18C: Milan-Inter 0-1

L’Inter vince il derby numero 276 col gol-partita di Milito e si rilancia in classifica. Il Milan, grande favorito, è rimasto al palo dopo 12 partite utili consecutive.
I nerazzurri ai primi di novembre annaspavano al quart’ultimo posto in classifica, ma poi hanno scalato posizioni fino a stabilirsi al quinto posto. La Lazio era già stata avvicinata  settimana scorsa dopo la sconfitta rimediata a Siena, ora in un colpo solo l’Inter ha guadagnato terreno su tutti, minimizzando i distacchi: 3 punti dall’Udinese, 5 dal Milan, 6 dalla Juve in vetta. In tutto questo tra i meriti di Ranieri c’è quello di aver blindato la difesa: dai 16 gol subiti nelle prime 9 gare si è scesi ai 3 nelle ultime 9, con otto vittorie e una sola sconfitta. Numeri da scudetto? Vi stoppo subito: potrebbero diventarlo solo se si facesse un certo mercato, ma Moratti farà poco. Il finto interesse per Tevez è stato strategicamente utilissimo, visto che ha costretto il Milan a vivere una settimana da galera, proprio quella del derby influenzando la scialba partita dei rossoneri. Ora il caso Pato, con l’intervento a gamba tesa della famiglia Berlusconi sul duo Galliani-Allegri, è ufficialmente aperto e si trascinerà fino a giugno anche con l’eventuale arrivo in extremis di Tevez, che impiegherebbe comunque 40 giorni per tornare in condizione di incidere. E a giugno bisognerà obbligatoriamente racimolare le decine di milioni di euro per riscattare l’Apache, magari con la cessione di Pato, ma Berlusconi si è esposto troppo. E intanto radio-mercato comincia a trasmettere i primi deboli segnali di Ibra che a fine stagione vorrebbe rimettersi alla ricerca dell’ultimo ingaggio multimilionario. All’estero. Non ci credete? Riparliamone a fine campionato.
Torniamo al derby però perché Berlusconi ha obbligato Allegri a snaturare il Milan che aveva in testa e a partire con l’incedibile Pato che, oltre a non incidere, ha pure depotenziato Ibra, riducendolo a giocatore qualunque come negli appuntamenti di Champions che contano.
Emanuelson dietro le punte al posto di Seedorf e Boateng arretrato sono state le altre mirabolanti idee del tecnico di Livorno che mi hanno dato ancora più fiducia, mentre Ranieri è andato sul sicuro col suo 4-4-2 d’annata, senza la suggestione di partire con giocatori che non hanno i 90 minuti nelle gambe, Snejider e Forlan tanto per non fare nomi.
La missione-derby nerazzurra? Semplice: attaccare tutto ciò che si muoveva.
E in avvio l’Inter il gol l’aveva già trovato con un’incornata di Thiago Motta su punizione di Maicon, ma il famigerato guardalinee Copelli, già noto alle cronache di calciopoli, lo ha erroneamente segnalato all’arbitro Orsato in posizione di fuorigioco, quand’invece l’italo-brasiliano arrivava da dietro. Gol annullato e palla al Milan, a lungo, ma senza grandi rischi per l’Inter: Pato, nella concitazione, ha spedito un pallone in tribuna da centro area e poco dopo Alvarez, su cross al bacio di Nagatomo, ne ha sparato un altro in bocca ad Abbiati. Un attimo prima dell’intervallo la miglior occasione rossonera con una traversa colpita Van Bommel, ribadita da Boateng su Julio Cesar, lesto a deviare in angolo.
In avvio di ripresa il copione pareva lo stesso del primo tempo, col Milan a gigioneggiare e con l’Inter a ripartire, fino alla discesa, commovente e letale dopo nemmeno dieci minuti, di Javier Zanetti, il migliore in campo. L’apertura al centro di capitan passato, presente e futuro, con il liscio da oratorio di Abate, ha innescato Milito per il sinistro chirurgico che ha perforato Abbiati, regalando al popolo nerazzurro il derby e goduria senza fine.
Più forte della reazione del Milan si è confermata col passare dei minuti la grande organizzazione difensiva nerazzurra, anche quando Allegri si è giocato il tutto per tutto con Robinho al posto di Zambrotta e Ranieri ha riposto il fioretto di Alvarez per la sciabola di Chivu. E per un pizzico di egoismo il Principe, di scherzetto ad Abbiati, stava per farne un altro ma ha ignorato Pazzini, in solitudine a centro area. Poi via Nocerino per Seedorf da una parte e dall’altra via l’eroico Milito, al quarto gol in tre partite, per Sneijder. Nel finale persino El Shaarawy per Pato, la mossa della disperazione, con Pazzini avvicendato da Forlan. A mettere in cassaforte i tre punti ci ha pensato come al solito Julio Cesar, che si è esaltato prima su un bolide da distanza siderale di Seedorf e poi con una respinta di piede su tiro ravvicinato di Robinho. Alla fine ha vinto l’intelligenza tattica di Ranieri, ormai uomo derby per definizione, visto che prima di questo ne aveva vinti 8 dei 9 disputati in carriera tra Roma, Torino, Madrid e Valencia.
Al fischio finale è grande festa nerazzurra: alla vigilia non c’era un bookmaker che non favorisse il Milan, ma a saltellare sul campo di San Siro c’era solo l’Inter. Che goduria e che sorrisi, compreso quello di Sneijder, dopo questa goduriosissima punturina del Biscione al Diavolo, ben rappresentata della vignetta che l’utente Pippo, in barba ad ogni scaramanzia, mi aveva mandato già qualche giorno fa e che pubblico con un sentito ringraziamento.
Infine, un paio di curiosità.
La prima: ricordate i risultati dei tre derby giocati fino ad oggi dalla coppia Lucio-Samuel? Milan-Inter 0-4, Inter-Milan 2-0 e Milan-Inter 0-1. Con loro insieme, tre vittorie e nessun gol subito.
La seconda: non è la prima volta che Milito segna approfittando di uno svarione di Abate!

72 Commenti su 18C: Milan-Inter 0-1

  1. pensa che era pure il mio compleanno.
    per la cronaca l’Inter dovrebbe giocare sempre il 15-gennaio, guardate che ruolino di marcia

    1956 Inter -Triestina 0-0
    1961 Inter-Roma 3-1
    1967 Fiorentina-Inter 1-2
    1978 Inter-Genoa 2-0
    1984 Sampdoria-Inter 0-2
    1989 Napoli-Inter 0-0
    1995 Inter-Sampdoria 2-0
    2005 Reggina-Inter 0-0
    2006 Inter-Cagliari 3-2
    2011 Inter-Bologna 4-1
    2012 Milan- Inter 0-1

  2. Ranieri con la difesa ha compiuto un capolavoro. E con Milito due: da un anno e mezzo uno spettro, ora di nuovo implacabile come un tempo. Un “Milito 2.0”, potremmo definirlo in termini web… 😉
    Differenza col 2011? Un allenatore al posto di un motivatore. Analogie col 2010? Intanto proprio il gol di stasera: a porte invertite, è stata la fotocopia di quello del derby di gennaio (sempre gennaio…) 2010. E pure gli attori sono gli stessi: gol di Milito su svarione di Abate. Un caso? E la rimonta dell’Inter di Ranieri 2012 è come quella della Roma 2010. Cosa mi aspetto adesso? Tre punti anche con la Lazio, il mal di pancia di Ibrahimovic (direzione Madrid)
    Ciao, Roberto

  3. …diamo a Claudio Ranieri ciò che gli spetta, Grande Ranieri…e se la sorte gira, alla fine gli restituirà ciò che l’Inter gli ha tolto due stagioni fa…

  4. Mario da Colonia // 16 gennaio 2012 a 00:52 // Rispondi

    NOI ABBIAMO IL PRINCIPE E LORO IL ROSPO…….IN GOLA:
    un abbraccio a tutti.sono troppo contento.

  5. l’adrenalina non mi fa dormire
    bellissima vittoria!!!!!!

  6. seeeeeeeeeeeeeeeeee!!!goduriaaaaaaa!!

  7. Marco dal Canada // 16 gennaio 2012 a 01:30 // Rispondi

    Bravi ragazzi, una partita giocata con il cuore.
    Congratulations. Siete stati molto bravi a seguire i dettagli di Mr. Ranieri e avete vinto,
    malgrado un gol regolarrissimo annullato da un pessimo guardalinee.
    Keep it up
    Saluti dal Canada

  8. Che goduria, al gol ero a san siro in mezzo ai milanisti…sun diventà matt!!!! Poi ho rivisto a casa la partita ed ho notato che il gol di thiago era regolare. Si…non sarà stata una gran partita ma cmq non potevamo perdere il 4° derby contro allegri.

  9. meraviglioso. quadro odierno perfetto. e se a maggio…

  10. Roberto Scibetta // 16 gennaio 2012 a 06:21 // Rispondi

    Grandi Tutti! In primis Ranieri! Non possiamo pensare di viaggiare fino a fine stagione alla velocita’ delle ultime 9 partite ….
    Pero’ ….
    1) Checche’ se ne dica, vincere il derby vale molto piu’ dei tre punti
    2) Mettere i bastoni tra le ruote al Milan NON HA PREZZO
    3) Ora la zona Champions e’ veramente ad un passo, e questo era – e resta – il vero obiettivo stagionale.
    Tutto quello che viene di piu’ e’ “grasso che cola”.

  11. C’è ancora qualcuno che teme la serie B? Tevez NON CI SERVE, quei soldi spendiamoli meglio. Gianni.

  12. BELLO……… MITICA INTER!!!!!!!!!!!
    Vai gianluca

  13. mamma Viviana // 16 gennaio 2012 a 08:20 // Rispondi

    Ciao Gl, ”nessuno tocchi il Capitano ” il ragazzino più discolo della nidiata sempre sempre W INTER non c’è nulla da dire in più,bacioni baciona mamma Viviana

  14. Chi vince ha sempre ragione e, quindi, faccio i miei complimenti all’Inter non solo per la partita di ieri sera ma per il modo in cui si é ritrovata dopo un inizio veramente pessimo. D’altrode non poteva certo essere diventata una squadretta in tre mesi! Noi avevamo perso per due o tre stagioni i derby, poi ne abbiamo vinti 3 (importantissimi!) di fila: ci stava perderne uno e, quindi, poche chiacchiere e andiamo avanti . Credo che a inizio campionato saremmo stati lieti di arrivare a questo punto con 5 punti sui cugini per cui non rammarichiamoci troppo. Certo se Van Bommel segnava, tutto sarebbe probabilmente cambiato ma va onestamente detto che il gol di Thiago Motta era non solo regolare ma regolarissimo. Quindi, complimenti ai simpatici cuginastri e alla prossima! Ciao Gian ( sei contento eh?)

  15. Caro GL sono molto contenta del risultato di questo derby, grandioso Zanetti ( alla faccia di quelli che lo considerano un vecchietto da pensione ) ma anche Lucio, Samuel e sopratutto Milito tornato decisivo.

  16. La stupenda vittoria in stile trapattoniana, ci ha dato la conferma che la squadra è viva e vegeta. Ora il rischio fondato è quello che si continui a non cercare sostituti ai tripletisti … finchè morte non ci separi.
    Ora, tornando all’aspetto tecnico, Ranieri dovrà fare l’ultimo miracolo, cercando di spostare i 30 mentri in cui ha giocato benissimo la squadra ieri sera, più vicino alla porta avversaria e allora chissa….
    FORZA INTER.

  17. Felicissima, grande Ranieri, ha dato tranquillità alla squadra e sapeva che dando fiducia a Milito prima o poi l’avrebbe ripagato, bravo davvero. Siamo riusciti comunque a fare due gol al Milan anche se uno annullato. Con tutto il girone di ritorno, tutto può succedere. FORZA INTER. Spero anche che non arrivi Tevez per me porterebbe solo scompiglio allo spogliatoio. Sono sicura che Forlan farà un bellissimo girone di ritorno.

  18. Massimo Inter // 16 gennaio 2012 a 08:56 // Rispondi

    Il derby è stupendo perchè non conta la classifica, nè il tempo, nè l’anno…non conta niente:solo vincere! E ieri l’ Inter ha vinto meritatamente. Ranieri è stato bravissimo: li ha fatti sfogare inizialmente e ha fatto rendere conto subito a Ibra e Pato che ieri sera come difensori c’erano Lucio e Samuel con Cambiasso e Zanetti pronti a rientrare e a dare una mano. Stupendo Milito, ma vorrei sottolineare il monumentale Zanetti: il capitano è stato incredibile, meraviglioso: tra discese e fermate a Seedorf è stata una meraviglia vederlo…Bravissima Inter, ti amiamo!!!

  19. claudio milan // 16 gennaio 2012 a 09:47 // Rispondi

    IPer la seconda volta in pochi giorni mi trovo perfettamente d’accordo con l’analisi di Gian Luca. Ma proprio al 100%. Una domanda, perchè Allegri (fresco di contratto, e quindi con una bella dose di indipendenza in più) ha accettato di snaturare il milan? Altra domanda, perchè una squadra abbastanza esperta come il milan è caduta nella trappola di credere di riuscire a imporre il proprio gioco? Col 67% di possesso e 10 corner, non ha mai messo l’uomo davanti al portiere (per lo meno in modo pulito) l’inter col 33% l’ha fatto 4 volte segnando pure due gol. Meditare Allegri meditare…

  20. Massimiliano // 16 gennaio 2012 a 09:58 // Rispondi

    Felice per la vittoria nel derby ma come hai detto giustamente tu ora è necessario però un mercato vero già in queste settimane. Un centrocampista di valore , affidabile (non certo kucka riserva del genoa) un difensore centrale ed una seconda punta sono acquisti da fare ora. Soprattutto il centrocampista visto anche il problema di Stankovic al tendine. Ora la palla passa al presidente che dovrà assumersi tutte le responsabilità.

  21. I complimenti ai vincitori sono d’obbligo. Spero che il mio commento non venga visto come una semplice rosicata, però ad esser sincero non mi sembra che l’inter abbia fatto una bella partita o si sia dimostrata una squadra che come organico, mentalità e convinzione nei suoi mezzi possa ambire realisticamente al titolo.
    Guardando in casa mia non sono certamente soddisfatto, il Milan è stato sterile ed incapace di superare le barricate dell’inter, ma queste scene le ho già viste anche contro avversarie di minor valore. Di certo se contro le grandi (Napoli, Juve ed Inter) questo Milan non é riuscito a vincere, ci sono dei seri interrogativi da porre ad Allegri e agli alti papaveri rossoneri (ad esempio su quale reparto necessiti davvero dei rinforzi).
    Comunque nonostante il risultato e le distanze accorciate in classifica, non ho visto aumentare le reali chances dei nerazzurri per il titolo.

    • Ma infatti finora il Milan è stato superiore all’Inter e, senza un certo mercato, continuerà ad esserlo. D’altronde, fino all’altro ieri l’Inter teoricamente lottava per la salvezza, ora deve vincere il campionato? Difficile dopo aver ceduto Eto’o e non aver potuto mai contare davvero sull’unico top player rimasto, Sneijder.
      GLR

  22. Grazie Inter, grazie Inter, grazie Inter. Una partita perfetta, giocata con intelligenza e sagacia tattica vicina alla perfezione. L’Inter deve giocare così, unita, compatta nei reparti, manca solamente un sosia oppure un simil Eto’o che sappia ribaltare subito l’azione da difensiva in offensiva, un Carlitos Tevez non lo vedrei poi così male. Ma si sa sognare costa poco. Magari già con un Forlan oppure con uno Sneijder che abbia voglia di giocare per l’Inter si può fare lo stesso bella figura. Bene finalmente abbiamo vinto il derby, FORZA INTER!!!

  23. Grande Ranieri, alla faccia di chi dice che l’allenatore nel calcio non conta… e grazie ad Allegri per aver schierato Emanuelson trequartista!
    Ora però il tecnico deve fare il vero capolavoro: impostare il giusto turnover quando si ricomincerà a giocare ogni 3 giorni.
    Se i vari Ranocchia, Obi, Poli riusciranno a far rifiatare i senatori negli scontri con le squadre di bassa classifica, potremo continure la rincorsa, altrimenti finiremo ad Aprile con la lingua fuori come lo scorso anno.

  24. ed intanto Moratti fa sfoggio di messaggi subliminali ed indottrinamento. va ovviamente sul classico messaggio che dà quando non intende comprare un cazzo: ” abbiamo un clima fantastico, ulteriori acquisti potrebbero minare la serenità di questo spogliatoio “. Ognuno valuti con la sua testa

  25. Caro GLR, ovviamente vincere un derby è sempre motivo di grande e smmisurata goduriaaaa
    Vorrei essere pero’ lucido per valutare alcuni aspetti… Per prima cosa non sottovaluterei l’organizzazione difensiva e di tutte le posizioni in campo, davvero niente male il lavoro di Ranieri. Poi il nostro Capitano, si quell’eterno ragazzino che corre e si danna come un matto fissando ed inseguendo le “caviglie” di ogni avversario e sempre pronto alla “ripartenza”, ora si chiama cosi’ il tanto amato contropiede! Poi cosa dire del Principe? Gli saro’ sempre grato per il triplete e per tutte le soddisfazioni passate, ma pra posso aggiungere quelle presenti e perche’ non quelle future? Credo abbia ritrovato la sicurezza e fiducia nei suoi mezzi, che fino al dicembre scorso aveva perduto e senza la quale ieri sera avrebbe tirato contro il oprtiere o peggio ancora in curva… Infine ho visto bene anche Alvarez, al suo primo derby, nonostante l’occasione ottima e sprecata.
    Speriamo di aver tracciato una buona rotta da seguire nei prossimi mesi, sempre consapevoli di dover inserire nuove pedine per costruire anche un futuro alla nostra squadra!

  26. Paolo Assandri // 16 gennaio 2012 a 11:00 // Rispondi

    Difesa bassa, coperta, centrocampo a ridosso e contropiedi con mai più di 4 giocatori. In sostanza il caro vecchio catenaccio, che criticano solo i filosofi del pallone, salvo poi, se porta risultati (Mou, Capello, Lippi) essere pronti a magnificare. L’Inter può solo giocare così, se si vuole la difesa alta si comprino Pique e Vidic. In ogni caso è proprio questa grande difesa la chiave di lettura, mi facevano ridere quelli che ad inizio campionato parlavano di Bonucci e Barzagli e Chiellini come di fenomeni, solo per qualche partita discreta e dicevano che Samuel e Lucio erano bolliti: ieri il bollito gli è rimasto sullo stomaco. Se prende un forte attaccante, e un centrocampista si può vincere lo scudetto, se no si lotta con Juve, Udinese, Napoli e Roma per il terzo posto. Ciao!

  27. Grandi ragazzi e grande mister, se solo avessero esonerato il Gasp dopo Palermo…
    Ora però rendiamogli merito, compriamogli un paio di giocatori a sua scelta e via andare. Con un paio di acquisti mirati a centrocampo non dico che si vince lo scudetto, ma porca miseria li facciamo soffrire fino alla fine. E con questa nuova mentalità magari ci arriviamo davvero alle semifinali di Champions. Dai MM prendi sto centrocampista dinamico e magari una punta meglio di Zarate…

  28. Ciao Gian Luca, ieri sera grande prova tattica e con grande sacrificio da parte di tutti …
    A questo punto è bello poter sognare qualcosa di incredibile … Che non sia il semplice terzo posto … A patto che si puntelli la squadra sul mercato …

  29. Zanetti pallone d’oro!!!! Messi sarà bravo ma come il capitano nessuno mai!!! E’ mostruoso!!! L’azione del gol è incredibile: anticipa, prende palla, fa fuori due “fenomeni” milanisti che lo guardano sgomenti, non pago accellera, vede milito dall’altra parte del campo e lo serve…il resto è storia. Se ci fosse un po’ di giustizia, il massimo riconoscimento personale spetterebbe a lui. Oh ma… non glielo possiamo dare noi???

  30. Un solo Principe a Milano, l’altro ripassi quando avrà fatto due gol in Finale di Champions League.
    Battere questo Milan non è cosa da poco. Che bell’inizio settimana.
    Dimitri

  31. NINO da Lecco // 16 gennaio 2012 a 11:47 // Rispondi

    Per i ricercatori la resistenza è definita come la capacità psicofisica di resistere all’affaticamento, cioè la capacità di sostenere lunghi sforzi e la fatica, ma anche la capacità di eseguire ripetitivamente un attività sportiva in età, diciamo così, avanzata. Bene! Zanetti è un caso da studiare, da Guinness World Records, da menzionare sulle pubblicazioni mediche.
    Quella discesa con palla al piede, terminata col passaggio al Principe, è degna di un ventenne. Un esempio per certi giovani calciatori dinoccolati che caracollano per il campo con .
    Lunga vita al capitano!

  32. Io non sottovalutarei la spinta psicologica che può dare una vittoria così.
    L’anno scorso, a parte la vittoria alla Befana con il Napoli, non abbiamo fatto risultati memoriabili negli scontri diretti (abbiamo perso sia a Udine che a Torino).
    Questa vittoria darà una grande fiducia all’ambiente.
    Purtroppo, credo che Moratti prenda come scusa questi risultati per fare un mercato piccolo piccolo. Pazienza.
    Intanto godiamoci la vittoria.

  33. Ciao Gianluca, sono d’accordo con te sul fatto che per poter entrare a pieno titolo nella corsa allo scudetto sia necessario irrobustire la squadra inserendo quantomeno un centrocampista di spessore e magari pure un difensore e, come sottolinei tu, difficilmente Moratti porrà mano al portafogli per assecondare tali esigenze. A mio parere però pure il Milan dovrebbe ragionare in quest’ottica perchè, pur essendo complessivamente più forte di noi, gli manca qualcosa per meritarsi l’appellativo di favorita per lo scudetto, prova ne è che finora di scontri diretti non ne ha vinto uno, perdendo contro Juve, Napoli, Inter, e impattando in casa con Udinese e Lazio. In funzione di ciò ritengo la Juve la vera favorita, la squadra di Conte infatti oltre a essere imbattuta è più squadra e soprattutto la vedo più motivata. Ciao e FORZA INTER!!!

  34. PAZZESCO ! ero a Novara…e non avrei scommesso 1 euro su questa squadra!
    Il calcio è bello proprio x questo.

    • Io allora ero in Polinesia ma l’ho rivista e ti capisco. Ciò non toglie che il tifoso medio parla sempre troppo spesso e troppo spesso a vanvera. Succederà ancora, alla prossima sconfitta. Se resta così questa squadra è tra il terzo e il quinto posto. Io lo scrivo da agosto, a meno che Sneijder e Forlan, a meno che non ci siano più infortuni, a meno che le rivali storiche comincino ad imbarcare acqua e polemiche…troppi a meno che!
      GLR

  35. Se i derby li vinci quasi tutti, non sarà un caso, quindi complimenti a Ranieri per la vittoria di ieri, perchè il merito è in gran parte suo; non saprà parlare bene inglese (come diceva il nostro caro Mou) ma sta facendo miracoli, risollevando una squadra che le prendeva pure dal Novara. Ora avanti così, che la stagione comincia a farsi interessante, sperando almeno in un rinforzo, checchè tu ne dica.
    P.S. Ti credo che Ibrahimovic voglia andare via…

  36. caro GLR
    per me il Vero deus ex machina del derby non è Milito e nemmeno Ranieri…è Silvio!!! grazie al suo tempismo perfetto, del quale tutti portiamo i segni tra l’altro, il milan ha giocato in 10 (anzi 11 con Orsato) e adesso Pato lo si dovrà vedere spesso in campo… quindi la rimonta è possibile, non perchè lui sia scarso, per me è un campione, ma perchè non lo possono vedere!!!basta guardare la reazione del milan quando è uscito…lo vogliono tagliare fuori!!!
    ciao
    stefano

  37. Otto derby per Walter Samuel e otto vittorie per l Inter. Ieri coppia di centrali formidabile come due anni fa.. La riscossa parte da loro. Sono oggi i più forti con buona pace di Nesta e Silva. Troppo tifoso?…. Mi va bene! Ciao e W inter

  38. Ciao GLR, in questo momento di condivisibile giubilo per la vittoria gustosissima di ieri contro il “club più titolato (forse)” e “più fanfarone (sicuro)” al mondo vorrei spendere due parole di ringraziamento per Claudio Ranieri. Al mister testaccino dobbiamo tanto, con noi ha attraversato il deserto, ha fatto le nozze coi fichi secchi, ha rianimato giocatori alla frutta e ha dato un assetto credibile a una squadra con grosse lacune. Fa piacere vedere come ogni tanto il lavoro, la gavetta, la serietà paghino anche in Italia, pur senza avere nomi esotici. Lo stimavo già da avversario alla Roma e alla Juve, spesso ha subito trattamenti non proprio signorili e di certo nella sua carriera forse meritava più che gli irresistibili sfottò di Mourinho. Credo che ora Babbo Moratti gli debba quanto meno qualche rinforzo per non vanificare quanto di buono fatto finora, specialmente ora che a questo punto possiamo aspirare a qualcosina in più del salvare il salvabile. Un abbraccio!

  39. ahahahahahahahaha, povera barbara berlusconi ahahahahahahaha

  40. partita abbastanza stressante ma che ha confermato che siamo in squadra che se la sai mettere in campo poi sa anche portare a casa qualcosa. O quantomeno riesce a correre cosa che purtroppo all’inizio non riusciva, spero che il buon Moratti impari da questi errori prima di scegliere il prossimo allenatore.
    Finisco con ildire che non c’è MASTERCARD che tenga nel vedere certe facce ieri sera..:-)

  41. pasquale somenzi // 16 gennaio 2012 a 12:48 // Rispondi

    L’Inter chiude il girone d’andata avendo sempre segnato in trasferta (e come avevo
    segnalato nelle settimane precedenti e’ l’unica) e cio’ non le accadeva dal campionato
    1987/88.
    Siena, Genoa, Cesena, Milan: le ultime 4 trasferte di campionato tutte vinte per 1-0.
    Nemmeno l’Inter dei 58 punti di Trapattoni era riuscita a vincere 4 trasferte consecutive
    senza subire reti e nemmeno l’Inter di Mancini delle 17 vittorie consecutive.
    Trapattoni riusci’ a fare 4 trasferte senza subire gol (Pescara 0-2, Milan 0-1, Lecce 0-3
    e Napoli 0-0) ma ci scappo’ uno 0-0. Per esempio anche le prime 4 trasferte del
    campionato 1994/95 furono senza subire reti, ma 3 su 4 furono 0-0.
    A cavallo tra il campionato 1971/72 e 1972/73 e nell’arco del campionato 1970/71 l’Inter
    riusci’ anche ad arrivare a 5 trasferte consecutive senza subire reti, ma non 5 vittorie.
    Per trovare una sequenza come quella di Ranieri (4 vittorie a rete inviolata) bisogna
    risalire alle prime 5 trasferte del campionato 1966/67, ecco la sequenza:
    Foggia-Inter 0-4, Atalanta-Inter 0-5, Lecco-Inter 0-2, Torino-Inter 0-2, Milan-Inter 0-1.
    E mentre aspettiamo il posticipo dove con un gol del Napoli si potrebbe dire:”siamo a meta’ gennaio e l’Inter e’ gia’ l’unica squadra che non ha subito gol nel 2012″, mi viene
    in mente quando si diceva che l’Inter non vince contro le prime in classifica. Ma il Milan,
    chi ha battuto? Juventus no, Udinese no, Lazio no, Inter no, Napoli no….
    ciao. pasquale.

    • Federico Galli // 16 gennaio 2012 a 16:48 // Rispondi

      Pasquale, le tue statistiche sono qualcosa di sconvolgente e bello. A tratti sono perfino eccitanti!
      Non smettere mai di dissetarci con i tuoi racconti statistici!!! :-)

      • pasquale somenzi // 17 gennaio 2012 a 18:47 // Rispondi

        Ringrazio Federico per il commento e confermo quanto anticipato, ossia siamo solo a meta’ gennaio e l’Inter e’ gia’ l’unica squadra di serie A a non aver subito reti nel 2012

  42. Ciao Gian Luca..questo è il tipo di derby che avrebbe voluto vincere l’avvocato Prisco…godiamoci questo momento … il resto si vedrà…

  43. Ciao Gian Luca
    è stata una goduria impressionante! W i nostri vecchietti!!
    La vittoria è partita da una difesa di ferro, ben aiutata dai centrocampisti.
    E finalmente abbiamo rivisto Milito rinato!
    Sono quasi incredulo, specie se rileggo quello che ti ho scritto un mese e mezzo fa!
    Non saremo da scudetto, ma a questo punto dobbiamo mettere le freccia e superare Lazio e Udinese.
    Due parole sul Milan: la formazione che ha mandato in campo il suocero di Pato non aveva logica. Ibra e Boateng lontani dalla porta erano innocui, non si è capito Emanuelson trequartista. Su Pato si è creato un caso umano che, a mio parere, inciderà sulla stagione del Milan.
    Ma, in fondo, sono cavoli loro!
    W l’Inter. Franz

  44. Poco milan ieri sera: l’unico tiro pericoloso è stato quello di Tevez su assist di Fabregas. L’avesse passata a Ganso sarebbe stato sicuramente gol.

  45. Paolo Sabiu // 16 gennaio 2012 a 13:21 // Rispondi

    Ragazzi, che sofferenza: sono stato sulle spine per tutta la gara! Però… troppo bello! Tra l’altro, in questo campionato contro una ‘big’ non eravamo ancora riusciti a vincere; quale occasione migliore, quella di ieri sera, per sfatare questo tabù!
    Non mi sento di bocciare nessuno dei nostri per la prestazione: tutti hanno giocato con il cuore, compresi Alvarez (anche se il destro lo usa solo per salire sul tram) e il ‘Pazzo’, che ha fatto ciò che poteva, sacrificandosi spesso come difensore aggiunto. Ma là dietro sono stati tutti quanti strepitosi, sia i ‘nonnetti’ che il ‘samurai’. Perfino i nostri centrocampisti sembravano avere improvvisamente dieci anni di meno, per non parlare di Zanetti… credo che per la storia del film “Il curioso caso di Benjamin Button” si siano ispirati proprio a lui!
    Ora sento già parlare di tabelle-rimonta…calma e gesso! Come dici tu, a meno che il Presidente non impazzisca in questi giorni e decida di portare a casa due acquisti di qualità, non siamo attrezzati per il sogno tricolore. Non dimentichiamo, poi, che il calendario del girone di ritorno si presenta proibitivo, dal momento che tutti gli scontri diretti con le grandi li giocheremo in trasferta. Perciò, gustiamoci questa vittoria e ascoltiamo con piacere la dolce sinfonia da ‘rosicamento’ da parte dei simpatici ‘sboroni’ rossoneri!…
    Saluti nerazzurri!
    Paolo – Novara

  46. Con Samuel-Lucio coppia centrale: Milan-Inter 0-4/ Inter-Milan 2-0/Milan-Inter 0-1. Vinti 3 derby su 3 e nessun gol subito. Non credo proprio possa essere una casualità

  47. Andrea Daino // 16 gennaio 2012 a 14:51 // Rispondi

    Buongiorno,
    Non vorrei fare il guastafeste, ma lo spettacolo offerto da entrambe le squadre ieri sera e’ stato quantomeno mediocre. Da interista ovviamente godo come un pazzo, ma se penso che Inter e Milan sono due delle tre squadre più forti in Italia, non fa altro che confermare quanto vi sia stato un livellamento verso il basso del nostro campionato negli ultimi anni (era mourinhana esclusa). Vivo in Spagna da un anno e assistere ad un sempre più frequente clasico converrete che e’ tutt’altra cosa. Qualità velocità e tattica sono imparagonabili. E dire che dopo i due top team non vi sia più nessuno non e’ poi così più vero. Ho perso un po’ di vista la premier e mi sono avvicinato alla bundesliga ( i vicini sono tedeschi) e non credo di offendere nessuno se dico che ora in Europa come qualità e spettacolo siamo dietro a liga premier e bundesliga (nonostante la champions dica che l’Italia c’è ancora). Detto ciò sempre e solo forza Inter e onore al capitano, esempio di assoluta professionalità. Un saluto anche a te Gianluca che riesci ad essere uno dei pochissimi della tua professione degno di essere iscritto all’albo dei giornalisti.

  48. Goguria infinita!!!
    Ma la cosa che mi ha fatto più piacere è che mai, durante la partita, ho avuto la sensazione che il milan potesse segnare, anzi, (tu GLR sei libero di non credermi, ovviamente) ho sempre avuto la sensazione che avremmo portato a casa l’intera posta, cosa che è avvenuta puntualmente. Ora, sia quel che sia, per il momento godiamoci questi momenti di gioia.
    Saluti a tutti.
    Claudio

  49. Milito e Zanetti leggendari. Credo che nel calcio la riconoscenza non conti, ma per quanto mi riguarda, questi due sono i NOSTRI Corso e Facchetti. Grandissimi.

  50. E vai….dopo la prima champion’s in HD, il primo derby in 3D…..dovevamo retrocedere e invece siamo li e possiamo anche giocarcela, i conti si fanno a maggio e mancano ancora venti partite…….

  51. BELLA VITTORIA.
    GODIAMOCELA.
    PER COMPETERE PER IL TITOLO PERO’ SECONDO ME SERVIREBBERO 3-4 INNESTI DI QUALITA’.
    FORZA INTER!!

  52. ciao glr!
    julio, maicon e samuel sono i nostri veri fuoriclasse. devo dire che dietro siamo veramente tanta roba nella stessa misura purtroppo in cui davanti siamo prevedibili e lenti. tanto di cappello a milito per il cinismo (quello doveva fare e l’ha fatto, chapeau), ma per il resto non ci siamo (ancora). poi se servirà tevez o invece basteranno forlan e sneijder in forma questo si vedrà ma io resto fiducioso con questa difesa. ricordiamoci anche che thiago motta e cambiasso sono tra i centrocampisti più prolifici del campionato.

  53. Sono interista, ma invito tutti i fratelli di fede nerazzurra di non montarsi la testa per il successo di ieri sera. Infatti bisogna considerare che il milan ha dovuto lasciare in tribuna tre assi come Fabregas, Mister X (Hamsik) e Tevez. Con loro in campo ne avremmo presi almeno quattro e avremmo dovuto cominciare le celebrazioni del Milan Campione dell’Universo. Adesso aspettiamoci che l’Impeperatore del Mercato (il geometra) compia la mirabolante impresa di acquistare un altro Emanuelson, poi cominceremo a pensare allo scudetto del 2020! Grande GianLuca! Ciao, Giuseppe

  54. Partita perfetta al culmine di una settimana…PERFETTAAAAAAAAAA!!!!
    p.s.: Moratti la prego: NO A TEVEZ, SI’ A UN CENTROCAMPISTA TOSTO E GIOVANE
    Antonio

  55. Più che Pato, il punto dolente del Milan è Ibra: nel caso in cui uscisse ancora agli ottavi contro l’Arsenal, Raiola inizierà a guardarsi intorno perchè a Giugno lascerà definitivamente Milano per Madrid o Londra, gli manca solo la Champions e le uniche squadre che possono garantirgli un folle ingaggio sono Real e Chelsea oppure Manchester City ma dubito…oltretutto secondo me, o Ibra andrà via o Allegri non sarà più l’allenatore del Milan l’anno prossimo, sono pronto a scommettere che succederà una delle due ipotesi.

  56. godooooooooo…….

  57. Hanno vinto l’umiltà e l’orgoglio contro la forza fisica e la presunzione di essere il “prestigio vivente”.
    In fin dei conti, l’Inter si trova dove più o meno sarà a fine campionato, magari con qualche rinforzo giovane in più sarà davvero terza ma ciò che sento che sia più importante scrivere riguarda il Milan: penso che se nemmeno quest’anno i cugini riescono arrivare in fondo alla Champions (anzi, superare gli ottavi), un big partirà e sarà per il solito mal di pancia con cura firmata Mino Raiola. Vendere Ibra avrebbe senso, ti levi un super ingaggio e un grande peso in attacco, vendere Pato è pura follia.

  58. Dieeeeeeegoooooooooooooooo…………….. MI-LI-TO !!!!
    Fantastica Inter ! Grazie ragazzi, una serata da sogno.
    Bravi Ragazzi, Bravo Ranieri, Bravi tutti.
    Ora speriamo che anche Branca e Moratti facciano la loro impresa, ma non TEVEZ se per farlo dobbiamo rinunciare a tanti altri adesso e la prossima estate.
    Meglio allora continuare il rinnovamento con passi più misurati.
    Centrocampisti cercasi……

  59. Secondo me la mossa decisiva è stata quella di avere azzeccato la marcatura di Tevez che – in effetti – non ha toccato palla.
    Sottolineo anche lo sconvolgente dato del possesso palla: 66% contro 34%.
    E’ sempre più crisi Inter.
    Henryk, Roma

  60. ciao Gianluca, credo che questa prestazione superba, dove la nostra amata Inter ha dimostrato carattere, voglia di vincere, personalità e chissà quante altre qualità, possa essere (almeno spero) un degno sprone alla società per investire un po’ di liquidi. E’ questo il momento: battere non solo il milan ma anche il ferro finchè è caldo. Una operazione di mercato importante sarebbe un segnale di fiducia estrema (visto il periodo magrissimo) verso i nostri ragazzi. Non dico un premio perché sarebbe assurdo pretenderlo ma un attestato di stima e un aiuto. Generoso, generosissimo e che inietterà nuove energie.
    Adesso finalmente, la palla è nelle mani del nostro Presidentissimo.
    E se penso ai soldi che avrebbe potuto risparmiare evitando ingaggi e acquisti di giocatorini degni della nostra serie B o con un carattere da bimbo viziato, mi mangio ancor più le mani .
    Godiamoci intanto questa bella settimana che grazie al derby sarà molto meno fredda…

  61. Grande RANIERI!
    Sarà che ho un debole per gli allenatori silurati ingiustamente dalla juve (i meno giovani ricorderanno un certo Zoff) ma siccome ultimamente i primi tre mesi del campionato l’inter li regala almeno con sir Claudio from Chelsea il derby l’abbiamo vinto e aggiungerei anche meritatamente…non c’era altro risultato che il 2 fisso sotto qualsivoglia chiave di lettura ad eccezione del possesso palla! L’anno scorso l’avremmo perso di brutto e questo mi consola per il proseguio del campionato. Detto questo non sono il primo fan di Carlitos ma un top player una squadra che vuole lottare x un trofeo lo deve avere in squadra e considerata forma ed età di Milito e Forlan sarebbe comunque un innesto di prospettiva da affiancare ad un mestierante come il Pazzo.

  62. Questa è una squadra che se mantiene certi equilibri fa la fase di non possesso come poche al mondo, anche grazie alle correzioni dell’ottimo Ranieri. Domenica sera ha telecomandato la squadra per tutta la partita concedendo il nulla al MMMMilan.
    I problemi arrivano quando la palla ce l’abbiamo noi. Le fonti di gioco in passato erano Maicon, Snejider ed Eto’o. Il camerunese non c’è più, il brasiliano lo si vede a tratti e l’asso olandese è sempre infortunato. Se aggiungiamo l’infortunio di Stankovic mi sembra chiaro in quale zona del campo occorra intervenire in questa sessione di mercato non dimenticando che urgerebbe anche una seconda punta di ruolo.

  63. Se si pensa che sarebbe bastato pareggiare le sei partite che abbiamo perso nello sciagurato inizio di stagione per essere in testa, c’è da mangiarsi le mani! Le cause le abbiamo già analizzate: giocatori spompati dopo la Coppa America, allenatore e modulo sbagliati all’inizio, ecc. Sarebbe bastato avere Ranieri dall’inizio per essere probabilmente insieme a Juve e Milan. Vabbeh: godiamoci questa bella vittoria sulla squadra più titolata (e più presuntuosa) del mondo, godiamoci Ibra sempre più indisposto verso il genero di COLUI e i malumori che cominciano a serpeggiare in casa rossonera. E ora caro presidente: solo un paio di buone pedine per completare il puzzle e sognare qualcosa di meglio del terzo posto (che già sarebbe roba da leccarsi i gomiti pensando a due mesi fa), please!!! Infine: Zanetti uber alles!!!

  64. Silvio da Torino // 17 gennaio 2012 a 21:27 // Rispondi

    Non so se basterà questa splendida vittoria per vincere lo scudetto, ma la goduria di averli affossati nella stracittadina è immensa. Un tarlo in mente glielo abbiamo messo e anche le altre squadre adesso incominceranno a preoccuparsi un pochino.
    Per di più siamo riusciti a far passare loro una settimana dove sono riusciti a concentrarsi poco sulla partita ed in campo si è visto. A tratti ho rivisto la difesa del triplete 2010 e Pato ed Ibra hanno capito che aver a che fare con Lucio e Samuel non è mai uno scherzo. Bravi tutti, dal magazziniere al Presidentissimo che adesso è senz’altro di fronte ad un dilemma. Tevez o no ? Io sarei per il no e per l’acquisizione di un paio di centrocampisti giovani e di un centrale difensivo da inserire gradualmente per far rifiatare a turno i nostri due centraloni. Piccola polemica alla fine. Dove sono tutti quelli che volevano vendere Milito già a gennaio?
    A presto a tutti e sempre Forza Inter.

  65. Grande vittoria ai danni di una squadra di sbruffoni coi loro tifosi convinti che tutti i giocatori del mondo non vedano l’ora di venire al milan gratis .
    grande moratti con tevez (ha messo in difficoltà il milan ma non lo prenderà mai a quelle cifre ) e grande ranieri, un allenatore vero dopo benitez, leonardo e l’impresentabile gasperini.
    Siete sicuri che il massimo x questa squadra sia il terzo posto? io no.
    solo il milan ci è superiore come organico. quindi tuttto può succedere. sarebbe il caso di cominciare i campionati in un altro modo. sta diventando una brutta abitudine il disastro iniziale.

    • claudio milan // 18 gennaio 2012 a 09:48 // Rispondi

      Questo post vale un po’ per tutti. Ma quali tifosi conoscete? Quanti ne conoscete di milanisti che pensano che ci sia la fila per venire a giocare da noi in prestito e con riduzione di ingaggio? Io nessuno.

  66. Giorgio Pivari // 18 gennaio 2012 a 12:33 // Rispondi

    Grande Gianluca!! Ho visto solo ora un breve video del Derby a Qsvs… dove hai esposto e indossato la mia maglietta elettronica dell’Inter… sei stato di parola e hai fatto una bellissima cosa. Ti ringrazio di cuore.

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili