8C: Inter-Sampdoria 1-1

Con la Sampdoria a San Siro l’Inter è tornata a brillare dal punto di vista del gioco, ma l’andamento dell’ultimo mese resta comunque lento con 5 punti in 4 partite, frutto di una sconfitta, una vittoria e due pareggi. L’1-1 a San Siro contro i blucerchiati è molto diverso dallo 0-0 dello scorso febbraio, nella partita delle manette mostrate in Tv da Mourinho all’indirizzo di Tagliavento, reo di aver espulso Cordoba e Samuel nel giro di sette minuti nel primo tempo. Stavolta nessun espulso da parte di Orsato ma un errore, più del guardalinee Calcagno che del direttore di gara. Sotto una pioggia battente, il ritmo cadenzato del primo tempo è stato spezzato solo dal miglior Coutinho della stagione. Il piccolo sta crescendo in coraggio e personalità, ma per essere una certezza dev’essere meno timido sottoporta. Nella ripresa l’Inter ha avuto la sua miglior occasione al quarto d’ora quando proprio Coutinho ha pescato Maicon, appostato sul palo più lontano in area blucerchiata: conclusione a botta sicura respinta sulla linea da Zauri! Nel momento migliore però, i nerazzurri si sono ritrovati sotto. C’è fallo nell’irruenza con cui Cassano ha spinto Chivu a terra. Lo ha dimostrato proprio l’atteggiamento di Fantantonio che, per un istante, si è voltato dubbioso a guardare il guardalinee Calcagno prima di mettere in mezzo il pallone con cui Guberti, poco sorvegliato da Maicon, ha infilzato Julio Cesar. Non è un errore grave come quello di Bologna, dove De Marco, ingannato da un tuffo di Krasic, ha regalato un rigore alla Juventus, poi fallito da Iaquinta, ma pur sempre un errore. Capita ed è inutile lamentarsi oltremisura: sarebbe una cosa da vecchia Inter, meglio lasciare ad altri invettive e comunicati su una classe arbitrale che non finirà certo nell’enciclopedia del calcio.
A dieci minuti dalla fine l’Inter ha comunque trovato il pareggio col solito Eto’o, che ha capitalizzato sul primo palo l’ennesimo cross di Coutinho. Per il Leone è il 15° centro stagionale e siamo solo ad ottobre.
L’Inter, bene o male, si mantiene in scia della capolista Lazio, alla prima vera fuga stagionale. La scelta di Benitez di affidarsi per la quinta volta ai giovani Biabiany e Coutinho sulle fasce è stata premiata a metà, perché il francesino non è ancora al livello di Pandev, subentrato proprio a Biabiany a metà ripresa. Tra i migliori in campo Lucio, sontuoso in chiusura e propositivo in avanti con assist e conclusioni. Wesley Sneijder resta invece assai meno incisivo di un anno fa, mentre Maicon ha fatto in più del solito anche in fase difensiva con chiusure autorevoli, tranne nell’occasione del gol di Guberti, ma il suo rendimento complessivo resta sempre quello di un  buon calciatore, non dell’esterno destro migliore del mondo. Comunque siamo più o meno tutti lì, anche se a Marassi con il Genoa ora bisogna vincere proprio per restare nell’alta classifica.

41 Commenti su 8C: Inter-Sampdoria 1-1

  1. Tranquilli. Con gli stessi avversari incontrati quest’anno nelle prime 8 giornate, l’anno scorso l’inter fece gli stessi punti
    bologna 3 quest’anno 1
    udinese 3-3
    bari 1-3
    roma 0-0
    palermo 1-3
    samp 1- 1
    juve 3-1
    cagliari 3-3
    Abbiamo sempre fatto fatica in casa con chi si difende in 10

    • ottima analisi, volevo capire questa cosa e la risposta è positiva. cmq al di là di tanti discorsi l’unica cosa diversa dall’anno scorso mi sembra essere solo che snejider non trasforma più in oro quello che tocca. l’anno scorso aveva una percentuale di pericolosità ogni sua palla devastante, quest’anno è un giocatore che non incide.

  2. L’inter di ieri si potrebbe riassumere con un vecchio modo di dire: aveva le polveri bagnate! Buona fino al limite dell’area, un pò poco incisiva negli ultimi metri. Cou mi piace sempre di più, speriamo metta su alla svelta qualche chilo e guadagni potenza nel tiro dopodichè Fantantonio potremo tornare a chiamarlo solo Antonio!

  3. Gianluca Ciao!
    chi è andato a batter cassa quest’anno è chi fa + pena (Maicon, Chivu, Milito e Snejider). A parte Milito e Snejider che han rinnovato, gli altri due uno gioca sotto i suoi livelli.. l’altro si permette di fare scenate come a Roma e mercoledì che se io fossi Benitez lo sbatterei subito fuori squadra x 1 mese.
    Ieri cmq secondo me mancava un centrocampista di qualità, con Motta e Deky out avere due centrocampisti incontristi ti limita un pochino…e la squadra ne ha risentito.
    Per il resto a me Benitez non piace dal 1 giorno che è arrivato (non do colpa a lui, ma a me perchè ormai la mia “storia calcistica” è stata segnata dal Grande Mou), però non ha colpe.. troppi infortunati, deve avere tempo x amalgamare la squadra e impostarla come vuole, sta cambiando filosofia di gioco…. forse stiamo diventanto + da champions che da campionato…
    Ciao! Massy

  4. Ecco centrato il punto. Effettivamente stiamo marciando a passo lento e spero solo sia dovuto alla preparazione per il mondiale per club dki Dicembre. Devo anche dire che ieri sera, nel caso ce ne fosse di bisogno, si è avuta la dimostrazione del perchè della crisi del calcio italiano e della mancanza di appeal verso i tifosi.
    Non è possibile giocare in 11 dietro il pallone e difendersi e basta. Se guardo una partita di Premier lo Stoke City gioca al meglio contro lo UTD senza mai rinunciare ad attaccare…Ieri sera la Samp, come la Juve, ha pensato solo a difendersi chiudendo tutti gli spazi. E la partita è stata noiosa…
    Detto di Coutinho che dimostra di sapersi imporre il buon Biabiany non mi piace. Mai una volta che punti l’uomo, mai un dribbling. Spero che si svegli perchè ha una grande opportunità.
    W la F

  5. ciao Gianluca,
    come sempre complimenti per il sito e le analisi pacate come piacciono a chi é un vero amante del calcio.
    Non riesco a capire come mai si insiste con Chivu a sinistra: il ragazzo non ce la fa, é da un paio di anni che é calato molto fisicamente e in fascia é un punto debole.
    A me verrebbe naturale mettere Santon, e se l’argomento é che il “bambino” non difende abbastanza, beh basta vedere cosa combina Chivu ad ogni giornata (episodio Samp a parte).
    Tutto questo sottolineando che, quando l’inter lo acquistó, il rumeno era probabilmente il miglior centrale in Italia dopo Nesta.
    Un saluto, Giovanni

  6. bah diciamo che il fallo di cassano era abbastanza evidente sopratutto per il guardalinee e per la solita non sudditanza verso l’inter ha sorvolato,il rigore a bologna e’un bubbone che il calcio italiano non riesce propio a estirpare,il servilismo verso la vecchia signora.
    il mahatma mou averebbe scatenato l’inferno paragonando i due episodi,vedi aree di 50 metri dello scorso anno,il buon rafael si e’limitato ad una civile dissenso,meglio cosi’o no ,bho ai posteri l’ardua sentenza,sul campo l’inter ha ben giocato,a parte biabiany che attualmente propio non c’e’,la rosa cosi’come’e’un po ristretta e la alternative a differenza degli altri anni sono molto poche.

  7. … Ok..nessun ritorno alla “vecchia inter” : ci mancherebbe! Ma non si possono sentire i solti noti scandalizzarsi perchè Benitez (col solito garbo e quasi chiedendo scusa : ma a chi?) ha osato rilevare che il goal della sampera viziato! Cosa avrebbero “letamato” costoro sull’episodio, a parti invertite? Per il resto condivido in toto il tuo pensiero (ora comincio a preoccuparmi davvero! :)) …devo trovare qualcosa da cui distanziarmi! Stavolta NON è cosa…ma alla prossima….Un saluto…Lucien

  8. Senza voler fare alcun processo sommario o robe del genere (anche perchè ci sarebbero valide attenuanti come il fallo di cassano su chivu o i numerosi infortunati), però diciamoci la verità, ieri la squadra ha giochicchiato, ha preso la partita sottogamba, soprattutto nel primo tempo. Non c’è stata la solita e dovuta attenzione, ne molto impegno da parte di alcuni, davanti abbiamo concluso poco, e dietro, col centrocampo che non fa filtro, la difesa si è trovata spesso esposta al contropiede doriano. 5 punti in 4 gare sono una miseria, si deve cambiare marcia, soprattutto in questo periodo, dove FINALMENTE i nostri veri antagonisti nella corsa scudetto (il milan) affronteranno squadre serie.

  9. pasquale somenzi // 25 ottobre 2010 a 11:48 // Rispondi

    La prima cosa che balza all’occhio e’ il –4 dalla vetta dato che dal 2006
    ad oggi l’Inter si era trovata al massimo a –2
    Purtroppo si e’ rotta la tradizione del 24, infatti nel 2010 erano arrivate
    4 vittorie su 4 quando si giocava il 24 del mese, comunque l’Inter
    continua a non perdere di domenica da 1 anno e mezzo.
    Ci sono molte affinita’ tra gli avversari che l’Inter non aveva battuto
    nel girone d’andata dello scorso campionato e questo: l’anno scorso
    non aveva battuto: Bari-Sampdoria-Roma-Juventus-Atalanta mentre
    quest’anno sono: Bologna-Roma-Juventus-Sampdoria quindi ha
    invertito sostanzialmente il risultato del Bari con il Bologna.
    Vorrei sottolineare che l’Inter non ha ancora affrontato le tre squadre
    neopromosse (posson dire lo stesso solo Sampdoria,Genoa e Bologna)
    In prospettiva del prossimo turno sara’ la quarta volta che l’Inter
    gioca di venerdi’. Ecco i precedenti:
    Catania-Inter 3-1
    Inter-Juventus 2-0
    Inter-Atletico Madrid 0-2
    Come si puo’ vedere c’e’ sempre stata una vittoria con 2 gol di scarto
    della squadra che tra le due “viene prima” in ordine alfabetico e
    quindi bisogna sfatare questa regola cosi’ come si e’ sfatato il 24 che
    dicevo prima. Ciao. Pasquale.

  10. Dopo 8 partite di campionato 3 di CL e 2 finali di Supercoppa comincio ad essere seriamente preoccupato per il rendimento di Maicon, ad oggi è quello che mi ha deluso di più, non credo che Benitez gli chieda di superare la metà campo non più di 10 volte a partita, il modulo non è cambiato è vero che ha avuto un piccolo acciacco a inizio stagione, ma onestamente il giocatore che eravamo abituati a vedere arare la fascia destra ad oggi continua a mandare in campo il gemello timido.
    Per il resto spero (solo) in 2 cose: 1-svuotamento rapido e stabile dell’infermeria 2-un calendario che finalmente diventi un pelo più agevole passato il 10° turno, a memoria non mi ricordo che la squadra campione d’Italia nelle prime 10 giornate (visto che alla 9^ abbiamo il Genoa e alla 10^ il derby) non abbia beccato nessuna delle 3 neo promosse….

  11. Non recrimino e non …diSPERO. Però SPERO che finalmente si riprenda la marcia ed i punti che meritiamo. E la Lazio davanti…non mi dà fastidio. Mi preoccuperò quando la Juve sarà davanti…con un Krasic “così” bravo!!!

  12. Vedendo che il fallo di Cassano (netto) non veniva fischiato già sapevo che avremmo preso un altro gol ingiusto come a Roma. Detto, fatto: matematico… :-) I rischi in difesa sono calcolati, queste sviste costate già 3 punti (1 a Roma e 2 ieri) no. Danno da pensare le dichiarazioni di un ex-arbitro (bravo): “con Mou quel fallo sarebbe stato fischiato”. Ecco, forse il profilo “calma e gesso” dell’Inter di quest’anno ogni tanto andrebbe abbandonato…
    “L’Inter vince ma non convince”, si diceva di quella di Mou prima dell’esplosione primaverile. Ora potremmo dire “Convince ma non sempre vince”, e tu giustamente hai fatto notare il cammino un po’ accidentato dell’ultimo mese in quanto a punti.
    Ieri, però, ancora note positive nel gioco. Coutinho su tutti: sarà “leggerino”, ma i numeri li ha eccome e il gol arriverà presto! Purtroppo più lui migliora meno si nota Snejider, rivelando o uno scarso stato di forma (speriamo sia questo) o un’incompatibilità tra i due. Un’altra “gatta da pelare”, dopo Eto’o-Milito? Vero, mancano ancora troppi titolari e occorre fare di necessità virtù, ma ora “Cou” chi lo toglie?
    Caro GLR, nonostante i due punti persi ieri io vedo il bicchiere pieno a tre quarti: Benitez in poco tempo ha davvero fatto un buon lavoro, e quando vedo giocare l’Inter mi diverto. Grato eternamente a Mou per il triplete, però la sua Inter un anno fa giocava molto peggio e in Coppa rischiò tantissimo. Se ora con 6 o 7 titolari si recupera sotto il diluvio un ingiusto (quindi ancor più deprimente) 0-1 ad una Samp tignosa, anzi… si sfiora poi la vittoria in più occasioni, credo che sulle possibilità-scudetto di questa squadra (al completo) si debba avere fiducia.
    Certo: da stasera la Lazio avrà 4 punti sulle seconde (a Napoli non credo che il Milan vinca) e sarà in fuga; ma, a meno che l’Aquila non voli così fino in fondo, l’Inter per me è sempre la favorita. Se il gioco c’è e hai tanti campioni, quando cominci a vincere “automaticamente” non smetti più. Avviene per tutte le grandi squadre, dovrà pur esser così anche per l’Inter (che E’ una grande squadra: l’ultima Coppa Campioni non è più quella del 1965…), quando finalmente sarà a pieni giri e con l’infermeria vuota!
    Ciao, Roberto

  13. Ciao GLR, dopo aver letto il tuo editoriale volevo dirti la mia sull’episodi di Chivu e avendo trovato il mio pensiero concorde con quanto letto sul sito della gazzetta te lo riporto a seguito:
    “Cassano (che andrà al cross) spinge un po’ con Chivu, Calcagno è lì vicinissimo e fa segno che è tutto regolare. Un lieve contatto c’è, ma si può lasciar correre, visto anche il metro usato da Orsato.”
    Il vero errore secondo me lo fa Chivu che in una circostanza del genere o spazza via il pallone oppure lo copre in modo energico. Sentendosi toccato lievemnete ha cercato il fallo buttandosi a terra da vero pivello.
    Un saluto.

    • Concordo! Non c’è errore dell’assistente, ma la pivellaggine di Chivu.

    • Secondo me il metro di Orsato, è stato fischiare in attacco ogni spintarella o presunta tale di Eto’o, cosa che poi invece in occasione del gol della Sampdoria non ha fatto, però ci può stare, non è un errore clamoroso, però in parte ha condizionato la gara. La cosa importante è comunque stata la reazione non isterica della squadra, con Mourinho in panchina, non so se avremmo finito in 11 contro 11…

  14. Scusate ma (da interista) mi viene comunque da dire che secondo me non c’era il fallo di cassano su chivu…e’ stato un intervento deciso, niente di piu’…e’ uno di quei classici interventi che se fosse accaduto all’altezza della linea del centrocampo nessuno avrebbe detto niente…secondo me l’errore e’ tutto di chivu…non si puo’ essere cosi’ morbidi in quei frangenti…

    • Eh me pareva strano che non si trovasse il modo anche stavolta di buttare la croce addosso a Chivu, …
      Certo che la cocciutaggine di certi interisti quando prendono di mira un proprio giocatore “reo” di stargli sui cosidetti è davvero monumentale.
      Speriamo che nel ritorno contro i pigiamati a Chivu non venga mai in animo di alitare in area in direzione di Krasic, altrimenti qualcuno qui potrebbe pensare che “ha rischiato il rigore” (sempre ammesso e non concesso che l’arbitro di turno ci faccia la grazia di non abboccare).

  15. Ciao Gianluca,vorrei solo dire che l’Inter a mio avviso gioca meglio dell’anno scorso ed alla fine abbiamo solo 2 punti in meno rispetto alla prima Inter di Mourinho e poi,con tutto il rispetto per la Lazio,non la considero neanche nella lotta scudetto,ma guardo al milan,considerata da me l’unica contendente e comunque non mi fido mai della solita Roma,mentre la juve è ancora indietro.In ogni caso il milan,male che ci dovesse andare,stasera sarà a più 2,quindi niente drammi,anzi,vedo una squadra che alla lunga,dopo che i vari Coutinho e Biabiany saranno maturati e con il mercato di gennaio che porterà un paio di innesti,sarà ancora più forte!
    Con stima.
    Andrea.

  16. Julio incolpevole, Maicon non esaltante come er tutto l’autunno scorso (ma ci ricordiamo poi la sua primavera…), Lucio e Samuel guerrieri come al solito, Chivu ha fatto un errore idiota ma se c’era fallo (e c’era fallo) non si può dir nulla, Cuchu e Saverio scolastici com’è giusto in quel ruolo, Eto’o infallibile, Coutinho sontuoso (ma speriamo impari a non prendere il portiere perché inizia a costarci un po’ troppi punti la sua mira incerta), Biabiany limitato tecnicamente e non è una novità…solo Wesley e Pandev mi preoccupano.

  17. Inter lenta solo TIC-TOC a metà campo con tanti passaggi indietro e laterali prevedibile al max, basta fermare Sneider ed Eto’o che l’Inter non c’è più, mai un guizzo sotto porta (tranne il camerunense), mai un gol di testa , mai un gol su punizione, mai un cambio significativo che cambi l’andazzo della partita, di questo passo la vedo brutta se non ritornano Milito e Maicon dello scorso finale di stagione !!

  18. ciao GLR,
    tralascio commenti tecnici sulla partita, dico solo un’ovvietà, cioè che se in campionato segna solo ed esclusivamente Eto’o faremo fatica con chiunque; aspetta e spera i gol di Coutinho e Biabiany! Aggiungo solo una nota statistica, era dal 2006 che non eravamo così distanti dalla vetta, cioè a – 4. Prima o poi doveva capitare, ovviamente, e comunque finchè è in testa la lazio, che si trova lì quasi per caso, al momento non c’è da preoccuparsi.

  19. Fabio Primo // 25 ottobre 2010 a 17:22 // Rispondi

    Che dire….ci si ripete nelle solite considerazioni:
    1) Chivu da laterale non va…ed ecco l’errore(anche se poteva starci il fallo) che ci fa subire il gol !!
    2) Biabany va bene solo come contropiedista , con spazi molto ampi. Oltretutto non dimostra una personalità da grande palcoscenico. Per carità , siamo passati recentemente da Quaresma, Suazo e Mancini…stessa pasta !!
    3) 3 piccolini leggerini là davanti non sfondano : quanti palloni in area sempre preda dei difensori della samp ?? banale dire che si sente la mancanza di Milito !!
    4) Grandissimo Cou : dopo una bella prova in champions , si conferma ancora meglio in campionato, gli è mancato solo il gol !!
    Dobbiamo trovare un nuovo equilibrio di squadra con Eto’o , Milito , Cou e Wesley tutti insieme, anche se non sarà facilissimo…Ciao

  20. Ciao Gianluca, non mi sento di condividere tutto l’ottimismo che leggo…in effetti ieri, a parer mio, si è vista un Inter non buona; abbiamo creato abbastanza poco (il portiere della samp non ha fatto più di un paio di interventi), Julio Cesar non è in grande forma e sul gol ha indubbiamente delle responsabilità, Chivu ha indubbiamente subito fallo, ma non doveva ridursi in quella situazione, per colpa sua concediamo sempre almeno due occasioni a partita agli avversari, in fase di non possesso attaccanti e centrocampisti coprono molto meno.
    Inoltre, a differenza di un paio di anni fa la squadra ha una consistenza fisica molto scarsa e di testa non la prendiamo mai.
    Molto buoni Lucio e Samuel (due autentici fuoriclasse) in difesa, e Coutinho veramente impressionante come quel grande campione di e’to…Sneijder non pervenuto.

    • Non sono d’accordo sulle responsabilità di julio cesar…io faccio il portiere e devo dire che stava per fare un miracolo ma è stato sfortunato, infatti il tiro di guberti è potente e quasi rasoterra julio si deve tuffare rapidamente e la palla al contatto si alza soltanto senza andare fuori. Comunque forza inter

  21. Sono parzialmente d’accordo sul fatto che la squadra sia migliorata dal punto di vista del gioco. E’ cresciuto invece, sia qualitativamente che tatticamente, il baby Coutinho, che sembra avere trovato una buona intesa con Eto’o. Questo sì. Per il resto la manovra risulta ancora farraginosa, gli inserimenti sulle fasce troppo prevedibili e mancano le tre-quattro giocate geniali che qualche giocatopre ci aveva abituati nel corso dei novanta minuti. Con lo svuotamento, auspicato, dell’infermeria, Benitez potrà comunque lavorare appieno sugli schemi, correggendo anche qualche amnesia difensiva di troppo. Poi tutto sarà più facile.

  22. Io sono stato il primo a condannare la societa’ per la politica del risparmio ma sono il primo ad accettare il risultato e soprattuto il bel gioco di ieri sera, come si puo’ criticare la squadra , ho sentito dire che non c’e’ fame che mancano gli stimoli , ma io a differenza di costoro ho visto una squadra tonica e vogliosa con un gioco che raramente si vede nel nostro campionato e senza mai dimenticare che il signor benitez gioca senza centrocampisti e senza la punta che l’anno scorso ha regalato 30 gol pesantissimi, ma cosa si pretende?
    io applaudo i miei ragazzi e con piacevole sorpresa ammiro quello che stanno facendo in campo , voglio solo immaginare al rientro di qualche ccentrocampista e con il pieno recupero di milito se riusciranno a criticare ancora benitez e la ciurma.
    forza inter

  23. Ciao GianLuca volevo chiederti se ti piacerebbe riprendere a gennaio
    Adrian Mutu visto le nostre difficoltà in attacco. Probabilmente a Milano
    potrebbe rigenerarsi cosa ne pensi ?
    Secondo me è un ottimo giocatore
    Ciao da Roberto

  24. Andrea da sanpietroburgo // 25 ottobre 2010 a 22:32 // Rispondi

    Ciao GLR, sempre forza ragazzi! Complimenti a Benitez che, nonostante gli infortuni, non si lamenta, lavora e porta avanti i giovani stando lì attaccato alla Lazio (altri non vedo).

  25. Claudioeffedeejay // 25 ottobre 2010 a 22:46 // Rispondi

    Ragazzi, ma se un paio di guizzi e qualche cross sono sufficienti per consacrare un giocatore mi chiedo cosa sia peggio: essere sempre e solo gatti neri o ottimisti ad oltranza.
    L’Inter contro la Samp. ha collezionato 4 palle goal e, come al solito, ha raccolto 1 gol con il solito Eto’o. Troppo poco se si considera che un Napoli in 10 questa sera, a livello di gioco offensivo, ha senz’altro fatto meglio e tra l’altro contro il Milan. L’Inter non sa più vincere contro squadre di medio livello da esattamente 5 mesi eccezion fatta per la finale di Supercoppa italiana. Delle 8 partite fin qui disputate poi solo in una occasione si è vinto facile, mentre contro Udinese e Palermo si è vinto di misura e col Cagliari ci è voluto un eurogol di Eto’o per decidere. Contro Bologna, Juve e Sampdoria 3 pareggi con una sterilità offensiva imbarazzante e a Roma si è addirittura perso. Da ben 5 partite l’Inter gioca con Biabiany e Coutinho titolari sulle fasce e la baby coppia non fa gol nemmeno per sbaglio. Chi lo preventivava da mesi veniva accusato di pessimismo cosmico, certo che a dirlo adesso sono capaci tutti.
    Perchè se vendi Ibra e prendi Eto’o e Milito la lamentela è quantomeno stucchevole.
    Ma se dai via Balotelli e vai a” pescare” all’asilo Nido, calcolando gli acciacchi di Stankovic e T.Motta prevedibilmente recidivi ebbeh..insomma, qualche smorfia di disappunto da parte dei tifosi ci sta.
    Intanto il Milan, senza Ronaldinho e Seedorf, riesce nell’impresa di vincere la dove nemmeno l’Inter del triplete era riuscita nei 3 punti. Troppo forti i rossoneri, troppo decisivi nei numeri le punte milaniste, in grado oggi uno e domani l’altro, di fare sempre gol. Un grande Napoli non riesce nemmeno a pareggiare nonostante un gran gol di Lavezzi perchè il Milan, clone dell’Inter Mouriniana, la mette anche sulla rissa e Papastatopulos sulla stessa fascia di Chivu con Cassano, picchia Lavezzi e non si fa picchiare come il nostro rumeno con il talento di Bari vecchia. Dettagli per carità, ma non si vincono solo le champion’s con ia dovizia dei particolari. Questo campionato è così mediocre che il terzo gradino del podio rappresenta la quinta essenza della mediocrità.
    E continuando così ne pareggeremo sempre di più.
    Serve una svolta, ma subito, negli uomini simbolo delle recenti vittorie e serve una pausa per i baby deb buttati allo sbaraglio, o li si brucia per sempre.
    E leggere di tifosi che si entusiasmano per 2 dribbling riusciti contro Zauri, mica Piquet o Chiellini. mi fa davvero sorridere. Intanto Messi e C.Ronaldo fanno 2 gol a partita. E parliamo dello stesso sport in cui tra l’altro si gioca nella stessa Champion’s. Mah….!!

    • Certo, quasi meglio vincere a Napoli soffrendo le pene dell’inferno in superiorità numerica che fare il Triplete! Il campionato è finito, insomma. Complimenti al Milan che con due punti in più dell’Inter lo ha già vinto ad ottobre. D’altronde tu eri certamente uno di quelli che negli ultimi quattro anni lo avevano già assegnato ad altri entro Natale. Siamo alle solite ma prima o poi ci prendi, garantito. Vediamo se sarà quest’anno. Quanto se nella vita sia meglio essere gatti neri o ottimisti, credo che esistano anche le vie di mezzo, più oi meno figlie di un certo realismo, ma certamente se si è tendenzialmente ottimisti si vive molto meglio. Nel calcio e nella vita, ch’è assai più importante ma, per carità, oguno viva come vuole. Eppure nel tuo nome c’è anche la parola deejay! Dove? A Radio Cripta FM? Che allegria! Io credo invece di essere obiettivo e non nego che in questo periodo il gioco sia superiore ai risultati ma, pensa un po’, penso ancora che potrebbero anche arrivare questi ultimi ed essere migliori di quelli degli altri. E lo penso ininterrottamente da quattro anni: da prima di Mourinho e ora, dopo Mourinho. Che ci vuoi fare? Questione di carattere.
      GLR

      • E’ innegabile che già dall’anno scorso ed ancora di più quest’anno con le medio piccole fatichiamo molto di più.
        Semplicemente questo è dovuto al fatto che non abbiamo più la forza d’urto di prima…se si esamina la squadra di domenica sera è terribilmente leggera: Eto,Sneijder, Coutihno, Biambiany, Cambiasso. In queste partite spesso la soluzione si trova buttando la palla in mezzo all’area. Di contro una squadra così veloce e leggera si trova meglio in europa e si è visto (10 gol in 3 partite), ma in campionato soffriamo un po’

  26. il vero problema,oltre alla scarsa condizione di molti e agli infortuni,è il cambio radicale nello stile di gioco e nelle caratteristiche dei giocatori,specialmente degli attaccanti.
    puntare su punte rapide e di grande movimento è l ideale in champions dove le squadre concedono spazi e giocano sempre per fare un gol in più dell avversario,mentre in italia contro le grandi si chiudono quasi tutti negli ultimi 30 metri per non prenderle.
    non dico che si debba tornare all attacco di carri armati del 2007-2008(cruz,crespo,ibra,balotelli,adriano),ma in campionato servirebbe almeno un attaccante con centimetri e colpi da vero centravanti(difesa della palla nel traffico,colpo di testa ecc).
    in sostanza l attacco attuale se al top della condizione va benissimo(soprattutto in champions),però un attaccante che possa dare più fisicità nel gioco aereo e non solo farebbe molto comodo.

  27. qui oltre che essere ingrati ai massimi livelli stiamo anche delirando….

  28. Ciao GLR, credo che il vero problema che affligge l’Inter in questo periodo sia il gran numero di infortuni. Nessuno di noi ha la palla di vetro per comprenderne l’origine. Non chiedo tanto: credo che già un Pandev in condizione, al posto di Biabiany e le cose sarebbero diverse. Al momento, credo ci manchi “solo” la finalizzazione. Poi, fare riferimento alla stagione passata è follia: un triplete, nasce oltre che dagli innumerevoli meriti dei protagonisti anche da una serie di piccole coincidenze favorevoli quali, l’assenza totale di infortuni, qualche partita vinta con un po’ di fortuna, qualche svista arbitrale in nostro favore ecc… Se solo 2 squadre ci sono riuscite, in tutta la storia del calcio, ci sarà un motivo? Avrai certamente notato che in tutte le trasmissioni sportive, il buon Mourinho veniva sempre tacciato come arrogante, presuntuoso, sobillatore di folle. Il massimo complimento riservatogli era quello del buon psicologo. Perchè oggi improvvisamente tutti ne sono “vedove”? Rafa sta facendo un grandissimo lavoro, in pochi mesi ha cambiato radicalmente la mentalità dei ragazzi. Adesso teniamo quasi sempre il pallino del gioco: improvvisamente però, per i giornalisti non va più bene, molto meglio lo schema “Ibra pensaci tu” che ha permesso anche ieri al milan di vincere una partita in 11 contro 10, subendo il napoli in modo scandaloso…

  29. Buongiorno GL,
    sono spesso d’accordo con te negli editoriali ma questa volta non mi trovi d’accordo su 2 punti.
    1° azione gol della Samp, a mio modo di vedere l’arbitro e il guardalinee hanno fatto bene a non sanzionare il fallo sul gol della Samp perché Chivu si è fatto trovare come spesso succede (in un ruolo che sappiamo non suo) a dover impostare una ripartenza o un disimpegno ed’è stato uccellato, solo a quel punto ha messo il corpo a protezione della palla ma è stato colpito da Cassano.
    2° Maicon lo trovo ancora discontinuo e mai propositivo nell’uno, due.
    Io proverei a mettere Capitan Zanetti terzino destro (confidando nei recuperi di Motta e Stankovic) e Maicon destro di centrocampo
    Care cose a tutti e SEMPRE FORZA INTER
    L.

  30. Coutinho promosso a pieni voti; Biabiany bocciato. Su questo penso non si possa discutere. Caro GLR vorrei chiederti se anche a te Coutinho ricorda il primo Baggio della Fiorentina ? Se il codino (all’epoca ricciolino come Philipe) era un 9 1/2, Coutinho penso sia un 10 e 1/2. Infatti, come dicevo, il brasiliano nel Vasco de Gama giocava poco e segnava pochissimo (1 gol in due anni), ma operava prevalentemente come attaccante di sinistra, fornendo ottimi assist. Deve essere impostato, rinforzato, deve crescere, ma secondo me ha un futuro in un ruolo simile a quello di Baggio (del quale ha già le movenze e la visione del gioco) sostanzialmente seconda punta e spero con gli stessi esiti. Il fatto di giocare sempre lo agevola, visto il netto miglioramento di quest’ultimo mese (coppa e campionato) Il fatto che debba essere l’alternativa a Snejder è una delle invenzioni giornalistiche, che è foriera di future presunte “incompatibilità” (mi ricordo Beccalossi – Mueller) e tormentoni. Certo ci si inventa Robinho dietro le punte o Pirlo centrocampista…ma questo è un altro discorso.
    Altra invenzione giornalistica non riscontrabile nei fatti, ma che molti riprendono, è quella che vede Chivu “non nel suo ruolo” come laterale. Chivu ha giocato basso a sinistra 4 anni nell’Ajax ed in nazionale, diventando famoso. Solo a Roma e non subito, per necessità della difesa è stato spostato al centro. Oggi sicuramente farebbe meglio al centro, ma è comunque una riserva in un ruolo e nell’altro.
    Si, forse serve un attaccante. Abbiamo la coppia di attaccanti più forti al mondo, ma uno di questi è fuori e si fa fatica a sfondare le difese; penso sia normale. Ciò non toglie che un attaccante serve, perchè Biabiany non può essere il sostituto di uno dei due e Coutinho come detto deve crescere. Comunque, se ho capito bene dalle ultime parole di Rafa Benitez, al rientro di Milito, Coutinho assumera un ruolo simile a quello di Balotelli…entrare negli ultimi 30 minuti e scombussolare la partita.

  31. Milan E Lazio davanti come il Mainz…anomalie post mondiale..Tranquilli l inter gioca benissimo, meglio di sempre..questione di qualche partita e si ritorna a volare. Volete mettere vincere un campionato in rimonta?..Magari una rimonta ai danni del bbilan… La rimonta perfetta!

  32. A me la squadra è piaciuta molto nonostante la mancata vittoria.
    L’importante è recuperare gli infortunati e credo che torneremo a marciare speditamente.
    Ho appena letto il sito della Gazza.
    Il Principe, 30 goals nella passata stagione, 3 titoli vinti con suoi goals decisivi, neanche nell’elenco dei possibili vincitori del Pallone d’Oro. Scandalo.
    A presto.

  33. Anche io dopo la partita non potevo nascondere un pò di delusione…abbiamo tenuto il pallino del gioco, abbiamo fatto “girare bene” il pallone, ma grandi occasioni (a parte il forcing finale) non le abbiamo quasi mai viste.
    Note positive della serata: “Tinho” (anche se un pò inconcludente davanti alla porta) e Lucio.
    Continuiamo così…abbiamo una champions da vincere

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili