Forlan, niente Champions per una gaffe

Per una gaffe tutta dell’Inter, per non scrivere di peggio, il neoacquisto Diego Forlan non potrà partecipare alla prima fase di Champions League avendo disputato, con la maglia dell’Atletico Madrid, il terzo turno di qualificazione all’Europa League contro i norvegesi del Stromsgodset il 28 luglio e il 4 agosto scorsi. Il fatto che Forlan non abbia poi giocato l’Atletico nel quarto turno eliminatorio il 18 e il 25 agosto contro i portoghesi del Vitoria Guimaraes non conta nulla, perché solo se gli spagnoli fossero stati eliminati, l’uruguaiano avrebbe potuto giocare con l’Inter. Prima ancora di discutere la regola, criticabile finché si vuole, viene da chiedersi cosa ci stia a fare in società chi poi ha consentito all’Inter si spedire la lista Champions all’Uefa con dentro Forlan.
Prima ancora di criticarle, le regole, anche le più stupide, vanno conosciute, soprattutto nel calcio che conta. Nell’atletica è straordinariamente cretina l’innovazione regolamentare che dal 1° gennaio 2010 squalifica l’atleta alla prima falsa partenza e c’è appena cascato nientepopodimeno che il giacamicano Usain Bolt, primatista mondiale dei 100 e 200 metri, ma è una regola! Punto e a capo.
Personalmente ritengo fondamentale la conoscenza e il rispetto delle regole, come degli Albi d’Oro e di tutto quel che il calcio ha scritto e codificato, anche in questioni ben più importanti di questa, dalla politica alla giustizia sportiva. Ogni regola, finché non viene cambiata, ha forza di legge e se ne impone agli addetti ai lavori la piena conoscenza. In casa Inter, di questo errore grossolano nessuno renderà conto. E’ tipico delle società dove i ruoli sono così affollati e sovrapposti da parcellizzare le singole responsabilità fino a farle scomparire, come per magia. E non caso Diego Forlan è soprannominato El Cacha per la somiglianza con la strega Cachavacha dei cartoni sudamericani. Inserirlo nella lista emendata dall’Uefa e non più rivedibile rimane comunque da dilettanti allo sbaraglio. Capisco che, in fin dei conti, per il girone qualificatorio possono, anzi devono, bastare Milito, Pazzini e Zarate, oltre a Sneijder e Coutinho. Capisco pure che Forlan potrà giocoforza dedicarsi solo al campionato con un maggior turn-over tra gli attaccanti, ma resta l’ignoranza di chi in società doveva occuparsi della questione regolamentare.
Maddài – dirà qualcuno – una svista può anche capitare e in misura assai minore è appena capitata dal proprio al Milan che aveva convocato Taiwo per la Supercoppa Italiana, ignorando una precedente squalifica rimediata in Francia. E’ una visione buonista che non condivido per niente e, in attesa della squadra, chi di dovere si dia una svegliata in società!

41 Commenti su Forlan, niente Champions per una gaffe

  1. Una grande, bella, illuminante ed esemplificativa figura di merda fatta da una Società che da sempre mostra i suoi limiti in queste cose.
    Mi ricorda tanto un Paese…gestito al medesimo modo. No…dai…però…vabbè quasi allo stesso modo.
    Cris

  2. “E’ tipico delle società dove i ruoli sono così affollati e sovrapposti da parcellizzare le singole responsabilità fino a farle scomparire, come per magia.”
    Condivido in pieno ma particolarmente su questo. Mi sembra che sia cosi non solo all’inter ma in tante aziende italiane. La società italiana in generale e’ arcaica e si vede da errori cosi stupidi come questi. Non e’ l’inter il problema, ma tutta la cultura italiana.

  3. E’ una cosa all’italiana, non mi meraviglio più di tanto. Chissà quante ne succedono senza che se ne sappia nulla.

  4. Mi chiedo perche’, oltre a sfoltire la rosa, non si pensi anche a sfoltire l’organigramma dirigenziale in societa’.
    Purtroppo non si puo’ certo dire che diamo l’immagine di una societa’ seria e preparata. Guardiamo anche il caso della scelta dell’allenatore. Ci son volute due settimane per sceglierlo, facendo comunque sempre circolare voci sulle trattative in corso.
    Sono molto perplesso…
    Dario

  5. Sono perfettamente d’accordo con te. La questione non è grave, trattandosi di pallone e non di un boeing 747 che sbaglia manovra per distrazione. Ma è grave la superficialità in sé, a qualsiasi livello e in qualsiasi lavoro. In più mi permetto di osservare che se saputa, la cosa avrebbe potuto entrare in fase di trattativa a nostro favore. gio.

  6. eh signori miei, questa è la società inter. Incompetenza e raccomandazione al potere! Lotte di potere all’interno che hanno fatto fuori gente come Mancini e Oriali. Però geni come Branca e Paolillo sono sempre la, a far cosa non è dato sapersi!

    • E’ pazzesco: certi post che andrebbero cestinati senza neppure essere letti, malgrado ci sia poi qualcuno che si lamenta, hanno il potere di mancare regolarmente il bersaglio! Questo è il tipico esempio di post completamente inutile sulla questione. Complimentoni. Lo lascio proprio per questo!
      Al di là di quel che uno può pensare dei dirigenti, occuparsi di certe cose non è compito nè di Paolillo, nè tantomeno di Branca, come non lo sarebbe stato di Mancini e di Oirali, che si occupavano di regolamenti ancor meno dei primi due! Non tocca a certe figure occuparsi di questioni regolamentari. Paolillo ha il suo daffare per il bilancio, Branca sul mercato e con i pochi soldi che c’erano quest’anno non mi pare che sulla carta se la sia poi cavata così male, ferma restando la perdita di Eto’o che non è certo dipesa da lui.
      GLR

    • pasquale somenzi // 4 settembre 2011 a 16:21 // Rispondi

      Secondo me chi critica dovrebbe almeno avere il buon senso di non fare errori di ortografia: ne vedo 3, media di uno per riga: complimenti!

      • Non me ne parlare: l’italiano su internet è assolutamente un’opinione. Qui alcuni non lo sanno e non lo dico per educazione, ma li cestino proprio per questo. Altri quando li vedo li correggo personalmente. Un conto è l’errore di stampa, che scrivendo di corsa ci sta, altra cosa sono quelli di ortografia, sintassi e grammatica, ma che ci vuoi fare?
        GLR

  7. Questo e’ semplicemente il frutto di tutto cio’ che stiamo seminando negli ultimi due anni, societa’, dirigenza e organigramma al completo sbaraglio, inconcepibile fare una programmazione di acquisti mirata sul risparmio e sulla qualita’ e poi mi fai un errore del genere.
    Catastrofici. Per fortuna non mi rimane che amare “SOLO L’INTER”

    • Ragazzi, però adesso non esageriamo. E’ stata una grossa cazzata. Punto e stop. Di qui a farne una tragedia. Possibile che ci sia sempre qualcuno che deve esagerare in un senso o nell’altro?
      Poi ci si lamenta se pubblico un post su cento…
      GLR

  8. Massimo Inter // 4 settembre 2011 a 10:56 // Rispondi

    Beh io non la vedo così tragica:abbiamo un girone non infernale e l’Inter ,senza Forlan, ha il dovere di fare almeno 9 punti su 18 per passare e credo che ci riuscirà anche senza di lui.Più che altro questa gaffe mi fa sorridere: com’è possibile che quando l’Inter ha scelto Forlan, non si sia chiesta o abbia verificato se poteva giocare in CL?E poi mi immagino (simpaticamente)le tre parti (Inter,Atletico M. e giocatore,o agente)sedute al tavolo a trattare la cessione e nessuno dei tre tiri fuori questo ‘piccolo’ particolare.
    Senza contare che l’inter è rimasta senza saperlo per giorni e giorni e l’ha saputo dall’Uefa che ,probabilmente, quando ha letto il nome Forlan nella lista champion ricevuta, ha alzato il telefono e ha detto all’ Inter di non far la furba perchè l’Uefa…controlla! :-)
    A parte le battute, chissà quante puttanate fanno come tante aziende e non lo sappiamo(ci mancherebbe), ma su certe cose che hanno un eco ‘pubblico’ frastornante dovrebbero fare molta attenzione sempre.Certo è abbastanza grossa (e rara ) come cazzata ma come diceva qualcuno che conoscevo:”occhio a certe cadute, guys!”

  9. egregio,
    sono totalmente d’accordo ,grossa cazzata e figuraccia.
    faccio però notare due cose.
    primo:non se n’è accorto nessuno delle centinaia di giornalisti che ogni giorno si occupano di calcio.
    Questo certamente non depone a favore della categoria che, forse ,dovrebbe occuparsi meno di tifo e più di notizie ed essere più professionale.
    secondo: averlo saputo non sarebbe cambiato nulla.Forlan arrivava lo stesso,a quel prezzo è un affarone,e in C.L dobbiamo assolutamente passare il truno come primi senza di lui,ci mancherebbe altro.
    saluti interisti

  10. Questo errore fa saltare la pentola dell’insoddisfazione di tanti tifosi per il mercato, giungendo magari a espressioni ingiuste ed esagerate verso la società.
    Riesce, però, difficile tifare per il FPF e così i bersagli diventano irrazionalmente Paolillo e Branca.
    La questione da risolvere, lo ha detto anche Branca, per una società al top in Europa come l’Inter, come per le altre “grandi” italiane, credo sia quella dell’enorme differenza nella voce “entrate” rispetto ai grandi club spagnoli e inglesi. Gli ostacoli, secondo te, vengono solo dalle diverse legislazioni nazionali oppure i singoli club possono fare qualcosa di più nel programmare il proprio futuro? Il calcio italiano non credo abbia grandi possibilità di restare competitivo seguendo la medesima strada della nostra politica nazionale riguardo al bilancio dello Stato: molti tagli e pochi investimenti.

  11. Mah…e se fosse un colpo di c..o!!magari costretti a giocare con snejider dietro a pazzini (milito) e zarate scopriamo che è il modulo giusto. anche le scoperte scientifiche molto spesso sono nate da errori o perchè si cercava altro…!!!

  12. Sono d’accordo con GLR, una svista può capitare. Certo, meglio se non capita. Comunque se ogni tanto i giocatori li prendessimo a luglio invece che al 31 di agosto forse ci sarebbero meno probabilità di certi accadimenti, no? In ogni caso, non è una tragedia.

  13. Sono stupito che Moratti non abbia in qualche modo effettuato una dichiarazione pubblica che in qualche modo (in qualunque modo) potesse controbilanciare l’enorme “cazzata” (parola di GLR) compiuta dalla F.C. INTERNAZIONALE…
    Ma ciò che mi fa più arrabbiare è l’ennesima occasione persa per dare una contro-risposta “mediatica”. Lì la mia Inter continua a mancare, come se nessuno, all’interno della società, si rendesse minimamente conto di quanto conti dotarsi di una dimensione mediatica che è assolutamente , ahimè, necessaria. Ma ci pensate quanto la seconda squadra di Milano fa uso della comunicazione (del resto il Bilan è un settore del mondo Mediaset…)? Il mister X dove lo mettiamo?
    I have a dream: che possa un giorno leggere nell’organigramma dell’Inter, alla voce Direttore Ufficio Stampa quello del Dott. Rossi Gian Luca.
    Antonio Castelli

    • Non lo farei nemmeno se mi dessero 10.000 euro al mese. La libertà di poter dire o scrivere quel che mi pare non ha prezzo. A meno che non mi propongono offerte all’Eto’o, ma tranquillo non c’è pericolo. I miei rapporti con tutte le società sono sempre stati chiari: io non chiedo niente e niente mi aspetto se non un cordiale, si fa per dire, rapporto di collaborazione nei diversi ambiti
      GLR

      • Non sempre condivido quello che scrivi ed ogni tanto mi incavolo per qualche mia mail non pubblicata sul sito, ma ti riconosco un’onesta intellettuale molto marcata. Non mi sono mai piaciuti gli organi ufficiali ed è per questo che non ho mai comprato Inter Football club e non mi sono mai abbonato ad Inter Channel pur avendo Tele +/ Sky fin da quando ero bambino (grazie ai miei genitori). Lavorare nell’ufficio stampa e nella comunicazione di una grande società sportiva non ha un grande valore in termini di informazione imparziale ai tifosi, ma lo ha in termini di difesa del prestigio della società dalle varie campagne di stampa…..
        Purtroppo è proprio nella difesa della società a livello mediatico che l’Inter è deficitaria e lo è da parecchi anni.

        • Ci manca solo che si debba condivivere sempre e comunque ciò che scrivo. Non entro nel discorso Inter-media perché mi annoia da troppo tempo. Se hai la squadra più forte vinci per anni di fila, come ha dimostrato l’Inter anche senza giornali e Tv. Sono invece contento che tu mi riconosca una certa onestà intellettuale (che paroloni…) perché in effetti a me non frega niente di accattivarmi simpatie ad ogni costo: per questo non rispondo mai fintamente con le tipiche frasi ‘grazie per aver scritto’ e non mi faccio problemi a dare anche qualche risposta scorbutica se non condivido quello che leggo, ma cerco comunque di rispondere a tutti coloro che lo meritano. Altri li cestino e se non scrivono più è anche meglio, visto che leggere 3-400 mail al giorno, spesso quasi tutte uguali o ripetitive è una faticaccia. Chi mi ‘sceglie’ deve sapere che non troverà mai la posizione della società Inter o di chissà quale categoria o partito: legge o ascolta semplicemente quello che penso io e che vale per me. Chi mi conosce davvero, sa che sono un tipo piuttosto ironico e che non si prende mai troppo sul serio. E quelli con cui vado d’accordo sono quelli che il calcio lo vivono come uno dei molteplici interessi della propria vita, non come la ragione della propria esistenza. Il calcio non rientra neppure nelle prime dieci cose della mia vita, forse perché per me è un mestiere prima di altro. E con i miei amici veri non si è mai parlato di calcio manco una sera, perché, pur occupandomi di calcio da 25 anni, non ho mai pensato di occuparmi di cose serie.
          GLR

      • ragazzi le partite, gli scudetti , le coppe si vincono sul campo basta con sto discorso dei media e di questo errore burocratico della società inter, ok non è una bella cosa non avere forlan per i gironi di champions ma alla fine salta 6 partite contro squadre abbordabilissime (poi nel calcio non si sa mai) adesso basta e tifiamo inter…

  14. Ciao GLR,
    stavolta nemmeno un giornalista si era accorto di questa enorme gaffe! Pensa che scoop!

    • Per forza: il 90% della mia categoria non ha mai letto manco il regolamento del proprio condominio. E nemmeno il 5% della mia categoria parli o legga l’inglese
      GLR

  15. Visto che non c’entrano Branca, Paolillo, Gasperini, si potrebbe sapere chi nell’Inter dovrebbe avere la responsabilità di queste verifiche? Oppure è come la cancellazione del riscatto degli anni di laurea, norma che a quanto pare si è scritta da sola, visto che nessuno se ne è dichiarato responsabile?
    E.

    • Chi si occupa quotidianamente dei rapporti con l’Uefa: c’è un apposito ufficio in ogni club. Se ti dico Rossi, Bianchi o Brambilla o tutti e tre cambierebbe qualcosa? Secondo te in un’azienda queste cose le fa il direttore generale? Un conto è il cosiddetto G15 con le riunioni dei club europei sui massimi sistemi, altro conto è la quotidianità dei rapporti su questo genere di cose.
      GLR

  16. Sinceramente nn me l’aspettavo di questa gaffe, ma penso ke anche se l’avessero saputo prima avrebbero preso ugualmente forlan.. io nn faccio 1 tragedia sarà + riposato e si butterà sul campionato anche xkè un attacco con stankovic zarate milito sneijder nn lo vedo male .. il girone è abbordabile e anche senza forlan si deve arrivare primi dato ke il csk mosca ha xso anche honda x infortunio.. la elusione arriva x 1 questione di principio con branca che sul mercato se l’è cavata bn ma che il giorno della presentazione di zarate disse : noi di mediatico abbiamo poko siamo + concreti..fortuna!! alcuni pensano ke in realtà moratti e branca gia lo sapevano di forlan e hanno provato a metterlo komunque in lista…e a questa cosa ho pensato anche io!

    • Alcuni chi? Ah, ho capito, i soliti mitomani. Quelli che ‘tranquilli che tra un anno arrivano Guardiola e Mourinho insieme perché mio zio cinque mesi fa è stato in Spagna e ha conosciuto il cugino del Re Juan Carlos!” Quindi l’Inter avrebbe fatto apposta! Ma prima di mettere in giro certe idiozie perché non farsi una semplice domanda? Cui prodest? (a chi giova?)
      GLR

  17. Si ma con questa storia sembra che è arrivata la fine del mondo, tutti ad attaccare l’inter come al solito, se magari era un altra squadra (e non faccio nomi) non avrebbero scatenato un terremoto come hanno fatto adesso. A maggior ragione Forlan salterà soltanto il girone non proprio di grandissime squadre, e non penso che gli altri attaccanti che ha l’inter non siano in grado di superare il girone. E’ vero è stato un errore inserirlo in lista però non facciamone un dramma.

  18. Ricordate la gaffe del Bologna sulla comproprietà di Viviano? Per un errore di scrittura, il portiere venne quasi regalato all’Inter.
    Adesso, con una svista molto simile, l’Inter regala a Forlan 3 mesi di vacanza indesiderata!
    Un fatto inaccettabile, concordo.
    Solo una domanda: Forlan era a conoscenza del regolamento? Perché sarà pur vero che la dirigenza interista si è addormentata nella fase di iscrizione alla Champion, ma è altrettanto vero che lo stesso Forlan avrebbe potuto e dovuto stoppare i suoi nuovi dirigenti. E’ quindi probabile che neanche il giocatore sapesse la regola…
    Si parla di un Moratti imbufalito, mi auguro che salti qualche poltrona (come a Bologna): questo è un danno di immagine ed anche un danno economico perché strapaghi un giocatore per un utilizzo parziale.

  19. non m’intendo di regolamenti FIFA e UEFA, non ho competenze in campo finanziario, né esperienza nel settore compravendite. Tra l’altro, ne so poco o nulla di calcio…
    Presidente Moratti, mi assumerebbe? Sarei comunque un ottimo ‘scaldapoltrone’… tanto uno in più o uno in meno nella Sua Società che differenza fa?!… 😉
    Paolo

  20. Enzo Persueder // 5 settembre 2011 a 07:56 // Rispondi

    Ciao GLR, il tuo post mi sembra che spieghi bene la situazione, mi spiace che si debba fare figure barbine…però sinceramente sono cavoli di Moratti se riempe la società di persone inutili che non sanno nemmeno fare il loro lavoro.
    Saluti
    Enzo

  21. …l’errore è stato evidente…ma il danno sostanziale (?) consiste nel NON aver inserito Castaignos in lista… non facciamo la cosa più grossa di quella che è… Lou

  22. Andato via il Vate di Setubal abbiamo perso il ns. miglior dirigente.
    Comunque sia FORZA INTER.
    L.

  23. Claudioeffedeejay // 5 settembre 2011 a 23:06 // Rispondi

    Devo dire che all’ Inter non si fanno mancare proprio nulla. Questa volta però il peccato mi sembra veniale, grave nella forma ma fortunatamente di poco conto nella sostanza. Hai giustamente sottolineato che Branca di norma non dovrebbe occuparsi di simili cavilli: suppongo infatti che la società disponga di un ufficio legale che, nel momento in cui viene intavolata una trattativa per l’acquisizione di un giocatore, si accerti della fattibilità dell’operazione da un punto di vista legale e regolamentare ( Comunitario o extracomunitario, squalifiche UEFA in atto, etc). Tuttavia, considerato che quest’anno il nostro uomo mercato non è che abbia dovuto portare ad Appiano Gentile 25 giocatori un minimo di attenzione in più sarebbe stata auspicabile. Un direttore tecnico può anche non essere laureato in legge ma cavolo, almeno accertarsi se il sostituto di Eto’o può giocare la Champion’s…. Io non sono un ingegnere meccanico, ma se devo acquistare un’auto qualche controllo di routine è doveroso prima di firmare un qualsiasi contratto. Ma Marco Branca questa volta va ringraziato comunque. Con quattro soldi ci ha portato una Gran Torino del ’72: chi se ne frega se fino a febbraio non può circolare oltre confine.

  24. Sono senza parole per l’enorme caos mediatico creato con questa gaffe di Forlan…in ogni caso abbiamo oscurato il problema dell’esclusione di Inzaghi….che fenomeni che siamo…..
    Cmq io non sono minimamente preoccupato..d’altronde anche Bolt ha fatto falsa partenza sui 100m poi però ha vinto i 200m e la staffetta con record mondiale…quindi tranquilli la gaffe si trasformerà in vantaggio……..Crediamoci!!!!
    Ciao

    • A me sinceramente ha sorpreso più l’esclusione di El Shaarawy, la cui metà è costata 8,5 milioni di euro.
      GLR

      • claudio milan // 6 settembre 2011 a 12:56 // Rispondi

        Eh, ma sai imbottire la rosa di difensori e centrocampisti a scapito delle punte era fondamentale.
        D’altronde ci aspettano Viktoria Plzen e Bate Borsov, mica pincopallo… figurati che io sto già tremando… INDIGNATO!
        Un caro saluto.

  25. cazzata, figuraccia, evitabile, tutte cose che mi trovano d’accordo. in compenso io ho trovato dei risvolti inaspettatamente positivi: il buon gasp non avrà il dubbio su chi far giocare in campionato quando in settimana si giocherà in champions.
    forlan potrà allenarsi in “settimana tipo” fino a gennaio e, considerate età non giovanissima e coppa america giocata e vinta da protagonista, mi sembra tanta roba!
    il principe e il pazzo (ma sopratutto il primo) si sentiranno ancora più responsabilizzati: la qualificazioni, seppur facile sulla carta, passa sopratutto dai loro gol!
    Sensazioni positive! forza pazza inter!

  26. ALESSANDRO BELFIORE // 6 settembre 2011 a 19:26 // Rispondi

    basta una svista (seppur grave ) per rendere l’Inter una societa’ di mezzi rimbambiti. bhe tutti sul carro ovviamente alle prime vittorie vero? vorrei ricordare quello che abbiam vinto in questo anni cosa mai successa neanche al bbilan! Saluti a tutti.

  27. Gaffe o non gaffe, dobbiamo vincere il girone senza problemi.
    Io sono del parere che la squadra vincente debba restare com’è, non si sono vinti 5 scudetti grazie a chi scaldava la seggiola in corso Vittorio Emanuele, ma grazie a un perfetto lavoro di squadra, partito dai dirigenti che hanno fatto la base e dai giocatori che hanno realizzato il tutto.
    Sinceramente di chi sia la colpa non mi interessa, cosa cambierebbe? Chi vive di calcio come tifoso non ci tiene al proprio fegato. Chi ci lavora invece, più che fegato dovrebbe metterci un po’ più di testa.
    Saluti

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili