FinaleCI: Inter-Palermo 3-1. All’Inter la Coppa Italia 2010-11

L’Inter conquista la settima Coppa della sua storia che, insieme a Supercoppa Italiana e Mondiale per Club, completa un mini-Triplete per la stagione 2010-11 dopo il leggendario Triplete nella stagione 2009-10. Per Leonardo è il primo titolo da allenatore ed è tutto suo, visto che in Coppa Italia c’è sempre stato lui in panchina, mentre per l’Inter è il 15° titolo in sei anni e sette stagioni. Il ciclo non è ancora finito, visto che anche quest’anno l’Inter ha festeggiato per prima con la Supercoppa Italiana ad agosto e per ultima nell’ultimo atto ufficiale della stagione, con qualche sfottò come quello inviatomi da Aldo di Bresso, dedicato a chi avrebbe voluto essere al nostro posto. Ogni riferimento parentale non è puramente casuale.
All’Olimpico di Roma con il Palermo finisce 3-1 nel segno di Samuel Eto’o protagonista assoluto con 37 stagionali con l’Inter che migliorano il record personale di 36 stabilito col Barcellona due anni fa.
L’Inter, anche se non al meglio, ha saputo stare coperta all’occorrenza, segno che Leonardo sta crescendo, per poi far male al Palermo, grazie alle verticalizzazioni immediate di Sneijder, l’altro grande protagonista della serata, malgrado gli acciacchi. Non era facile, perché i rosanero, seguiti a Roma da quasi 40.000 tifosi, si giocavano la storia, con motivazioni ben più forti di quelle dell’Inter, ormai avvezza a vincere in serie.
Pastore ha subito la palla per cambiare volto alla partita, prima che Sneijder, dopo 25 minuti inventi in diagonale l’assist giusto per l’implacabile Eto’o. Ma nel primo tempo il Palermo ha gioca un po’ meglio.
Nella ripresa Delio Rossi si gioca tutto, con Miccoli subito pericoloso con un colpo di testa bloccato da Julio Cesar. Il Palermo attacca a testa bassa, ma l’Inter tiene, soprattutto grazie a Lucio e Chivu, particolarmente brillanti nelle chiusure. Leo però corregge la squadra con Pandev al posto di Pazzini.
Poco dopo la mezz’ora il raddoppio nerazzurro nasce ancora sulla verticale Sneijder-Eto’o con il primo a rifinire e il secondo a battere a rete.
E’ sempre il Re Leone il man of the match nelle finali e, come a Dubai nel Mondiale, esulta ancora con le buste della spesa.
Il Palermo si lamenta per un contatto in area e nel finale, dopo un tiro a giro di Sneijder che esalta Sirigu, accorcia le distanze con Munoz. Sull’angolo di Miccoli, in realtà inesistente perché concesso da Morganti su una palla già oltre la linea di fondo, la difesa interista dorme sonni profondi. Poco dopo lo stesso Munoz si becca per un fallo al limite su Mariga, subentrato a Thiago Motta, il cartellino rosso che avrebbe dovuto toccare in precedenza a Carrozzieri. È Eto’o a battere la punizione che colpisce clamorosamente la traversa, prima che in pieno recupero il Principe Milito, subentrato a Sneijder, cali il tris su assist perfetto di Pandev. Al fischio finale, momenti di grande fair-play tra i giocatori di Inter e Palermo, mentre il presidente del Senato, Renato Schifani consegna i due trofei: la Coppa Italia a capitan Zanetti e la Coppa celebrativa dei 150 anni dell’Unità d’Italia a Marco Materazzi.
E per no fair-play, si segnala lo sportivissimo presidente Zamparini che, come sempre quando perde con una grande, dà di matto: domani, come sempre, correggerà il tiro e se la prenderà col suo allenatore, ma Delio Rossi l’ha già salutato.
L’Inter e gli interisti tanto hanno altro a cui pensare: leggere qualche Albo d’Oro e lustrarsi gli occhi!

51 Commenti su FinaleCI: Inter-Palermo 3-1. All’Inter la Coppa Italia 2010-11

  1. Che spettacolo sublime vedere gli applausi al Palermo a cui è mancato solo E’to’o…
    Da quanto quanto tempo non si vedeva uno stadio così, un pubblico così..
    Wembley non era poi così lontana.
    Sai che ti dico? Abbiamo bisogno della Gente del Sud per ridare passione e colore al calcio Italiano
    GRAZIE NERAZZURRI PER LA BELLA FESTA!
    Dimitri

  2. Maggio 2010 – maggio 2011: 2 coppe Italia, uno scudetto, una champions, un mondiale per club, una supercoppa italiana. In mezzo un cambio, coraggioso, di alleantore e tanti problemi, chapeau Inter. E ora sotto con la parte più noiosa, il calciomercato.

  3. Ricordo che anni fa l’immenso R.Baggio disse:”la Coppa Italia sarà anche il trofeo più snobbato ma, chissà perchè, alla fine la vogliono tutti”….ritengo che un Club con mentalità vincente e che punti in alto, debba tentare sempre di andare fino in fondo a tutte le competizioni a cui è iscritto.L’Inter lo fa da anni e i trofei sono tutti stra-meritati.Il palermo ha fatto una bellissima partita ma la differenza si è vista nel fatto che l’Inter ha giocatori di altissimo livello.Eto’o è micidiale, Snejder SEMBRA stanco ma gli assist li fa lui, Lucio è un vero leader , Zanetti ,a 38 anni, possiede energia a non finire e Julio Cesar para anche le palline da baseball.
    Nota di merito per Eto’o:è un marziano.Un artista del gol.Corre, dribbla, tira,batte punizioni,segna, copre, mai una polemica o atteggiamenti disonorevoli:un vero esempio di professionalità e rispetto per la maglia e per i tifosi.Da far studiare nelle scuole.

  4. franco da Udin // 30 maggio 2011 a 08:20 // Rispondi

    Il Palermo ha obiettivamente giocato molto meglio, troppo dissimili le motivazioni, ma come sempre nel Fùtbol la differenza la fanno i campioni.
    Zamparini lo si conosce, pittoresco. Quello che mi ha fatto orrore è stata la plètora di politici bipartisan che all’espulsione di Munoz hanno inveito contro Moratti e presa a male parole la moglie. Intanto, a differenza dei 40,000 tifosi veri, loro il biglietto quando mai l’hanno pagato? E poi est modus in rebus, diamine un minimo di stile… Forse chiedo troppo a questa manica di plebei arricchiti.
    Fa loro da contraltare Samuel Eto’o che si reca sotto la curva ospite ad onorare i tifosi avversari ricevendone in cambio un meritato applauso. Dalla sua intervista la ragione del suo gesto, “il calcio è un piacere e per renderlo tale serviamo noi e i tifosi…” Onore a un grande Campione, con la C maiuscola.

  5. Mini-Triplete un cavolo, caro Gianluca. Naturalmente scherzo parafrasando il nostro grande Presidente.
    Cmq, abbiam vinto con merito contro un ottimo avversario il cui problema per l’intera stagione e’ stata la difesa e ieri pure – la realizzazione. Tutto il resto nel gioco del Palermo e’ di grande qualita’, grazie anche al loro ottimo allenatore Delio Rossi.
    Noi abbiamo vinto con la forza della classe sempre maggiore che comincia a controdistinguerci. Specie mi e’ piaciuta la gioia di tutti i nostri al goal di Milito, segno di grande affiattamento nella squadra.

  6. Roberto Scibe // 30 maggio 2011 a 08:23 // Rispondi

    Grazie Ragazzi!
    Nell’anno del ritorno alla vittoria del geom. Galliani, Noi ne Vinciamo 3.
    Giusto per farli rosicare e non lasciarli mai in pace.
    Del resto, la Superiorità di questa squadra è tale che solo il calo fisiologico del post-triplete e post-mondiale può giustificare di non aver bissato in campionato.
    Quando si soffre non è una questione di difesa: Thiago non copriva, Snejder non correva, Stankovich era cotto e Zanetti, pur essendo un santo, ha comunque diverse primavere sulle spalle ….
    Speriamo in qualche rinforzo sulla mediana, perchè io voglio ri-provare l’ebbrezza di stare sul tetto d’Europa!
    R

  7. Una partita decisamente sofferta; il Palermo ha fatto qualcosa di più, ma ha il demerito di non aver finalizzato mai. L’Inter ha atteso il varco, e prontamente lo ha sfruttato. La vera differenza, in sintesi, è stata avere Eto’o. Peccato solo per la traversa, perchè ne poteva fare 38 e raggiungere Angelillo; dispiacere tuttavia mitigato dal successivo gol di Milito (che si può definire “giustizia divina” dopo la dose di sfortuna patita quest’anno dall’argentino)….
    Oggi comunque, è festa doppia: sia per la vittoria, sia perchè, da veneziano, non avrei certo digerito una vittoria ascritta al palmares di Zamparini.

  8. Grazie INTER per l’ennesimo trofeo con una squadra mezza acciaccata, che è stata in piedi con i cerotti e sorretta dalla spina dorsale Julio Cesar, Lucio, Sneijder ed Eto’o (formidabile la sua annata) abbiamo portato a casa l’ennesimo trofeo. Onore al merito invece al Palermo mai domo ed alla sua tifoseria di gran lunga più matura e responsabile del suo pseudo presidente.

  9. MA CHE BRUTTA STAGIONE!
    Supercoppa italiana campionato del mondo e coppa italia secondi in campionato e quarti di champions…che delusione via tutti!!! squadra da rifondare…ma sopratutto via Etò ormai sulla via del tramonto e shnejder che trotterella via subito o in cambio di pastore che con il risparmio magari si compra la metà di poli.
    GRANDI RAGAZZI ma chi ce l’ha un trio davanti come Etò – Milito con Sneidjer ad accenderli?
    Un centrocampista pronto e uno da crescere con uno/due laterali per accendere il pazzo in difese piu chiuse e ci siamo anche per il 2012.

  10. pazzesco: i tifosi del Palermo hanno dato lezione di stile al proprio presidente!

  11. La Coppa Italia aggiunge un altro titolo a una serie cominciata nel 2005; sette stagioni consecutive di vittorie è una striscia da record, poichè ancora più lunga di quella della juventus anni ’80 che si fermò a sei; ma ovviamente non ci vogliamo fermare qui e speriamo di ripartire subito dal 6 Agosto con la supercoppa contro il milan.
    Per quanto riguarda Zamparini, invece di complimentarsi coi suoi giocatori per la bella partita o coi suoi tifosi per il magnifico colpo d’occhio, in perfetto stile coppa d’Inghilterra, insulta l’Inter e Moratti!? Il rumore dei nemici rende questa nostra ennesima vittoria ancora più piacevole…

  12. Nel nome di TERNINETO’OR
    …..eto’o eto’o eto’o eto’o eto’o per quest’anno l’hanno visto segnare 37 gol!…eto’o eto’o.
    Grazie a tutti
    L.

  13. Il record di Angelillo di 38 gol stagionali (57/58) fu ottenuto in 40 presenze (media gol = 0,95) ; i 37 gol stagionali di ETO’O sono stati ottenuti con 53 presenze (media 0,70).
    A livello di “media”, il record di ANGELILLO è quasi imbattibile ed è inutile paragonare le mele con le pere.
    Ciò non toglie che il camerunense sia il vero ed unico CAMPIONE che oggi può l’INTER esibire. Altro particolare non indifferente: l’anno scorso l’Inter giocò 57 partite, quest’anno 58. La somma delle due annate (115), rispetto a quelle giocate dal MILAN (98) corrisponde ad uno sforzo superiore del 16% ed in definitiva (come ricorda il Geometra Galliani) la differenza fra INTER e MILAN è stato…. un derby (perso anziché vinto).
    GRAZIE ai RAGAZZI e grazie anche a LEONARDO (sperando che l’esperienza gli doni anche la saggezza….).

  14. Bella vittoria, contro un avversario che ha giocato forse meglio dell’Inter, che ha creato più occasioni da gol ma che non ha i campioni dell’Inter.
    Pastore sarà il campione del futuro, ma non vale Eto’o. Queste differenze le vedi nei dettagli: Pastore, davanti al portiere, si mangia il gol; Eto’o ne fa addirittura due.
    Se anche Snejder, pur giocando da fermo, inventa i due assist vincenti, non c’è nulla da fare nemmeno per il miglior Palermo della stagione.
    E’ stato un anno balordo che però non ci ha tolto le soddisfazioni; occorre ripartire da qui per rinforzare la squadra e continuare il ciclo di vittorie.
    Due centrocampisti dinamici e con visione di gioco e un attaccante di primo livello sono fondamentali.
    Saluti e forza Inter!
    Franz

  15. Ilario Balzano // 30 maggio 2011 a 10:06 // Rispondi

    Sono stracontento della coppa italia, contento dell’impegno dei giocatori e della società tutta. Meno comunque del gioco espresso FINO A QUI dall’inter di LEONARDO. Anche ieri sera, pur ammettendo la stanchezza della squadra, non si sono visti azioni sulle fasce e l’unica discesa l’ha fatta ZANETTI (38 ANNI) al 92°… tristezza… Da quando c’è leonardo ho visto gran grinta (tranne nel derby) ma gioco pieno di tocchettini ma azioni avvolgenti mai o quasi, le uniche volte che si sono messi a fare cross pazzini ha fatto 2 doppiette… il che è tutto dire! Speriamo che per l’anno prossimo ci siano acquisti importanti e sopratutto un modi di giocare che possa mettere in luce quel gran bomber di pazzini!
    FORZA INTER!

  16. Paolo Sabiu // 30 maggio 2011 a 10:09 // Rispondi

    Ciao GL, e ciao a tutti!
    L’epilogo migliore per un un ottima stagione: doppietta del “Re Leone” (così ha superato il proprio record di segnature stagionali nel proprio club), e gol finale di Milito, sperando che sia di buon auspicio perché torni ad essere determinante per la prossima annata!
    L’anno scorso il Triplet-One (grazie allo ‘Special One’); questa volta, dopo la vittoria di ieri sera, il Trip-Leo (me lo consentite, anche se sugli altri due trofei c’era la firma di Benitez?)…
    “Squadra da rifare!”… “Manderei via tutti!”… “I nostri ormai hanno la pancia piena!”… “Con Leonardo non si vincono mai le partite determinanti!… Beh, ragazzi, qui si continua a vincere, eccome! Mica male per quella che era stata definita da certa propaganda una stagione disastrosa, alla faccia loro (e dei nostri ‘Tafazzi’)!
    “Essere interisti”, in tre parole: E’ SEMPLICEMENTE BELLO!!!
    Un’ultima considerazione, mi è dispiaciuto vedere a fine gara le lacrime di Delio Rossi e di Miccoli, perciò onore agli sconfitti: bella gara da parte loro (ma Zamparini, per favore, piantala!)…
    Saluti nerazzurri!
    Paolo

  17. Christian Natoli // 30 maggio 2011 a 10:13 // Rispondi

    Ecco arrivare un’altra coppa e come sempre i rosiconi filorossoneri diranno che la coppa italia è buona solo quando la vincono loro.
    Nota a margine per lo sportivissimo zamparini, la quale squadra doveva finire in 8 per aver martellato come fabbri chiunque stesse a tiro: spero che mantenga le promesse fatte dopo il consueto travaso di bile di qualche tempo fa e lasci definitivamente il mondo del calcio

  18. Diego Belloni // 30 maggio 2011 a 10:31 // Rispondi

    Grandi ragazzi, la cosa più bella è vedere ancora un gruppo, che potrebbe essere “sazio”, avere ancora così voglia, così fame, e mettercela tutta come ieri sera.
    Complimenti anche a Gian Luca per ieri pomeriggio, io ero allo stadio ma mi dicono che te la sei cavata egregiamente (e si sa che noi del palio di Legnao siamo schizzinosi). Forza Flora.

    • Grazie soprattutto per il Palio di Legnano che ho condotto ieri pomeriggio su TL. Ero all’esordio, ma mi sono divertito un mondo!
      GLR

  19. Non è questione di sminuire quello di quest’anno, ma casomai di celebrare ulteriormente lo storico Triplete dell’anno scorso!
    GLR

  20. Volevo unirmi alle bellissime parole di GLR, concordo in pieno con tutto,
    mi spiace ma i milanisti & Co. posso dire quello che vogliono ma c’è poco da stare allegri per loro :)
    Ora la meritata pausa e poi via subito pronti per ricominciare con una bella vittoria a Pechino .
    Enzo
    da Sesto S.G.

  21. marco ferrara // 30 maggio 2011 a 10:55 // Rispondi

    Ciao Gian Luca, e coppa italia fu!! In una partita giocata onestamente male, se in squadra hai campioni del calibro di julio cesar, lucio, sneijder, eto’o ecc ecc, sei destinato a vincere. Da loro bisogna ovviamente ripartire e ritengo, ascoltandolo nelle interviste post match, che anche il presidente se ne sia reso conto. A questi ragazzi però, bisognerà necessariamente affiancare gente di valore per poter continuare a vincere…! Leonardo (il quale mi lascia ancora perplesso, anche se di vere alternative credibili e senza controindicazioni non ne vedo), credo proprio si sia guadagnato la riconferma, ma su di lui vi deve essere davvero la piena fiducia da parte di tutta la societá onde evitare gli errori del passato. Un altro triplete (altro che tripletino) é stato conquistato e il mio voto alla stagione é un 7.5 pieno. Adesso la palla passa alla dirigenza…! Un abbraccio e…SEMPRE FORZA INTER!!

  22. Con questo successo si chiude una buona annata, con tre trofei e il titolo di campioni del mondo per club.
    Detto questo, la squadra va assolutamente ringiovanita e rinvigorita a centrocampo e in difesa. Ieri a tratti abbiamo ballato alla grande, il centrocampo che fa poco filtro, i buchi continui e clamorosi in difesa e il gol assurdo che abbiamo preso, mi fanno pensare parecchio sull’attenzione e la cura che la squadra e l’allenatore dedicano alla fase difensiva.

  23. Che dire…è un INTERminabile emozione vedere in campo questi ragazzi, al di la che alcuni sono ormai logori, ma che carattere, che classe, che emozioni questa INTERminabile INTER. E nell’INTERmezzo tra la Coppa Italia e Pechino, lasciamo pure che quegli altri parlino, si arrovellino e rosichino, come Zamparini ieri sera. Noi siamo superiori, passiamo, guardiamo e vinciamo! Grazie INTERminabile INTER!

  24. “E per no fair-play, si segnala lo sportivissimo presidente Zamparini che, come sempre quando perde con una grande, dà di matto: domani, come sempre, correggerà il tiro e se la prenderà col suo allenatore, ma Delio Rossi l’ha già salutato.”
    Profetico direi…

  25. Caro GL, ero a roma e segnalo la penosa organizzazione della finale. Con biglietto di tribuna tevere ho dovuto sedermi sulle scale in quanto erano stati fatti entrare tifosi del palermo in numero eccessivo ed avevano occupato le nostre tribune. Stewards inoperosi e maleducati. Inoltre navette e trasporti pubblici praticamente inesistenti; dall’olimpico alla metro flaminio a piedi, con le vesciche ai piedi. Insomma un vero terzo mondo. Complimenti però ai tifosi delle due squadre.

  26. Caro Gianluca, ero a Roma per assistere alla finale.
    Sottolinerei la grande presenza di famiglie con bambini, l’assenza di scontri ed anche un abbozzo di fair-play tra i tifosi nerazzurri: abbiamo applaudito i giocatori del Palermo durante la loro premiazione.
    Non sarà molto, ma sono cose che, secondo me, fanno bene al nostro calcio.
    Cordiali Saluti

  27. pasquale somenzi // 30 maggio 2011 a 11:45 // Rispondi

    In una risposta dell’edit precedente hai scritto che Ibra e’ diventato l’anti-Europa
    per definizione: e che dire della coppa Italia? L’Inter 4 vittorie negli ultimi anni e
    guarda caso 2 pre-Ibra e 2 post-Ibra. Aggiungi poi che anche nell’anno al Barcellona
    la coppa nazionale l’ha vinta il Siviglia che ha appunto eliminato il Barcellona
    agli ottavi…
    pasquale.

  28. Per essere partiti come una squadra che puntava a una tranquilla salvezza diciamo che l’anno non è andato poi così male…. 😉 😉

  29. NINO da Lecco // 30 maggio 2011 a 12:27 // Rispondi

    Un sonetto per il grande Eto’o

    Sono d’Inter il moretto
    terrore dei portieri
    dentro sempre io la metto
    a italici e stranieri

    nerazzurro ho il pallone
    amo tanto questa tinta
    se dell’Africa son leone
    dell’Europa ho la grinta.

    Ciao Gian Luca “tricolore”

  30. Forse sogno troppo, ma se un bell’anno arrivassero insieme le due stelle d’oro e quella d’argento? 😉
    Ieri sera è stato epico il “coast-to-coast” di Zanetti all’85’, ma un Eto’o così (imbeccato da uno stoico Snejder, in piedi per miracolo e preso a calci un po’ da tutti), è davvero roba per palati fini. Teniamocelo stretto, e Wesley con lui. Onore delle armi al bravo Delio Rossi e al Palermo, protagonista di una gara generosissima ma proprio… “nun ce coje”; peccato solo per le dichiarazioni di Zamparini, davvero fuori luogo.
    Attendiamo con curiosità il mercato…
    Nota finale: prima della premiazione il ministro della Difesa, La Russa, è stato inquadrato mentre parlava a lungo con Ranocchia. Chissà se gli stava proponendo di entrare nei granatieri… 😉
    Ciao, Roberto

  31. Alessandro B. // 30 maggio 2011 a 15:55 // Rispondi

    ho visto un Milito stracontento sul goal del 3a1
    anch’io ho esultato come un matto
    grande Principe. se penso alla stagone 2010-11 me la rido soddisfatto sorseggiando una media chiara ghiacciata

  32. Ora, caro GLR, vista la pausa estiva sarebbe bello se facessi un bell’editoriale con i post di tutti gli sfigatori, criticoni, anti interisti che ora gioiscono e sbandierano il bandierone…. :)
    Purtroppo i primi “rosiconi” siamo noi interisti ed è per questo che gli altri con poco si divertono. Hai ragione quando dici che i primi a imparare a gioire siamo noi e che seppur Mini abbiamo sempre vinto più di tutti anche quest’anno…

  33. Leggo, giustamente, su questo sito peana e lodi per la vittoria di ieri sera. Sono interista e alla fine ho goduto e non poco, grande atmosfera, tifosi fantastici, fair-play fra le squadre. Tutto bellissimo. Però non si può mettere le fette di salame sugli occhi e non vedere quello che è stata la partita. Noi, che siamo l’Inter ricordarselo sempre, presi per un buona parte della partita a pallate dal Palermo, con momenti in area nostra da assedio stile Fort Alamo. Ora, sicuramente mi beccherò del ‘tipico’ tifoso interista mai contento ( vero GLR ??? ), però a me non piace vincere partite così, 4 contropiedi in 95 minuti ( 3 gol ed un traversa ). Fosse stato il Barca…ma porca miseria era il Palermo ( …con tutto il rispetto sia chiaro…).
    Saluti a tutti

    • Non è questione di beccarsi del ‘tipico tifoso interista’. Chi scrive lo fa quasi sempre per criticare e ci può stare. Le difficoltà dell’Inter in questa stagione le abbiamo viste tutti, come la necessità di intervenire sul mercato. Quello che contento è che ci saranno tre mesi pieni per parlarne e che almeno dopo un trofeo sia giusto goderselo e parlare solo di quello. Non ci vuole un genio per capire che accanto a Cambiasso occorre un grande centrocampista e che c’è di meglio in giro del pur volonteroso Pandev, tanto per fare solo due esempi.
      GLR

  34. Caro Gianluca
    l’ennesima soddisfazione per noi tifosi dell’ Inter anche perchè i vincitori della Coppa Italia porteranno sulle loro maglie per tutto il 2011-12 la bellissima coccarda tricolore che con i colori nerazzurri risalta in maniera particolare.
    Per l’anno prossimo altro giro e altre soddisfazioni.
    Ciao
    giancarlo

  35. SIAMO LA SQUADRA PIù TITOLATA DEL SECOLO (insieme al Barcellona, 15 titoli).Grazie ai ragazzi, sono stanchi, ma che grinta, che cuore che voglia di vincere, che campioni (Eto’o, Milito, Sneider, Deki ecc. ecc.) ! Come ha detto il Presidente, questo è un’altra grande tripletta, visto che contiene il campionato del mondo per club ! Per l’anno prossimo non penso che ci saranno grandi sconvolgimenti tra partenze ed arrivi, solo qualche ritocco; peri risultati, io mi accontenteri di campionato, coppa italia ed una grande sfida con il Barcellona… e non si sa mai.

  36. Ho apprezzato molto la tenacia di questa squadra e la sua umiltà. Il sapersi riposizionare su obiettivi meno ambiziosi pur avendo già vinto molto, senza presunzione, con rispetto per società e tifosi.
    Se la Coppa italia si è rivalutata negli ultimi anni, molto merito è dell’Inter che non l’ha mai snobbata.
    Anche ieri sera si vedeva che vi erano delle difficoltà, specie a centrocampo, dove c’erano giocatori reduci da infortunio o stanchi o magari anche un po’ bolliti (senza offesa). C’è ovviamente chi ha dato di più (Eto’o, Lucio, J. Cesar), ma non mi sento di trovare nessuno che abbia demeritato.
    Vittoria che sportivamente vuol dire: ” Siamo qui, non siamo finiti, siamo sempre capaci di lottare e magari anche vincere”.
    Ci penserei bene prima di buttare a mare gente di questa pasta. I sostituti non solo dovranno essere tecnicamente adeguati, ma anche caratterialmente attrezzati.
    Henryk, Roma

  37. Angelo Paterlini // 30 maggio 2011 a 20:30 // Rispondi

    Ciao Gian Luca!! Mini Triplete?? se ti sente il Pres…!!!!

    • Più che una diminutio per questo è un’ulteriore sottolineatura di quello, leggendario, della scorsa stagione. C’è chi ha festeggiato uno scudetto dopo 7 anni come fosse il traguardo del secolo. Il Milan che ricordo io gli scudetti quasi manco li contava. Ora han fatto più casino dei rossoneri della Nocerina, saliti in serie B dopo 32 anni! Per questo Moratti ha alzato il tiro. E’ il gioco delle parti.
      GLR

  38. Claudioeffedeejay // 30 maggio 2011 a 22:19 // Rispondi

    Porca miseria GLR che partita!! I giocatori del Palermo hanno dato tutti il 200% eppure ne hanno presi 3. La differenza di motivazioni era abissale eppure hanno perso ed è la terza volta su 3 quest’anno: vorrà pur dire qualcosa. Certo, tutti vorrebbero vincere come ha fatto il Barcellona l’altra sera, ma vedere i ragazzi soffrire a quel modo, vedere Sneijder prendere botte da orbi senza mai ottenere un fallo, vedere Lucio e Chivu fare chiusure alla disperata e osservare Eto’o scappare come una gazzella e disegnare traiettorie chirurgiche col pallone è uno spettacolo forse ancora più esaltante. La progressione del capitano a fine partita con tanto di assist per Wesley è il marchio di fabbrica di questa squadra: non molliamo mai

  39. grazie inter… ancora una volta finiamo con 3 trofei…
    mi dispiace soprattutto x il campionato, perchè glielo abbiamo proprio regalato noi… nei derby (e comunque ancora penso alla palla del pareggio parata dentro la porta… a negare il gol che avrebbe potuto cambiare la storia) e nelle altre sciagurate partite di sfortuna e black-out (a memoria cito juve, chievo, parma, lecce, brescia…)…invece due champions di fila non le ha vinte neppure il barca, quindi la sconfitta ha fatto meno male (ma anche quella storia forse sarebbe andata diversamente se non ci fossimo arrivati dopo il derby…) anche perchè in questi anni solo noi (e mou) abbiamo dato dispiaceri ai divini (e presuntuosi) blaugrana!!!
    quindi ancora grazie a tutti…

  40. Zamparini non è nato a Palermo;Io si, ma sono soprattutto Interista da 1/2 secolo,ho gioito per questa vittoria,ed ho gioito perchè in questa festa c’era la mia gente, generosa, calorosa, con un cuore come pochi al mondo. Noi andremo avanti per la nostra strada, una strada costellata di 15 titoli,verso la seconda stella, verso un’altra champions, un’altra coppa dell’amicizia.
    Forza INTER,facci impazzire ancora!!!!!
    Gianni B.

  41. ciao Gianluca, ti scrivo per complimentarmi con te ( e ovviamente con l’inter) per la vittoria in Coppa Italia, che vi ha permesso di conquistare questo “mini” triplete.
    da milanista, dico che farne ogni anno di queste “mini” vincite.
    i complimenti erano dovuti, visto che in passato ti avevo scritto per “stuzzicarti” nel post derby.
    ciao

    • Grazie Igor! Stuzzicarsi fa parte del gioco…sono il primo a farlo e ad accettare l’ironia se intelligente e simpatica
      GLR

  42. Silvio da Torino // 31 maggio 2011 a 17:12 // Rispondi

    Bravi ragazzi, grande Presidente e bravissimo Leo per questa Coppa Italia completamente tua. Sento critiche alla partita dell’Inter e sinceramente non le capisco e condivido. Il Palermo ha mantenuto il possesso palla e forse ha giocato un pò meglio di noi, ma occasioni da goal vere e proprie non ci sono state a parte il colpo di testa di Miccoli. L’Inter ha controllato abbastanza agevolmente il gioco ed ha colpito sfruttando le caratteristiche peculiari di alcuni giocatori e la classe dei campioni che con due tocchi arrivano in porta. La Grande Inter di Herrera capitava che si rintanasse in area di rigore come Fort Apache poi un lancio di Suarez per Mazzola ci faceva vincere la partita.
    Adesso la gioia e la riconoscenza per i nostri guerrieri non ci deve far ignorare il fatto che la squadra deve essere ringiovanita e che quindi ci saranno degli addii dolorosi (io ho sempre amato tutti i nostri giocatori e mi è sempre dispiaciuto vederli andare via).
    Fidiamoci di Leo, di Branca e del Presidentissimo e guardiamo alle future vittorie con fiducia. A presto a tutti e sempre Forza Inter.

  43. Ma com’è che se vince il Milan, vince con grande merito, e se vinciamo noi è solo per fortuna o ruberia…? Mi chiedo come sia possibile aver vinto per sei anni consecutivi, e nel 2010 su ben tre fronti diversi (Italia, Europa e Mondo) solo col fattore c… E’ ora di finirla di sminuire sempre i meriti dell’Inter, qualcosa di buono ci sarà pure, o no? E poi, anche sulla festa hanno avuto da disquisire… loro hanno fatto una festa con i fiocchi per un misero scudetto, noi invece l’anno scorso (X IL TRIPLETE!!!) non abbiamo fatto niente di eccezionale… tanto casino per uno scudetto, e se avessero vinto il nostro leggendario triplete? Avrebbero dipinto il duomo di rossonero? Sono indignata dalla celebrazione del milan quale squadrone al di sopra di tutti, a discapito di un’inter che ora si accenna fra le righe…
    Eravamo, siamo e restermo grandi x sempre.
    FORZA INTER!!!

  44. ArchAndrea // 1 giugno 2011 a 10:24 // Rispondi

    …SEMPRE NOI!!!

  45. Anche nel momento della difficoltà c’è sempre lui:Samuel Eto’o!! E con questo siamo a 15 titoli e favore dite ai milanisti che è inutile dire che la Coppa Italia non gli intessava quando sono stati i primi a dire che volevano fare la “doppietta”! Se non era per gli infortuni che ci hanno fatto giocare con Paperino e Topolino per due mesi altro che Scudetto!!

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili