RitSFCI: Fiorentina-Inter 0-1

A Firenze, nel retour-match della semifinale di Coppa Italia l’Inter bissa l’1-0 dell’andata e ritrova la finale. Sapete che ci danno tutti per moribondi e quindi ben venga la finale nel trofeo meno prestigioso tra i tre, a dimostrazione che questa squadra, comunque andrà a finire la stagione, vuole giocarsi tutto fino all’ultimo. Fatemi però far subito i complimenti ai teorici del ‘biscotto’ tra Inter e Fiorentina, secondo i quali i nerazzurri avrebbero dovuto aver via libera in campionato sabato scorso per poi lasciare ai viola la finale di Coppa Italia. E’ accaduto esattamente il contrario e, malgrado l’inversione dei risultati avrebbe fatto piacere a qualsiasi interista, garantendo comunque la finale di Coppa Italia, non si può aver tutto, ma si proverà comunque ad avere tutto. Io la coccarda l’ho sempre amata e la teorica possibilità di vestirne un’altra mi garba parecchio. Intanto l’unica riflessione che mi viene sui ‘biscottari’ è assai religiosa: santo il mio Dio, santa la mia Madonna e santi tutti gli Angeli in colonna, ma quanti idioti circolano su questa Terra? Torno alla gara ch’è meglio, diretta senza problemi da Rizzoli e vinta con intelligenza dall’Inter, con il modulo più difensivista della stagione, soprattutto una volta trovato il gol dopo poco più di dieci minuti di ripresa con Eto’o splendidamente liberato davanti a Frey da Thiago Motta. Mourinho era conscio della delicatezza del momento e della necessità, soprattutto psicologica, di vincere questa gara. Per questo non ha mai sbilanciato in avanti la squadra e ha fatto riposare qualche titolare. Per questo ha tenuto quasi per mano i suoi in ogni minuto della gara, incoraggiando chi di questi tempi ne ha più bisogno, come Chivu, tornato su buoni livelli, e Balotelli, autore di una prova matura. E, in una circostanza, è arrivato perfino a negare il soccorso del medico sociale a Thiago Motta, che ha piedi deliziosi ma talvolta pure il vizietto di stramazzare al suolo nel momento sbagliato. I viola sono stati pericolosi solo nel primo tempo, ma Lucio e Chivu hanno ben protetto Julio Cesar, che di questi tempi non ha difficoltà a prendere gol. A me, ancora una volta, la squadra è sembrata in ottime condizioni psico-fisiche, ma più lo scrivo e più vedo in campionato risultati insufficienti. Attendo allora ulteriori verifiche, a cominciare da venerdì prossimo in Inter-Juventus, partita da vincere per un immediato controsorpasso nel caso che la Lazio poi non perda il derby.

60 Commenti su RitSFCI: Fiorentina-Inter 0-1

  1. io tengo a questa coppa per un solo motivo andare all olimpico e vincerla in faccia a ranieri ,il perdente piu’ perdente della storia del calcio e state sicuri che in queste 5 partite fara’ meno di 8 punti!!!

    • Speriamo che la nomea di perdente non venga contraddetta questa volta…io cin andrei piano, la Roma ci ha superati e noi adesso siamo dietro, possono perderlo solo loro.

  2. bene..e la prima finale è raggiunta! Ora sotto a chi tocca,juve e barca! Anche oggi abbiamo dimostrato di stare bene e di essere pronti per il rush finale..e vada come vada! Straordinario eto’o:quando gioca punta centrale non sbaglia un colpo, un campione vero pronto a tornare a fare il terzino già dalla prossima per lasciare posto al principe.

  3. Ciao Gian Luca, contentissimo per aver raggiunto la finale della sempre simpatica (per dirla alla Moratti) coppa Italia, rifletto sui due moduli totalmente diversi utilizzati dal Mou contro la stessa squadra nel giro di tre giorni.
    Visto che sabato con il 4-2-4 abbiamo sofferto moltissimo e lasciato spazi agli avversari e oggi con una tattica più di contenimento abbiamo faticato molto meno. Cordiali saluti, Michele

  4. Luca Milano // 13 aprile 2010 a 23:06 // Rispondi

    Ciao,
    grande la prova di forza dimostrata oggi, anche se, forse, nel primo tempo si son presi troppi cartellini rispetto ai falli fatti.
    Comunque nella seconda parte della gara la Fiorentina si è sciolta e tutto è stato più facile.
    Unico rammarico il pensiero che forse il modulo a “coperta di lana” ci avrebbe dato qualche punto in più in campionato, facendo riposare inoltre alcuni giocatori di punta. Di certo penso che il modulo con molte punte, alla lunga, sia davvero controproducente in campionato, per l’anno prossimo forse è meglio pensare a nuove alternative. Mettendo però i tatticismi di cui sopra alle spalle: una certezza è ormai l’estrema maturità e professionalità di una squadra che non può più dirsi bambina – davvero grandi atleti con la testa sulle spalle.
    Forza INTER !!! Ciao

  5. D’accordo, GLR…
    Era la “competisione menu importanci”, ma da che dovevamo essere buttati fuori a pedate perchè in crisi… intanto in finale ci siamo andati. E anche con assoluta padronanza e controllo della partita, direi… Peccato però, perchè l’inversione dei risultati di sabato e di oggi ci qualificava lo stesso e ci avrebbe lasciato in testa, ma prendiamo questo (per me momentaneo) secondo posto come il necessario purgatorio per andare in un’altra finale, “un po’ più importante”. Anche con 0-0 qua e 1-1 là (Milan 2003 docet), se occorre! Due cose per chiudere…
    La prima: dimmi, ti prego, che non è vero che il Milan avrebbe chiesto a Maldini di tornare in campo per gli ultimi mesi della stagione… Presto!!! Allertate Mazzola e Altobelli: potrebbero servire, con tutti questi impegni ravvicinati… 😀
    La seconda: evidentemente Firenze ispira agli olandesi un loro saluto tipico, che si esegue mettendo una mano nell’incavo del gomito dell’altro braccio piegato ad angolo retto. So benissimo che tu non ami la dietrologia, Gian Luca: però ammetterai che se Huntelaar l’ha fatta franca, mi aspetto il medesimo trattamento per Snejider. O lui verrà squalificato perchè gioca nell’Inter? Un caro saluto
    Roberto

    • Niente. Non c’è verso. Riuscire a parlare della propria squadra, magari con un contributo di idee un filo interessanti, senza tirare in ballo le solite dietrologie è proprio impossibile. Anche dopo una finale appena conquistata. Poi mi chiedono se non sono un illuso a sperare in un blog diverso da tutti gli altri. In effetti, sono un illuso.
      GLR

      • franco banear // 14 aprile 2010 a 08:07 // Rispondi

        Dimmi che illusione non èèèèèèèè…
        Buona gara dei Tuoi ragazzi, dovreste essere contentissimi di avere conquistato la prima finale dell’anno con una gara da “grande squadra”, spendendo pochissime energie. Rapporto qualità/prezzo simile ai miei vini. Altissimo.
        Unica nota che mi permetto di sottolineare è come la qualità dell’Inter sia vagamente troppo elevata per il mio amico Sulley… L’Udinese era appena appena la sua dimensione.

      • Lei ha scritto: “poi mi chiedono se non sono un illuso a sperare in un blog diverso da tutti gli altri”
        secondo me lei non è un illuso, è solo una persona per bene (anche se a volte non sono in accordo con lei). Ah dimenticavo, sono milanista ma apprezzo il suo lavoro. E le dico la verità, non vedo l’ora che si possa tornare a parlare solo di calcio, formazioni, tecnica e tattica e magari sfotterci per benino. Lei tenga aperto il forum perchè anche non scrivendoci quasi mai è carino venire a leggerlo
        Saluti
        Luca

  6. Roberto Scib // 13 aprile 2010 a 23:56 // Rispondi

    Due considerazioni:
    Primo. Vittoria buona per il morale. abbiamo vinto in trasferta, contro una squadra forte, senza mai rischiare, facendo riposare – chi più chi meno – mezza squadra (Milito, Eto’, Balotelli, Sneijder, Cambiasso, Samuel).
    Secondo. Ottimo allenamento tattico, con prove tecniche di squadra che – oltre a saper attaccare bene con 4 uomini davanti – dimostra di saper difendere altrettaneto bene con 5 uomini dietro. Nelle prossime 5 partite potranno servirci entrambe le cose.
    Col Barca ci servirà sopratutto tanto cu .. , ma francamente, sarebbe anche ora che un po’ di fortuna guardasse dalla nostra parte.

  7. marco carta // 14 aprile 2010 a 00:16 // Rispondi

    peppe stiamo calmi col dire che la roma fara’ 8 punti in 5 partite ricordiamoci che a questo punto i favoriti sono loro se passano il derby poi hanno squadre che non hanno piu’ nulla da dire io non sono piu’ ottimista come prima e poi perche’ mourinho non parla piu’ a fine partita, questa cosa mi puzza, e’ da parecchio tempo che hanno intrapreso questa strada, qualcuno mi spieghi il perche’

    • Solo perchè il giornalismo italiano gli fa complessivamente schifo e io, malgrado faccia parte a pieno titolo della categoria, lo capisco più di quanto dovrei. Con i colleghi stranieri parla per ore e pure col sorriso sulle labbra. Perfino di Balotelli. Cercati qualche intervista in inglese o portoghese su youtube!
      GLR

      • Caro Gianluca,
        questa è una grossa verità, il nostro mister non sopporta la gente modello Lauro e batteria varia con il loro vittimismo e il non senso del giornalismo. Josè è diretto e concreto e questo approccio non è apprezzato dai tuoi colleghi, evidentemente in Italia si preferisce rimanere in superficie con interviste scontate e senza “verve; a Josè questo gioco non interessa per cui avanti Ranieri it’s up to you……..

  8. marco ferrara // 14 aprile 2010 a 00:31 // Rispondi

    Ciao Gian Luca, ottima partita giocata stasera dai ragazzi e finale di coppa italia raggiunta, bene così!! Io infatti anche a questa competizione tengo molto ed é bello andarsela a giocare fino in fondo invece di snobarla!! Era importante oggi superare la fiorentina per due motivi: in palio c’era ovviamente la finale, e bisognava dare un segnale forte a tutti, la squadra c’é ed é anche abbastanza in forma nonostante il parere contrario di alcuni. La prestazione di oggi fa capire come in italia, soprattutto in trasferta si deve giocare in maniera più accorta; in champions infatti affrontando squadre che giocano un calcio offensivo, i tre attacanti più sneijder vanno bene (e i risultati si vedono), in italia invece dove si é maestri della tattica si va in difficoltà (nel girone di ritorno fuori casa si é vinto solo a udine)!! Dopo tutto negli anni passati in campionato si é vinto giocando prevalentemente con il “rombo”, a testimonianza come con “solo” due punte ed un trequartista si possa tranquillamente vincere!! Interessante vedere maicon sulla linea dei centrocampisti con cordoba dietro a coprirgli le spalle (lo ha fatto anche guardiola contro il real con alves sulla linea mediana davanti a puyol spostato terzino destro proprio come il colombiano). Non mi stupirei se tale disposizione tattica, magari con cambiasso al posto di muntari insieme a sneijder e a uno tra motta e stankovic con zanetti nel ruolo di chivu (per arginare meglio messi), venisse ripresentata contro il barca, in particolare al camp nou!! Intanto aspettando la prossima (importantissima) partita ti abbraccio e…..SEMPRE FORZA INTER!! Marco

  9. ottima gara dei ragazzi…per concentrazione e soprattutto per aver vinto senza spendere troppe energie…e soprattutto complimenti al professionismo straordinario di samuel eto’o il quale dopo aver vinto tutto quello che si poteva vincere con il barca viene a milano,s mette a completa disposizione di squadra e mister,fa il terzino quando necessario,la butta sempre dentro nn appena gioca attaccante,nn fa mai una polemica,mai una dichiarazione fuori luogo,e dire che al barca dicevano che aveva un caratteraccio…

  10. L’Inter gioca su tutti e 3 i fronti, ma, facendo un discorso oggettivo:
    La champions è difficilissima poichè, per quanto l’Inter sia cresciuta e sia veramente forte, il Barcellona è una delle squadre più forti di tutti i tempi e attraversa un periodo di forma stratosferico.
    Il campionato, a causa di una serie di idiozie dell’Inter e a causa di alcune avversioni della sorte (rigori sì, rigori no, pali, traverse etc.) non dipende più dall’Inter, ma dalla Roma. Molto importante la Coppa Italia a questo punto, perchè può salvare una stagione potenzialmente formidabile, che, tuttavia, corre il grosso rischio degli “zero titoli”.
    Più pragmaticamente si può dire che la semifinale di Champions vale molti milioni di euro, quindi è una vittoria di per se stessa.
    Il mercato dell’Inter negli ultimi anni è stato ottimo, quest’anno in pochi possono far fare il salto di qualità, il primo tra questi è Gerrard.
    Balotelli via solo per un un’offera super (minimo 35-40 milioni subito investibili per Gerrard, Fabregas, Robben, Vidic insomma un fenomeno, altrimenti resta anche a pane e acqua, non si calmerà ma è forte anche da esagitato.).
    Saluti, buon finale di stagione a tutti.

    • Certo, a Liverpool non vedono l’ora di cedere Gerrard!
      GLR

      • franco banear // 14 aprile 2010 a 09:46 // Rispondi

        Gerrard ha già firmato con l’Udinese. In cambio 3 milioni + Corradi, Geijo e metà Domizzi.
        La signora Carmela Gerrard ha già trovato casa a Pantianicco.

      • Caro GLR ,su Gerrard hai poco da fare lo spiritoso…io stessa ieri pom ho visto un servizio intero dedicato alla “notizia” clamorosa e come vedi c’è sempre un luccio pronto ad abboccare all’amo.E’ necessario fare della controinformazione ed avvisare la gente che i giornalisti non sono messia ma poveri diavoli che per campare devono diffondere e vendere notizie farlocche….
        p.s prendersela con chi ci crede non è bello e soprattutto non è giusto!

        • Ma Gerrad viene via perché l’Inter lo gira al Barcellona per avere Messi. Lo sanno tutti. E con conguaglio economico per noi. Che i giornalisti siano poveri diavoli costretti a campare è nuova. Pensavo che la gente così si svegliasse alle 5 del mattino per andare in altoforno. Ribadisco: non si può prendere per oro colato tutto quello che si legge o si dice. Ogni giorno c’è da fare un giornale e una trasmissione. Un po’ è pure colpa vostra, in senso buono: leggeste meno giornali sportivi o guardaste meno Tv, si farebbe meno fuffa. Parlo contro il mio interesse. Ma con grande umiltà vi ribadisco quello che diceva sempre più nonno a proposito della Tv: “san pù se inventà per ciapà per il nas la gent” ossia non sanno più che inventarsi per prendere per il naso la gente. E lo diceva già nei primi anni ’70! Sarebbe bello che tutti ci prendessimo un po’ meno sul serio, ma è dura…
          GLR

          • Non ho detto che Gerrard verrà ineluttabilmente all’Inter. Ho detto che vale la pena spendere soldi solo per un fenomeno e che Gerrard è il mio preferito, dopodichè Ranocchia va benissimo e Veloso è un buonissimo centrocampista. Secondo me si sottovaluta l’appeal di Mourinho a livello internazionale, sempre che non se ne vada.

      • Scusate se mi intrometto, ma leggendo delle varie “castronate” del calcio mercato oggi ho letto un titolo che mi ha fatto piegare in 2 dalle risate (anche se in realtà dovrei piangere) “Juve, 200 milioni per lo scudetto”. Sì, ma in quanti anni?…..

        • Beh, per averceli, li hanno. Dipende se vogliono spenderli: a quel che di dice, sarebbero già troppi 100 milioni di lire. Ma se li spendono sono contento. Più le squadre sono forti, più ci si diverte quando si vince. Credo che battere l’Inter attuale sia una soddisfazione per chiunque.
          GLR

  11. dalla prova di ieri sera sono confermato nella convinzione che in italia giocare con centrocampo robusto, con uno dai piedi buoni (ieri motta) e gente tosta (ieri zanetti e muntari, poi cambiasso e mariga) paga molto di più che le tre punte e sneijder. non capisco perchè mou si è ostinato con un modulo che secondo me ci ha fatto perdere punti e che andrebbe utilizzato in qualche occasione particolare (a chelsea andava bene perchè li ha intimoriti, ma in italia non serve).
    bella l’idea di maicon a metà, con dietro cordoba.
    una provocazione (per far arrabbiare GLR :-))): a volte mi sembra che sneijder sia la bella copia di recoba, con molta più corsa naturalmente……….ma a parte qualche gol su punizione e qualche assist, cose che ha fatto anche il chino, ho come l’impressione che quando c’è lui siamo costretti a passare sempre da lui, mentre quando non c’è siamo meno isterici e più solidi.

    • Non mi arrabbio mai con i matti. Gli consiglio un buon medico.
      GLR

    • Roberto Scib // 14 aprile 2010 a 08:56 // Rispondi

      Caro Salo,
      Sneijder come Recoba ….
      Effettivamente anche Maicon è un po’ come Centofanti, Eto’ come Maurizio Ganz, Cambiasso come ciccio Dell’Anno, Lucio come Gianluca Festa, Chivu come Gresko…
      In fondo, se allarghiamo il campo ai giocatori di altre squadre, anche Morfeo era un po’ come Kakà, Benny Carbone era un po’ come Maradona e Reginaldo ha esattamente le movenze di Pelè.
      Chi è il tuo Pusher?

  12. Alessia Cattaneo // 14 aprile 2010 a 07:59 // Rispondi

    Ciao!
    Felicissima per la finale raggiunta e l’assist di un Thiago Motta ritrovato!
    ETO’O UOMO DEL MARTEDI’! Tornare al rombo domenica per sollevare gli attaccanti dal super lavoro, per riproporlo martedì contro il Barca. Alessia

  13. Obbligati a vincere.
    Ieri a fine partite c’era una moderata soddisfazione, questa è una maledizione.
    Si è creata un’aurea di imbattibilità intorno all’Inter, se vinciamo tutto è normale e se perdiamo è un disastro. Non funziona così, avete mai giocato a calcio?

  14. Ciao GianLuca. Mi riallaccio a quanto tu dici sul modulo difensivo.
    Non sarebbe meglio, solo per il campionato, tornare ad un po’ più coperto e razionale rombo? Spesso, come è capitato nel 1° tempo a Firenze sabato scorso, se i due 3quartisti più esterni sono un po’ sulle gambe e non rientrano tempestivamente, i due incontristi vanno in affanno e ci esponiamo ai contropiede avversari. Inoltre si farebbe meno confusione in attacco dove spesso agiamo troppo per vie centrali e dove siamo così in molti, senza allargare il gioco sulle fasce. In Champions, competizione in cui la qualità è fondamentale, invece il modulo va bene perchè due 3quartisti esterni dai piedi buoni, tornando a supportare la manovra di centrocampo, aiutano a sopperire alla cronica carenza di piedi buoni del nostro reparto più debole.
    Cosa ne pensi? Ciao, Marco.
    P.S.: Ho fatto il classico e adoro il congiuntivo!

    • marco ferrara // 14 aprile 2010 a 14:10 // Rispondi

      Ciao Marco, mi trovi totalmente d’accordo con la tua analisi tattica! Non si può sempre giocare con le tre punte quando poi due di queste giocano fuori ruolo; mi riferisco ad eto’o (il suo ruolo naturale é quello di prima punta), e a pandev (che può essere al massimo considerato una seconda punta ma non certamente un esterno). Proprio le caratteristiche naturali dei tre portano (come dici tu) ad accentrare troppo il gioco e a mandare in crisi il centrocampo! In europa (l’ho scritto anche nel mio post), per delle singole partite tutti possono essere disposti a sacrificarsi (quante volte abbiamo visto eto’o tornare indietro a fare quasi il terzino) e infatti i risultati sono stati finora ottimi, ma nel lungo periodo giocare sempre con questo schieramento se non si hanno gli uomini adatti comporta molta fatica non ottenendo sempre (come ahinoi stiamo vedendo, anche se siamo ancora per tutto in ballo) i risultati sperati!! Un saluto a te e ovviamente a gian luca!! Marco

      • Ciao, Marco! (e naturalmente GLR)
        Ho letto solo ora la tua risposta al mio commento. Credo abbiamo entrambi centrato il nocciolo tattico della questione (la Roma di Spalletti nel recente passato ha vinto quasi “zero tituli” anche perchè tutti arrivano spompatissimi alla meta proprio con quel modulo, oltre al fatto, ovviamente, d’avere noi come avversari). Purtroppo ho letto stamane recandomi al lavoro che MOU sia orientato a confermare il modulo “Champions” contro la Juventus. Speriamo si ravveda! Sono per un rombo, con Eto’o più centrale perche Milito è molto stanco e ultimamente sbaglia molto. Fatto, questo, che non ci possiamo assolutamente permettere a questo cruciale momento della stagione! Ciao e a presto per altri commenti. Marco.

  15. Ottimo match dei ragazzi,senza rischiare quasi nulla,sprecando poche energie e facendo riposare diversi giocatori obiettivo raggiunto senza problemi.Finale a Roma il 5 Maggio,chissà se stavolta questa data ci regalerà una gioia…A proposito dei teorici del biscotto,ora qualcuno ha avuto anche il coraggio di dire:-Se non se ne parlava vedevi che lo facevano davvero!:-Senza parole…E poi ci si sorprende se Mou non parla piu’, temo proprio che a fine stagione,schifato dall’Italia,se ne andrà e non c’è da dargli torto…Speriamo solo che i nostri magnifici ragazzi lo convincano a restare con noi per dare continuità a un progetto che,a prescindere dai risultati che verranno,ha sicuramente cambiato mentalità a questa squadra.

  16. ditemi dove devo fIrmare e io firmo: una stagione competitiva su tre fronti ad aprile inoltrato non me la ricordo a memoria personale (ho quasi 40 anni). poi si vince, si perde. Non era scritto da nessuna parte che l’inter DOVESSE PER FORZA vincere lo scudetto e se abbiamo fatto un girone di andata molto, molto buono si deve dare atto alla Roma di averne fatto uno altrettanto buono al ritorno, favorito anche dalla scarsa salute di Totti che ha liberato il talento cristallino di Vucinic, mai così decisivo come quest’anno. Totti sarà molto utile ai giallorossi nelle ultime partite di questa stagione: fresco e motivato, soprattutto motivante.
    Però io continuo a non vedere un’inter cotta. E questo a fronte di una rosa nei fatti ristretta: non mi stupirebbe che si sia pagato, in termini di punti, il richiamo di preparazione tra andata e ritorno. Però corriamo ancora, non si cammina. Io ricordo finali di stagione in bollimento totale con palla a Ibra e il resto tutti dietro la linea della palla. Non è questo il caso. si vincerà? bene. non si vincerà? si vincerà l’anno prossimo. indipendentemente da allenatore e balotelli. perché mou ha ragione quando dice che comunque questa squadra, con lui, ha imparato ad essere squadra nel senso più vero del termine. spero che questa capacità sia entrata nel DNA dell’inter in modo da procedere nel tempo con i dovuti ricambi non tanto per rinforzare la rosa in senso assoluto, ma per renderla ancora più compatta. Se esce snejider e entra stankovic è un conto. se esce cambiasso ed entra muntari… siamo meno competitivi. sono contento di avere visto Maicon sulla mediana. Non trascurerei uno spostamento effettivo in mediana di maicon con il capitano terzino destro. il brasiliano potrebbe correre un po’ meno ed essere anche meno preoccupato della fase difensiva, che è il compito in cui è meno forte. del resto maicon salta l’uomo molto più di quanto non faccia l’evanescente quaresma e ha i tempi e la potenza per inserirsi in attacco. figurati che non mi dispiacerebbe vederlo esterno avanzato nel 4231… a chi dice che mou non dovrebbe giocare troppo sbilanciato in avanti rispondo che Mou fa di necessità virtù. e tiene bassi gli esterni perché eto’o, pandev e balotelli hanno piedi molto buoni e anche se sono adattati come esterni mi pare che facciano il lavoro molto, molto bene

  17. emanuele L // 14 aprile 2010 a 09:59 // Rispondi

    La partita di ieri ha offerto due spunti interessanti di formazione secondo me: il primo tempo è passato alle cronache come un esercizio di turnover, però secondo me la scelta di Maicon a centrocampo è qualcosa di più… Sarà un esperimento per contrastare l’uso spasmodico delle fasce che fa il barça al Camp Nou? Nella seconda frazione abbiamo visto una difesa a 5 in fase di non possesso: sarà anch’esso un esperimento per la gara di San Siro con il barcellona? In fondo, l’unica squadra che ha messo in difficoltà Guardiola negli ultimi 2 anni è stata il Chelsea di Grant lo scorso anno a stamford bridge in cui propose una squadra tutt’altro che arrembante! Vi sembra follia? Adesso sotto con la Juve(venerdi in campo, non martedi in tribunale)!! saluti a tutti!
    Ps Tutti ci danno per spacciati,zeru tituli ecc : se invece VINCESSIMO TUTTO? io ci credo

    • affrontare il barcellona a viso aperto sembra una follia. ma anche chiudersi e sperare di ripartire è un suicidio. inoltre il barcellona non sottovaluterà l’inter come fece nella partita (sfortunata) in casa contro il rubin kazan. inutile nasconderci dietro un dito ma l’infortunio di iniesta è una fortuna per noi: se la pulce è immarcabile, forse solo togliendogli i rifornimenti si può pensare di arginarlo. una chiave di ottimismo è nel fatto che il barcellona lascia giocare e negli spazi snejider può inventare quei due o tre assist che fanno la differenza. più di due o tre, in una semifinale di champions, non sono pensabili. nè da una parte nè dall’altra, spero. vincerà chi capitalizzerà al meglio le occasioni. firmerei per uno 0-0 all’andata (oggi sono in vena di firme), perché, nonostante il campionato dica il contrario, siamo una squadra da trasferta. e al camp nou, se si apre un varco, diventa una prateria, viste le dimensioni del campo. la rapidità di maicon, snejider, milito, eto’o e balotelli/pandev potrebbe davvero dare molto fastidio al barcellona.
      Sulla Juve: asfaltarli tipo derby di andata non è solo possibile, ma un dovere morale. spero che san siro sia una blogia e che tornino indietro con le ossa (metaforicamente) rotte e almeno tre pere in saccoccia.

  18. Carissimo GLR cosa possiamo volere di più? Nessuno come noi è in lotta su tutti i fronti, la prima finale l’abbiamo conquistata (sono curioso di vedere se il “biscotto” ci sarà mercoledì prox tra Udinese e Roma), adesso avanti con la prossima, inframezzata da un’allenamento in quel di S.Siro per asfaltare quella cozzaglia di Torino. Sono moderatamente fiducioso e sereno per le 2 partite con il Barcellona (dispiaciuto per Iniesta e speranzoso di vedere in campo Ibra) così cmq vada possiamo trovare o degli alibi oppure bausciare e godere di una eventuale finale della coppa con le grandi orecchie. Auguro a tutto il popolo interista ogni felicità sportiva e non, e a te un abbraccio e FORZA INTER SEMPRE

  19. marco carta // 14 aprile 2010 a 12:16 // Rispondi

    gianluca se fosse per quello che dici sarebbe il meno dei mali, io non credo che mourinho non parli piu’ perche’ il giornalismo italiano gli fa schifo, mi sono fatto un’altra idea, ma ho paura che se la dico, sono il secondo matto a cui consigli un buon medico, meglio evitare
    ciao

    • Per carità…Ognuno può interpretarlo come crede. Io lo interpreto in questo senso, senza dimenticare che ogni volta che apre bocca lo squalificano. D’altronde lui non è capace di parlare secondo i normali canoni delle conferenze stampa a cui siamo abituati. Un amico mi ha detto che una volta lo ha guardato attentamente da vicino in una conferenza stampa su un TV Full HD. Pareva fosse incazzato con lui!
      GLR

  20. denis fantina // 14 aprile 2010 a 12:19 // Rispondi

    cosa possiamo volere di piu’? a me bastava lo scudetto ed era alla nostra portata, si diceva che potevamo perderlo solo noi e ci siamo riusciti a quanto pare, arrivati a questo punto bisogna puntare tutto sulla champions, mentre per la coppa italia dico che la vinciamo, per lo scudetto non facciamoci piu’ tante illusioni, questo sorpasso dice che dipendiamo dalla roma, non dipende piu’ solo da noi

  21. Luca Milano // 14 aprile 2010 a 12:27 // Rispondi

    Ciao,
    alla partita di Firenze era presente anche il CT Lippi, il quale ha rilasciato nel dopo-partita frasi sibilline, distinguendo quella che per lui è la differenza tra “prime donne”, chi gioca solo per sé, e “fuoriclasse”, chi gioca per la squadra. Quanto detto pare essere un “out” definitivo nei confronti di Balotelli e di Cassano.
    Il CT pare inoltre interessato a Totti e a chiamare il “blocco Roma”. Che dire: peccato !!! Mi sarebbe davvero piaciuto vedere Cassano e Balo in Nazionale in uno schema alla Mourinho, che io ritengo molto adatto in brevi competizioni “dentro-o-fuori” come il Mondiale.
    Infatti, a volte, la miglior difesa è l’attacco, ma si sa all’Italia piace il passato ed il principio d’autorità, tutte cose che possono andar bene solo con l’aiuto di una molto sfacciata fortuna:
    insomma, sempre a mio parere, la “forma mentis” di chi fa sport – e non solo – dovrebbe esser diversa. Avendo vissuto un po’ all’estero (in Germania), qualche volta, diciamo così, mi pare davvero di stare su un altro pianeta dove le parole sembrano gli UFO della realtà.

  22. Per me il modulo degli ultimi 30 minuti non è stato sperimentato a caso.
    Secondo me sarà il modulo con il quale affronteremo il Barcellona…

  23. Beh contentissimo della finale conquistata e quindi probabilissimo accesso alla supercoppa italiana..
    Secondo me Gerrard via da Liverpool e’ come dire Totti via dalla Roma…quindi…
    cmq mi pare chiara una cosa ETO’O non puo e non deve giocare da ala e’ troppo sacrificato io rispovererei il rombo sperando di recuperare Stankovic per venerdi
    io direi che cmq quando giochiamo con 3 punte piu Sneijder siamo quasi piu coperti che con il rombo perche ETO’O e PANDEV fanno praticamente i centrocampisti…grandissimo MOTTA ora e’ finalmente in forma e si vede che e’ un grande servira’ molto in questo finale

  24. Ciao GLR,
    Mi piace sottolineare il tuo passaggio sulla condizione atletica della squadra, che mi sembra più che accettabile dopo un tour de force che ci sta travolgendo da metà marzo. Proprio questo fattore mi fa pensare che il calo in campionato sia dovuto a uno scadimento di condizione (fisiologico) fino a metà marzo e poi da un bel po’ di sfiga da lì in avanti: tra Palermo, Roma e Fiore abbiamo perso almeno 7 punti (considerando i 2 che avrebbe in meno la Roma in caso di pareggio nello scontro diretto) per infortuni di Julio Cesar o per pali/traverse clamorose (5 nelle partite considerate, perdipiù con 5 gol subiti al primo tiro verso la porta dopo un nostro gol o dall’inizio della partita). L’emblema della condizione fisica sono i centrocampisti, soprattutto Motta, che hanno ripreso a segnare e, soprattutto a dare spinta. Davvero interessante, in quest’ottica, Maicon all’ala; lo spunto ce l’ha ancora, è forse la condizione (vita poco professionale?) che ne ha limitato l’irruenza e la copertura di tutto il campo, accorciargli il raggio di azione di 30 metri può essere utile alla causa, anche perchè Maicon è uno di quelli che non riposa mai. Vedi anche tu, come me e molti amici che hanno scritto prima di me, l’esperimento come prova generale per il Barça? Se sì, vedresti meglio Zanetti o Cordoba come laterale destro di difesa?
    Ciao
    L

  25. Noi ci possiamo godere un finale di campionato mozzafiato, una grande semifinale di Champions League e una bella finale di Coppa Italia. E gli altri? Ecchissenefr…

  26. ciao GLR,
    in questi giorni sento interisti pessimisti dopo il sorpasso della Roma come se il campionato fosse finito e tutto quello fatto finora buttato….
    io non ricordo un’annata in cui al 28 aprile (data di ritorno di Barca.Inter) i ragazzi erano in corsa su tre fronti (TRE ripeto… ) …ma dico scherziamo ?
    io sono molto ottimista..avevo previsto lunedi la qualificazione in finale di Coppa Italia, credo che venerdi sia la partita chiave del finale di stagione…se la vinciamo torneremo in testa al campionato perche’ sono convinto che la lazio pareggi con la roma…
    contro il barca partiamo sfavoriti ma ..non so…sento qualcosa che non avevo mai sentito negli altri anni…una fiducia molto forte in questi splendidi ragazzi ..ORA PIU’ CHE MAI FORZA INTER !!!

  27. il “biscotto” l’ho visto solo a roma, confezionato dal portiere dell’atalanta.
    se l’avesse fatto l’Inter un gol cosi’, apriti cielo …..
    avanti Ragazzi, non mollare mai

  28. Ciao GLR,
    ma questo biscotto tra fiorentina-Inter è rimasto nel forno?!?
    Io capisco i tifosi e le chiacchiere da bar, ma non che telecronisti famosi, alla lettura delle formazioni prima della partita di sabato sera già dicevano”le scelte di Prandelli faranno discutere!” e poi ci lamentiamo di Moggi?!
    Scusami lo sfogo.
    Per quanto riguarda la partita di ieri sera, non vorrei sbagliarmi,ma mi ha ridato fiducia,
    ho visto una squadra in salute, e che se gioca tranquilla può ottenere qualsiasi risultato, forse sono troppo ottimista, ma un’eventuale eliminazione avrebbe solo creato malumori, mentre secondo me, vincere aiuta a vincere, anche se si tratta di coppa Italia!
    Va bè, siamo già a mercoledi pomeriggio, quindi ho già la testa a venerdi sera…

  29. Non trovando nulla da ridire sulla vittoria in coppa Italia per 1 a 0, i nostri valorosi giornalai si inventano un “caso Wesley Sneijder” : gesto dell’ombrello al pubblico di firenze.
    Di grazia chi l’ha visto? Forse l’avvocato di Moggi?

  30. Harry Hole // 14 aprile 2010 a 20:15 // Rispondi

    mi piace parlare di calcio giocato, dei biscotti non dico nulla, gli unici biscotti che conosco sono quelli che compro svedesi allo zenzero che compro al mobilificio di Corsico :) l’Inter vista ieri sera è stata una squadra concreta, ordinata, meno offensiva del solito, ma alla fine (come è successo a Genova col Genoa) ha superato brillantemente l’esame. a mio modo di vedere (non voglio fare il tecnico, ma è il tipo di calcio che più mi piace) l’Inter dovrebbe giocare sempre con due sole punte. certo poi la tattica cambia da patita in partita e spesso anche durante i 90 minuti, e in questo lo Special One è davvero il numero uno.

  31. premesso che i derby son derby, son pronto a scommettere che domenica l’ INTER sarà di nuovo in testa al campionato.
    e poi a parte la Lazio in comune non mi sembra che il calendario della Roma sia migliore del nostro, anche perchè se riesce a fare 9 punti con Lazio, Samp e Parma……non rimane che fargli i complimenti.
    la cosa che mi rammarica e che non abbiamo un gran potere mediatico…..altre società (una in particolare) se si trovassero nella nostra situazione (in lotta su tutti e tre i fronti), esalterebbero su giornali e tv l’ impresa, noi invece dobbiamo solo sorbirci le critiche!!!

  32. Piccola annotazione , mala gestione o cosa?
    non capisco proprio l’ingresso di milito a 20 minuti dalla fine, con tutti i rischi che ne poteva conseguire. Devo sottolineare il fatto che mourinho non e’ molto soddisfatto della rosa dell’inter, visto che nemmeno in momenti tranquilli riesce a fare a meno di certi giocatori

  33. Dopo aver visto fiorentina inter e, ieri sera barca – depor un paio di considerazioni sull’imminente “scontro di titani”.
    La gara di Firenze mi ha fatto pensare che “teoricamente” il modulo adottato potrebbe essere riproposto a Barcellona (in caso di esito positivo dell’andata ovviamente). Come si affronta una squadra che:
    a) se attacchi in naniera scriteriata come l’arsenal ti massacra in contropiede?
    b) se giochi l’altra sera come il depor (4-4-1-1) con la linea dei centrocampisti molto, molto bassa (come noi a Firenze) con gli uno-due veloci mette cmq. l’attaccante davanti al portiere (a titolo esemplificativo si veda il primo gol di Bojan su filtrante di Xavi).?
    Soluzione?
    Ne propongo alcune.
    1) Se gioca Maxwell e non Abidal (molto migliorato quest’anno) mettergli dalla sua parte Balotelli.
    2) Bloccare la fonte di gioco primaria: Xavi
    3) Levare sicurezze e tranquillità. Il Barca è un diesel: appena carbura e alza i giri la palla non te la fa più vedere. Se con mezzi leciti e a volte no li innervosisci (come ha notato un mio amico) perdono in sicurezza e vanno “fuori giri”.

    • In effetti l’anno scorso in finale con il Manchester non hanno giocato come sono abituati fino a che gli inglesi non hanno allentato il pressing sul loro centrocampo. Ovviamente una cosa è pensare di pressarli ed un altra è farlo con costanza tutta la partita.
      Per me sarà molto importante il lavoro su Xavi e l’organicità dei nostri movimenti di squadra. Mi spiego, se Xavi viene pressato non si può essere non pressare anche tutti i giocatori che potrebbero ricevere il passaggio più facile.
      Se riusciremo a rendergli la vita più complicata magari perderanno un po’ di fiducia e di tranquillità (Hiddink in questo era riuscito perfettamente…).

  34. Franco Banear // 15 aprile 2010 a 10:40 // Rispondi

    GL, non c’entra nulla ma mi pare giusto dirlo anche qui. Condivido con Te il piacere della battuta e dell’ironia, oggi se n’è andato il mio Maestro. Dopo Ugo, Adolfo, Philippe, Renzo anche Raimondo ci sorride da lassù. Umorismo d’altri tempi, più per efficacia che per cronologia, rompighiaccio per fenomeni come Cochi e Renato. Un semplice “ma chi ti credi d’essere” detto a un Tognazzi col culo per terra fece epoca. I vari Zelig-isti e Colorad-isti gli potevano portare le scarpe in camerino.
    Il cielo e la terra Ti sian lievi, Maestro.

  35. Santo Campo // 15 aprile 2010 a 10:48 // Rispondi

    Sono contentissimo che nonostante il periodo pesante, sia dal lato dell’impegno fisico di giocare ogni 3 giorni, sia per la pressione psicologica di tante situazioni, siamo riusciti a vincere facendo anche una discreta partita. Continuiamo nelle competizioni dentro/fuori a non subire gol: 1-0 all’andato, 0-1 al ritorno, tutto perfetto. Sarà dura mantenere questo andazzo nel prossimo turno di CL ma son fiducioso che la squadra possa fare un turno gagliardo giocandosela.
    Per lo scudetto non è ancora detta l’ultima parola, siamo lì e la roma può ancora incappare in un pareggino o una sconfitta, noi però siamo costretti a vincere.

  36. Fabio Primo // 15 aprile 2010 a 17:27 // Rispondi

    Buona partita dei ragazzi anche se , nel secondo tempo , la Fiore si è inspiegabilmente spenta (meglio così).
    2 parole solo su Mariga: è evidente che Mou non si fida o non lo ritiene da Inter per cui lo inserisce solo a risultato acquisito e negli ultimi minuti di partita….si può dire che la valutazione del ragazzo non è stata giusta , doveva sosituire Vieira e ci troviamo un giocatore quasi…inutile. Per domani sera non è stato neanche convocato!!
    34a giornata: se Noi e la Roma facciamo il medesimo risultato , quindi ancora a -1 , la vedo quasi finita…: dopo , calendario alla mano , può solo buttarlo via la Roma!! Ciao

  37. ciao GL, ho visto che hai detto una cosa che io vedevo da quando è iniziato per modo di dire il periodo brutto dell’inter e cioè le prestazioni con il punto interrogativo del portiere. sono sollevato perchè io che non sono un grande inteditore l’ho notato e per questo l’inter ha giocato bene in coppa italia cercando di evitare che il portiere facesse danni. logicamente mi auguro che la cosa sia transitoria anzi già finita perchè se così fosse non c’è ne per nessuno. ciao e FORZA INTER

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili