Milanisti esclusi dal derby d’Italia-87

Οι διάλογοι ovvero Racconti da tifosi da Bar – venerdi 10  febbraio 2011

Antivigilia del derby d’Italia al Bar Sport, ma la storica definizione del big-match tra Inter e Juventus non è mai piaciuta ai milanisti che si sono sempre sentiti esclusi. Non a caso,  il pensiero del tassista Gianni è emblematico: “Inter-Juve come derby d’Italia se l’è inventato il Gianni Brera – pontifica – ma anche il più grande dei giornalisti può prendere la cantonata di dimenticarsi del grande Milan!” Anche l’ortolano Gaetano storce il naso: “All’epoca non c’era Berlusconi – polemizza – e il potere ce l’avevano tutto Agnelli e Moratti” mentre il postino Donato preferisce concentrarsi sul suo Milan, che domani a San Siro riceve il Parma: “Pensiamo a vincere – invita – altro che derby d’Italia!”

“Da quando anche la Juve è finita in B – interviene il concessionario interista Walter – il derby Italia è solo Inter contro Inter primavera!”
S’innervosiscono naturalmente gli juventini, a cominciare dal carrozziere Ignazio: “Interisti, io darei un braccio per suonarvele – tuona – per noi è la partita della vita e sarà una notte da grande Juve!”

Lo studente fuori–corso e compare di tifo Boris ha però la pessima idea di rammentare che a Torino l’Inter non batte la Juve da addirittura sei anni, ma il parrucchiere Tonino, scaramantico oltre ogni logica, lo fulmina con lo sguardo: “Tu devi starti muto – lo fulmina – e se perdiamo, lunedì ti prendo a calci!” Il pensionato interista Artemio la scaramanzia invece se la beve con suo terzo Aperol consecutivo: “Alla Juve tre belle pere non gliele toglie nessuno – minaccia – coll’Inter non avete vinto nemmeno quando c’era quel rimba del Benitez!”
Chiude come sempre l’anzianissimo pensionato Ambrogio, memoria storica del bar e interista moderato: “Inter-Juve ha fatto la storia del calcio, ma una volta c’erano Sivori e Nyers, campioni veri – ricorda con commozione – mica i satanassi di oggi! Ma voi, come al solito, di pallone non sapete mai niente! (87-continua, purtroppo…)

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili