Il Mondiale è dei cinesi-61

Οι διάλογοι ovvero Racconti da tifosi da Bar – lunedì 12 dicembre 2010

Il Bar Sport riapre per la settimana del Mondiale per Club con l’Inter che ad Abu Dhabi affronterà i coreani del Seongnam Ilhwa Chunma mercoledì e, in caso di successo, l’Internacional Porto Alegre ossia l’Inter del Brasile o a sorpresa i congolesi del TP Mazembe. A parte le due Inter le altre sono squadre sconosciute e dai nomi impossibili per gli avventori del bar, a parte lo studente fuori-corso juventino Boris che con tutto il tempo libero che ha, non manca mai di documentarsi su cose di calcio.
Si avvicinano anche le feste natalizie e il barman Pinuccio ha già decorato il locale con addobbi natalizi quanto mai minimalisti, come un Babbo Natale in miniatura che scala il frigo-gelati, comprato da un ambulante cinese, insieme al presepe più triste del mondo, alle spalle del bancone tra grappe e vini, contornato da carta argentata e batuffoli di cotone per un improbabile effetto-neve attorno alla Sacra Famiglia. C’è lo stesso asino di quindici anni fa, con l’orecchio destro mozzato per un’antica caduta sul pavimento e la mangiatoia ricostruita dall’Attak ormai ingiallito dal tempo. Una volta al bar si faceva anche l’albero, ma Dick, il cane del Pinuccio, finiva sempre per pisciarci sopra. E’ tornata però la scritta-spray ‘Buone Feste’ sulla porta d’ingresso: insomma uno scenario di una tristezza infinita, roba da far venire il magone a chiunque.

Intanto il count-down verso il Mondiale corre inesorabile: “Siamo a -2 giorni dall’evento – ricorda il concessionario interista Walter – e per quel che ho già visto non ci sono problemi per l’Effecinternazionale: un bicchiere di quello buono lo offro io per brindare al quinto titulo del 2010 anche agli strapelati juventini e milanisti!” Il pensionato Artemio ribadisce però la sua linea: “Purché sia anche il brindisi d’addio per il Benitez – precisa – ci propongo un affare: vince le due partite mondiali e prende il primo aereo per casa con una bella buonuscita!”
Per evitare che il Mondiale oscuri questa fase del campionato tanto favorevole al suo Milan, il tassista Gianni ci torna a bomba: “Interisti, tanto al campionato prima o poi dovete tornarci – si esalta – e vi ritroveremo a metà classifica! Che Milan, ragazzi, a Bologna tutto come col Brescia con tre gol degli stessi tre: il Boateng, il Robinho e l’Ibra. Sarà sempre così per tutte le partite che restano: tre gol fino all’ultima!”

Il carrozziere juventino Ignazio è uno specialista nel porsi dove più gli conviene a seconda dei casi: “Ma volete mettere la nostra Italietta col mondo – spiega – quelli dell’Inter se vincono sono Campioni del Mondo, mentre noi altri stiamo qui a parlare del campionatino della piccola Italia” Lo smentisce però proprio un suo collega di tifo, il parrucchiere Tonino: “Guarda che per lo scudetto adesso ci stiamo pure noi della Juve – precisa – e poi io di questo Mondiale qua non ci capisco niente: ci sono squadre e Paesi che manco sapevo che c’erano!”
Tra i milanisti interessati al Mondiale per Club, il postino Donato sta spiegando vanamente all’ortolano Gaetano la differenza tra cinesi, giapponesi e coreani, poiché per lui sono sempre tutti cinesi, un po’ come nella sua bottega mandaranci, mandarini e clementine alla fine tutte arance sono.
Il pensionato interista Ambrogio, memoria storica del Bar Sport, sul tema è allarmista: “Lo dicevo io che alla fine avremmo avuto il problema dei cinesi – avverte – sono miliardi e arrivano da tutte le parti come furmighìn (formichine, ndr). Sono troppi per noi e alla fine il mondo sarà loro!” (61-continua, purtroppo…)

3 Commenti su Il Mondiale è dei cinesi-61

  1. cavoli ma lo sai che anche nel mio bar..addobbi a parte..ho i “miei” Ambrogio,Gaetano,Tonino…

    • Immagino e a volte la realtà supera la fantasia! A giugno, se non mi prende la pigrizia, uscirà il mio primo libro dedicato proprio ai dialoghi del Bar Sport
      GLR

      • …la realtà supera la fantasia? ..non imagini nemmeno lontamente cosa hanno visto questi occhi e sentito queste orecchie in questi anni passati dietro un bancone..
        ..ma è anche vero che questi “personaggi” mi hanno riempito le giornate e penso di dover dire GRAZIE anche a loro se mi sono divertito così tanto in questi anni!
        Comuque se uscirà questo libro verrò a trovarti perchè voglia una dedica speciale al CastelBar

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili