E’ l’Inter di 40 anni fa-77

Οι διάλογοι ovvero Racconti da tifosi da Bar – giovedì 20 gennaio 2011

Ormai al Bar Sport tra i milanisti regna il panico: l’ennesima vittoria dell’Inter di Leonardo, 3-2 sul Cesena a San Siro nel recupero della 16.a giornata, ha creato un clima da ‘si salvi chi può e il postino rossonero Donato se la fa sempre più sotto: “Ma vi rendete conto che se l’Inter vince anche il recupero il Firenze e il derby ci ha preso? – domanda angosciato – Bisogna tornare ai campionati dove si davano solo due punti per vittoria! Ne avevamo 26 di vantaggio, ma dove sono finiti?”
E quel satanasso del concessionario interista Walter non gli dà scampo: “Tranquillo, postino dei miei camperos – fa lo splendido – per domenica vi abbiamo pure fatto un favore facendo espulgere (espellere, ndr) il migliore dei loro (Giaccherini, ndr)!”
A tener botta c’è come sempre il tassista milanista Gianni: “Ma volate bassi, interisti montati – ammonisce – se anche vincete a Firenze, contano le altre partite! Vediamo di qui all’altro recupero se non perdete tutti i punti che vi siete ripresi!” E l’ortolano e compagno di tifo Gaetano lo segue sulla linea dell’ottimismo: “Dite di noi, ma pure voi vi vendete la pelle dell’orco (orso, ndr) prima di averlo preso – urla – davanti c’avete il Milan, mica una squadretta qualsiasi! E adesso ripartiamo, a cominciare da stasera col Bari in Coppitalia!”

L’elettricista interista Kevin torna però al più bieco terrorismo psicologico: “Voi non considerate la sgaggia (paura, ndr) che vi sta prendendo – minaccia – perché gli scudetti si vincono con la testa prima di tutto il resto!” Un’affermazione che manda in crisi l’ottuso carrozziere juventino Ignazio che, come al solito, capisce una cosa per l’altra: “Ma che stai a dire, Kevin? I gol di testa valgono come quelli di piede – annuncia – e poi se ha rimontato l’Inter, lo può fare pure la Juve!” Al proposito, lo studente fuori-corso e suo compare di tifo Boris mostra tra lo stupore generale una tabella dove per i bianconeri sono previste 14 vittorie consecutive e la conquista dello scudetto entro Pasqua, mentre il barman Pinuccio gli ride sguaiatamente in faccia.

L’altro juventino, il parrucchiere Tonino, è comunque di buonumore e festeggia a suon di spruzzati lo scampato arrivo in bianconero di Floro Flores, da lui chiamato erroneamente Lupo de’Lupis, mentre il pensionato interista Artemio rispolvera un antico ricordo: “Esattamente 40 anni fa, col Giuanin Invernissi (Giovanni Invernizzi, ndr) detto Robiolina in panchina, l’Inter ha rimontato il Milan soffiandoci lo scudetto – rammenta commosso – e oggi mi sa che la storia si sta ripetendo!”
E l’anzianissimo pensionato interista Ambrogio, memoria storica del Bar Sport, conferma: “Bei tempi quelli dell’Invernissi (Invernizzi, ndr) – conclude – allora i bar della città erano frequentati da grandi esperti di calcio, mica da gentaglia come voi” (77-continua, purtroppo…)

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili