5C: Chievo-Inter 0-2

MARCATORI: Pereira al 43′ pt ; Cassano al 29′ st
CHIEVO (4-3-1-2): Sorrentino; Sardo, Dainelli, Cesar, N.Frey ; Vacek (24′ st Cruzado), L.Rigoni, Hetemaj; M.Rigoni (31′ st Stoian); Pellissier, Di Michele (17′ st Samassa). (Puggioni, Viotti, Papp, Dramè, Farkas, Guana, Cofie, Thereau, Moscardelli). All. Di Carlo
INTER (3-5-2): Handanovic, Ranocchia, Samuel, Juan Jesus; Nagatomo (23′ st Gargano), Zanetti, Cambiasso (38′ st Mudingayi), Guarin, Pereira; Sneijder (26′ pt Cassano), Milito. (Castellazzi, Belec, Silvestre, Chivu, Jonathan, Obi, Alvarez, Coutinho, Livaja). All.: Stramaccioni.
ARBITRO: Peruzzo di Schio.
NOTE – Ammoniti: L.Rigoni, Sardo, Vacek, Samuel. Angoli 5-0 per il Chievo. Recupero: 2′; 3′.

A Verona, Inter ai limiti dell’inguardabile nel primo tempo e assai più tranquilla nella ripresa: l’ennesima vittoria in trasferta, 2-0 al Chievo, fa morale e classifica, altro che balle! Stramaccioni cambia e ricambia, mischia e rimischia per trovare al più presto l’assetto più o meno definitivo e certamente non essere integralisti allunga la vita in panchina, vero Gasperini?
Pereira e Cassano, subentrato prima della mezz’ora all’infortunato Sneijder, i match winners, ma il Chievo, nel primo tempo, ha incasinato l’Inter oltre ogni previsione. Samir Handanovic, salvato dal palo sull’ultima punizione di Cruzado, si è confermato un fuoriclasse nel suo duello in punizioni con Marco Rigoni. Detto tra noi, firmerei subito per arrivare alla prossima sosta con l’attuale distacco, quattro punti, dalla testa della classifica, ora coabitata da Juventus e Napoli.
Sul vantaggio nerazzurro Pereira, al suo primo gol interista, è apparso in Tv in fuorigioco per una spalla, ma la chiamata del guardalinee Giordano era onestamente difficile.
Un gol nato per caso quello del  Palita al termine di una frazione di gioco in cui l’Inter aveva fatto venir i nervi, soprattutto per il centrocampo impreciso e confusionario oltre il sopportabile. Poi, in chiusura di tempo, il solito faticatore Nagatomo, dopo qualche esitazione, ha deciso per un tiro-cross sul quale Pereira si è avventato per la deviazione vincente. Fino a quel momento l’Inter si era fatta notare solo, se non per un diagonale dello sconclusionato Guarin. Tutti meglio nella ripresa, quando la squadra, tranquillizzata da vantaggio, si è finalmente ‘sciolta’ amministrando il vantaggio, finché Cassano, fin lì dormiente, non ha fatto quello che da sempre gli riesce meglio: il fuoriclasse. Dialogando di prima con Gargano, ottimo il suo impatto a gara in corso, Fantantonio ha chiuso la partita con un bel piatto destro firmando il suo terzo gol interista, il 90° in Serie A.
Prosegue quindi nella pura illogicità questo inizio di campionato, perché a fronte di risultati casalinghi oltremodo deludenti, il rendimento in trasferta è da record mondiale: cinque partite tra campionato ed Europa League lontano da San Siro con altrettante vittorie, ma soprattutto 12 reti segnate e nessuna subito, un mistero più affascinante dei cerchi nel grano, vista la scarsa solidità della fase difensiva nerazzurra. Per il momento la difesa a tre c’entra poco, visto che Stramaccioni avrebbe voluto vararla con Chivu play basso, ma dopo un lungo provino al Bentegodi il romeno è stato costretto al forfait. Non che l’assetto a tre escluda i brividi, visti i balbettii in chiusura almeno fino all’intervallo, ma poi i pericoli maggiori il Chievo li ha creati su palle inattive: Handanovic, oltre che bravissimo, è stato anche fortunato, vista la benedizione del palo sulla punizione di Cruzado.
Ora domenica sera bisogna vincere in casa e a San Siro arriva la Fiorentina che ha appena bloccato la Juve, un brutto cliente insomma.
L’ultima notazione è per i soliti smemorati, capaci di farsi vivi su certe operazioni di mercato solo quando conviene e mai quando la realtà li prende a sberloni: ancora convinti che Cassano per Pazzini più 7.5 milioni e mezzo al momento non sia stato un affare? I ragazzi stanno entrambi a tre gol, ma mentre Giampaolo pare aver vissuto solo una domenica di gloria e la biglia la vede poco, Antonio non ha ancora calciato un rigore ed è ancora lontano dalla migliore condizione. Gioca magari quindici, venti minuti a partita e gli sono già bastati per essere il capocannoniere dell’Inter. Vedete un po’ voi!

50 Commenti su 5C: Chievo-Inter 0-2

  1. L’Inter del primo tempo ha confermato quello che penso da tempo: l’equivoco è Sneijder!
    Il nostro Wes, infatti, schierato in un attacco a 3 finisce per pestarsi i piedi con Cassano e lo stesso Milito, punta di movimento, e non garantisce un valido aiuto in fase difensiva; schierato in coppia con un solo attaccante, il Principe appunto, arretra fin davanti alla difesa (come ieri finché ha giocato) per prendere il pallone, lasciando il povero Milito solo in mezzo a 7 uomini. Con l’ingresso di Cassano la squadra è parsa più equilibrata, con una presenza importante a supportare Milito.
    Altro grosso problema è che mancano maledettamente gli inserimenti dei centrocampisti negli spazi: tutti vogliono la palla nei piedi, rendendo il gioco della squadra lento e farraginoso.
    Meglio la difesa, con un Samuel “normale” e un Juan Jesus sempre in crescita e su cui punterei con decisione. Comunque godiamoci questa vittoria e i 3 punti fondamentali.
    D’altronde l’Inter è un cantiere aperto e, come per tutte le grandi opere, serve tempo.
    P.s.: non credi Gianluca che Stramaccioni dovrebbe trasmettere più grinta e cattiveria agonistica ai giocatori? A volte, se siamo in difficoltà, sembra intristirsi con la squadra…
    Un caro saluto interista!

    • Ognuno in panchina ha il suo carattere: Ancelotti spesso sembrava pisolare, ma chi lo ha avuto dice che in realtà caricava la squadra anche mangiando un panino. Stramaccioni è giovane e secondo me non ha ancora assunto una precisa fisionomia nel suo stare in panchina.
      GLR

  2. Ciao Gianluca valutazione perfetta come al solito.
    visto che il calcio è anche irrazionalità,visto che stenti e gioco deludente li abbiamo visti anche con Mr. Triplete (unico e ineguagliabile!) confido ancora in un bel filotto vincente che cambi la stagione, secondo me la qualità c’è forse manca un po di quel … “Tutti per Uno” che Mou sapeva infondere ai suoi giocatori, mi ha impressionato una dichiarazione di Ibra che diceva … Per Mou avrei anche ucciso (metaforicamente) o qualcosa del genere, forse Stramaccioni deve lavorare proprio su quello.
    cmq… Sempre Forza Inter!!!!

    • Si, però ragazzi, lasciamo Mou in un altro mondo. Qualsiasi accostamento, anche solo per gioco, è profondamente ingiusto anche per Stramaccioni che ha appena cominciato.
      GLR

  3. Roberto Scibetta // 27 settembre 2012 a 10:06 // Rispondi

    Sono impressionato dalla qualità di alcuni singoli: Jesus e Ranocchia in primis.
    E poi vado contro-corrente: si parla tanto di TOP PLAYER, e si dice che in Serie A ne sono rimasti si e no un paio. Forse è vero (anzi è verissimo), ma tra questi ci sta alla grande anche Diego Milito. Anche quando gioca non benissimo (come ieri a verona), ha una classe e una visione del gioco d’attacco che se la sognano tutti gli altri centravanti d’Italia (Cavani escluso).
    Per il resto … che dire … ci vuole pazienza! il centrocampo peggio di così non può giocare, è quasi impossibile. Pertanto, con molta pazienza, migliorerà!!!!

  4. Analisi perfetta la tua quindi non aggiungo niente, se non una modesta proposta: visto che wes non segna come cassano, è meno attaccante di cassano e palacio, o sta in panca oppure io lo proverei davanti alla nostra difesa come play basso, no? Ha corsa, dinamismo, rapidità di esecuzione e visione di gioco e noi non abbiamo un centrocampista-regista dai piedi buoni e che non sia bradipo (vedi guarin e cambiasso). boh è un’idea…

    • Ci proverei anch’io…L’hanno scorso ci aveva pensato anche il talentuoso Gasperini senza successo. A volte la questione è come le chiedi le cose ad un grande giocatore, vedi Mourinho con Eto’o. vediamo se Stramaccioni ha intenzione di chiederglielo. Purtroppo oggi funziona così: ai miei tempi, calci in culo e giochi dove dico io!
      GLR

      • snejider regista a mio avviso sarebbe proprio una bella idea…primo perchè secondo me non ha più la corsa per fare il trequartista,e secondo perchè resta un giocatore che da del tu al pallone e all’inter chiaramente manca un pirlo,un verratti,uno che fa girare la palla in mezzo al campo…dovesse un simile esperimento andare a buon fine secondo me l’inter troverebbe la quadratura del cerchio…

  5. Consentimi uno sfogo antisportivo! Sono contento per il Pescara, o meglio sono contento per Gasperson!!! La sciagura che ci aveva investito in passato, facendoci perdere tempo prezioso per meglio capire e progrmamre il futuro!
    Per la nostra partita, credo che il cantiere sia piu’ che mai aperto e stiamo provando soluzioni diverse con uomini nuovi…insomma tutto da collaudare. In questo periodo e credo sino a fine anno dobbiamo sperare di non perdere troppo il contatto con la testa del campionato, poi credo che una volta trovata la giusta quadratura credo che si possa tranquillamente giocarsele tutte. Non vedo un gran campionato e di conseguenza perchè non crederci?

  6. Anche ieri abbiamo ballato alla grande là dietro, sarà anche un’Inter sudamericana ma la samba sta diventando fastidiosa. L’unica differenza tra partite in casa (pessime sconfitte) e in trasferta (pessime vittorie) sta nell’atteggiamento + spregiudicato di chi ci affronta in casa propria e che ci permette di fare qualche azione in più, cosicchè alla lunga le doti tecniche prevalgono. In casa ci aspettano al varco e non abbiamo fiato e fosforo, ripartono all’arrembaggio e non abbiamo tenuta e sicurezza. Mi chiedo a cosa sia servita la preparazione anticipata per l’Europa League se poi a Settembre siamo già (o ancora?) sulle ginocchia…Sneijder rotto per un po’ spero possa dare un po’ di responsabilità agli altri

  7. Dirò una cosa scontata, ma il doppio impegno Fiorentina-Milan al Meazza ci farà capire la reale dimensione dell’Inter di quest’anno…

  8. Mi sono piaciuti tre giocatori ieri: i due esterni Nagatomo e Pereira (non due piedi raffinatissimi ma corridori instancabili) e Cassano. Credo che tre giocatori offensivi l’Inter se li possa permettere con il rientro di Palacio, è l’unico che ha una qualche propensione a rientrare. Per quanto riguarda i tre dietro, credo che Samuel (dopo due infortuni seri al ginocchio e i suoi 33 o 34 anni) abbia bisogno di più tempo per entrare in condizione, ma starei attento a considerarlo finito. Certo è che farebbe comodo anche fare punti a San Siro

  9. Non ho visto un Inter così brutta nel primo tempo mentre concordo su Guarin che da un po’ di tempo sta giocando con l’atteggiamento di un fuoriclasse ma con i risultati di una pippa!
    Nel complesso avanti così, penso che sarà una stagione di alti e bassi e punterei deciso al terzo posto visto che Juve e Napoli sembrano decisamente più forti.

  10. Sorride solo il risultato! Il resto purtroppo, a parte un grande portiere ed un Cassano ad alti livelli, è assai preoccupante in prospettiva, perchè la squadra non si muove! Tutti aspettano il pallone tra i piedi, e la lentezza delle giocate e dei singoli è allarmante! La vedo davvero dura quest’anno…speriamo sia solo una mia impressione! Buona giornata!

  11. Una precisazione, da neofita, sul nuovo modulo 3-5-2 (con i giocatori a disposizione):
    – Convincere e spostare Sneijder nel ruolo alla Pirlo. Però bisognava progettare, pensare e provare mesi fa.
    E’ una mia utopia o no? Luigi

    • Mah, se provi una cosa e poi perdi, finisce che con l’ansia che c’è sempre attorno alle grandi non la si prova più. Qui si dimentica che molti giocatori sono arrivati a fine agosto e il precampionato lo stanno facendo in questo avvio di campionato. A volte me ne dimentico anch’io. Dopo il primo tempo avrei voluto strozzare Guarin con le mie mani e chiudere la forza la bocca di Pereira.
      GLR

  12. ciao GLR, il calcio é strano, tutto il primo tempo mi stavo chiedendo: ma quanto é scarso Pereira? ma come si fanno a spendere 10 milioni per uno così confusionario e che non riesce a fare mezzo cross decente? ….e poi proprio lui sblocca la partita!!!! capitolo Snejder mi dispiace che si sia fatto male, peró in quel ruolo molto meglio cassano, wesley tende sempre abbassarsi troppo e lascia solo milito. cmq nonostante abbiamo giocato maluccio l’importante era vincere!!! siamo una squadra nuova, per il bel calcio c’é tempo….. forza INTER sempre!!!!

  13. Tre punti da mettere in cascina, preziosissimi se consideriamo il deludente ed imballato primo tempo…
    Dalle stelle alle stalle, lo sport nazionale che processa e poi esalta le gesta pedatorie lasciamole stare; Stramaccioni merita la fiducia, è un cuoco che sta cercando la formula giusta per preparare e farci degustare quel manicaretto che a maggio tutti vorremmo che sia il più dolce possibbile: Evitiamo lo spleen da tifoso depresso e incazzoso (i rosiconi sono altri…) e lasciamolo lavorare. E’ un anno particolare e speriamo che Fantantonio si ricordi più spesso che è fatto di classe sopraffina…Unica nota, mi piacerebbe vedere più spesso in campo il nostro Coutinho ma anche per lui ci sarà il suo tempo. Forza Inter .

  14. Ci sono un po’ di analogie con la partita col Torino e il dubbio che quella con Fiorentina possa essere simile a quella con la Roma non sono infondati.
    Non cadere nel tranello, per il nostro bene eviterei qualsiasi confronto con i cugini, perchè se corri contro uno zoppo non migliori piu’.
    PS: Pereira è uno dei pochi giocatori al mondo che pur segnando un goal da 3 punti non merita la sufficienza

  15. Sono sempre più convinto che, al di là dei moduli, servono SOLAMENTE centrocampisti che corrono!
    Per il resto massimo risultato col minimissimo sforzo.
    Bene così!

  16. Sono abbastanza convinto che fino a gennaio la squadra offrirà un rendimento altalenante: per fortuna, nella mediocrità generale del nostro campionato, abbiamo davanti dei giocatori di classe superiore che possono risolvere le partite e farci rimanere a ridosso della zona champions.
    Dopodichè, con un paio di nuovi acquisti e un impianto di gioco si spera acquisito (perchè Strama prima o poi la quadratura del cerchio la troverà!), potremo giocarci la volata per
    il terzo posto, che mi sembra un obiettivo alla nostra portata.

  17. Cassano + 7.5 milioni per Pazzini era un grande affare anche se Cassano avesse fatto il barista ad Appiano!!!!
    Chi lo nega è in malafede. Punto.
    La verità è che ci vorrebbe un Cambiasso di 6 anni fa.
    Vorrei anche il me stesso di 6 anni fa, se è per questo.
    Ma purtroppo nessuna delle due è possibile.
    Peccato.

  18. Ciao Gianluca.
    INTERISTA PESSIMISTA: sapevo che non avremmo vinto niente, ma speravo, quantomeno, di divertirmi un po’… Missione fallita. Arriveremo a metà classifica, annoiandoci…
    INTERISTA OTTIMISTA: vittoria fondamentale! Questa squadra, quando vuole, tira fuori gli artigli! E la vetta non è lontana. Con qualche piccolo aggiustamento, ce la giochiamo fino alla fine…
    … In medio stat virtus, diceva quello là…
    Grazie e ciao.
    G.

  19. Non riesco ancora a capire o a definire l’Inter quest’anno,ma rimango convinto di una cosa,cioè che,col il passare delle partite,usciremo molto meglio dei cugini e che,quantomeno al terzo posto,potremo arrivarci…Chissà mai che qualcun altro non si suicidi là davanti…Non penso,ma bisogna sempre farsi trovare pronti giusto?Domenica in ogni caso sarà dura,se si vince la squadra avrà un bel colpo in positivo a livello di morale,in caso contrario sarà esattamente l’opposto,ma caspita,prima o poi mi alzerò dal mio seggiolino esultando per una vittoria in casa,no?!?
    Andrea

  20. Ma il sig. Guarin non corre, passeggia, cerca tiri impossibili regolarmente alti e fa passaggi o troppo lenti o troppo lunghi. I disimpegni poi se li complica da solo. Un disastro.

  21. Notazioni su Chievo-Inter
    Il gioco è sempre un po’ empirico – tanti passaggi laterali e molti indietro….velocità prossima alle zero
    1- Milito in posizioni assurde, all’ala, a centro campo, mai in area – senza un altra punta è perso – così manca effettivamente il reparto d’attacco
    2- Guarin e Pereira arruffoni e “renitenti” al passaggio preciso
    3- Quando rinvia la difesa, centro campo assente e palla spesso all’avversario
    4- La condizione fisica non sembra eccellente (sarà per la preparazione anticipata ?)
    5- Juan Jesus mi piace – gagliardo e tosto il necessario- io ci credo
    6- Samir Handanovic – degno erede di Julio – è un gran portiere – bravo, calmo e sicuro
    7- Fantantonio va bene così…qualche suo detrattore ingurgita……Malox antiacido
    Ora il buon Strama cerchi di dare un po’ di ordine al gioco, trovare però un assetto
    più stabile e raccomandi al mio idolo Samuel di non fare i soliti falli da giallo a centro campo..
    Considerate le pernacchie che abbiamo ricevuto dopo il Siena, guardo la classifica e siamo
    li – come sempre all’inizio, i giuidizi frettolosi si sprecano: avevo sentito definire la Lazio,concorrente della Juve, la Roma del mago Zeman altrettanto.
    lancio il solito stentoreo Forza Inter – saluti da un vecchio interista

  22. pasquale somenzi // 27 settembre 2012 a 11:57 // Rispondi

    Per trovare l’Inter che vince le prime 3 trasferte del campionato bisogna
    risalire fino al campionato 2002/2003 quando i risultati furono:
    Reggina-Inter 1-2 – Piacenza-Inter 1-4 – Como-Inter 0-2
    Mentre per trovare 3 vittorie iniziali esterne in campionato senza subire
    reti e’ necessario risalire fino al campionato 1966/1967 con:
    Foggia-Inter 0-4 – Atalanta-Inter 0-5 – Lecco-Inter 0-2
    Resta come dato statistico che da quando Stramaccioni allena l’Inter
    per quanto riguarda il campionato non e’ mai stato per 2 giornate
    consecutive senza vincere.
    Vorrei infine fare un’osservazione di carattere generale. Dopo che la
    Disciplinare ieri ha inflitto altre penalizzazioni, in particolare grazie ai
    punti tolti al Chieti ed al Campobasso, ora in Italia in TUTTI i gironi di
    TUTTI i campionati professionistici c’e’ almeno una squadra con la
    penalizzazione di punti. E questo per il SECONDO anno consecutivo.
    Almeno in questo particolare ranking l’Italia e’ prima.
    Pasquale.

    • Il solito Paese di cialtroni, nel calcio come nella vita di ogni giorno!
      GLR

      • Poi ti chiedi, GLR, come mai ricevi mail e post “a pioggia”… 😉
        A parte che frequentare il tuo sito è un piacere, dà decisamente meno fastidio parlare e leggere delle cialtronerie sportive rispetto a quelle della vita di ogni giorno, che già basta di suo a crearci preoccupazioni.
        Va bene informarsi, ma anche star lì a fare gli stoici a orecchie spalancate “martellandosi” metaforicamente i cosiddetti (perdona il “francesismo”)…
        W il telecomando, e lunga vita al tuo sito (tra qualche anno dovrai affittare un’intera sala server per l’hosting… :-D)!

  23. Accontentiamoci della solita brutta Inter senza gioco che però porta a casa l’ennesima vittoria in trasferta: di questi tempi non si può proprio chiedere di più.
    Sento dire che Snejider e Cassano non possono giocare insieme… Mi sa che è vero. Molto meglio che giochi Cassano al posto dell’irriconoscibile olandese, il cui infortunio toglie per qualche tempo i dubbi a un dubbioso allenatore: Cassano (ora come ora non c’è dubbio su chi ha fatto l’affare nello scambio con Pazzini!) segna un gol a partita, con lui davanti c’è movimento e anche un Milito caduto in pre-letargo (non cercare una sua alternativa è stato l’unico errore di mercato) può sperare di essere servito a dovere (chiedere a Ibra). Tutto questo Snejider non lo sta facendo…
    Io attendo impaziente anche il rientro di “muscoli-di-seta” Palacio, perchè la sua mancanza davanti si sente: purtroppo adesso si torna a S. Siro e mi stupirei se questa Inter battesse la Fiorentina, ma l’Inter non è mica l’Inter per niente. Secondo me, dopo aver fatto le quote per la Beneamata, ai bookmakers viene un gran mal di testa… 😀

  24. Inter inguardabile buono solo il risultato. Una considerazione:Sneider si fa sempre male quando si rende conto che le cose non girano. Sarà una coincidenza? Comunque paradossalmente questo renderà le cose più semplici a Strama che avrà una scelta da fare in meno. La difesa a tre aspettando Chivu come fosse il messia mi fa venire i brividi. Lo ripeterò fino alla nausea 442 con un bel centrocampo tosto e Milito e Palacio davanti.
    Max

  25. Stramaccioni si inventi un regista di centrocampo… uno a cui affidarsi e appoggiare tutte le palle che “scottano” quando passano tra i piedi di Ranocchia, Juan Jesus, Samuel, i terzini e, ultimamente, tra i piedi del Guaro…
    Per la penuria di giocatori in quel ruolo, aspettando il prossimo mercato, proverei perfino Snejider… ed anche le qualità di Alvarez, anche se – è vero – c’ha solo un piede ed è – forse – solo più dinamico del famoso Vampeta… di molto però! 😉
    Non sto vedendo mai un cambio di gioco… Nè Naga, nè Pereira… nessuno che ne faccia uno… qualche volta il solo Snejider nella trequarti laterale… Problema di piedi non eccelsi, troppa timidezza e “paura” nel semplice provarci o Strama non li reputa indispensabili negli allenamenti? Servirebbero eccome! Spesso ti aiutano a rifiatare e a far correre a vuoto gli avversari facendoli stancare un pochino…

  26. Palacio è veramente fondamentale x questa inter. cioè secondo me uno dei problemi da risolvere è la posizone di wes.. appena è uscito nel 2 tempo giocavamo meglio ma non perchè wes è scarso, anzi è l’unico top player rimasto in italia e l’unico campione dell’inter. ma bisogna trovargli la posizione giusta!! cambiasso da regista è il top…in quella posizione rende, da mezz’ala no!! il partner ideale di milito è palacio!!

  27. Hai detto tutto come sempre in maniera chiara e imparziale; solo un appunto riguardo all’affare pazzini cassano: ti ricordi i commenti degli intenditori dopo eto’o – ibra??? altro pesssssimo affare dell’inter e della sua incompetente dirigenza!!
    ciao e complimenti come sempre
    cristiano

    • I tromboni di regime una volta li ‘suonavo’, ora manco li ascolto più! Nei prossimi tempi li aspettano cazzi che manco Cicciolina..chiedo scusa per la parola tempi…
      GLR

  28. I miei complimenti G Luca per la solita onestà e obiettività nell’analizzare un’Inter indecente per 43′ e in vantaggio per puro caso alla faccia di chi guarda solo i dati numerici dei p.ti (che alla fine contano quelli purtroppo ma cè kodo e modo).
    Mi ripeto su Handanovic, FENOMENO e acquisto da applausi per il costo dell’operazione; questo ti regala 10 p.ti a campionato.
    Sullo schema a 3 nn mi convince più che altro il centrocampo dove nn abbiamo, ad eccezione di Cambiasso gente che si butta dentro alla Vidal o Marchisio mentre è vero che sugli esterni siamo messi meglio (no Obi e Maicon caro GaspeRdini).
    Per ora prendiamoci i p.ti e fiducia che per una squadra nuova è manna dal cielo; io credo che l’obiettivo reale e concreto sia il 3° posto, non vedo squdre superiori per questo traguardo mentre davanti vedo e ben lontane le due di testa…
    Avanti Inter

  29. tutto quello che arriva è guadagnato, a stramaccioni va dato atto che se le cose vanno male, si cambia strategia, e che si fotta il credo calcistico! Lasciam stare lo spettacolo, stramaccioni non ha ne eto’o, nè messi, nè falcao, nè lucas. vanno bene i tre punti, anche se il gioco è quello che è. Piuttosto ritengo per lo meno insolito un indicatore che si fa sempre più frequente: sneijder esce, e puntualmente l inter vince. Il perchè o il per come lo si capirà solo con il tempo.

  30. Claudioeffedeejay // 27 settembre 2012 a 13:17 // Rispondi

    Ciao GLR. Quando ieri sera ho visto Cassano in panca ho pensato:” che palle!! “. Sinceramente parlando, la squadra ultimamente è talmente lenta e abulica che l’unico elemento di conforto è vedermi qualche giocata di Fantantonio.
    E la partita col Chievo ha confermato i miei timori della vigilia corroborati da un gioco persino
    peggiore di quello sciorinato col Siena. Quando si è rotto Snaijder però un po’ le cose sono migliorate. E se il gioiellino olandese spesso si mette in luce per giocate rapide e tiri da fuori buoni per portieri e fotografi, l’attaccante di Bari vecchia si dimostra più efficace dell’efficente orange facendo quello che si deve fare in attacco: gol e assist.
    Un’altra piacevole sorpresa è stata J.Jesus. Ottimo a Torino, svista su Bianchi a parte, e buono col Siena fino alla dormita su Vergassola, ieri sera dei 3 di difesa mi è sembrato il meno peggio e comunque mi pare essere il difensore con i più ampi margini di miglioramento. Per essere uno che la stagione scorsa era parcheggiato all’area 51, devo dire che per velocità, fisicità e carattere attualmente lo preferisco a Ranocchia, giocatore che come ben sai non amo particolarmente.
    Mi tocca, per la prima volta dal 1995, sottolineare una gara insufficiente del capitano. Sarà capitato anche a Messi una volta nella vita ma fa veramente specie vedere el tractor in difficoltà.
    Lunga vita a Javier.

  31. Prestazione in linea con le partite precedenti, con episodi questa volta a favore che col Siena erano mancati.
    Rimango comunque abbastanza pessimista per la qualità del gioco espresso che purtroppo temo sia figlia della qualità (fisica e tecnica), non eccelsa, dei giocatori a dispsozione.
    Bel banco di prova domenica con una squadra che, lei si, fa del movimento e del possesso palla il proprio credo con interpreti più adatti dei nostri.
    Su Cassano non mi tiro indietro essendo tra quelli che lo hanno fin qui criticato: non mi interessa il confronto con Pazzini (che poteva essere ceduto anche solo per cash da dirigenti in gamba se non ne avessero dimezzato il prezzo mettendolo fuori rosa subito) ma come gioca lui. Ebbene ha segnato, ma per il campo trotterella e questo in una squadra che non abbonda di gente che si propone senza palla rischia di essere un peso (considerando che non ci sono molte alternative).

  32. Ciao Luca,
    se ti proponessi un software che escluda sistematicamente le mail che contengono le parole mourinho e samuel eto’ ?
    Sulla partita direi che è confortante il fatto che ci sia stato un work in progress all’interno della stessa partita…a mio parere potrebbe essere la strada giusta per gli uomini a disposizione, ovvio non era facile partire a tavoletta, la tensione si sente, non come a s.siro ma si sente e con soli 2 giorni di prove è anche plausibile.
    La fiorentina sarà un bel banco di prova.
    p.s.
    ahhhh come gioca cassanooooo

  33. L’Inter è tanto fortunata (cinica?) fuori casa quanto è sfortunata al Meazza. cmq quando è chiamata a fare gioco c’è il buio totale
    Saluti Flora

  34. Silvio da Torino // 27 settembre 2012 a 16:29 // Rispondi

    Primo tempo veramente inguardabile e poi, al primo tiro, improvvisamente un goal in millimetrico fuorigioco. Tra parentesi in un momento fantastico cioè poco prima dell’intervallo. Non che la ripresa sia stata da annali del calcio però almeno si è gestito un pò meglio il gioco, con più tranquiliità. Ci sono giocatori che crescono ed altri che inspiegabilmente non ne azzeccano più una che è una. L’ultimo Guarin è veramente da scendere in campo con un bastone (come diceva Brera), e corre come se avesse una lavatrice appesa alla gamba. Speriamo torni presto quello che è realmente. Non male l’dea di Sneijder alla Pirlo. Direi di lasciare lavorare tranquillamente Stramaccioni senza fare accostamenti a precedenti allenatori. Anche a me sembra poco grintoso in panca però la squadra è con lui e questo è quello che conta.
    La Fiorentina vista contro la Juve mi preoccupa un pò però una vittoria al Meazza dovrà arrivare prima o poi e magari è la volta buona. Non pensiamo ancora ai cugini.
    Arrivederci a tutti e sempre Forza Inter.

  35. Una “sconfitta” che …mi fa ben sperare (Fantantonio 3 – “mia incredulità” 0). Di tutto il resto…buoni solo i 9 punti. Però i lavori in corso del “cantiere Strama” vanno portati avanti…magnis itineribus: a passi lunghi, intelligenti e ben distesi…siamo o no l’INTER?

  36. Non c’e’ molta differenza tra l’inter perdente casalinga e quella vincente di trasferta, tranne gli espisodi: la fortuna di ieri e la sfortuna contro il siena fanno i risultati. Quando teniamo l’iniziativa e prendiamo troppa confidenza diventiamo pericolosi…per noi stessi !!
    Unico acquisto per ora digeribile è Handanovic, degno sostituto di Julio. Gli altri quantomeno rimandati e qualcuno già bocciato. Guarin mi ricorda Vampeta.

  37. Ma Milito, colpo da maestro a Torino a parte, sulle ginocchia lo vedo solo io?
    I moduli secondo me c’entrano poco, si è rischiato anche ieri a Verona, forse più che con il Siena, non vorrei si insistesse troppo con Milito più un trequartista come a Torino e Verona, partite in cui tutto è girato bene, ma francamente poco guardabili…

  38. A prescindere dalla partita storta che ci può stare, la cosa che fa rabbrividire è che non abbiamo per niente un’idea di gioco. Sembra tutto casuale e lento. Ma perchè le squadre italiane corrono la metà di quelle straniere? Spero di essere smentito a breve.
    Poi Milito non può assolutamente giocare là davanti da solo.

  39. La vittoria e l’infortunio di Sneijder (ormai per lui giocare per l’inter è solo un allenamento tra una partita della nazionale e l’altra) sono le uniche cose positive della partita col Chievo. Tutto il resto da rivedere e lavorarci su

  40. Diciamo pure che è stata una vittoria immeritata. Una partita vinta “rubacchiando” (anche se il termine è un po’ esagerato) mi avrebbe dato più soddisfazione in un derby o contro la “Giuve”, ma col Chievo (squadra che mi è sempre stata simpatica), onestamente, mi è quasi dispiaciuto…
    Ok comunque per i tre punti. Adesso vediamo se pure noi riusciremo a vincere una gara in casa (prima o poi dovrà pur succedere).
    Sul gol in leggero fuorigioco: non si dice sempre che nel dubbio bisogna lasciar correre? E allora una volta tanto è stata seguita la direttiva della FIFA, quindi poche storie!
    Saluti nerazzurri!
    Paolo – Novara

  41. Ciao Gian Luca.
    Rubo questo piccolo spazio per complimentarmi per il modo in cui svolgi il tuo lavoro.. La tua libertà senza “padroni di Idee” e per bellissima qualità di sapersi prendere in giro. Segno di una bella intelligenza per me. Ovviamente condivido con te la passione per il calcio e per L Inter. Io ci credo molto nel ” ragazzo ” che e’ in panchina. E’ giusto che Faccia degli esperimenti perché questa e’ una squadra che,pur avendo tanti vecchi campioni, e’ una neonata per certi versi. Anno Zero. Entusiasmo e pazienza. Ti seguo sempre con simpatia. Raffaele

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili