbe finita 4-1! Stramaccioni ha impostato benissimo la partita..tutti dietro e si riparte in contropiede, proprio perchè è la tattica migliore per questa Inter visto che non si riesce per ora a imporre il nostro gioco.
    Ci sono un paio di cose che piano piano spero si sistemino: il centrocampo, perchè secondo me non c’è più il Cambiasso di una volta e la fase difensiva (non la difesa, perchè singolarmente abbiamo ottimi difensori). Un’ultima cosa..Grazie Galliani!

  20. bella inter nonostante la solita distrazione difensiva che ha tenuto aperta la partita fino alla fine, se avessimo chiuso il primo tempo sul 3-0 non sarebbe stato uno scandalo.
    Detto questo,senza esaltarci troppo,pensi che quest’inter può lottare per qualcosa di importante? pensi che abbia un organico all’altezza di quello di juve e napoli?

  21. Finalmente una prestazione di grande intensità e con sprazzi di gioco di una certa qualità, rispetto al Siena sembra passato un lustro! Sono e resto convinto che questa squadra per ottenere risultati, debba essere supportata da una condizione fisica costantemente elevata e che la fase di costruzione del progetto sia chiaramente ancora in itinere, ma questo era ampiamente preventivabile; ora sotto con il lavoro, perchè il derby di domenica potrebbe dare indicazioni importanti, da “comprimari” in un campionato tra alti e bassi, fino a protagonisti verso traguardi al momento oggettivamente impensabili

  22. Claudioeffedeejay // 1 ottobre 2012 a 11:22 // Rispondi

    La “questione” olandese sarà uno dei principali problemi che Mister Stramaccioni dovrà affrontare e risolvere. Ci si è già incartato Ranieri l’anno scorso e comunque qualsiasi allenatore dopo Mou ha percepito il trequartista “orange” più come un problema che come una reale risorsa.
    Juan Jesus, come ho già detto altre volte, sembra migliorare di partita in partita e con l’attaccante barese si segnala tra i più positivi. Nagatomo, giustiziato in piazzale Loreto per il gol viola, ha corso come un pazzo e messo 50 palloni in mezzo e nonostante l’errore ha disputato un ‘ottima gara. Il giapponese ha fatto molti meno errori di Milito e non vedo quindi perché dovrebbe meritare un’insufficienza. Samuel in timida ripresa.

    • Bene, la ‘questione olandese’ la risolveremo all’Europarlamento quando Sneijder sarà di nuovo a disposizione. Magari, godersi una vittoria per un giorno e due, non farebbe male, invece che arrovellarsi sulle questioni future. Con calma, poi, affronteremo tutto il resto, il riscaldamento del Pianeta, il buco nell’ozono e, naturalmente la ‘questione olandese': tutto a tempo debito.
      GLR

      • Ma cosa pretendono certi tifosi nerazzuri? qualcuno capisce che si sta ricostruendo e che siamo in pieni lavori in corso? Mai contenti, mai capaci di godersi per una settimana un successo che poteva avere dimensioni anche piu’ ampie contro una squadra tra le migliori in questo avvio di stagione. Stramaccioni sa rischiare e tirare fuori dal cilindro soluzioni geniali: non è e non sara’ mai Mourihno, ma l’inizio di stagione è pari a quello dell’anno del triplete. Superiore a gente molto piu’ navigata come Gasperini e Ranieri, coraggioso e sfrontato quanto basta, lucido e mai in confusione come Don Benitez. Incoraggiamoli e vedrete che gia’ da questa stagione ci ripagheranno con grandi risultati!
        Saluti Gianni.

  23. Buona la prima vittoria casalinga ottenuta contro una signora squadra per questa settimana basta così in attesa del derby

  24. prima di giudicare questa squadra credo che dobbiamo vedere ancora 4/5 partite.
    mi spiace vedere san siro cosi vuoto che tristezza!!!!
    visto che gli incassi dello stadio contano poco per la società ,magari escludendo le partite con juve e milan , fare una promozione , ossia che ogni abbonato porti una persona che paga solo il biglietto ridotto.
    in questa maniera una partita come quella di ieri avrebbe visto almeno al presenza di 65/70 mila persone.

  25. Già non vedere Alvaro per me è stata una sofferenza in meno.
    La squadra mi è piaciuta molto sia per come ha impostato le sue numerose occasioni da gol e sia per come ha sofferto un’ottima squadra ottimamente allenata.
    Se si continuasse così, magari con un pizzico di sorte in più, si potrebbe anche ambire a un terzo posto, posizione che ci dovrebbe competere normalmente ma vista l’epoca sembra più un miracolo che una giusta classifica.

  26. Finalmente è caduto il tabù di San Siro però l’Inter mi sembra sempre una squadra confusa e costruita maluccio; certo molto meglio di qualche altra… e poi purtroppo i senatori danno l’idea di arrancare tanto e spesso, tempus fugit. Vedere Zanetti, Cambiasso e Samuel saltati fa male al cuore. Intanto mettiamo fieno in cascina…..

  27. Mario da Colonia // 1 ottobre 2012 a 12:45 // Rispondi

    per adesso mi contento e la vedo un po come il primo anno del mancio.
    Speriamo che SAN GIUAN NON SIA UN INGANN.
    scusa il mio milanese ma sono del centro italia.
    saluti da colonia a te e a tutti quelli che scrivono qui.

  28. ciao gianluca, ieri sera ho visto un bel primo tempo forse il migliore della stagione! un ottimo cassano, un bel coutinho e tante palle gol..sperando che quelle sbagliate milito se le conservi per il derby! il centrocampo cambiasso e gargano va molto bene forse anche meglio che con guarin ma nn perchè è scarso ma perchè è più offensivo di gargano e cambiasso. cambiasso sta giocando ogni tre giorni e a differenza dei tifosotti che lo criticano dico che a me piace molto..rimane un giocatore di grand esperienza e con grandi colpi come il tiro al volo sul calcio d’angolo e senza di lui a centrocampo 1 pò si soffre ! juan jesus è una vera sorpresa.. si sta comportando molto bene poi magari sbaglierà come tutti però sta dimostrando di essere un difensore molto bravo e forte fisicamente! un saluto vi seguo sempre!!

  29. Un primo tempo come non si vedeva da anni!
    Bella vittoria contro una Fiornentina che non ha mai rinunciato a giocare palla a terra.
    Stramaccioni ha capito che, in questa fase di assestamento, è opportuno gestire una formazione più stabile nella fase di copertura e più propensa a partire in contropiede.
    La Fiorentina, che ama molto il palleggio, c’è cascata in pieno e non è mai riuscita a fermare i nostri contropiede.
    Coutinho e Cassano sono risultati determinanti nel gestire le ripartenze, ma ho visto anche un centrocampo finalmente capace di tenere corta la squadra.
    Non a caso, anche la difesa ne ha tratto beneficio.

  30. finalmente una buona partita. Ci sono ancora parecchie cose da registrare (la squadra è sempre piuttosto lunga) ma direi che con due punte in campo riusciamo quanto meno a tirare in porta un po’ più spesso.
    Comunque ancora una volta si porta a casa il risultato contro una squadra, la Fiorentina, che gioca e lascia giocare, situazione che si trova di solito in trasferta dove, non a caso, abbiamo conseguito i migliori risultati.
    Diciamo che con il nuovo modulo servono esterni sempre freschi, visto che è il ruolo dove è necessario spremersi di più per attaccare e coprire. Ieri un po’ monotematici a sinistra con il buon samurai che ha otto polmoni, mentre meno presenti a destra dove non si può chiedere al capitano di fare su e giù a 40 anni. Speriamo arrivino correzioni in tal senso.
    Saluti
    R

  31. E’ stata un Inter che mi ha sorpreso positivamente, sopratutto il primo tempo. Coutinho se gioca sempre con queste accelerazioni non bisogna più toglierlo. Mi sono sorpreso pure dell’aggressività a metà campo di Gargano e Cambiasso. Cassano il più incisivo di tutti fa poche cose, ma quando le fa va fino in fondo, sia come assist che come gol. Difesa finalmente ordinata con poche sbavature, decisa, ha badato al sodo pure con qualche scarpata di troppo e che secondo me non fa mai male, tanto le danno anche gli altri ai nostri giocatori ed il calcio non è un gioco per signorine. Il secondo tempo pur con qualche affanno è stato gestito abbastanza bene, meno male che loro erano in dieci. Cmq ci fosse stato il Milito dell’inizio di quest’anno finiva 5-1. Nel complesso una buona Inter.

  32. Jack Berga // 1 ottobre 2012 a 15:10 // Rispondi

    E’ vero, noi interisti siamo, mediamente, un po’ volubili, adusi al cambio d’umore e a entusiasmi alterni… però, porca sidèla, anche i nostri non fanno proprio niente per darci una mano… In una settimana, 3 inter con quasi niente in comune l’una con l’altra…
    Diciamo che non siamo monotoni, dai.
    Meglio così.
    J.B.

  33. Francesco Alessandro // 1 ottobre 2012 a 15:26 // Rispondi

    Ciao. Gustosa partita, almeno per noi nerazzurri, con tante occasioni e portiere avversario migliore in campo. La Fiorentina è squadra ideale per esaltarsi con veloci cambiamenti di fronte che questa volta sono risultati efficaci anche se Milito è stato un po’ troppo impreciso e sfortunato sotto rete. La nostra difesa in compenso è stata uccellata alla prima penetrazione viola laterale. Da rivedere nel derby. Cassano inizia ad ingranare e Pazzini ha un piede in tribuna: tradotto milanista rosica….Saluti, Francesco.

  34. bel primo tempo mi sono propio divertito, finalmente una partita vera
    merito anche della fiorentina

  35. E’ ovvio che l’Inter sia ancora migliorabile (si sarebbe dovuto per esempio gestire meglio la superiorità numerica ed evitare i patemi finali, solo per citarne una), ma per il momento può pure andare: terzo posto a -4 dalla vetta, anche se la sconfitta con il Siena grida vendetta.
    Due cose: 1) ho visto su un giornale nazionale rosa un 5,5 a Nagatomo che mi ha davvero sconvolto (ancora sto cercando di riprendermi). 2) Cassano + 7,5 milioni di euro per Pazzini? Io un’idea ce l’avrei su chi c’ha guadagnato, ma come Galliani, preferisco non commentare…

  36. Jesus mi sembra un ottimo centrale. E per favore non mettiamolo subito in croce se commette qualche ingenuità!

  37. quest’anno con una squadra rinnovata e da ricostruire, per la prima volta si sono intravisti delle potenzialità di alcuni singoli giocatori ed una mentalità diversa, la costante voglia di proporsi da parte di tutto il gruppo.
    Juan che dovrà dimostrare ancora tutto il suo potenziale, ma per l’età ed il fatto che si trova a giocare nell’Inter con i tifosi che oggi ti esaltano e domani ti fischiano diventa difficile per chiunque ma può davvero essere una lieta sorpresa insieme a Ranocchia.
    Nagatomo che sta dimostrando continuità e dedizione alla causa…
    Aspettando Obi… dinamismo puro…e per finire Palacio che sicuramente tornato in forma sarà il giocatore duttile e letale lì davanti.
    Di Cassano, che dire, lo conosciamo tutti se si integra nel gruppo e viene amato, diventa un giocatore che fa la differenza un “top Player”, termine che odio.
    Detto questo forza Inter e aiutiamola tutti a crescere: Bisogna Crederci!
    Vito

  38. Sulle “birichinate” dello zio Fester rossonero ci si potrebbe scrivere un libro: il materiale a dispozione non manca.
    Non sono uno psicologo, nè voglio abbandonarmi ad un lirismo da 4 soldi, ma dalle dichiarazioni post partita di ieri sera credo di aver intuito una delle qualità di Stramaccioni, dal punto di vista umano intendo dire, che hanno indotto Moratti a dargli così tanta fiducia ed i tifosi ad accoglierlo bene, nonostante l’inesperienza ad alti livelli.
    Credo che Strama, a differenza di altri fin troppo calati nel lororuolo, sia perfettamente consapevole di essere, in generale, un ragazzo fortunato e, in particolare, di esserlo per il fatto di sedere, così giovane, su una panchina tanto prestigiosa.
    Lo dico a me stesso: ricordarsi sempre delle fortune che si hanno.
    Ora e sempre forza Inter

  39. Fabio Primo // 1 ottobre 2012 a 18:14 // Rispondi

    Quando l’ Inter ha segnato per prima ha sempre vinto, sarà un caso. Abbiamo battuto una squadra che sul piano del gioco ha tenuto testa a Napoli e Juve, anche se non ha vinto. Juan Jesus ha le potenzialità per diventare un ottimo difensore centrale.

  40. È totalmente inutile scendere al livello del geometra, le cui dichiarazioni sono sapientemente scelte per dar fiato, anima e speranza alla parte più becera, stupida e acritica del tifo (non solo rossonero).

  41. Silvio da Torino // 1 ottobre 2012 a 20:07 // Rispondi

    devo dire di essere veramente soddisfatto di cosa la nostra Inter ci ha fatto vedere. Se il Principe avesse avuto la mira del 2010 diventava primo nella classifica cannonieri. Cassano è già entrato nei cuori di tutti e Pazzini già dimenticato. Possiamo andare avanti lasciando che Wes guarisca tranquillamente e del buon Stramaccioni, messo in croce dopo la Roma, si sta prendendo qualche bella soddisfazione.

  42. Spero che Stramaccioni abbia terminato gli esperimenti. Il rebus arriverà semmai col rientro di Palacio (uno che la porta la trova) ma Coutinho, Cassano e Milito hanno mostrato grandi cose, soprattutto di stare bene fisicamente e di trovarsi che è un piacere.

  43. il migliore e’ stato strama: cou al posto di sneijder in pressione su pizzarro e fuori guarin e pereira. Grande fantantonio e che forza Jesus. meglio che Wes recuperi bene dall’infortunio e nel frattempo la squadra si sistema in difesa e a centrocampo in modo da essere piu’ solidi x quando rientra perche’ sono certo che piu’ avanti avremo bisogno di lui.
    ciao e forza inter

  44. la cosa fondamentale ìn questo momento è cercare di far meglio della passata stagione. certo la crisi ed il ridimensionamento è stato uno spartiacque non da poco fra l’inter di una volta e quella di adesso. Della serie vado a letto con jessica alba e mi risveglio con mafalda. Però è così, ed alla fine credo lo sia per tutti. Il real madrid si goda mourinho, perchè nulla è per sempre. Visto che nessuno ne parla, da amante del calcio posso dire che mi è ìì piaciuto il calcio che gioca montella, lui come stramaccioni paga il fatto di non avere in bomber che la butta dentro. Nel calcio di oggi oltre alla sciabola, c è bisogno della famosa “verga di cecco angiolieri”.

  45. Stefano il "Cipe" // 1 ottobre 2012 a 22:53 // Rispondi

    Il lavoro di un buon direttore d’orchestra non è solo quello di far accordare gli strumenti ad ognuno dei suoi maestri ma, piuttosto, quello di dare armonia al suono nell’insieme e Strama lo può fare. AMA la PAZZA.

  46. Alzi la mano chi avrebbe immaginato Cassano in veste di leader!
    La nuova Inter sta cominciando a prendere forma e sostanza, e ancora non si sono visti in campo Palacio, Obi, Chivu e Stankovic…

  47. Sono un gobbaccio di vecchia data diventato nel corso degli anni anche un po’ troppo anti-interista, eppure nonostante questo ti seguo e ti stimo da tantissimo tempo. Lo so che le due cose non dovrebbero essere in contrapposizione ma in un paese becero (mi piace un sacco questo termine che usi sempre tu) come il nostro ci sentiamo sempre in obbligo di fare queste precisazioni.
    Stramaccioni devo ammettere cheè un fenomeno davanti ai microfoni. Ha una grandissima capacità di spiegare ogni sua scelta con battute davvero divertenti. Ma secondo te certe cose le prepara prima o è davvero un mostro nella comunicazione?
    ciao e ancora tanti complimenti per come sai vivere questo pazzo mondo del calcio.

    • Grazie per i complimenti. Stramaccioni è ‘molto’ romano e certi romani sanno essere divertenti. L’auspicio è che, oltre a spiegare molto bene i problemi e a divertirci, il ragazzo sappia anche risolvere gli eventuali problemi che si presenteranno.
      GLR

  48. Ok ci voleva proprio questa vittoria sul campo amico. Nel primo tempo abbiamo giocato abbastanza bene limitando i viola e creando molto in attacco. Infatti il risultato dopo i 45′ ci andava stretto. La benzina però nel secondo tempo a tratti è mancata e paradossalmente dopo l’espulsione di Rodriguez siamo calati, comprensibile per una squadra che gioca ogni 3 giorni. E ora sotto col Baku e poi col la gara clou è domenica. Stiamo a vedere e forza ragazzi!

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili