Niente ‘zamparinate’

Un divorzio tra Moratti e Mourinho a stagione in corso non è pensabile e la brutta serata di Barcellona può essere accostata a Manchester solo per il punteggio finale. In Inghilterra a marzo l’Inter aveva subito un verdetto, ossia l’eliminazione dall’Europa, qui solo una brutta scoppola, grave finché si vuole ma non definitiva. E al di là dei luoghi comuni, Moratti non è più il presidente emotivo che decide di pancia: non a caso, l’ultimo allenatore cacciato a stagione in corso risale addirittura all’ottobre 2003. Era Hector Cuper, e da allora sono passati più di sei anni. In casa Inter il tempo delle zamparinate è finito da un pezzo. Oggi un governo tecnico stabile è la regola: Roberto Mancini è rimasto quattro stagioni, Mourinho magari non comincerà la terza ma, a meno di cataclismi in campionato, concluderà comunque il secondo mandato. I colpi di stato o di testa nove volte su dieci peggiorano solo le cose. A caldo poi ci sta tutto, la delusione dell’ambiente, lo striscione ai calciatori ad Appiano, finanche un confronto muso contro muso tra presidente e allenatore. A mente fredda c’è invece un quinto scudetto consecutivo da vincere e una qualificazione in Champions più che possibile. Altra semplice considerazione a favore della stabilità: vi pare logico che dopo aver strapagato Mancini fino all’altro ieri, Moratti vada ad infilarsi nel bel mezzo della stagione in un altro costosissimo vortice? Suvvia, siamo seri!

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili