4C: Novara-Inter 3-1

Di artificiale al Piola di Novara resta solo l’erba, perché il tonfo dell’Inter di Gasperini, a questo punto l’ultima, è assolutamente reale. Il Ferguson di Grugliasco ha deciso di schiantare la squadra e se stesso con le proprie idee, varando per l’ennesima inutile volta un 3-4-3 senza arte né parte, con un unico calciatore nel suo ruolo: Julio Cesar, che ha evitato un passivo ancora più pesante dell’1-3 finale.
La partita ha detto poco dell’Inter e tanto del Novara fin dal fischio di avvio di Bergonzi, quando uno sconsiderato retropassaggio di Chivu ha rischiato di costare subito caro con Meggiorini che, prima dell’intervallo, ha comunque timbrato il vantaggio novarese facendo esplodere il Piola per il primo gol in Serie A dopo 55 anni. Gasperini ha scelto di tenere ancora in panca Pazzini per lanciare Castaignos come esterno: roba da inchiesta! Non a caso, per tutto il primo tempo, l’Inter si è vista solo per un paio di tiri da lontano di Sneijder.
Senza gioco, senza possesso palla né ripartenze, Gasperini è rinsavito nella ripresa, quando ha spedito in campo Pazzini e Obi. Sneijder però ha giocato avanzato non più di venti minuti, poi ha lasciato il posto a Zarate. Pazzini ha sfiorato il pareggio, ma dietro si sono aperte voragini con Julio Cesar rimasto l’ultimo baluardo davanti alle folate avversarie.
L’Inter è sprofondata quando Rigoni ha trasformato il rigore concesso da Bergonzi per fallo di Ranocchia, espulso, su Morimoto. Negli ultimi spiccioli Cambiasso ha accorciato con un esterno destro d’istinto ma Rigoni, ancora lui, su assist di Morimoto, ha triplicato mandando tutti a casa. Gasperini per primo.
Con un punto in tre partite, quattro sconfitte stagionali su cinque e una decina di gol incassati,  è impossibile non esonerare l’allenatore, che farebbe miglior figura a dimettersi. Spero almeno che domani le parti s’incontrino a metà strada con una rescissione consensuale. Ora nessuno tace le responsabilità della società e di un mercato in tono minore, ma qualsiasi Inter, anche la più rabberciata, avrebbe il dovere di avere ben altra classifica, sennò tanto valeva fare una squadra da media classifica. Se però insistere sulle deficienze societarie è sacrosanto, non va dimenticato che una squadra ha sempre un responsabile tecnico e che questo è stato fino ad oggi Gian Piero Gasperini. Malgrado le 53 primavere senza esperienza in un grande club, il mister si era presentato come allenatore moderno, tatticamente duttile e persino attento ai bisogni di società e squadra. Uno dei più grandi di sempre, Carlo Ancelotti, ha rivelato che è dovere di ogni buon allenatore essere collaborativo con società e squadra e capirne le esigenze. Gasperini invece si è rivelato più testardo di un mulo degli alpini e, vista la sua tenacia nel non cambiare idea ci sarà pure chi lo stimerà. Oggi invece l’intelligenza media, in qualunque campo della vita, impone confronti continui: le persone che valgono sono quelle che, quando sbagliano, hanno l’umiltà di cambiare idea. Giocarsi in tre mesi l’occasione più importante della carriera per i propri capricci tattici è proprio da fessi. Nessun rimpianto, quindi. Proprio nessuno. Gasperini, Gasperson ormai solo nei bar dello sport, continui pure a fare il Ferguson di provincia e a vivere come uno stilita sulla colonna della propria improbabile filosofia, manco fosse Kant. Le sconfitte a raffica dicono che ha torto marcio. E vedremo se con la zucca che si ritrova gli offriranno ancora la panchina di una grande prima della pensione.
Poi è ovvio che i problemi dell’Inter restano, ma sono certo che chiunque tenterà di risolverli lo farà nel modo in cui ci proverebbe ognuno di noi: toccando il meno possibile la squadra nel modulo e nei ruoli.
Da quando il campionato è a tre punti è la prima volta che l’Inter ha un misero punticino dopo tre partite e la terza in assoluto. L’ultima volta era accaduto nel 1983-84, gestione Radice e prima ancora nel 1935-36, ma in entrambi i casi a fine stagione i nerazzurri si piazzarono al quarto posto. Esistono altri due campionati in cui l’Inter, prima di oggi, non aveva vinto una partita nei primi 270 minuti del torneo: nel 1946-47 con 2 pareggi e una sconfitta e nel 1941-42 con 3 pareggi consecutivi. In entrambe le occasioni i nerazzurri chiusero a metà classifica. Stavolta l’esonero l’avrebbe fatto qualunque squadra, persino all’estero!

35 Commenti su 4C: Novara-Inter 3-1

  1. È uno dei pochi casi in cui la responsabilità della disfatta è da attribuire quasi esclusivamente all’allenatore. Giocatori fuori ruolo e scelte cervellotiche e senza senso dettate dalla stupida presunzione di essere un bravo allenatore. A casa

  2. bruno foschetti // 21 settembre 2011 a 06:50 // Rispondi

    Ciao GLR,ieri sera mi sembrava di essere ritornato indietro di qualche diecina d`anni ai tempi di Vampeta, Centofanti e Gresko per intenderci.Gasperini ha certamente molte colpe, ma non tutte,i Giocatori non sono dammeno,la Societa`ci ha messo del suo, e quindi tutti insieme hanno fatto la frittata.Adesso speriamo che non si agisca troppo
    precipitosamente, che si cerchi una soluzione duratura, con un tecnico di spessore, un Hiddink oppure Van Gaal, non Ranieri allora sarebbe meglio D. Rossi.In ogni modo peggio di cosi non si potra`fare.Solo che il tempo stringe non possiomo aspettare troppo.Rimango sempre ottimista. Viva l`Inter, sempre, Bruno

  3. Egregio,
    come non darti ragione.
    Comunque i responsabili sono tutti: dal presidente, ai dirigenti e x finire i giocatori.
    Ad ogni modo non si capisce una cosa di questa squadra e società: in questi anni si è sempre appreso dai media etc che l’inter ha il parco giovani + forti d’Italia, ma non si capisce perchè non vengono mai lanciati. Qui sorgono dubbi:
    1. i giovani non sono poi così forti
    2. non si ha le palle di lanciarli e scaricare gente logora
    Io sarò sempre lieto di dire grazie ai ns giocatori che ci hanno fatto vincere tutto, ma alla fine il calcio è come la vita: gli anni passano per tutti. Quindi il presidente doveva non prolungare certi contratti pesanti.
    abbiamo già perso 2 anni in cui potevamo già iniziare a costruire qualcosa.
    Alla fine abbiamo fatto gli stessi errori che ha fatto il Milan qualche anno fa e cioè di affidarsi alla vecchia guardia…..

    Ciao
    Alessio

  4. Ciao GlR, credo apparteniamo alla stessa categoria di tifoso, quella del non esonero degli allenatori ma, come per Benitez lo scorso anno ora si deve assolutamente mandare via Gasperini. Ovvio he le colpe non sono tutte sue ma, anche della societa che da un paio di stagioni, malgrado i successi dello scorso anno, manca completamente di programmazione. Va bene il fpf ma, non si puo sperare che ragazzi come alvarez o, castaignos cambino il volto alla squadra. Ora bisogna anche iniziare a ringraziare qualche senatore per quello che e stato e andare avanti. Il fatto comunque che ci si sia trovati in questa situazione fa capire che Moratti non si aspettava l’addio di leonardo e qualche sostituto ha rinunciato proprio per aver capito che si sarebbe andati al risparmio sul mercato. Se a tutto questo ci aggiungiamo un allenatore che pare aver dimenticato i fondamentali del calcio ecco che il gioco e fatto. Mi auguro solo che non prendano Ranieri e che Moratti si renda conto che quest’anno non era proprio caso di divenire il presidente piu attento al fpf d’europa anche perche sole le prime 3 squadre italiane vanno in champion.
    P.s mi scuso per gli accenti ma su questa tastiera non li trovo.

  5. Ciao GLR tantissimi auguri, beato che sei a Bora Bora, così non hai potuto vedere lo scempio di ieri sera. Qualcosa di tremendo non avevo parole, già vedendo la formazione iniziale ci avrei scomesso qualunque cifra che avremmo perso.Via subito Gasperini e a questo punto punto qualsiasi allenatore arrivi al suo posto peggio di così non può fare.
    Tante colpe comunque alla società, come giocava Gasp. si sapeva fin dall’inizio, un vero disastro. Sono veramente delusa e anche questa stagione oramai è compromessa. Un caro saluto

  6. Concordo pienamente . Basterebbe collocare gli uomini nel loro ruolo naturale mettersi con un bel 4 4 2 e, al di la del logorio fisico di alcuni giocatori, si eviterebbero figuracce come quelle di ieri sera permettondoci di fare un campionato dignitoso

  7. Che disastro e che tristezza,un Inter inguardabile erano ANNI che non si vedeva un inter così sfasciata.Ha ragione GL manca solo Julio in un altro ruolo e poi le ha provate tutte.Gasperini ha fallito, via subito.Ciao

  8. Massimo Inter // 21 settembre 2011 a 07:44 // Rispondi

    Ciao Gianluca e buone vacanze innanzitutto:alla Supercoppa, dopo quasi dieci minuti dopo il gol di Snejder dissi a mio cognato:”questa partita la perdiamo”.Ma solo perchè ho visto la mentatalità di mezza classifica della serie abbiamo segnato, tutti dietro e difendiamo il fortino.Cosa che con Mancini e Mou non ho MAI visto!Ho visto TUTTE le altre partite dell’ Inter e come dici tu, ne ho viste di tutti i colori.E non c’entra il modulo, le nazionali o altre cazzate:un mister che ha in mano la squadra da Luglio se dopo 60 giorni non ho parvenza di un minimo di squadra, vuol dire che non è quello giusto.Con questi giocatori che a maggio vinsero la Coppa Italia convincendo, mi aspettavo , nella peggiore delle ipotesi e con tutte le scuse possibili, tutti pareggi e invece vedo una squadra che gioca a casaccio, senza un minimo di spirito e determinazione.Non credo che sia questione di mangiallenatori:se uno sta lavorando male , è corretto sollevarlo e dare una scossa all’ambiente.E’ pazzesco:l’ Inter Campione del Mondo che ha una media da retrocessione!

  9. Ciao Gian Luca.
    Hai scelto il momento giusto per andartene ed ‘evitare’ di vedere l’inter. Il problema principale per me è Branca. Gli allenatori scelti da Lui (Benitez e Gasp…) sono stati mal digeriti dal Presidente con le conseguenze che sappiamo. Se non è Moratti ad innamorarsi non c’è futuro per qualsiasi Mister. E poi sembra che i giocatori abbiano 90 anni (cadauno…), corro di più io a 46 che loro 30. Perchè?

  10. Luca Lenzuolo // 21 settembre 2011 a 07:53 // Rispondi

    io ho visto buona parte della partita ieri e posso assicurare che non ho mai avuto il dispiacere di assistere ad uno spettacolo simile da parte dell’Inter… l’Inter di Castagner avrebbe fatto molto meglio (l’età non mi pemette di andare più indietro) e pure quella di Orrico. Gasperoni è in stato confusionale: ha piazzato Wes davanti alla difesa (non credo ci sia andato lui è successo in troppe circostanze), Lucio faceva quasi il centravanti, la difesa infilata in velocità… da incubo, Milito praticamente inesistente ingabbiato dalla difesa del Novara, Forlan non saprei definirlo ma quel che è peggio è la coppia di centrali… Zanetti se la cava ancora ma non può tirare la carretta per sempre e Cambiasso l’ho visto in affanno e impreciso, c’è stato poco filtro per la difesa. Ieri è stata una Caporetto adesso, come allora, sarebbe il caso di sostituire il Cadorna della situazione… poi si vedrà
    L.

  11. No Gianluca, non è colpa di Gasperini se in campo abbiamo 5-6 persone che camminano mentre i restanti sono semplicemente scarsi o mediocri. A lui magari si potrà imputare il fatto che ha cambiato troppe volte modulo e idee, mandando nel pallone totale e la squadra, e lui insieme a loro. Le prime crepe si vedevano già l’anno scorso, e sono state rattoppate qua e la dai 37 gol di Eto’o. La società, una volta venduto il suo campione, non ha avuto la forza ne la voglia di rivoluzionare la squadra nei reparti che servivano, cioè centrocampo (con un Cambiasso da museo delle cere) e difesa (Lucio ha preteso il biennale e poi si è messo a passeggiare per il campo, Samuel non si sa se tornerà quello di prima). Completa il quadro il fatto che il tesoretto di una ventina di milioni è stato utilizzato per acquistare gente come Alvarez, Jonatan, e attaccanti non funzionali al sistema di Gasperini come Forlan (sprecatissimo la sulla fascia) e Zarate. Buon proseguimento di vacanza, ti conviene restare in Polinesia, che qui con l’Inter sono tempi duri.

    • franco da Udine // 21 settembre 2011 a 12:28 // Rispondi

      Caro amico nerazzurro, non sono d’accordo. Ho pregato l’anno passato perché non fosse cacciato Guidolin dopo 5 sconfitte (ma in 4 partite avevamo avuto solo sfortuna), ma stavolta è troppo. ‘Sto qui me lo ricordo l’anno passato, quando contro l’Udinese a Marassi aveva giocato con la difesa alta a centrocampo, per mettere in fuorigioco DiNatale, Sanchez e Armero. Fini’ solo 2-4 perché mangiammo 5 gol, prendemmo due pali… Ti suona familiare? Gasperini sbaglia perché ritiene che il modulo vada oltre le persone che mette in campo, e questo da un lato 9 volte su 10 non funziona, dall’altro rende semplice spaccare lo spogliatoio in due. Se gli comprano Forlan è lui che non lo deve confinare sulla fascia; se hai Pazzo in panca e ce lo tieni per il 75% del tempo nelle gare giocate, poi pigli quattro sberle dal Palermo e tre dal Novara (NOVARA!), fai la cortesia di andare in sala stampa, dire che hai sbagliato tutto e togliere il disturbo. Punto.
      Ieri la gara me la sono vista anch’io, il Novara ha giocato una gara onesta, ma gli interisti in campo erano veramente Inter-tristi. Castaignos dopo aver sbagliato un aggancio ha guardato la panca con il terrore negli occhi, Snejider non ha neanche visto la gara dalla panca, Milito pareva il centravanti di una squadra di vecchie glorie… Saranno mica tutti imbrocchiti di colpo???
      Comunque questo fantagenio è stata una scelta di ripiego. Dopo 5-6 no, hanno preso il primo che ha accettato.
      Portami una conchiglia, ‘uagliò!

  12. Massimiliano // 21 settembre 2011 a 08:41 // Rispondi

    Ma l’allenatore chi lo ha scelto ?
    Ma il mercato chi lo ha fatto?
    Ma della mafia argentina nello spogliatoio che fa il bello e il cattivo tempo ne vogliamo parlare?

    • Le mafie nelle squadre che fanno i cicli esistono fin dagli anni ’60. D’accordo su tutto: Moratti ha il braccino corto, i dirigenti sono tutti da cambiare e il mercato fa schfio. Tutto questo lo diamo per assodato da due anni, ma bisogna concentrarsi sul problema del momento: non esiste al mondo, ripeto al mondo, perdere secco col Novara e continuare a farsi del male con cambi di ruoli e moduli che qualunque persona dotata di intelligenza, anche medio-bassa, non farebbe mai in un momento come questo a una squadra come l’Inter. Se Gasperini ha scelto di immolarsi per le sua filosofia (avessi detto…) lo faccia lontano da qui. Che l’Inter sia un casino è risaputo, ma piantiamola di assolvere per diritto divino quelli che sono preposti a mandare in campo una squadra che dev’essere almeno decente. Benitez non trova più la panchina di una grande ma, prima o poi , sono certo che riuscirà a riscattarsi, Gasperini invece la troverà quando io sarò in pensione.
      GLR

  13. Ma non è che il buon Leo aveva previsto tutto?
    Che la squadra fosse alla frutta e vedendo che Moratti non aveva intenzione di investire e rinnovare si sia trovato un occupazione ben remunerata abbandonando il “sogno” inter prima di vederlo trasformare in un incubo post-peperonata?
    Per il futuro sento che Branca avrebbe chiesto ai giocatori da chi preferiscono essere allenati???
    A quando il sondaggio dei tifosi su chi vogliono come direttore sportivo???
    Credo comunque che Ranieri sia il piu adatto, visti i trascorsi alla Roma, piazza calda come quella di milano

  14. Roberto Scibe // 21 settembre 2011 a 08:57 // Rispondi

    Gianluca,
    come sempre dimostri di essere UNA SPANNA AVANTI RISPETTO A TUTTI NOI.
    Hai scelto il momento migliore per sposarti!
    infatti:
    1) sposarsi è sempre un’idea bellissima
    2) il viaggio di nozze a settembre è una meraviglia, spendi la metà, c’è 1/4 della gente e ti godi la vita
    3) stai evitando di vedere DA VICINO il periodo più buio della storia dell’INTER, almeno da quando la seguo io (che ho 37 anni) …
    SEI UN GRANDE!
    R

  15. Federico Campigli // 21 settembre 2011 a 09:14 // Rispondi

    Ieri abbiamo assistito alla peggior Inter degli ultimi anni e sinceramente le colpe sono per la maggior parte della società che ha preso un allenatore ottuso che dopo 3 sconfitte va in conferenza a dire che l’Inter ha altre caratteristiche e non può giocare con il 3-4-3…ma davvero?
    E poi se prendi Gasperini almeno cerca di prendere giocatori funzionali al suo tipo di gioco, invece si è andati nella direzione opposta ed i risultati adesso sono sotto gli occhi di tutti.
    Concludo dicendo che spero sia soltanto una questione di fiducia e di un modo di giocare non congeniale, perchè se i ritmi che certi giocatori hanno in questo momento sono questi allora ci aspetta veramente un anno calcistico molto triste…
    Eto’o ha tenuto a galla l’Inter lo scorso anno, quest’anno ci sarà qualcuno in grado di farlo?

  16. luciano tufano // 21 settembre 2011 a 09:18 // Rispondi

    penso che aldilà dei demeriti del gasp ormai conclamati,stiamo assistendo al crepuscolo degli dei,cioè di giocatori come il cuchu e pupi che non hanno pù la tenuta atletica di un tempo,ormai usurati da mille battaglie e di una campagna acquisti non adeguata

  17. Ha cambiato 54 moduli in 70 minuti…Ma Gasperini pensa di avere a che fare con 11 premi nobel o 11 giocatori di calcio?
    Io quando vado a correre riesco a ricordare a fatica la strada di casa per la nebbia che ho nel cervello..
    ciao Gianluca,
    Andrea da Brescia

  18. Un “talebano” degli schemi e della difesa a tre (in tutta Europa usata in due-tre squadre al massimo, Napoli compreso), che non rivede le sue posizioni! Comunque la cosa peggiore della serata sono state le dichiarazioni post partita di gasperini. Questi è giunto ad affermare che l’Inter (squadra campione del mondo in carica!), non può essere una squadra offensiva (sic !)… “non è nelle sue caratteristiche”. Dopo sei anni che spadroneggia su tutti i campi italiani, non certo in contropiede, se ne accorge adesso? Ennesimo tentativo di autogiustificazione!

  19. d’accordo su tutto, le colpe del Gasp erano così evidenti da farci sentire in imbarazzo per lui. Ma… a fronte di qualsiasi altra scelta, non sarebbe meglio ridimensionare i vari Cambiasso, Milito etc, che sembrano ormai NON collaborare più con NESSUNA soluzione tecnica?….

  20. Scusate se mi inserisco nella discussione per dire solamente che preso atto della crisi dell’Inter e del suo allenatore, non sminuiamo però l’impresa del Novara!!! Grazie ancora ragazzi mai avrei pensato a un debutto così in serie A 55 anni dopo!! Forza Novara!!

  21. Gasperini inadeguato e come Benitez convinto di aver inventato lui il calcio, con risultati immondi da vedere.
    Serve Ranieri, esperto, tranquillo, sicuro, non vincente, ma non ci farà vivere un anno da incubo. Potremmo finire 4°-5° (e non decimi-dodicesimi come con Gasperini) e passare turno di CL, poi si vedrà.
    Cmq calma e rimettere gli uomini al loro posto: Cambiasso davanti alla difesa con buon senso della posizione può servire e non in mezzo al campo a farsi prendere d’infilata da tutti; Zanetti terzino fisso o in panca; lucio e samuel (ranocchia e chivu in panca); torneranno poi maicon, motta, stankovic, poli per un miglior centrocampo; snejider dietro le punte pazzini e forlan (milito e zarate in panca) e soprattutto se possibile giocare 15-20 partite con gli stessi uomini.

  22. Un allenatore come Gasperini che viene all’INTER ha proporre il 3-4-3 senza avere nemmeno l’umiltà di cambiarlo definitivamente una volta visti i risultati, è una persona presuntuosa. Con la difesa a 3, che in Europa NESSUNA grande squadra usa, i difensori erano sempre sotto pressione, Sneijder era costretto a giocare fuori ruolo e Forlan era costretto a rientrare a centrocampo a prendere la palla. Quando il presidente e con lui tutti i tifosi e la stampa, ti fanno notare che certe cose non piacciono all’ambiente e tu continui sulla tua strada sbagliata, significa che all’Inter ti stai scavando la fossa da solo. La società avrà avuto tutte le colpe del mondo a non aver rimpiazzato degnamente Eto’o d’accordo, ma un allenatore che su 5 partite ufficiali ne perde 4 e ne pareggia 1 giocando obbrobriosamente, dovrebbe avere il buon gusto di auto sollevarsi dall’incarico. Ah un’altra cosa e concludo, non riesco a capire coloro che vorrebbero la testa di Branca, che colpa ha quell’uomo?
    Ciao Gian Luca.

  23. Mai come in questa occasione sono d’accordo con gianluca. Grandi le responsabilita’ della societa’ da 2 anni a questa parte e su questo non ci piove, ma gasperini ha fatto un tale casino in 3 mesi che non lo ricordavo in decenni di disfatte nerazzurre.
    Ultima considerazione, giusto per non tralasciare le responsabilita, per altro gia’ citate, della societa, ci rendiamo conto che l’acquisto piu’ costoso dell’inter di quest’anno e’ stato ALVAREZ 11 milioni!!!!!! qualcuno deve rispondere di questa cosa e difficilmente quest’anno, a prescindere dall’allenatore a venire avremmo da sorridere.
    forza inter

  24. Gasperini avrà le sue responsabilità ma, vorrei sapere, quali sono le idee della Direzione Tecnica dell’Inter? Era chiaro sin dall’inizio dello scorso anno che centrocampo e difesa andavano modificate. E’ vero, possiamo giustificare lo scorso anno (post Triplete) ma quest’anno no! Chi sono questi grandi “pensatori” dell’Inter? Non è questione di impegno e non è solo questione di tattiche e moduli: la benzina è finita!!!!!!!!!

  25. pasquale somenzi // 21 settembre 2011 a 12:48 // Rispondi

    probabilmente adesso che e’ arrivato l’esonero, a Lecce si mangeranno le mani per non aver giocato alla prima di campionato…
    pasquale.

  26. Claudioeffedeejay // 21 settembre 2011 a 12:55 // Rispondi

    La società ha fatto benissimo a esonerare il tecnico perché l’integralista lo puoi fare al Venaria, non all’Inter. Chiunque arrivi però adesso avrà una bella gatta da pelare. Qui è ora che il gruppo storico dei centrocampisti si assuma le proprie responsabilità. Se Moratti in 2 anni non ha preso un centrocampista coi galloni da titolare mi viene da pensare che abbia ricevuto precise garanzie dai vari Cambiasso e Stankovic, gente che per ora o cammina per il campo o sono sulla cyclette in palestra. Il nuovo allenatore dovrà cercare di fare quadrato e ottenere il massimo con quello che ha, che comunque non è poco. Non va però dimenticato che che a gennaio o al massimo a giugno questa squadra va ringiovanita e rinforzata. Che questa squadra fosse alla fine di un ciclo lo aveva già detto Mou, lo aveva ribadito Benitez e lo ha confermato Gasperini. Nascondersi sempre e solo dietro il tecnico o al FPF non è da Inter, anche perché entrambi gli alibi non ci sono più e non spendere per non andare in Champion’s è come tagliarsi le balle per fare un dispetto alla moglie.

  27. ciao GLR
    ma si può sapere chi ha scelto Gasperini??? forse è la stessa persona che non si è accorta che Forlan non può giocare in champ?
    tante colpe ha l’allenatore, ma come paga lui io farei pagare anche a qualche dirigente!
    nessuno all’inter ha mai colpe? sono tutti bravi???
    non credo proprio!!!

  28. Mitico Gian Luca!!!
    Connessione lenta a Bora-Bora… l’Inter a Novara era molto più lenta della tua connessione, e la bora (minuscolo) novarese che in un colpo solo ha spazzato i tentennamenti di Moratti, l’Inter e Gasperini è capitata come il cacio sui maccheroni…
    Da domani Ranieri, a quanto pare. Arriva sempre secondo? Meglio, così si va in Champions diretti; continuando così invece si finiva diretti in serie B! 😀
    Ciao
    Roberto

  29. Ciao Gianluca, Ma beato te che sei in Polinesia!!!!!!!!! e non potevi scegliere periodo migliore perche’ un inter cosi’ brutta, e non aggiungo altro, non se la ricorda nessuno…comunque cosa dire dell ex allenatore Gasperini??? Semplicemente presuntuoso…presuntuoso al punto che non ha capito che ci sono giocatori non in forma (molti hanno iniziato la preparazione dopo il 10 agosto) e per non far fare brutte figure a loro ed alla squadra erano necessari alcune accorgimenti tattici..sembrerebbe un concetto facile ma evidentemente di difficile comprensione per il presuntuoso Gasperini…meglio cosi’…chi arrivera’ ( si parla di Ranieri) fara’ bene magari partendo dalla difesa e ……poi chi vivra’ sapra’…

  30. egregio,
    come darti torto.
    dopo l’esordio con il palermo,fuori dal bar con gli amici dicevo :speriamo che gasp non si metta in testa di fare il fenomeno.la squadra è forte,basta metterla in campo con un minimo di senso e inserire i nuovi acquisti.non saremo quelli della tripletta ma siamo sempre l’inter.
    come non detto.
    e quindi ,nonostante io sia contrario a cambi in corsa,ottimo l’esonero.
    a posteriori possiamo dire che è stata sbagliata la scelta dell’allenatore che ,di fronte all’impegno, ha fallito
    saluti

  31. Sono stato tra i pochi a difendere a spada tratta Benitez fino alla fine, convinto che cambiare allenatore in corsa non sia mai costruttivo . Poi abbiamo visto come è andata e ho dovuto ricredermi. Questa volta dico: esonero sacrosanto e forse anche tardivo, dal momento che uno incompetente e testardo come Gasperini non merita di allenare neanche una squadra di subbuteo.
    Il problema è che all’orizzonte un altro Leonardo, purtroppo, non si intravvede.
    Temo che andremo a cadere nell’unica soluzione possibile, Ranieri, un uomo da troppo tempo sull’orlo di una crisi di nervi, perfetto per demolire quel poco di buono che forse ancora esiste nel nostro spogliatoio. L’uomo sbagliato al momento sbagliato.
    Che gli dei del pallone ci assistano!!!
    Saluti.
    Claudio

  32. è meglio guardare oltre, e non si puo’ fare altro. Veramente dispiaciuto per Gasperini, il quale non è pronto per una grande squadra, e questo puo’ essere. il suo operato è stato peraltro mortificato da giocatori mediocri spacciati per grandi campioni, tali obi, alvarez, forlan, zarate e jonathan. i progetti dipendono un po’ anche dalla voglia e dalle intenzioni di investire,e bene o male in questi ultimi anni gli acquisti di livello hanno facilitato il raggiungimento di determinati obiettivi. ad oggi si puo’ dire che il minestrone che ne esce è il risultato dell’impiego di determinati ingredienti, certo se si è preso ingredienti di seconda fascia non ci si puo’ sorprendere se il minestrone non è buono. (mi viene in mente or ora un comizio di mourinho quando parlava di uova e homelets)

  33. Al Piola c’ero, sono di Novara e il risultato è stato non solo giusto, ma sacrosanto. A fine gara, ai miei vicini tutti antiinteristi, pur essendo stato contento della vittoria del Novara al quale sono abbonato da tanti anni, ma essendo pure interista, ho detto che quella che il Novara aveva battuto non era l’Inter, ma il Gozzano, squadra dilettantistica di un paese fuori Novara.

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili