Bar Sport Libero: 16a giornata

Pubblicato su Libero, martedì 14 dicembre 2010
I rossoneri sfottono: “Cugini cari, prima o poi tornerete dal deserto…”

NATALE MONDIALE – Il barman Franco ha già decorato il suo locale con i tradizionali addobbi natalizi: nel presepe dietro al bancone c’è sempre l’asino di vent’anni fa, con l’orecchio mozzato da un antico volo sul pavimento, vicino alla mangiatoia incollata col Vinavil. E tra una bottiglia di grappa e un tetrapak di Tavernello, la Sacra Famiglia quasi scompare tra i batuffoli di cotone per un improbabile effetto-neve. Una volta al Bar Sport si faceva anche l’albero ma poi il cane di qualche cliente finiva sempre per usarlo come toilette e allora la grande novità di quest’anno è un Babbo Natale in miniatura che scala il frigo-gelati, appena recuperato dal vucumprà della zona. E’ la settimana del Mondiale per Club dell’Inter e tra un Campari e un Aperol interisti e milanisti discutono selvaggiamente sull’importanza del Mundialito rispetto allo scudetto. Prova a  risolvere la questione il parrucchiere juventino Rosario, che col solito acume annuncia che “l’Italia è una piccola parte del mondo, mentre chi diventa Campione del mondo lo diventa pure di quelli che vivono al Polo Nord!”

MILAN-JUVE PER LO SCUDETTO – I milanisti del bar cercano comunque di ribadire con vigore il loro dominio in campionato, col tassista Gigi ormai fuori controllo: “Interisti prima o poi al campionato ci dovete tornare – avverte – e vi ritroverete a metà classifica! A Bologna, come col Brescia, tre gol degli stessi tre: il Boateng, il Robinho e l’Ibra. E sarà così per tutte le partite, con questi sempre a segno fino all’ultima!”
L’elettrauto juventino Vincenzo però non ci sta: “Datevi una calmata, milanisti del piffero, che adesso la Juve è tornata – sgomita – e per lo scudetto ci siamo pure noi! Il titolo d’inverno va bene per Babbo Natale!”

L’ELISIR DEL DESERTO E I CINESI – Dagli Emirati Arabi arriva però la notizia della miracolosa guarigione di tutti i calciatori dell’Inter proprio per le due partite del Mondiale e il portinaio Vittorio avanza un terribile sospetto: “I nostri sono proprio dei lavativi – si sfoga – hanno fatto flanella solo per il Mondiale, che vergogna! E il tramviere Armando va oltre: “C’avranno fatto bere un elisir locale – spiega – perché adesso pure il Benitez è sveglio come un grillo, ma se vincono manco lo portano in trionfo. Per tirarlo su ci vuole una gru!”
Intanto il fruttivendolo juventino Carmine sta provando vanamente a spiegare la differenza tra cinesi, giapponesi e coreani, i prossimi avversari dell’Inter, prendendo come esempio la sua bottega dove si vendono mandaranci, mandarini e clementine, ma non c’è verso! Per l’impiegato milanista Vitaliano alla fine sono tutte arance, così come gli asiatici per lui restano tutti cinesi. E sul tema, l’anzianissimo pensionato interista Carletto, memoria storica del Bar Sport, non ha dubbi: “Coi cinesi siamo alla resa dei conti – ammonisce – sono miliardi e ti arrivano addosso da tutte le parti come le formiche! Alla fine il mondo sarà loro!”

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili