Argentina, Clausura: 6.a giornata

di Andrea Ciprandi da http://andreaciprandi.wordpress.com/

Il torneo locale offriva questa settimana due sfide appassionanti: quella fra il Racing capolista e l’Estudiantes campione in carica e il clasico bonaerense fra due squadre di tradizione e in netta ripresa, Velez e San Lorenzo. Quest’ultimo però è stato sospeso dopo che a Liniers si sono verificati per l’ennesima volta degli incidenti fra polizia e tifosi, scontri gravi al punto che un sostenitore della squadra ospite è morto, ormai è appurato, per mano degli agenti della Federal. Senza falsa retorica, è questa la notizia principale per questa settimana.

In quanto al calcio giocato, dal turno di Libertadores erano arrivati ancora una volta segnali in controtendenza rispetto al campionato. L’Argentinos, per giunta in casa, aveva perso contro il Nacional la prima partita in assoluto del semestre. L’Estudiantes, invece, dopo aver collezionato due sconfitte nelle ultime tre uscite del Clausura aveva infilato il terzo successo consecutivo in Coppa, portandosi a un solo punto dal capolista Cruzeiro rispetto a cui continua a fare la differenza la scoppola dell’esordio.

Sabato, quindi, si sono disputati quattro incontri. Spicca il primo punto sommato dal Quilmes, forse non a caso conquistato contro un Independiente sempre più alterno e inaffidabile: i suoi portavoce si erano detti concentrati sulla Coppa per mascherare i guai in campionato, ma il risultato è che dopo gli ultimi tracolli internazionali e con una sola vittoria nel Clausura il Rojo è messo davvero male su entrambi i fronti. Un’altra squadra in affanno è il Lanus, questa volta battuto dal Godoy Cruz e che ormai non vince da tre turni. Ancora più in difficoltà è però l’All Boys, sul quale ha passeggiato il Colon con un gol, fra l’altro, di Federico Higuain, fratello del più famoso Gonzalo. A chiudere la giornata proprio la ex squadra della punta del Real Madrid, il River Plate riguardo il quale in settimana si era polemicamente espresso l’attuale tecnico del Gimnasia, Cappa, ricordando come sei mesi fa con lui in panchina la Banda avesse due punti più di oggi e affermando di non capire quindi perché dello stesso gruppo di cui oggi si tessono le lodi ai tempi si fosse detto male – e male si dicesse innanzitutto di lui. Fatto sta che proprio nel peccato più comunemente commesso da quel River, il pareggio, è incappato anche questa volta quello guidato da JJ Lopez. In casa dell’Arsenal è stato 1-1, col rientro di Carrizo e Lamela che ha dato spettacolo ma proprio nel finale si è divorato il gol del successo. In considerazione del fatto che i locali non perdevano sul proprio campo dallo scorso ottobre e che addirittura avevano sempre vinto nelle precedenti quattro occasioni, questo risultato resta comunque lodevole. E anche prezioso, visto che a dispetto dell’insoddisfazione dell’allenatore è valsa la permanenza fuori dalla zona rossa in una giornata in cui il Descenso ha subito uno scossone e proprio l’All Boys, per esempio, adesso si ritrova invischiato in zona spareggi.

Domenica, poi, doveva essere la volta dei grandi duelli ma come anticipato Velez-San Lorenzo non si è conclusa, intenzionalmente interrotta dagli ultrà del Cuervo in conseguenza del fatale incidente del prepartita. Ha invece giocato regolarmente l’Argentinos, che avendo facilmente la meglio del Newell’s si è ripreso dallo sbandamento di Coppa. E così mentre il Bicho, ancora imbattuto, scala posizioni su posizioni, la Lepra al contrario con la peggior difesa del torneo resta impantanata in fondo alla classifica. In serata, al Cilindro di Avellaneda l’Estudiantes ha fatto il colpaccio e approfittando anche di un gol ingiustamente annullato allo scatenato attaccante colombiano Teofilo Gutierrez è riuscita a far suo in extremis lo scontro al vertice con l’Academia, raggiunta in vetta. Colpisce che il Racing abbia perso ancora in casa, esattamente com’era capitato il mese scorso contro il Boca. A propostito di Boca e di quel successo, gli Xeneizes non hanno poi più vinto e contro l’Olimpo, a completamento del programma domenicale, hanno addirittura perso. Ancora. Si tratta infatti della quarta sconfitta stagionale su 6 incontri, la terza consecutiva e la seconda alla Bombonera. A nulla è valso il rientro di Riquelme e adesso, contestatissimo dai tifosi e falcidiato anche dagli infortuni con Rivero ed Erviti ko, il Boca inaspettatamente quanto incomprensibilmente affianca il Newell’s a soli tre punti dal fanalino di coda Quilmes. L’Olimpo, invece, in attesa del risultato del San Lorenzo – che affronterà sabato – nel recupero con il Velez, non solo si leva in un colpo solo dalla zona retrocessione ma addirittura balza al primo posto solitario: per onestà giornalistica, questo fatto dovrebbe avere tanto rilievo quanto il naufragio boquense.

Il lunedì, per concludere, è stato significativo soprattutto in chiave salvezza. Svanito nel finale il sogno del Banfield di affiancare l’Olimpo, colpa o merito a seconda dei punti di vista del pareggio del gol di Campora dell’Huracan, proprio quest’ultimo ha mosso la classifica al pari del Gimnasia. Il Lobo, però, ha saputo addirittura vincere: 2-1 sul Tigre grazie alla doppietta di Neira, balzato in testa a un’altra classifica, quella dei marcatori.

RISULTATI: Quilmes-Independiente 1-1, Godoy Cruz-Lanus 2-0, All Boys-Colon 0-2, Arsenal-River Plate 1-1, Newell’s-Argentinos 0-2, Velez-San Lorenzo SOSP., Racing-Estudiantes 0-1, Boca Juniors-Olimpo 0-2, Gimnasia LP-Tigre 2-1, Banfield-Huracan 2-2.

CLASSIFICA: Olimpo 13; Estudiantes e Racing 12; Banfield 11; Argentinos, Colon, Godoy Cruz e San Lorenzo* 10; River Plate 9; Arsenal, Gimnasia LP e Velez* 8; Huracan, Lanus e Tigre 7; Independiente 6; All Boys, Boca Juniors e Newell’s 4; Quilmes 1. (*una partita in meno).

DESCENSO: (ultime posizioni): 16) River Plate 1.227, 17) All Boys 1.200, 18) Huracan 1.170, 19) Gimnasia LP 1.120, 20) Quilmes 0.800.

CLASSIFICA MARCATORI (prime posizioni): T. Gutierrez (Racing), E. Maggiolo (Olimpo), E. Fuertes (Colon) e J. Neira (Gimnasia LP) 5; D. Valeri 4; D. Stracqualursi (Tigre), J. Menseguez (San Lorenzo), J. Campora (Huracan) e J. Achucarro (Banfield) 3.

 

 

 

 

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili